Se hai avuto un infortunio sul lavoro puoi richiedere la pensione privilegiata: come fare domanda e quali sono i requisiti

Se hai subito un infortunio sul lavoro, scopri come richiedere la pensione privilegiata: una guida completa su come presentare la domanda e i requisiti necessari.

Se hai vissuto un infortunio o una malattia sul lavoro, sicuramente avrai sentito parlare della possibilità di accedere a una pensione privilegiata. In questo articolo esploriamo dettagliatamente chi ha diritto a questo beneficio straordinario, che non dipende dall’età o dall’anzianità contributiva del dipendente.

Come ottenere la pensione privilegiata
Pensione privilegiata dopo un infortunio: la guida completa per richiederla (ecodibasilicata.it)

La pensione privilegiata è un sostegno speciale concesso a dipendenti pubblici che hanno subito inabilità o lesioni personali a causa del servizio. Copre sia inabilità totali che parziali, garantendo benefici anche in assenza di inidoneità permanente al lavoro.

Cos’è la pensione privilegiata e chi ne ha diritto

Questa prestazione si articola in diverse forme: dalla pensione di privilegio per lesioni non suscettibili di miglioramento, a un assegno rinnovabile per lesioni recuperabili e un’indennità una tantum per infermità meno gravi. Si applica a personale delle forze armate, corpi di polizia e vigili del fuoco. Dal 2011, la legge Fornero ha limitato l’accesso a questa pensione, ma rimane disponibile per coloro che prestano servizio nei comparti di sicurezza, difesa e soccorso pubblico.

Pensione privilegiata dopo un infortunio
Ottenere la pensione privilegiata: domanda e criteri per chi ha sofferto un infortunio sul lavoro (ecodibasilicata.it)

Per quanto riguarda i requisiti per ottenere la pensione privilegiata, Il riconoscimento dell’infermità da infortunio o malattia professionale è cruciale. La Commissione medica ospedaliera e il Comitato di verifica valutano l’idoneità al servizio e il nesso causale. In caso di decesso del titolare, la pensione privilegiata passa ai familiari superstiti, seguendo regole simili a quelle della “pensione indiretta” dell’INPS.

Ma come fare la domanda? La richiesta può avvenire d’ufficio in caso di inabilità assoluta, altrimenti su domanda entro 5 anni dalla cessazione del servizio. I dipendenti nei comparti di sicurezza devono seguire regole specifiche dell’Amministrazione di appartenenza. L’entità della pensione dipende dalla gravità dell’infermità. Si assegna un aumento se il dipendente ha raggiunto l’anzianità per la pensione ordinaria. L’importo varia dal 100% per la 1° categoria al 30% per l’8°.

Le vittime del dovere hanno diritto a tutti i benefici, compresa l’esenzione Irpef. Tuttavia, questa esenzione non si applica alla pensione privilegiata, un aspetto discutibile secondo alcune interpretazioni giurisprudenziali. In conclusione, la pensione privilegiata è un diritto importante per chi ha dedicato la propria vita al servizio pubblico, offrendo un supporto finanziario rilevante e riconoscendo il sacrificio di coloro che hanno subito infortuni o malattie sul lavoro.

Impostazioni privacy