Fallito il famoso colosso del turismo, se hai prenotato un viaggio controlla subito o rischi di restare a casa

Colosso del turismo sull’orlo del fallimento: l’annuncio sui social ha mandato molte persone letteralmente in tilt. Qual è la situazione e come bisogna comportarsi in questi casi. 

Tantissime persone stentano ancora a crederci, ma il grande colosso attivo nel mondo del turismo è praticamente fallito. L’annuncio è giunto sui canali social e adesso non resta che leggere con attenzione tutte le istruzioni. Pacchetti estivi non garantiti e persone ancora in viaggio per varie mete, è questa la situazione che sta gettando tutti nello sconforto totale.

Turisti novità fallimento tour operator
Turisti sconvolti dall’annuncio del fallimento del tour operator – foto ANSA – Ecodibasilicata.it

In casi come questi, però, il tour operator ha ribadito di essere a completa disposizione degli utenti, fornendo al contempo tutti gli estremi. Ricevere assistenza prima o durante le vacanze è fondamentale, specialmente alla luce del periodo estivo ormai in arrivo.

Tour operator fallito: è accaduto l’impensabile

Il colosso turistico tedesco Fti Touristik, terza compagnia di viaggi in Europa, è sulla via del fallimento. Si tratta di un gruppo che ha presentato lo scorso 3 giugno la domanda per la procedura di insolvenza. L’azienda con 11mila dipendenti è ai titoli di coda e per questo motivo, di conseguenza, i viaggi dal 4 giugno 2024 in poi sarebbero a rischio.

A ribadirlo è proprio il colosso turistico che ha scritto un messaggio sui social. “È con profondo rammarico che dobbiamo annunciare oggi che Fti Touristik GmbH ha presentato istanza di insolvenza lunedì 3 giugno 2024. Inizialmente, solo il marchio del tour operator è direttamente interessato dalla misura. Successivamente, tuttavia, saranno presentate le corrispondenti istanze anche per altre società del Gruppo“, si legge nella parte iniziale della nota.

Fti Touristik fallimento
Turisti preoccupati dopo l’annuncio di insolvenza, novità su rimborsi – foto ANSA – Ecodibasilicata.it

Il brand del gruppo è particolarmente attivo in Austria, Germania e Olanda, ma nel processo di fallimento spiccano anche le aziende che noleggiano veicoli (DriveFTI Cars and Campers). Sarebbero inoltre coinvolti i marchi 5vorFlug (Germania) e BigXtra. Nonostante tutto, però, Fti Touristik ha spiegato di supportare i viaggiatori e le viaggiatrici colpiti “dalle conseguenze dell’insolvenza. Ora è una priorità assoluta“.

Attualmente c’è un servizio di supporto tramite l’indirizzo fti-group.com/de/insolvenz. Per chi non parla in tedesco nessun problema: esiste una versione in inglese. Un altro aiuto arriva dal call center +49 (0) 89 / 710 45 14 98. Nel frattempo l’azienda sta cercando in tutti i modi di garantire la conclusione dei viaggi già iniziati. Quelli programmati durante l’estate, invece, potrebbero non essere disponibili o esserlo soltanto parzialmente.

Sta di fatto che il Fondo di sicurezza dei viaggi in Germania è già al lavoro. Protegge i pacchetti turistici in presenza di tour operatori che risultino insolventi, così come in questo caso. Mai come in una situazione del genere, è opportuno consultare il sito drsf.reise, così da essere informati sui propri diritti. E sempre il Fondo dovrà occuparsi del rimborso dei viaggi e anche del rimpatrio dei viaggiatori rimasti all’estero dopo il fallimento.

Impostazioni privacy