Il Ministero dei Trasporti cerca 160 diplomati a tempo indeterminato: come candidarsi, passo dopo passo

Il momento è sicuramente d’oro. Le offerte di lavoro praticamente fioccano. Si offre tempo indeterminato al ministero.

Il contesto, ormai, non fa alcuna differenza, le opportunità lavorative negli ultimi mesi sono talmente tante che lo stesso contesto si mescola in modo assolutamente naturale. Pubblico e privato, senza alcuna distinzione, bandi ci concorso e annunci di selezione, poco importa.

Offerte di lavoro
Requisiti richiesti (ecodibasilicata.it)

Gli ambiti, cosi come anticipato, sono praticamente infiniti, tutti quelli che riguardano il mondo della professione, nel modo più completo possibile. I candidati, di conseguenza, sono milioni. Le opportunità, quindi, sono cresciute a dismisura nel giro di pochissimi giorni.

A tenere banco, nella maggior parte dei casi, sono sicuramente le aziende private, considerate il loro numero. Le possibilità in questo specifico caso aumentano sensibilmente, se si pensa, per esempio alla grande distribuzione e al numero di store presenti di qualsiasi ambito, nel nostro paese. Ultimamente, però, protagonista della scena è stato uno specifico ministero.

Il Ministero dei Trasporti cerca 160 diplomati a tempo indeterminato: tutte le informazioni

Cosi come anticipato protagonista del momento è senza dubbio il Ministero dei Trasporti (MIT), con l’ufficialità di un bando da ben 160 posti da ricercare anche tra potenziali candidati muniti esclusivamente di diploma di scuola superiore. Le assunzioni relative per i vari profili ricercati saranno ovviamente intese a tempo indeterminato.

Prova scritta
Selezione ministero (ecodibasilicata.it)

Tra le posizioni ricercate, è possibile trovare, infatti il dettaglio di 80 profili dei 160 annunciati, per l’area professionale tecnica. Di questi, 10 posti sono richiesti in Liguria, e sempre per lo stesso numero in Emilia Romagna, 3 posti in Veneto, 6 posti in Toscana, 5 nelle Marche, 4 in Umbria. Nel Lazio, e in Abruzzo 4 posti, in Sardegna, 2 posti. Sempre due posti in Campania, Puglia, Molise, 1 solo posto in Basilicata, cosi come in Calabria e in Sicilia.

Stessa logica per quel che riguarda i posti rimanenti, cosi come specificato attraverso lo stesso bando. Tra i requisiti richiesti, i classici per l’accesso al pubblico impiego: assenza di condanne, godimento dei diritti politici e civili e il relativo titolo di studio richiesto. La scadenza fissata per l’invio delle stesse candidature è il prossimo 10 gennaio 2024 alle ore 23:59.

La stessa candidatura può essere presentata attraverso il portale inPA, accedendo co SPID, CIE, CNS o ELDAS. La stessa organizzazione del concorso prevede una quota di partecipazione per tutti i candidati pari a 10 euro, da versare cosi come indicato dallo stesso bando.

Le stesse prove relative, saranno due, una scritta e una orale. Nel primo caso ci si confronterà con la classica prova preselettiva. Una opportunità, insomma, da non farsi assolutamente scappare.

Impostazioni privacy