Flash Feed Scroll Reader
nov 202015
 

Gli appuntamenti in Basilicata da Pisticci a Potenza.
“Impariamo a proteggere gli alberi. Sono dei formidabili alleati che abbiamo nella lotta ai cambiamenti climatici”. È questo il messaggio della Festa dell’albero 2015, la campagna organizzata da Legambiente che prenderà il via il 20, 21 e 22 novembre in tutta Italia e che quest’anno sarà dedicata ai cambiamenti climatici, tema centrale della Cop21 di Parigi in programma a fine mese nella città francese. In attesa dell’incontro dei grandi della Terra che dovranno definire un nuovo accordo internazionale sul clima per salvare il pianeta, l’associazione ambientalista con la Festa dell’albero vuole sensibilizzare i cittadini alla difesa e valorizzazione del verde.

Questi gli appuntamenti lucani.

A Marconia venerdì 20 Novembre Gli studenti dell’istituto comprensivo “Q. Orazio Flacco” accompagnati dai docenti e dagli agenti della Polizia municipale del Comune di Pisticci, partendo da piazza Elettra compiranno un’esplorazione urbana. Alle ore 11:00 si effettuerà una piantumazione simbolica dell’ “Albero per salvare il clima”. Alle 11:15 si svolgerà il Laboratorio didattico “Salviamo il clima” a cura di Legambiente: presentazione di poesie, racconti, storie, canzoni appositamente preparate dagli studenti. Alle ore 12:00 per la chiusura della manifestazione verrà consegnato un attestato di partecipazione alle classi partecipanti da parte dell’Amministrazione Comunale di Pisticci e di Legambiente Circolo di Pisticci.

Sabato 21 Novembre a Pisticci alle 09:30 il ritrovo sarà presso l’Istituto comprensivo “S. Pio da Pietrelcina”. Gli studenti accompagnati dai docenti e dagli agenti della Polizia municipale del comune di Pisticci procederanno verso il Palazzetto dello Sport Pisticci dove si svolgerà alle ore 10:00 la presentazione della giornata da parte della dirigente scolastica e dei responsabili del circolo locale di Legambiente. Successivamente si procederà alla distribuzione del kit “festa dell’albero” e all’esplorazione degli spazi di verde pubblico, procedendo inoltre al riconoscimento delle specie di alberi presenti, con l’aiuto degli esperti di Legambiente. Alle ore 11:00 si procederà alla piantumazione simbolica dell’ “Albero per salvare il clima” e prenderà il via il laboratorio didattico “Salviamo il Clima “ a cura di Legambiente. Contemporaneamente si svolgerà piantumazione di un albero nella Villa Comunale la cui cura sarà affidata, nel tempo, agli studenti. Alle ore 12:00, a chiusura della manifestazione, vi sarà la consegna dell’Attestato di partecipazione alle classi intervenute, da parte dell’Amministrazione Comunale di Pisticci e di Legambiente Pisticci.

Ad Avigliano il 21 Novembre la festa dell’albero si svolgerà in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato. Saranno coinvolte quattro classi quinte della scuola elementare “Silvio Spaventa Filippi” e una quinta e tre prime medie dell’istituto comprensivo di Avigliano-centro “Carlucci-Morlino”, per un totale di otto classi che si cimenteranno nella messa a dimora delle piantine in località Collina dell’angelo.

A Sasso di castalda la festa dell’albero è organizzata dell’avis in collaborazione con il CEA “Vecchio Faggio” e l’associazione “Al Parco”. La manifestazione si terrà lunedì 23 novembre presso la scuola elementare “Mario Pagano”. Alle 09:30 si procederà con la piantumazione di un’aiuola di erbe e piante aromatiche e frutti di bosco. L’amministrazione comunale di Sasso di Castalda ha già predisposto il terreno dell’aiuola. Sarà prevista inoltre la consegna del “kit dell’orto” da parte dei volontari di Legambiente alla scuola elementare e la messa a dimora di un albero di Frassino.

A Potenza martedì 24 Novembre l’istituto comprensivo “L Milani” inizierà le attività per la festa dell’albero alle ore 11.30 nell‘area degli orti didattici attigua alla scuola. Interverranno tutte le classi dell’istituto che, con l’ausilio dei volontari di Legambiente, procederanno alla piantumazione di erbe aromatiche e piante ornamentali.

