Bonus trasporti, cambia tutto nel 2024: ecco cosa devi fare per non perderlo

Fai molta attenzione al bonus trasporti, perché con l’arrivo del 2024 potrebbe essere tutto in cambiamento: ecco cosa sta succedendo.

Ebbene sì, sembra proprio che con l’arrivo del nuovo anno dovremo abituarci a tantissimi cambiamenti ma più di tutto ad alcune novità che potrebbero risultare a dir poco rivoluzionarie per tutti noi.

bonus trasporti cosa cambia
Bonus trasporti 2024 (ecodibasilicata.it)

In particolare, un aspetto che proprio non può passare inosservato riguarda il tanto apprezzato e soprattutto richiesto (in particolar modo dai giovani studenti) bonus trasporti. Ma arriviamo ora a capire cosa sta succedendo e soprattutto a cosa dobbiamo prepararci in vista del nuovo anno.

Apprezzato, infatti, per la sua componente senza dubbio economica e che andava incontro alle esigenze dei pendolari, questo bonus trasporti permetteva anche di affrontare un aspetto più sostenibile per quanto riguarda la mobilità, ma cosa sta succedendo? Per scoprirne di più, infatti, non dovete fare altro che continuare a leggere insieme a noi.

Trasporti, cosa cambia con il bonus

Iniziamo col comprendere a cosa dobbiamo prepararci con l’arrivo del nuovo anno: sembra, infatti, che con l’avvento del 2024 il bonus trasporti non ci sarà più o per meglio non nelle forme in cui abbiamo imparato a conoscerlo nel corso di questi ultimi anni.

bonus trasporti cosa cambia
Bonus trasporti 2024 (ecodibasilicata.it)

Pare, infatti, che verrà ora sostituito con una nuova misura, che sin da subito apparirà purtroppo più restrittiva e soprattutto rivolto a una platea di beneficiari molto meno ampia. Se fino all’anno corrente, dunque, l’unico requisiti necessario riguardava il proprio ISEE che non doveva superare i 20 mila euro, adesso la situazione cambia.

Adesso, infatti, c’è solo un modo che darà la possibilità di accedere e di poter godere del cosiddetto bonus trasporti in modo gratuito e stiamo parlando della possibilità di avere in possesso la carta “Dedicata a te”. Si tratta, per chi non lo sapesse, di un’agevolazione specifiche e pensata per tutte quelle famiglie il cui ISEE non è superiore ai 15mila euro e, soprattutto, non sono in possesso di altri sussidi. Per tanto, gli unici che ora potranno beneficiare di questo beneficio per la mobilità saranno i titolari di questa carta.

Proprio per questo motivo, con l’avvento di questo nuovo bonus trasporti diverso dal precedente, cambiando anche le modalità con cui possiamo presentare la nostra domanda. O per meglio, non avremo più l’obbligo di fare domanda, ma dovremo limitarci a pagare il nostro abbonamento mediante proprio la carta Dedicata a te, che verrà caricata anche degli importi specifici per poter usufruire di questa agevolazione. Insomma, un vero e proprio limite per tantissimi pendolari, tra cui numerosi studenti, che avevano trovato in questa agevolazione una vera e propria svolta.

Impostazioni privacy