Olio extra vergine d’oliva, maxi truffa nella Capitale: comprato dai ristoratori e servito ai tavoli

Nella Capitale è stata rilevata una maxi frutta legata all’olio extra vergine d’oliva. Ecco chi riguarda e cosa è importante sapere.

Negli ultimi tempi, soprattutto per via dei tanti rincari, il costo dell’olio extra vergine d’oliva è salito alle stelle, portando a cercare sempre varianti più economiche ma comunque sane.

olio extra vergine d'oliva truffa
Rilevata truffa sull’olio extra vergine d’oliva nella capitale (ecodibasilicata.it)

Un problema che non riguarda solo le famiglie ma anche i ristoratori. E che a Roma ha portato a una maxi truffa che riguarda oli per nulla salutari, rischiosi per la salute e dichiarati come extra vergine. Scopriamo cosa è merso dall’indagine dei NAS e cosa è bene sapere.

Maxi truffa per l’olio extra vergine d’oliva: cos’è successo nella capitale

I NAS hanno scoperto che nella capitale decine di ristoratori facevano uso di un olio di semi miscelato con clorofilla e beta carotene, spacciato illegalmente per olio extra vergine d’oliva. Si tratta di quella che è stata soprannominata la maxi truffa dell’olio extravergine, che riguarda non solo i tanti ristoratori che hanno l’hanno acquistato, ma anche chi lo ha prodotto e venduto loro.

Quest’olio miscelato sembra avere odore e sapore neutri ma anche effetti nocivi sulla salute. Motivo per cui sono partite le indagini con successiva denuncia di frode in commercio per i produttori e con ricettazione per i gestori dei ristoranti. Tra quelli coinvolti ci sono infatti gastronomie e ristoranti che si trovano a Fontana di Trevi, a Testaccio, a Fiumicino, a Trastevere, Ai Castelli Romani e vicino al Senato. Inoltre sembra che ben due supermercati avessero messo in vendita suddetto olio.

olio truffa roma
Rilevata truffa sull’olio extra vergine d’oliva nella capitale (ecodibasilicata.it)

Secondo i ristoratori scoperti, l’errore sarebbe stato di chi lo ha venduto a loro, spacciandolo per buono. Molti hanno infatti dichiarato di non conoscere la verità e di essersi fidati sulla parola della qualità dell’olio, acquistandolo per via del prezzo estremamente basso. Una scusa che, per quanto plausibile, non è comunque accettabile. Soprattutto perché è risaputo che un buon olio extra vergine d’oliva non può costare solo tre euro al litro e che esistono ormai metodi di tracciatura per risalire alle filiere e per constatare l’effettiva origine e salubrità del prodotto, nonché quelli considerati migliori.

Quello della vendita di oli extra vergine d’oliva miscelati con sostanze anche tossiche è un problema sempre più diffuso e per il quale ci sono diverse indagini in corso. La speranza è che tutti i casi vengano scoperti e puniti per legge. E tutto al fine di disincentivare quella che sembra quasi diventata una moda e che può essere particolarmente pericolosa per soggetti allergici e, più in generale, per tutti i consumatori.

Impostazioni privacy