A Senise mercoledì 25 Novembre alle ore 10,00 vi sarà il raduno nel cortile dell’Istituto Scolastico “N. Sole” e dopo i saluti del Dirigente e delle amministrazione comunale, le classi potranno e apprezzare l’intervento del dott. Enzo Provenzano sul tema “ la forestazione a servizio del territorio” e della prof. Giuseppina Vita nell’ambito della presentazione del progetto scolastico “la bella narrazione”. A seguire Don Pino Marino interverrà a proposito dell’Enciclica “Laudato si”, di Papa Francesco con una riflessione dal titolo” Un albero per la vita” . Alle ore 11,00 si provvederà alla messa a dimora di piante officinali e ornamentali nelle aree attigue all’istituto e in conclusione sarà inaugurata la mostra fotografica “Albero amico mio”, allestita e curata dai ragazzi dell’Istituto.

In generale per il week-end saranno ben 400 le iniziative organizzate in tutta la Penisola e che coinvolgeranno oltre 40.000 studenti: dalla piantumazione di piante autoctone all’interno delle scuole alle azioni di riqualificazione nelle aree verdi della città troppo spesso abbandonate. In particolare saranno messi a dimora quasi 10.000 nuovi alberi; inoltre in questo week-end di festa non mancheranno semplici gesti simbolici come ad esempio l’abbracciare un albero. Un gesto di gratitudine e di rispetto verso questi “polmoni verdi” della Terra, che svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione del dissesto idrogeologico, nel mantenimento degli equilibri del pianeta e contribuiscono al benessere e alla qualità della vita. La Festa dell’albero si “festeggerà” infine anche sui social: chi vorrà potrà scattare una foto del suo gesto gratitudine nei confronti dei polmoni verdi della terra e condividerla sui social network con #tree4climate.

La campagna, in Basilicata, rientra anche nel progetto Volontari naturalmente in rete, sostenuto da Fondazione Con il Sud e che ha tra gli obiettivi proprio la sensibilizzazione verso i cambiamenti climatici.

In occasione della Festa dell’albero 2015, Legambiente invita pertanto i cittadini a mobilitarsi per partecipare alla Marcia per il clima del 29 novembre organizzata a Roma dalla Coalizione Italiana Clima. Un appuntamento importante per far sentire la voce della società civile, perché i cambiamenti climatici riguardano tutti e sono un’emergenza da affrontare al più presto.

Per l’edizione 2015 la Festa dell’Albero propone infine un nuovo concorso fotografico “Albero ti voglio bene” rivolto alle scuole aderenti alla campagna. Il tema del concorso è un simbolico gesto d’affetto verso gli alberi. Le immagini possono essere scattate con qualsiasi dispositivo digitale (macchina fotografica, smartphone, tablet…) e vanno inviate in formato .jpg all’indirizzo mailfesta.albero@legambiente.it entro il 15 dicembre 2015 unitamente alla scheda di adesione e alla liberatoria. Una giuria di esperti sceglierà poi le tre foto più significative, che saranno poi pubblicate sul sito di Legambiente Scuola e Formazione. Per maggiori informazioni e per consultare il regolamento: http://www.legambientescuolaformazione.it/articoli/festa-dellalbero-0

legambiente

nov 022015
 

Avviso Rivitalizzazione centri storici, chiusa procedura a sportello
La Giunta regionale ha incrementato la dotazione finanziaria dell’iniziativa di ulteriori 618 mila euro, attestandola a complessivi 1,3 milioni di euro
E’ chiusa, a far data dal 14 ottobre 2015, la procedura a sportello dell’Avviso pubblico della Regione Basilicata del Progetto strategico per la rivitalizzazione dei centri storici.

