Pranzo di Natale lucano: ecco il menù tradizionale dall’antipasto al dolce

Cosa si mangia in Basilicata a Natale? Ecco il menù tradizionale dei giorni di festa, con le specialità tipiche che non possono mancare. 

Tutta l’Italia in tavola a Natale pullula di pietanze prelibate. Da Nord a Sud ogni regione e ogni città ha le sue specialità classiche irrinunciabili. Molte usanze e molti piatti sono comuni un po’ a tutti nella penisola, ma alcune sono specificatamente legate ad un luogo.

menù pranzo natale lucano
La tradizione lucana del cibo a Natale (ecodibasilicata.it)

Ci sono le preparazioni più famose e conosciute e quelle che solo pochi conoscono, coloro per cui sono un elemento tradizionale e del cuore. In generale, si sa, a Natale si mangia molto tanto che si parla di vere e proprie abbuffate.

È notorio poi che al Sud l’abitudine di presentare tante portate e tutte particolarmente elaborate è non solo una prassi diffusa, ma un vero e proprio must. Ogni luogo ha un’atmosfera con le sue determinate caratteristiche e questo si vede anche in cucina e ovviamente sulle tavole imbandite.

Il menù lucano delle feste di Natale: le specialità irresistibili

Come in altre regioni meridionali anche in Basilicata il momento in cui si esprime particolarmente la festa attraverso il cibo è sicuramente la Viglia di Natale. Il Cenone del 24 è fortemente sentito ed è tutto rigorosamente a base di pesce. 

menù pranzo natale lucano
Il menù del Cenone di Natale in Basilicata (ecodibasilicata.it)

Un primo piatto tipico che ricorre in moltissime famiglie sono gli spaghetti con alici sotto sale e baccalà. Super saporito, dal gusto intenso e avvolgente, lascia il posto poi ad un secondo che si mantiene sempre sul baccalà in versione fritta.

Questo pesce è molto apprezzato per le feste e si presenta anche sotto forma di insalata. In dettaglio, è lessato e condito con olio, aglio, limone e prezzemolo. Ma il baccalà fritto può anche essere accompagnato dai peperoni cruschi. 

Un altro piatto tradizionale è la ciavedda. Si tratta di un piatto di pane duro che viene posto sul fondo e ricoperto da un brodo fatto con cipolla soffritta, peperoni cruschi o peperoncino. Al tutto viene aggiunto il baccalà o un uovo. 

Oltre al baccalà, protagonista indiscusso, ci sono anche i peperoni ad avere un ruolo speciale. Sono tipici infatti anche i peperoni ripieni di mollica condita con alici sotto sale, prezzemolo, aglio e olio.

Un altro contorno molto diffuso è a base di cavolfiori e sedano “ndurati e fritti”, resi dorati attraverso la frittura. Ci sono poi i “rospi” che sono frittelle di pasta di pane conditi con alici sotto sale o fritte.

Come dolce si va dalle zeppole, ovvero un impasto fritto e condito con il miele ai panzerotti, lo stesso impasto ma con un ripieno di castagne e cioccolato. 

Il pranzo del 25 dicembre continua ad essere ricchissimo e prevede la pasta al forno e secondi di carne, solitamente agnello o capretto o tacchino. Ma ci sono ovviamente anche gli avanzi del Cenone ad accompagnare il tutto.

Le rimanenze arrivano fino al 26 dicembre e per Santo Stefano il pranzo è più sobrio, con tagliolini in brodo di carne, generalmente di gallina o di tacchino e tutto quel che è avanzato dai giorni precedenti.

Impostazioni privacy