Pensioni, finalmente arrivano i rimborsi: la sentenza della Corte Costituzionale ha dato il via libera

Una svolta epocale nel mondo delle pensioni: la Corte Costituzionale apre la strada ai rimborsi, cancellando le detrazioni.

Un’importante rivoluzione è in atto nel panorama delle pensioni di reversibilità. Dimenticate le detrazioni decurtate, perché l’anno scorso la Corte Costituzionale ha varato una mini-riforma che, con qualche tempismo in più, l’Inps sta finalmente mettendo in pratica.

Inps prepara rimborsi pensioni
Riforma pensioni: l’Inps annuncia i rimborsi dopo la sentenza della Corte Costituzionale (ecodibasilicata.it)

Fino a poco tempo fa, la normativa pensionistica imponeva una sforbiciata alle pensioni di reversibilità per coloro che continuavano a percepire redditi propri. La logica era chiara: la pensione di reversibilità veniva progressivamente ridotta man mano che cresceva il proprio reddito. Ma la sentenza della Consulta nel giugno del 2022 ha dichiarato incostituzionale questo meccanismo, aprendo la strada a un importante cambiamento.

Ora l’Inps si appresta a risolvere la questione con un rimborso per chi ha subito tagli negli ultimi 5 anni. L’istituto invierà un conguaglio per gli importi mancati dal 2019 al 2023, e dal 2024 in poi si seguiranno le nuove regole stabilite dai giudici supremi. I tagli riguardavano coloro con reddito proprio superiore a 4 volte il trattamento minimo, escludendo chi ha figli minori, studenti o disabili in famiglia.

Il conguaglio Inps

Se siete tra gli aventi diritto, preparatevi a ricevere un conguaglio che coprirà gli anni dal 2019 al 2023.L’importo mancato verrà inviato a coloro che hanno subito tagli e appartengono a una categoria esclusa solo se il reddito personale è stato inferiore a 3 volte il trattamento minimo o se ci sono figli minori, studenti o disabili in famiglia.

In pratica, il conguaglio sarà una boccata d’ossigeno per coloro rimasti vedovi di pensionati con redditi elevati, a condizione che il sopravvissuto abbia redditi inferiori. Non si tratta solo di una compensazione finanziaria, ma anche di un segnale di equità e giustizia nel sistema pensionistico.

Cambio di rotta nel sistema pensionistico
Riforma pensioni in azione: Inps rimborsa chi ha subìto detrazioni ingiuste (ecodibasilicata.it)

Questo conguaglio non sarà una semplice restituzione degli importi mancati, ma includerà anche interessi e rivalutazioni. Un ulteriore incentivo per chi ha subito queste detrazioni ingiuste e ora vedrà finalmente ripristinato il giusto ammontare della pensione di reversibilità. E se state pensando di dover fare una domanda, sappiate che l’Inps provvederà automaticamente a erogare quanto dovuto ai beneficiari.

Tuttavia, è sempre consigliabile fare una verifica, specialmente in situazioni complesse con pensioni da diversi istituti o nel caso di decesso del coniuge beneficiario. L’Inps si sta adoperando per ripristinare la giustizia pensionistica, e coloro che hanno subito tagli ingiusti potranno finalmente godere dei loro diritti. Un cambiamento atteso e benvenuto che mette al centro il principio di equità nel sistema previdenziale italiano.

Impostazioni privacy