Lo ha stabilito la Giunta regionale che ha anche incrementato la dotazione finanziaria dell’iniziativa di ulteriori 618 mila euro, attestandola a complessivi 1,3 milioni di euro. Considerato l’elevato numero di proposte progettuali candidate, la Giunta regionale ha ritenuto opportuno di chiudere la procedura a sportello anche al fine di non alimentare altre aspettative di finanziamento da parte di Enti locali che eventualmente intendessero avanzare ulteriori candidature. La Giunta regionale ha inoltre stabilito che l’attuale disponibilità finanziaria di 1,3 milioni di euro potrà essere incrementata in relazione ad eventuali ulteriori disponibilità e che resta valido il parco progetti costituito a seguito delle candidature avanzate. L’Avviso pubblico predisposto dall’Ufficio Gestione Regimi di aiuto, Infrastrutture sportive, culturali ed ambientali ha lo scopo di sostenere interventi volti ad accrescere il decoro delle piazze e dei percorsi cittadini dei piccoli centri storici lucani che, per la loro collocazione, rappresentano una forte attrazione turistica. L’obiettivo è innescare un processo di recupero degli antichi spazi abitativi al fine di stimolarne la fruizione. Gli interventi infrastrutturali finanziabili riguardano: il ripristino di percorsi storici, gradinate, logge e fregi; il ripristino di Piani di colore e facciate, l’arredo urbano, le alberate storiche, i punti di osservazione e di godimento del paesaggio; la manutenzione di spazi verdi.

regione

apr 152015
 

Il Comune di Lauria, la Regione Basilicata, i parchi del Pollino e dell’Appennino Lucano hanno organizzato il 14 aprile 2015, nella sala consiliare di Lauria, un dibattito sulla fiscalità di vantaggio nelle aree protette, imprese verdi, ricerca ed innovazione. Presenti tra gli altri il sindaco di Lauria Mitidieri, i presidenti dei parchi Totaro e Pappaterra, gli esperti Domenico Nicoletti, Elio Manti ed Antonio Nicoletti. Ha concluso i lavori l’assessore regionale Aldo Berlinguer.

ago 072014
 

Domenica 17 e lunedì 18 agosto il Teatro “Anzani” di Satriano di Lucania ospiterà la prima edizione di “Musica d’estate”. L’iniziativa, fortemente voluta dall’amministrazione comunale e patrocinata dal Gal Marmo Melandro, prevede, nella prima serata, a partire dalle 19,30, un Concerto di musica corale e nella seconda, alle ore 20,00, il Recital del pianista Fabio Silvestro.

Ospite d’onore il M° Stefano Cucci, pianista, compositore, direttore d’orchestra e di coro, collaboratore di Ennio Morricone, con al suo attivo numerosi concerti con prestigiose orchestre e cori di tutto il mondo.

Ingresso libero.

In breve:

“MUSICA D’ESTATE” Satriano di Lucania – Teatro Anzani

Domenica 17 Agosto ore 19,30 Concerto di musica corale

Lunedì 18 Agosto ore 20,00 Recital del pianista Fabio Silvestro

Ospite d’onore delle due serate: M° Stefano Cucci

Per informazioni:

coralesatrianese@gmail.com

music.land@tiscali.it

Paola Guarino (direttore artistico) cell: 338 4590393

In dettaglio:

Domenica 17 agosto

Tre i cori che si avvicenderanno sul palco del Teatro Anzani: la Corale Polifonica Satrianese, il Coro Polifonico “Vox Populi” di Potenza e la Corale Polifonica “Il Carpine” di Possidente. Il programma comprende celebri pagine del repertorio del passato come “O Signore, dal tetto natio” di Giuseppe Verdi, “Stabat Mater” di Zoltan Kodaly, “Salve Regina” di Louis Lambillotte, melodie rese famose da film di successo come “Lara’s Theme” di Maurice Jarre , composizioni poco conosciute dal grande pubblico come “Cantate Domino” di Ruth Morris Gray e canti tradizionali africani come “Mandela” e “Bolingo Bwa Nzambe”.

Il M° Stefano Cucci, ospite d’onore della manifestazione, dirigerà l’ultimo brano: un originale canone a tre voci sull’Alleluia di W.A. Mozart (da “Exsultate, jubilate”) intonato da tutti i protagonisti della serata.

Lunedì 18 agosto:

Recital del giovane pianista lucano Fabio Silvestro che sta catturando l’attenzione di pubblico e critica nazionale per le sue interpretazioni caratterizzate da originalità e sensibilità artistica non comuni.

