Tra Natale e Capodanno picchi di problemi al cuore: quali sono le persone più vulnerabili ( e cosa fare per proteggersi)

Le statistiche ci dicono che durante le feste natalizie aumentano i rischi cardiaci. Ecco quali sono i fattori e come difendersi

Le festività natalizie, caratterizzate da gioia, condivisione e abbondanza culinaria, portano con sé un’ombra inaspettata: un aumento dei problemi cardiaci tra Natale e Capodanno. Mentre molte persone si godono le festività, è importante prestare attenzione ai potenziali rischi per la salute cardiovascolare.

Natale, problemi cardiaci
Picchi di problemi cardiaci tra Natale e Capodanno – (ecodibasilicata.it)

Secondo l’American Heart Association,gli ultimi giorni dell’anno sono quelli con il maggior numero di decessi dovuti a infarto del miocardio. Gli ultimi dati ci dicono che durante le festività natalizie si registra un aumento complessivo del 15% degli infarti del miocardio. Il periodo tra Natale e Capodanno è spesso caratterizzato da un aumento del consumo di cibi ricchi di grassi, zuccheri e sale.

Gli eccessi alimentari possono contribuire all’aumento della pressione sanguigna e dei livelli di colesterolo, mettendo a rischio la salute del cuore. Inoltre, lo stress associato agli impegni sociali, agli acquisti frenetici e alle aspettative elevate può esercitare ulteriore pressione sul sistema cardiovascolare.

In molte regioni, il periodo natalizio coincide con temperature invernali rigide. Le basse temperature possono aumentare il rischio di problemi cardiaci, specialmente per coloro che già soffrono di condizioni cardiovascolari preesistenti. L’esposizione al freddo può provocare vasocostrizione, aumentando la pressione sanguigna e il lavoro del cuore.

Problemi cardiaci tra Natale e Capodanno: le persone a rischio

Per mitigare i rischi, è fondamentale adottare una serie di precauzioni durante le festività. Una dieta equilibrata, ricca di frutta, verdura e alimenti a basso contenuto di grassi, può contribuire a mantenere la salute del cuore. Inoltre, è essenziale praticare regolarmente attività fisica, anche durante le festività, per contrastare gli effetti negativi di una dieta più ricca del solito.

Sono soprattutto le persone più fragili a dover stare attente: i pazienti con pressione alta, insufficienza cardiaca, cardiopatia ischemica, angina pectoris e i diabetici, che sono suscettibili di squilibri nei livelli di glucosio nel sangue.

Problemi cardiaci tra Natale e Capodanno
Problemi cardiaci tra Natale e Capodanno: le persone a rischio – (ecodibasilicata.it)

La gestione dello stress è altrettanto cruciale. Trovare momenti di relax, praticare la mindfulness o dedicarsi a attività che portano gioia possono contribuire a mantenere un equilibrio emotivo durante le festività. È essenziale essere consapevoli dei sintomi potenziali di problemi cardiaci, come dolore al petto, difficoltà respiratorie o affaticamento eccessivo. In caso di sintomi sospetti, è fondamentale cercare immediatamente assistenza medica. Il tempestivo riconoscimento e trattamento possono fare la differenza tra una situazione gestibile e una emergenza cardiaca.

Mentre ci immergiamo nelle gioie delle festività, è cruciale mantenere un occhio attento sulla nostra salute cardiaca. Con una combinazione di alimentazione sana, attività fisica e gestione dello stress, possiamo ridurre significativamente i rischi di problemi cardiaci durante questo periodo celebrativo. La consapevolezza e l’azione preventiva sono le chiavi per garantire che il Natale e il Capodanno siano veramente una stagione di gioia e benessere. Soprattutto per le persone più fragili.

Impostazioni privacy