Codice fiscale, qualcosa che non sapevi

Ai cittadini non sono sempre note tutte le funzionalità del codice fiscale: in certi casi è utile anche per estrapolare dati.

Il codice fiscale o CF è un elemento fondamentale per l’identificazione del cittadino come contribuente e dunque come strumento per l’interazione con le varie amministrazioni e istituzioni… In termini burocratici è un identificativo alfanumerico univoco che sia usa per scopi fiscali e amministrativi. Il codice fiscale rivela dunque dati su ogni persona nota allo Stato italiano.

Codice fiscale inverso: a cosa serve
Codice fiscale: il segreto che pochi conoscono (Foto: Ansa/Pixabay) – ecodibasilicata.it

La prima funzione è appunto quella dell’identificazione personale. Per questo viene associato a ciascun cittadino italiano e agli stranieri residenti in Italia. Ovviamente, il CF è indispensabile per la dichiarazione dei redditi: senza non è possibile presentare il Modello 730 o il Modello Unico e quindi comunicare con l’Agenzia delle Entrate.

Inoltre, il CF serve ad aprire un conto bancario, per stipulare polizze assicurative, per firmare contratti di lavoro, per acquistare casa o proprietà e per accedere ai servizi sanitari di base e specifici. Con l’obbligo della fattura elettronica, il CF è poi importante anche per conoscere i dati anagrafici di un cliente. Capita infatti che si emetta una fattura e che si conosca solo il CF del riferimento…

Il codice composto da 16 caratteri alfanumerici riassume da sé tutti i dati importanti di un individuo, ma non svela con chiarezza ogni riferimento. Sul CF ci sono il nome, il cognome, il sesso, il luogo e la data di nascita di un soggetto. Ma alcuni dato sono ambigui. In questo senso la composizione del codice fiscale non è sempre funzionale per ottenere informazioni personali del titolare. Estrapolare nome e cognome è la parte più difficile…

Lo si può fare con il codice fiscale inverso. Un processo che permette la decodifica esatta del codice fiscale per ottenere tutti i dati. Nessuno escluso. Parliamo infatti di una validazione perfetta per l’estrazione dei vari dati.

Cosa si ottiene dal codice fiscale inverso

Il codice fiscale inverso è quindi il processo contrario con cui si ottiene il codice fiscale e si ottiene partendo dal codice alfanumerico per risalire ai dati anagrafici. Nei CF, nome e cognome vengono riportati attraverso 6 caratteri: le prime 3 consonanti dell’uno e dell’altro. Capita quindi che la codifica di alcune lettere dia risultati ambigui. Ecco perché è importante saper calcolare il codice fiscale inverso.

Gli usi poco noti del codice fiscale
Gli scopi fiscali e amministrativi del CF e programmi per generarlo online (Foto: Pixabay) – ecodibasilicata.it

Si può procedere in autonomia, usare tool e siti internet, e in questo modo risalire con certezza alla data di nascita, al comune di nascita e al genere sessuale. Per sapere il nome e il cognome del titolare del CF è utile usare il codice fiscale inverso come se fosse una prova del 9.

Dunque è un processo importante per la contabilità, per controllare la correttezza del codice fiscale che, magari. In questo modo non si sbaglieranno ordini e fatture, oppure si può risalire ai dati forniti corretti nel caso risultano errati.

Impostazioni privacy