In programma la Sonata D 537 di Franz Schubert, Alborada del gracioso di Maurice Ravel, la Fantasia op. 116 di Johannes Brahms, lo Studio op. 10 n° 3 di Fryderyk Chopin e la Sonata n° 3 di Sergej Prokofiev.

sat

feb 232014
 

Lunedì 24 febbraio, si svolge la presentazione del progetto di rifunzionalizzazione dell’ex scalo merci della Stazione di Potenza Superiore realizzato da Legambiente in collaborazione con Ferrovie dello Stato Italiane

Innescare un processo di economia solidale che tiene conto dell’eccezionale importanza dei beni comuni ambientali, sia come valore in sé da conservare a beneficio delle presenti e future generazioni, sia come base per promuovere uno sviluppo locale sostenibile basato sul corretto uso delle risorse naturali ed ambientali. È questo l’obiettivo del progetto “Green Stations” che Legambiente presenterà lunedì per la prima volta in Italia a Potenza, in concomitanza con l’arrivo del Treno Verde, la storica campagna dedicata al rilevamento dell’inquinamento atmosferico e acustico realizzata in collaborazione con Ferrovie dello Stato Italiane.

A bordo del convoglio ambientalista domani, lunedì 24 febbraio, (alle ore 11.30 al binario 1 della stazione centrale di Potenza) sarà presentato il progetto di rifunzionalizzazione dell’ex scalo merci di Potenza Superiore in Centro per la Sostenibilità ambientale e presidio culturale e sociale. Una struttura che vuole essere un luogo di “altra economia”, attraverso l’allestimento di laboratori di riciclo o riuso di materiali, di spazi espositivi per la promozione del consumo critico alimentare di prodotti biologici e a Km0, sfusi e non imballati, del commercio equo e solidale, ma anche un centro per la diffusione di pratiche di riduzione dei rifiuti, dal baratto di beni in buono stato, alla consulenza alle pubbliche amministrazioni in tema di acquisti verdi.

Uno “scalo” per l’incontro, la formazione e lo sviluppo di una cultura ambientale e della sostenibilità in città. Le attività saranno realizzate grazie al sostegno di Fondazione con il sud, attraverso il bando ambiente “Verso Rifiuti 0”.

Interverranno: Rossella Muroni, direttrice generale Legambiente; Marco De Biasi, presidente Legambiente Basilicata onlus; Roberto Pagone, direttore Produzione Territoriale RFI e Lorenzo Barucca, responsabile progetto GreenStations Legambiente.

Le Green Stations sono strutture all’interno di stazioni di Ferrovie dello Stato, posizionate in diversi territori in Italia che propongono turismo educativo, naturalistico, storico e culturale, per la riscoperta culturale per far crescere l’importanza di alcuni valori che i nostri territori conservano.

legambiente

feb 112014
 

Ecco il testo del documento nel quale i sindaci di Rotonda e di Viggianello manifestano sconcerto per la manifestazione in corso organizzata dai camionisti e dai produttori di legname. I primi cittadini evidenziano i gravissimi disagi delle valli del Lagonegrese.

COMUNE DI VIGGIANELLO
COMUNE DI ROTONDA

11.02.14
AL PREFETTO DELLA PROVINCIA DI POTENZA
AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI LAGONEGRO
AL COMANDANTE SEZIONE POLIZIA STRADALE DI LAGONEGRO
AL COMANDANTE STAZIONE CARABINIERI DI LAURIA
AL PRESIDENTE DELLA PROVUINCIA DI POTENZA
p. c. AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI ROMA
“ “ AL PROCURATORE DISTRETTUALE ANTIMAFIA DI CATANZARO
AL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA BASILICATA
AL PRESIDENTE DELL’ENTE PARCO NAZIONALE DEL POLLINO
AL MINISTRO DELL’ AMBIENTE
p. c. AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
“ “ AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
“ “ AL MINISTRO DELLA SALUTE
“ “ AL MINISTRO DELL’ AGRICOLTURA
“ “ AGLI ORGANI DI STAMPA.

