Bonus mamme in busta paga: se non invii questa comunicazione perdi tutto

Per poter ottenere il bonus mamme in busta paga, dovete inviare subito questa comunicazione o perderete tutto.

Con l’ultima Legge di Bilancio approvata nei mesi scorsi, sono stati confermati una lunga serie di nuovi bonus ed incentivi di cui poter godere. Tra cui il Bonus mamme, che dà modo di godere di un esonero del 100% della quota dei contributi previdenziali per lavoratrici che hanno 2 o più figli. Con un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato anche part time e di cui si può usufruire fino al mese del compimento del decimo anno di età del figlio più piccolo.

bonus mamme in busta paga
Ecco come godere del bonus mamme in busta paga Ecodibasilicata.it

A conti fatti, il risparmio sulle trattenute è del 9,19% ed è stato introdotto in forma sperimentale nel 2024. A partire dal 2025 e fino al 2026, invece, questa forma di sussistenza sarà riservata alle sole madri con almeno 3 figli e con durata prolungata fino ai 18 anni dell’ultimo nato. Tornando a quest’anno però, dovete sapere che per goderne c’è una comunicazione da inviare quanto prima. Affrettatevi perché altrimenti potreste perdere il diritto all’incentivo.

Bonus mamme, ecco la comunicazione da inviare subito

Per poter godere del bonus mamme e quindi della detrazione fiscale per lavoratrici con 2 o più figli a carico, c’è bisogno di inviare una comunicazione specifica entro una data già prestabilita. Altrimenti, rischiate di perdere completamente il diritto a poter usufruire di uno dei tanti nuovi incentivi introdotti con la Legge di Bilancio 2024.

comunicazione da inviare per usufruire del bonus mamme
Bonus mamme, c’è una comunicazione da inviare ora Ecodibasilicata.it

Come si legge nel documento ufficiale, l’accesso all’applicativo dove poter inviare la comunicazione può essere fatto a partire da 45 giorni dopo la fine del mese in cui il datore di lavoro si è occupato di esporre i codici relativi all’esonero nei flussi Uniemens. E c’è tempo sette mesi dal primo giorno del mese successivo a quello di competenza in cui il datore di lavoro ha esposto l’esonero per la propria dipendente.

Per poter procedere, basta comunicare al proprio datore di lavoro o all’INPS il codice fiscale dei propri figli o le loro informazioni anagrafiche complete. Già sul sito dell’Inps c’è una piattaforma telematica dedicata che potete trovare sotto la dicitura Utility Esonero Lavoratrici Madri. Per poter accedere, avrete bisogno dell’identità digitale con SPID, CNS o CIE. Assicuratevi di fornire quanto prima tutti i dati richiesti dei vostri figli, di modo da poter ricevere l’esonero fiscale e di godere così di importanti vantaggi in termini economici.

Impostazioni privacy