Sciare a costo quasi zero: i trucchi furbi per vacanze da vip spendendo poco

La nuova stagione invernale 2023-2024 si preannuncia più salata del previsto, ma gradie ad alcuni trucchi si può sciare quasi a costo zero. 

C’è chi aspetta con ansia le ferie natalizie e chi già ha iniziato a sfrecciare sulle piste in questi giorni, ma sciare si sta dimostrando per tutti più costoso del solito. Il prezzo dello skipass è salito del 25% in alcune località, mentre la media registrata è di un rialzo dell’8% rispetto allo scorso anno. Queste spese in più possono scoraggiare, ma esistono alcuni trucchi per risparmiare.

Si può sciare a costo quasi zero
Basta conoscere alcuni stratagemmi per sciare quest’inverno a costo quasi zero.  (ecodibasilicata.it)

Per cominciare gli abbonamenti per l’ingresso in pista che hanno avuto un rialzo maggiore sono quelli giornalieri, a causa del prezzo della corrente. Meglio allora comprare uno skipass valido per qualche giorno piuttosto che comprarlo ogni mattina durante la propria settimana bianca. Con qualche ricerca si può anche controllare quali località hanno avuto aumenti più marcati.

Stando ai dati a disposizione dell’Osservatorio Skipass Panorama Turismo le località che hanno alzato di più i prezzi sono i complessi vicino a Bolzano e Trento, come Madonna di Campiglio. In Valle d’Aosta gli aumenti sono modesti mentre la zona dell’Appennino tosco-emiliano rappresenta un’eccezione. La località di Corno alle Scale infatti non ha variato i prezzi rispetto al 2023.

Sciare a costo quasi zero con un po’ di strategia

Una volta scelta la località meno esosa, per le famiglie con i bambini si presenta la questione della scuola di sci. Fare lezione  da soli con un maestro ora costa circa il 20% in più rispetto allo scorso anno quindi la soluzione migliore per i bambini è la scuola di sci. Anche per i più grandicelli esistono le lezioni di gruppo che permettono di restare sui 200 euro per 6 giorni di pratica.

I corsi di gruppo per imparare a sciare costano meno
La scuola di sci permette di abbassare i costi rispetto a sciare da soli con il maestro (ecodibasilicata.it)

Per quanto riguarda l’alloggio gli alberghi hanno a loro volta fatto salire i prezzi rispetto agli scorsi anni quindi dove possibile meglio optare per altre soluzioni. Un appartamento in affitto per qualche giorno non costa moltissimo e se si ha in programma di stare sempre sulla neve va bene anche piccolo. Così si può anche cucinare invece di pranzare e cenare al ristorante.

Se si scia tutto il giorno e si intende pranzare la rifugio con panini e patatine non si spende troppo rispetto a un primo o un secondo piatto. Se si soggiorna in appartamento anche valutare di portarsi il pranzo al sacco nello zaino non è una cattiva idea.

Impostazioni privacy