Questa bevanda considerata salutare può provocare danni al fegato: lo studio inquietante

Una nuova analisi ha mostrato che i primi segni di danno epatico possono essere collegati al consumo di una bevanda molto popolare.

L’uso a lungo termine di una bevanda molto popolare ad alte dosi può fornire una certa protezione contro il cancro, le malattie cardiovascolari, l’obesità e il diabete di tipo 2, ma può anche creare danni al fegato in una piccola minoranza della popolazione.

bevanda salutare rischi
Addio a questa bevanda. causa danni epatici (ecodibasilicata.it)

Il nuovo studio avverte che può causare gravi danni al fegato in alcuni individui. Al momento non è possibile sapere esattamente chi è predisposto a questo pericolo, quindi gli amanti della bevanda devono essere consapevoli dei possibili effetti avversi. Di seguito, scopriamo maggiori dettagli sullo studio.

Attenzione a questa bevanda: i rischi al fegato sono notevoli

L’estratto di tè verde e, più raramente, l’ingestione di grandi quantità sono stati implicati in casi di danno epatico acuto clinicamente evidente, inclusi casi di insufficienza epatica acuta e necessità di trapianto di fegato urgente o morte. Sia il tè verde che il tè nero sono prodotti dalle foglie dell’albero del tè cinese Camellia sinensis. Da tempo si ritiene che abbia proprietà risanatrici e che i suoi ingredienti abbiano attività antiossidante.

Per questo motivo, i suoi estratti sono stati utilizzati come farmaci a base di erbe in combinazione con altri prodotti erboristici e integratori alimentari. Infatti si ritiene migliorino la salute, prevengano il cancro e le malattie cardiache, diminuiscano i livelli sierici di lipidi e favoriscano la perdita di peso. L’estratto di tè verde (GTE) è elencato in più di 100 preparati erboristici da banco, ma non è approvato per alcuna indicazione medica specifica e non è regolamentato in termini di efficacia e sicurezza dalla FDA.

rischi fegato tè verde nero
Non solo benefici: il tè verde causa danni al fegato (ecodibasilicata.it)

La prevalenza dell’estratto di tè verde ha indotto danni epatici acuti con sintomi. Il danno al fegato si verifica generalmente entro 1-6 mesi dall’inizio dell’assunzione del prodotto, ma sono state segnalate latenze più lunghe e più brevi (in particolare con la riesposizione). La maggior parte dei casi si presenta con una sindrome acuta simile all’epatite e con aumenti degli enzimi sierici.

La stragrande maggioranza dei pazienti guarisce rapidamente dopo la sospensione dell’estratto, sebbene siano stati descritti casi fatali di insufficienza epatica acuta. I risultati della biopsia mostrano necrosi, infiammazione ed eosinofili in uno schema che ricorda l’epatite acuta. Le caratteristiche immunoallergiche e autoimmuni sono solitamente assenti o minime. Un piccolo numero di casi simili sono stati descritti anche dopo aver bevuto “infusi” di tè verde anziché assumere preparazioni orali di estratti.

Impostazioni privacy