Pagamento IMU non dovuto dai coniugi che hanno doppia residenza, sono in molti a non saperlo e perdono i soldi

Pagamento IMU, ecco chi è esente dal pagamento, molti potrebbero non sapere in cosa consiste l’agevolazione e in quali casi è possibile.

L’IMU è un’imposta di natura patrimoniale che deve essere pagata da chi è in possesso di un fabbricato di un’area fabbricabile o di un terreno agricolo indipendentemente dall’uso a cui sono destinati. Dal 2012 sono state apportate numerose modifiche riguardo la normativa IMU.

Pagamento IMU, non dovuto
F24 imu (ecodibasilicata.it)

Il pagamento della tassa dunque legato al possesso di diritto dell’immobile oltre al proprietario sono obbligati a pagare anche il titolare del diritto di usufrutto uso abitazione. Per calcolare l’IMU, il contribuente può rivolgersi direttamente a un Caf, in questo modo potranno essere consultati tutti gli archivi con i vari aggiornamenti, l’aliquota ordinaria secondo la legge di bilancio del 2020 si innalza dal 7,6 all’8,6 per mille.

Pagamento IMU, ecco chi è esente

Le abitazioni principali non esenti dall’aliquota ordinaria, sempre in relazione alla legge di bilancio del 2020, si possono innalzare dal 4 al 5 per mille. L’IMU si può pagare attraverso il modello F 24 in due rate pari al 50% dell’imposta annua oppure in unica soluzione rivolgendosi al Caf Acli si riceverà un ulteriore aiuto.

Imu chi è esente
Imu (ecodibasilicata.it)

Per il calcolo del tributo, sarà l’operatore stesso a rilasciare l’F24 già compilato con l’importo da versare il tributo sarà rapportato all’effettivo periodo di possesso nel corso dell’anno. Nel caso in cui si decidesse di pagare in due rate la prima scade il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre, la rata unica invece dovrà essere versata entro il 16 giugno. In alcuni casi specifici si è esenti dal pagamento dell’IMU, ad esserlo sono i possessori delle abitazioni principali accatastati in determinate categorie.

L’IMU, non dovrà essere pagato inoltre per i seguenti immobili per le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie, per gli alloggi sociali per le case coniugale assegnata al coniuge, a seguito di separazione legale sulla prima casa su una sola unità di immobile, costituita da cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, per i terreni agricoli ubicati in determinati comuni. Inoltre ad essere esenti dal pagamento dell’IMU sono anche tutti i coniugi con residenze separate che dovranno però essere in grado di provare la dimora abituale nelle relative unità immobiliari.

La scadenza dell’IMU è prevista lunedì 18 dicembre, la cassazione ha confermato l’esonero da imposta condizionato dal fatto che entrambi i coniugi risiedano e dimorino nella stessa abitazione. L’agevolazione IMU sulla prima casa dunque spetterà solo al proprietario dell’abitazione senza alcuna rilevanza per i componenti del nucleo familiare.

Impostazioni privacy