Carta d’identità scaduta, ecco cosa si rischia: la legge che in pochi conoscono

Carta d’identità scaduta? Richiedi presto il rinnovo perché la legge è chiara in merito. Si rischia tanto per una norma che pochi conoscono.

La carta d’identità è un documento fondamentale per i cittadini italiani. Un tempo cartacea, da alcuni anni, con il decreto ministeriale del 23 dicembre 2015, è stata sostituita dalla sua versione digitale, ossia dalla CIE (Carta d’identità elettronica).

Cosa fare se la carta d'identità è scaduta
Carta d’identità scaduta? Niente panico, si rinnova (ecodibasilicata.it)

La validità è rimasta di 10 anni per i maggiorenni, che si riduce in caso di minori di 3 e di 18 anni. In prossimità della sua scadenza è necessario procedere con il rinnovo; un ritardo potrebbe creare dei problemi al cittadino. Ecco cosa dice la legge in proposito.

Rinnovare la carta d’identità scaduta: cosa dice la legge e come fare

Anche se non esiste una legge che obbliga un cittadino a portare sempre con sé la carta d’Identità, in ogni caso si tratta di un documento di riconoscimento e le forze dell’ordine, all’occorrenza, possono richiedere di visualizzarla.

Rinnovare la carta d'identità
Come rinnovare la carta d’identità (ecodibasilicata.it)

Nel caso in cui la carta d’identità fosse scaduta, non ci sono gravi conseguenze, come multe o sanzioni, ma durante un controllo al cittadino potrebbe essere chiesto di recarsi in questura per dimostrare le proprie generalità.

Inoltre, senza la carta d’identità valida (ovvero, aggiornata) non è sarà possibile compiere alcuni atti burocratici, come ritirare la corrispondenza, viaggiare (se è valida per l’espatrio), aprire un conto corrente, iscriversi a un’attività sportiva o scolastica, partecipare a un concorso pubblico.

Rinnovare la carta d’identità è molto semplice ed è possibile presso il Comune di residenza, prenotandosi tramite il sistema unico di prenotazione anagrafica. Però, alcuni Comuni permettono di prenotare la carta d’identità anche tramite il sito online, ma la procedure dovrà poi essere conclusa comunque presso gli uffici dell’anagrafe.

In seguito, bisogna recarsi all’appuntamento portando con sé i seguenti documenti:

  • fototessere recenti;
  • la vecchia carta d’identità oppure la patente o il passaporto. Tuttavia, di questi documenti è possibile farsi accompagnare da due testimoni che attestino le generalità;
  • la tessera sanitaria.

Il costo del rinnovo è 22,31 euro, importo che può variare da comune a comune e che comprende: la produzione della Carta e le spese della segreteria. La carta sarà inviata al proprio domicilio entro 6/10 giorni lavorativi oppure la si potrà ritirare direttamente nella sede comunale dove è stato richiesto il rinnovo.

Comunque sia, ricordiamo che la carta scaduta vale per altri 6 mesi, alla scadenza dei quali non è più possibile fare il rinnovo ma bisognerà presentare una nuova richiesta ex novo.

Impostazioni privacy