Spunta la terza rata IMU: ecco i contribuenti che dovranno pagare con l’F24 nel mese di febbraio

Il terzo atto della tassa IMU si avvicina: scopri chi sono i contribuenti chiamati a pagare attraverso l’F24 nel mese di febbraio.

Tra i tributi che tengono in scacco il tuo portafoglio, spicca l’IMU, l’Imposta Municipale Propria, una sorta di balzello comunale per il privilegio di possedere immobili. Non stiamo parlando solo delle mura domestiche, ma di quei gioielli immobiliari, residenze signorili o lussuose, terreni agricoli o zone edificabili che decorano il vostro patrimonio.

rata imu cosa fare
Spunta la terza rata IMU: ecco i contribuenti che dovranno pagare con l’F24 nel mese di febbraio-Ecodibasilicata.it

Ora, in questo intricato gioco fiscale, c’è un termine che fa sobbalzare molti: il “conguaglio IMU”. Ma chi è chiamato a sborsarlo entro il fatidico 29 febbraio? Bene, facciamo chiarezza, immergendoci nei dettagli dell’ultima manovra del 2024.

Il conguaglio IMU

Il Conguaglio IMU è come l’epilogo del 2023 in chiave fiscale, un atto che la legge ha orchestrato con regole su misura. Ci sono disposizioni sulla rapidità con cui i comuni devono deliberare sulle tariffe per tributi come l’IMU, e regole ferree per gestire eventuali differenze tra quanto avete pagato e quanto dovreste pagare.

Per il 2023, la legge afferma che le delibere e le tariffe relative a tributi comunali come l’IMU sono considerate tempestive se sono state caricate online entro il 30 novembre scorso e pubblicate, per essere efficaci, entro il 15 gennaio 2024.

terza rata imu
Terza rata IMU in arrivo a febbraio con pagamenti F24 – Ecodibasilicata.it

Se, sulla base di queste tariffe pubblicate entro il 15 gennaio 2024, emerge una differenza positiva tra l’IMU pagata e quella dovuta, dovete saldarla entro il 29 febbraio, senza sanzioni o interessi. In caso contrario, se la differenza è negativa, avete diritto a un rimborso secondo le regole ordinarie.

Entro il 15 gennaio 2024, avrete il privilegio di consultare online le nuove tariffe pubblicate, che  diranno quanto dovrete conguagliare per l’IMU 2023. La scadenza per saldare questo conto? Il 29 febbraio prossimo.

Solitamente, il versamento dell’IMU segue un rituale a due tappe, con una scadenza a giugno come acconto e un’altra a dicembre come saldo. Tuttavia, il 29 febbraio rappresenta una data speciale, coinvolgendo oltre duecento comuni. In questi luoghi, a causa di ritardi nella pubblicazione delle tariffe, il saldo è stato calcolato utilizzando i valori del 2023.

Quindi, questo conguaglio extra è un rimedio per evitare buchi di cassa, un tassello cruciale nel puzzle finanziario di oltre duecento comuni impegnati in una corsa contro il tempo per evitare sorprese indesiderate nella dichiarazione dei redditi. La danza fiscale continua, e il contribuente si trova a navigare tra le leggi finanziarie, cercando di evitare gli scogli del conguaglio IMU.

Impostazioni privacy