ISEE 2024, anche le auto vanno dichiarate? Attenzione a questa omissione: multa salata dietro l’angolo

Molti italiani si chiedono se nella dichiarazione ISEE vanno dichiarate anche le automobili: scopriamolo insieme.

Presentare la dichiarazione ISEE ogni anno è condizione necessaria per poter accedere a tantissimi bonus e agevolazioni statali. È proprio attraverso l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente che, infatti, si può avere diritto o meno a numerose esenzioni ed ottenere vari incentivi.

ISEE 2024: i veicoli devono essere dichiarati?
ISEE 2024: i veicoli devono essere dichiarati? – ecodibasilicata.it

Con una dichiarazione ISEE bassa si possono anche ricevere agevolazioni per quanto riguarda le tasse universitarie. Sempre dalla essa, si possono avere maggiori o minori compensi concernenti, ad esempio, l’Assegno Unico. La redazione di questa dichiarazione è molto rigida e segue delle regole ben precise.

ISEE 2024: i veicoli devono essere dichiarati?

All’interno della dichiarazione ISEE devono essere inseriti i dati del dichiarante, incluse informazioni sulla residenza del nucleo familiare; i redditi posseduti nell’anno precedente e il patrimonio immobiliare e mobiliare. Molti italiani si chiedono se, all’interno di questa, debbano essere inserite anche le autovetture.

Cosa succede se non si dichiara l'auto nell'ISEE
La mancata dichiarazione di veicoli nell’ISEE comporta sanzioni da non trascurare – ecodibasilicata.it

La risposta è positiva: nell’ISEE 2024 rientrano le auto, così come tutti gli altri veicoli, che ogni componente del nucleo familiare alla data di presentazione della domanda possiede. Se questi non sono inclusi della DSU, allora si incorre in una dichiarazione falsa e ciò potrebbe comportare conseguenze amministrative. Come le sanzioni penali che prevede un documento sbagliato.

L’obbligo di inserire anche i veicoli nell’ISEE è stato introdotto nel 2015 con lo scopo di individuare tutte le situazioni abbastanza ambigue. Soprattutto nel periodo in cui si poteva chiedere il reddito di cittadinanza, che non spettava a chi aveva acquistato un’auto nuova immatricolata per la prima volta da 6 mesi o comunque di grande cilindrata (superiore a 1.6 cc) immatricolata per la prima volta da due anni. Né tantomeno a chi possedeva imbarcazioni.

Nell’ISEE 2024 devono essere dichiarati i veicoli di cilindrata di 500 cc e superiore posseduti alla data di presentazione della DSU. I dati relativi al veicolo vanno inseriti nel quadro FC6, indicando: il codice corrispondente al tipo di veicolo (A = autoveicolo; M = motoveicolo; N = nave; I = imbarcazione da diporto); la targa o gli estremi di registrazione presso il registro competente.

La mancata dichiarazione delle auto nell’ISEE comporta la perdita dei bonus e delle agevolazioni erogate dopo la presentazione di un documento sbagliato. Ma anche l’applicazione di sanzioni elevate, fino a 25.822 euro, e la reclusione da sei mesi a tre anni. Se non si è dichiarata la vettura, occorre procedere con la correzione dell’ISEE, presentando una nuova DSU o rivolgendosi al Caf che aveva gestito la pratica commettendo un errore materiale la rettifica della documentazione con effetto retroattivo.

Impostazioni privacy