I migliori ristoranti italiani nel mondo secondo Gambero Rosso

L’Italia arriva ovunque con le sue bontà enogastronomiche e gli chef che le diffondono. Scopriamo i migliori ristoranti italiani nel mondo

La cucina italiana è abituata a fare parlare di sè: tra riconoscimenti ed emulazioni, si può dire tranquillamente che le specialità italiane e gli chef provenienti dal nostro Paese, riescano sempre a conquistare anche i palati più esigenti in tutto il mondo. Dai piatti più semplici e tradizionali, alla cucina più sofisticata e ricercata, l’Italia non perde un colpo e si afferma a livello mondiale come una delle cucine più autentiche e di eccellenza.

Scopriamo quali sono i migliori ristoranti italiani nel mondo che tengono alto il nome dell’Italia nella lista dei sapori migliori. Ci pensa Gambero Rosso a indicarci quei ristoranti in giro per il mondo in cui si mangia meglio, con la sua Top Italian Restaurants, una buona abitudine nata nel 2016.

I migliori ristoranti italiani nel mondo: la lista di Gambero Rosso

Pasta arrotolata sulla forchetta
I sapori italiani conquistano il mondo – Unsplash – ecodibasilicata.it

 

Quando un Italiano viaggia all’estero vuole sapere dove mangiare quando sente la mancanza dei sapori di casa, ma non è solo questo l’obiettivo della classifica Top Italian Restaurants di Gambero Rosso. Infatti, questo elenco serve anche per mettere in luce gli indirizzi in cui gli stranieri possono apprezzare davvero la cucina italiana, senza ripiegare su sotto-categorie di ristoranti che si spacciano come “specializzati in cucina italiana” ma decisamente non lo sono.

Perciò, segnatevi questi indirizzi, state per scoprire i posti del mondo in cui potete gustare il meglio della cucina italiana con piatti preparati da chef del nostro bel Paese.

Cominciamo subito con il Ristorante dell’Anno, che si trova a Singapore:

Art di Daniele Sperindio

Daniele è uno chef che dalla Liguria ha fatto parecchia strada per arrivare a Singapore e aprire il suo ristorante italiano. Si tratta di una vera e propria chicca di eleganza e raffinatezza all’interno della National Gallery di Singapore con una vista spettacolare su Marina Bay.

Lido at the Surf Club

Si tratta del ristorante di Miami in cui è approdato Marco Calenzo, un nome già noto ai fedeli lettori di Gambero Rosso. Infatti, si tratta di uno chef italiano di talento, già presente nella guida Gambero Rosso nel 2014.

Quest’anno Marco è stato eletto Chef dell’Anno e ovunque vada porta con sé un pezzetto di Italia da fare assaggiare in ogni parte del mondo, ricordiamo che nel 2014 lavorava al Mio Pechino e anche qui è stato in grado di fare la differenza.

Caterina’s Cucina e Bar

Ci siamo spostati a Melbourne per conoscere Caterina Borsato. Nel suo locale si può trovare una delle migliori selezioni di vino del mondo, infatti Caterina e il suo ristorante si sono aggiudicati la Carta dei Vini dell’Anno. Se sei a Melbourne e vuoi assaggiare il gusto fresco e ricercato di un buon vino italiano, questo è decisamente il posto giusto.

Scala a Città del Capo

Spostandoci ancora più lontani, arriviamo fino in Sud Africa. Qui, Luciano Monosilo, chef romano di esperienza, ha contribuito a dare vita ad uno dei ristoranti italiani migliori del mondo, che ha ricevuto il riconoscimento di Apertura dell’Anno. Si tratta di un ristorante a metà tra laboratorio di pasta, grill e cocktail bar, che ha riscosso talmente tanto successo da fare parlare di sé oltreoceano.

New Wave Bistrot

Il ristorante si trova in Cina, all’interno del museo di arte contemporanea UCCA, e ha ricevuto il premio come Miglior Ristorante Emergente. Troviamo legato al suo successo un marchio molto noto nel mondo della cultura gastronomica, quello di Da Vittorio che è solito tenere alto lo stendardo italiano in diversi ristoranti del mondo.

Bottega dei fratelli Salvo

Preparare la pizza
Il premio come migliore pizzeria – Unsplash – ecodibasilicata.it

 

Rimaniamo in Cina per scoprire la Pizzeria dell’Anno. Chi lo avrebbe mai detto che la migliore pizzeria sarebbe stata proprio in Cina? Ad assicurarsi il successo ci hanno pensato i fratelli Salvo, che hanno saputo portare tutta la bontà della pizza e dei sapori della cucina napoletana, a Pechino e Shangai.

All’inizio, spiegano i due fratelli, è stato difficile conquistare il palato dei clienti che non erano abituati all’impasto. Ma molto presto i due fratelli hanno capito che per fare in modo che la pizza napoletana fosse apprezzata, dovevano spiegarla per bene e ha funzionato: grazie al giusto ambiente e le corrette operazioni di marketing, hanno convinto i clienti e adesso viaggiano sui 10-11mila coperti al mese solo a Shangai.

Gallo Nero

Questo ristorante si trova ad Amburgo e si è guadagnato il premio come Guardiano della Tradizione grazie a Corrado Falco che ha saputo offrire sul menù piatti ricercatissimi, realizzati finemente con prodotti di prima qualità, acquistabili tra l’altro nella gastronomia adiacente. Inoltre, la selezione di vini e una cantina da sogno, fanno da accompagnamento a questo portento di gusto.

Terra

Gambero Rosso ha deciso di proclamare come vincitore del premio Piatto dell’Anno un tacos fragrante preparato da Valerio Serino nel ristorante Terra, situato a Copenaghen. Come è fatto questo gustosissimo tacos? Di sedano, rapa e cozza, avvolto da uno strato croccante: si scioglie in bocca dopo un primo morso croccante.

Ginza Tower

Il ristorante di Tokyo si è aggiudicatoil Menù Degustazione dell’Anno. Il locale si trova all’interno di Bulgari e ogni portata è abilmente selezionata da Luca Fantin, che dal 2009 promuove la cucina italiana in tutto il mondo. Il menù di degustazione a cui ha dato vita riesce a rendere giustizia ai sapori del nostro Paese attraverso accostamenti unici e una precisione minuziosa. Che dire? Bravo Luca!

Alfredo

La Sorpresa dell’Anno ci porta direttamente in Georgia con il ristorante Afredo a Tbilisi. I piatti sono abilmente preparati per mettere in risalto ogni accostamento di sapore. Il merito di questo successo va a Dany Monsour, di nazionalità libanese, che ha vissuto a Sorrento e si è formato in diversi ristoranti italiani per apprendere le migliori tecniche.

In conclusione, in ogni parte del mondo, in questo preciso istante, qualcuno sta assaggiando per la prima volta i sapori unici della nostra cucina grazie alle mani esperti degli chef di questi ristoranti stellati.

Ogni anno, i migliori chef italiani, si fronteggiano in una battaglia di gusto e ricercatezza per aggiudicarsi un posto nella classifica di Gambero Rosso. Complimenti a chi ce l’ha fatta, non vediamo l’ora di scoprire qualche nuovo nome l’anno prossimo.

Impostazioni privacy