da ieri assistiamo impotenti ad una occupazione della Valle del Mercure di stampo militare, sapientemente organizzata ed annunciata da tempo,finanche dagli organi di stampa.
Un gruppo di autotrasportatori,assolutamente estranei al territorio,provenienti da località calabresi distanti centinaia di km. ( come reso manifesto già dalle pubblicità aziendali riportate sui mezzi) protesta perché pretende di continuare a conferire biomasse alla Centrale del Mercure, un mega impianto insostenibile sotto qualsiasi profilo,ambientale e socio economico,radicalmente incompatibile con la vocazione del territorio ( è bene ricordare a qualcuno che siamo nel cuore del Parco Nazionale del Pollino!) il cui progetto è stato portato avanti nonostante le gravi violazioni di legge dai nostri Comuni denunciate da anni e che,dopo che già con sentenza 4.400/12 il Consiglio di Stato aveva annullato l’autorizzazione all’esercizio dell’impianto rilasciata dalla Regione Calabria ,hanno condotto nuovamente (insuperate le criticità che minano l’iniziativa di grossolana speculazione) ad un pronunciamento dapprima del TAR Catanzaro, che con sentenza n. 1.180/13 ha annullato anche la nuova autorizzazione,e poi ancora del Consiglio di Stato che con ordinanza resa all’udienza del 21.01.14 ha revocato la sospensiva concessa inaudita altera parte in tal modo ripristinando la piena efficacia esecutiva della sentenza di primo grado.
Quel che sconcerta,tuttavia,sono le modalità e le finalità della protesta,atteso che,da un lato,essa non si svolge pacificamente (come tutte quelle organizzate negli anni dalla gente del Mercure) bensì con la consumazione di ipotesi di reato (è tale bloccare l’accesso autostradale di Galdo,sia in entrata che in uscita,nonché la stessa s.p. n. 4 nel tratto da Galdo a Lauria, come accade per l’appunto da ieri e senza che si intraveda alcuna desistenza) ,con toni minacciosi e voluta esibizione di forza (è stato dichiarato dagli organizzatori della protesta,che sono poi i datori di lavoro dei manifestanti, che non intendono lasciare il territorio fin tanto che non sarà stato risolto il loro problema).

Tutto questo è inaccettabile e nel denunciare formalmente i reati ancora in corso chiediamo ai responsabili delle forze dell’ordine di identificare gli autori e segnalarli alla Procura della Repubblica e,soprattutto,di intervenire immediatamente, rimuovendo il blocco stradale,ad evitare che vengano aggravate le conseguenze di un reato che,oltretutto,determina gravi disagi per gli utenti stradali dell’area,in specie i molti pendolari.
Del pari è inaccettabile che,con tali metodi,che a nostro avviso costituiscono precisa opzione di un’abile regia occulta, si vogliano esercitare indebite pressioni sulla Magistratura, a pochi giorni dall’udienza fissata per la discussione del merito ( 08.04.14) ottenendo facile sponda istituzionale dal Presidente della Regione Basilicata e dal Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Pollino che, nel mentre per mesi non hanno inteso ricevere noi Sindaci, rappresentanti istituzionali,hanno immediatamente accolto già ieri gli imprenditori calabresi.
Peraltro,la stampa ha recentemente dato notizia di una indagine della Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro che delinea scenari inquietanti sui soggetti che in Calabria stanno dietro al grande affare delle energie rinnovabili ed,in specie,delle biomasse,paventandosi il concreto rischio di consegnare un territorio integro ed indenne da certi fenomeni alla criminalità organizzata.
La realtà è che l’impianto dell’Enel è obsoleto,non impiega la migliore tecnologia, non tiene conto della mancanza di idonee infrastrutture ( su tutte quella viaria),non crea occupazione ed,anzi,arreca gravi danni al settore dell’agricoltura e del turismo, non genera alcun indotto (la migliore riprova è la provenienza dei manifestanti),e,soprattutto,è fortemente inquinante esponendo a gravi rischi la salute dei residenti.
Al riguardo,anzi,si chiede di conoscere in forza di quali elementi il GSE abbia potuto riconoscere all’ENEL i cd. certificati verdi il cui obbligato presupposto è la riduzione del livello di inquinamento laddove,nel caso che occupa, a fronte di una centrale dismessa ed inattiva da anni,dunque,con livello di inquinamento zero,si è determinata,nel periodo di effettivo esercizio, una condizione di gravissimo accumulo di sostanze tossiche.
Inoltre,poiché per lunghi periodi,vuoi per ragioni tecniche che per provvedimenti dell’ Autorità Giudiziaria,la centrale è rimasta inattiva,si chiede di conoscere se,nell’erogazione delle suddette agevolazioni,di tali forzati fermi si sia tenuto conto.
Del pari,se sia conforme a legge che,nel vano tentativo di sterilizzare la protesta delle collettività locali, si indicano tavoli di concertazione che prevedano misure di compensazione costituite da elargizione di somme di danaro,peraltro neppure vincolate,nella loro destinazione,a ridurre gli effetti negativi dell’impianto, a favore di enti lontani dal Mercure ma vicini ad Enel.
Aspetti tutti già segnalati anche alla Procura della Repubblica di Roma per ogni più opportuna valutazione.
Certo è che subiamo una vera e propria violenza che avvertiamo nelle carni e nell’anima ed alla quale continueremo a ribellarci con tutte le nostre forze,facendo appello all’onestà intellettuale ed all’integrità morale di tutte le persone per bene contro la protervia di una aggressione al nostro territorio che si vuole utilizzare per interessi di parte.
Per tale ragione,da oggi i nostri Comuni, in segno di protesta contro l’ennesimo,gravissimo strappo alla legalità,al diritto alla salute,all’integrità ambientale ,al rispetto della volontà popolare, chiuderanno sospendendo ogni attività, ad esclusione dei servizi essenziali,per volontà degli organi rappresentativi cui il personale tutto,spontaneamente,intende aderire.
Si chiede audizione urgente al signor Prefetto per la consegna simbolica delle chiavi dei Municipi e si anticipa che le collettività sono in stato di agitazione preparandosi ad organizzare manifestazioni di protesta eclatanti ( a quanto pare l’unico sistema per farsi ascoltare) ed,innanzitutto,un corteo sino a Galdo per celebrare la morte del nostro territorio.
Attendiamo ,con inguaribile fiducia,che qualcuno voglia darci ascolto e tutela.

