Iniziative a Grassano il 21 settembre con il seminario di studi su Filomena Iacovino e le scuole comunali e al museo dell’emigrazione il 22 settembre quando arriverà un gruppo di 66 lucani dell’associazione di Paysandù in Uruguay

Proseguono le iniziative programmate dal Centro Lucani nel Mondo “Nino Calice” nelle azioni di ricerca e studio del vasto fenomeno della emigrazione lucana, con i seminari di studio e gli incontri che nei
mesi estivi hanno interessato diversi comuni della regione riscuotendo
ampio consenso e condivisione da parte delle amministrazioni locali,
dei cittadini e degli emigranti lucani di ritorno.

Parte ora la seconda fase che incrocia, in relazione anche alla
riapertura delle scuole, le iniziative di studio e conoscenza del
fenomeno emigratorio così come si è sviluppato nel corso degli anni a
partire dall’Unità d’Italia con le storie dei personaggi guida del
Museo dell’Emigrazione di Lagopesole.

Il primo appuntamento di questa iniziativa di conoscenza-studio, sarà
il 21 settembre a Grassano, in occasione del Seminario di studi su
Filomena Iacovino, personaggio del Museo, emigrata in Australia con le
sue conoscenze e la sue capacità di far conoscere la cucina lucana e
italiana, fino a farla diventare un must oltre che occasione di
riscatto sociale ed economico.
Il seminario di studi, sarà infatti preceduto da incontri nelle scuole
del Comune di Grassano anche per sollecitare approfondimenti nel corso
di un laboratorio tecnico in programma nell’Aula Magna dell’Istituto
Comprensivo con 3 classi e le insegnanti delle scuole elementari. I
lavori finali saranno oggetto di un concorso dedicato a tutte le
scuole della Basilicata.

Nel pomeriggio poi, il Seminario di studi sulla figura di Iacovino ed
il lancio della iniziativa dell’Anci Basilicata sull’anagrafe
emigratoria.

Il 22 SETTEMBRE alle ore 16,00, invece, il Museo dell’Emigrazione
Lucana, ospiterà ufficialmente l’Associazione dei Lucani di Paysandù
(Uruguay) in Basilicata nell’ambito delle azioni promosse dalla
Regione Basilicata sul turismo di ritorno a conferma del rinnovato
interesse dei nostri corregionali, a scoprire e conoscere la terra di
origine loro o dei propri avi. Iniziativa che ha già fatto registrare
la presenza in breve tempo di gruppi provenienti dall’Australia,
Svizzera, Paraguay, Argentina e che nei prossimi mesi interesserà
altre comunità sollecitate a vivere l’esperienza di conoscenza del
nostro passato.

Il gruppo uruguayo, guidato dalla responsabile dello Sportello
Basilicata a Montevideo Martha Lasaponara, composto da 66 persone
tutti di origini lucane, visiterà in lungo e in largo la regione e la
mattina del 22 sarà anche ospite del Presidente del Consiglio
Regionale e della CRLM, Francesco Mollica, a Venosa per visitare il
Castello e l’Abazia.
Nel pomeriggio, come detto, difronte alle maggiori autorità regionali
e locali presenterà un video di racconti sulla storia della
emigrazione lucana nel lontano Uruguay che sarà acquisito al
patrimonio del Museo.

Luigi Scaglione
Coordinatore CTS Centro Lucani nel Mondo “Nino Calice” – Regione Basilicata

cartina_basilicata

Lascia un commento

*