Se non hai soldi per pagare le tasse puoi chiedere subito questi aiuti

L’informazione importante: quando non si hanno i soldi per pagare le tasse si possono chieder4e questi aiuti. Tutto quello che bisogna sapere.

Il mese di dicembre è pieno di scadenze fiscali, una delle principali è il saldo dell’Imu, l’imposta sugli immobili che si paga sulle seconde case, e sulle prime case di lusso, ai Comuni. Il 20 dicembre scade il ravvedimento speciale per le violazioni tributarie con sanzioni ridotte.

soldi tasse aiuti
Se non hai soldi per pagare le tasse puoi chiedere questi aiuti (EcodiBasilicata.it)

Mentre il 27 dicembre è il termine ultimo per il versamento dell’acconto sull’Iva. Data che chiude il calendario degli adempimenti fiscali dell’anno.

Cosa succede se non si hanno i soldi per pagare le tasse? Escluse le imprese, le attività commerciali e i lavoratori autonomi che dispongono di propri strumenti, su tutte le rateizzazioni o i prestiti a cui accedere per pagare tasse e imposte, scopriamo quali sono gli aiuti a disposizione di singoli e famiglie.

Per particolari condizioni di difficoltà economica, povertà e indigenza, sono previsti sconti o rateizzazioni su tasse e imposte. Ecco quali sono.

Se non si hanno i soldi per pagare le tasse si possono chiedere questi aiuti

L’Irpef, imposta sul reddito delle persone fisiche, è l’imposta più importante e gravosa. Il termine ultimo per pagare quella del 2023 è scaduto il 30 novembre. Per alcune categorie di imprese e professionisti, il pagamento dell’acconto di novembre è stato prorogato al 16 gennaio 2024.

Per tutti gli altri, in vista delle prossime scadenze, è bene sapere che è possibile rateizzare il pagamento dell’Irpef. Al momento di compilare la dichiarazione dei redditi si può chiedere di pagare l’imposta in 6 rate, 4 per i pensionati. Inoltre, chi prevede di guadagnare meno per il prossimo anno, a causa di una riduzione del lavoro, può comunicarlo all’Agenzia delle Entrate per avere una riduzione dell’acconto Irpef.

soldi tasse aiuti
Gli aiuti per pagare le tasse (EcodiBasilicata.it)

Per quanto riguarda l’Imu, con il saldo in scadenza il 18 dicembre, si può chiedere al Comune una rateizzazione del pagamento, fino a 72 rate mensili, purché il contribuente sia in condizioni di difficoltà obiettiva e temporanea. Ciascun Comune può prevedere rate ulteriori. In ogni caso, per importi superiori ai 6mila euro, il massimo concesso è di 36 rate mensili.

Anche per la Tari, la tassa comunale sui rifiuti, si può chiedere al proprio Comune la rateizzazione del pagamento. Ogni Comune ha le proprie regole e per ottenere uno sconto o il pagamento in rate potrebbe essere richiesto il modello Isee.

In ogni caso, i Comuni sono obbligati ad applicare una rateizzazione della Tari con quote di importo minimo di 100 euro per alcune categorie di soggetti: coloro che ricevono il bonus sociale per acqua, gas e luce, i soggetti in condizioni economiche disagiate, per coloro che devono pagare importi della Tari che superano del 30% il valore medio delle fatture dell’ultimo biennio.

Inoltre, altre categorie di soggetti hanno diritto a uno sconto sul pagamento della Tari: i percettori del reddito di cittadinanza, i nuclei familiari con Isee fino a 8.625 euro e le famiglie numerose con Isee fino a 20mila euro.

Impostazioni privacy