IL SINDACO DI VIGGIANELLO IL SINDACO DI ROTONDA
PROF. VINCENZO CORRARO DR. GIOVANNI PANDOLFI

manifestanti

gen 262014
 

Si è tenuto ieri sera, presso l’Hotel Villa Venus ad Atena Lucana (Sa), il convegno organizzato dalle Associazioni di Volontariato di Protezione Civile che fanno parte della rete interregionale Civil Protection Network e sostenuta da “Fondazione Con il Sud”. La rete è composta da 11 associazioni di Campania e Basilicata: Protezione Civile Vietri di Potenza e Giacche Verdi Bella quelle lucane. Titolo del convegno è stato “La Protezione Civile nella realtà montana – Sviluppo del Sistema Protezione civile nei piccoli Comuni Montani”. Durante la serata si è parlato delle varie realtà di protezione civile presenti nei piccoli paesi di Campania e Basilicata, alla presenza di Giovanni Caggiano (presidente Comunità Montana Alto e Medio Sele-Tanagro, Raffaele Accetta (presidente Comunità Montana Vallo di Diano), Modesto Lamattina (Gopi Caggiano), Michele Rienzo (responsabile Prot. Civile Comunità Montana Vallo di Diano), Bernardino Iuorio (segretario della Scuola Regionale di Prot. Civile “E. Calcara”) e Francescantuono Dorilia (responsabile emergenza veterinaria). La montagna italiana, ed in particolare quella lucana e campana, riveste un fascino particolare, ed un ruolo cruciale, nella vita, la cultura e le tradizioni del nostro Paese. A fronte di tanta bellezza, quest’ambiente, risulta anche il più fragile ed esposto ai pericoli di una natura, artefice incessante del modellamento del territorio. Pur di fronte alle asprezze della vita di montagna, è possibile ritrovare numerose piccole e piccolissime comunità di cittadini, orbitanti, oggi come in passato, intorno ai loro Comuni. Dopo l’apertura dell’incontro da parte di Modesto Lamattina, si sono susseguiti gli interventi dal tavolo dei relatori. Ed è uscito fuori un obiettivo preciso: creare sinergia tra Comuni, Comunità Montane (o Area Programma) e protezione civile. L’Architetto Accetta, mentre sullo sfondo comparivano le foto delle tante iniziative promosso dalla rete Civil Protection Network, ha voluto sottolineare il fatto che “serve sostegno dalle regioni, per prevenire, informare ed intervenire”. Una richiesta sposata dai presenti, tra cui molti sindaci dell’area. Una bella serata, quella all’Hotel Villa Venus: una bella “chiacchierata” con i tanti volontari (la sala era piena) e un momento di confronto su quanto fatto, e su quanto si può ancora fare, per il bene delle comunità, specie dei piccoli paesi montani.

vol

gen 092014
 

Il 4 giugno del 1994 moriva Massimo Troisi. Sono passati vent’anni dalla sua prematura scomparsa e nei prossimi mesi si moltiplicheranno le iniziative in tutta Italia per ricordarlo.
Il Convento Wine Space di Barile (Pz) dedica al grande regista ed attore l’iniziativa “AperiCinema al Convento”, rassegna cinematografica che proporrà ogni domenica, a partire dal 12 dicembre alle 17.00, sei dei suoi film più famosi e più amati dal grande pubblico con la formula “film con aperitivo”.

La struttura polifunzionale del Vulture, dopo il grande successo del concerto di Santo Stefano in omaggio a Verdi e i tanti eventi culturali che si sono susseguiti per tutto il mese di dicembre, inaugura il 2014 nel segno del cinema d’autore.

Il primo film in programma domenica prossima è “Il Postino” di Michael Radford (1994), con Massimo Troisi, Philippe Noiret e Maria Grazia Cucinotta. Nelle domeniche successive sarà la volta di “Pensavo fosse amore invece era un calesse” (1991), “Il Viaggio di Capitan Fracassa” (1990), “ Non ci resta che piangere” (1984), “No Grazie, il caffè mi rende nervoso” (1982) e “Ricomincio da tre” (1980).

Non è la prima volta che il Convento ospita un evento dedicato al buon cinema italiano. Lo scorso agosto qui ha fatto tappa la rassegna cinematografica nazionale “Cinemadivino – I grandi film si gustano in cantina”, un’idea nata dieci anni fa per coniugare cultura e percorsi enogastronomici tra le strade e le cantine d’Italia.

Per informazioni è possibile consultare il sito www.conventowine.it e la pagina facebook https://www.facebook.com/pages/Convento-Wine-Space/1393241454220819.

Massimo_Troisi600x378

apr 122013
 

Biwind: l’energia in un soffio  per il Melfi Calcio. Presentazione ufficiale del nuovo sponsor dei giallo verdi nel Palazzo di Città alla presenza del sindaco, Livio Valvano, dell’Amministratore Unico della Biwind, Pasquale Bonomo, del Presidente del Melfi Calcio, Giuseppe Maglione, dell’Amministrazione Comunale,  dell’intera squadra  e dei tifosi.

Per il sindaco Valvano “da oggi la Biwind lega il suo nome al Melfi Calcio. Per la comunità  di Melfi è un onore accogliere un nuovo tifoso in Città. Melfi merita di essere rappresentata da una squadra energica e da una società lungimirante.  Sento il dovere di ringraziare a nome dell’intera Città di Melfi l’Amministratore Unico della Biwind, Pasquale Bonomo,  perché ha creduto fortemente nella valorizzazione della nostra squadra di calcio decidendo di investire in un momento storico particolare con l’intento di fornire  energia al nostro sodalizio calcistico, gettando le basi per un connubio che porterà di certo benefici all’intera comunità. Una sponsorizzazione ben accolta che può significare molto per il Melfi calcio brillantemente guidato dal Presidente Maglione che attraverso enormi sacrifici consente alla nostra Città di far parte del calcio professionistico”.

La Biwind sponsorizzerà il Melfi in questa fase finale del campionato creando i presupposti per un’unione più consistente anche per l’anno prossimo.

“Sono contento che Bonomo abbia voluto puntare sul Melfi Calcio- ha rimarcato Peppino Maglione- un imprenditore di Teramo si mette a servizio della nostra Città, standoci vicino in modo concreto. E’ significativo e deve far riflettere il fatto che un imprenditore di fuori regione abbia deciso di sponsorizzare il Melfi. Un evento che ci inorgoglisce ma che deve rappresentare uno stimolo per l’imprenditoria locale perché per mantenere la squadra a questi livelli occorre l’aiuto concreto di tutti”.

Il leader della Biwind  Bonomo ha  ringraziato  per l’accoglienza la Città di Melfi. “ Quando ho incontrato Mister Bitetto che conosco da tempo- ha concluso Bonomo- mi ha sempre ben parlato della Città di Melfi. Ho voluto conoscere questa realtà. Ho trovato persone splendide che mi hanno fatto capire come è stato possibile creare il miracolo Melfi. Ho deciso di investire in questa realtà dove ho trovato valori sani e concreti che ben si abbinano con la filosofia della nostra azienda. Valori che vanno trasmessi e che attraverso questo abbinamento cercheremo di ampliare fornendo il nostro prezioso contributo”. La Biwind è un’azienda leader nel campo delle energie rinnovabili. Si occupa di eolico, fotovoltaico, geotermia e biomasse.

Melfi_Calcio_bandiera_animata