BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Ago 212017
 

Il 20 agosto 2017 la città di Latronico ha ospitato l’attrice Giuliana De Sio che è stata la testimonial di uno spettacolo sul brigantaggio interpretato da Eva Immediato ad Agromomnte. La famosa attrice italiana ha apprezzato la storia ed il paesaggio della valle del Sinni, in particolare ha espresso giudizi molto positivi sull Terme di Latronico.

Feb 202017
 

Si è tenuto a Lauria sabato 18 febbraio 2017 nella sala Cardinale Brancati un convegno contro lo stalking bancario, promotore dell’evento il Comitato Terra Nostra Basilicata. La Referente Regionale del movimento Leonzia Gaina ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa perché a sostegno della proposta di legge contro lo stalking bancario, presentata dai Deputati di Fratelli d’Italia e Terra Nostra.
Alla proposta, d’accordo con Giorgia Meloni, hanno lavorato l’on. Walter Rizzetto cofondatore di Terra Nostra e l’avvocato Diego Petrucci coordinatore nazionale di Terra Nostra per aggiornare l’art. 612bis del codice penale, che riguarda lo stalking, in modo da prevedere direttamente lo stalking da recupero crediti.
Le pratiche per recupero crediti sono una giungla; le modalità messe in atto sono sempre più aggressive e fuori dalle norme di legge (per crediti che oltretutto molto spesso sono illegittimi) Siamo al punto che dalle telefonate sfinenti, da numeri sconosciuti, pur in presenza di difensori costituiti, fatte più volte al giorno anche in orari serali, siamo arrivati alle visite a casa! Sottolinea la Referente Nazionale di Terra Nostra Federica Nobilio, presente al convegno.
Oltre all’utilizzo di loghi e terminologie che sono propri della magistratura, per esempio alcune fantomatiche società (a cui si affidano le banche) usano loghi quasi identici a quelli del Tribunale.
Questo tipo di attività secondo Terra Nostra rientra nella fattispecie dello stalking e per questo chiedono che sia aggiunto un comma all’art 612 bis codice penale che faccia direttamente riferimento allo stalking in attività di recupero crediti ogni qualvolta si esuli le norme previste dal codice di procedura civile.

Lo stalking bancario ha in questi anni provocato tragedie e morti così come lo stalking classico; madrina e testimonial della campagna – che prevede, oltre alla presentazione della proposta di legge, una raccolta di firme – è, infatti, Laura Schiavo, vedova di Dario Casotto, l’imprenditore che si è suicidato perché vessato dalle società di recupero crediti!

Alla serata hanno partecipato i relatori Dott. Antonello Chiacchio che ha approfondito il punto di vista psicologico sui danni da stalking bancario e l’Avv. Giovanni Leonasi che ha analizzato nel dettaglio l’operato delle società di recupero crediti e la potenzialità della proposta di legge presentata.
Sono intervenuti il Consigliere Regionale Gianni Rosa di Fratelli d’Italia, il Dirigente Nazionale Donato Ramunno e il referente del lagonegrese di Gioventù Nazionale Giuseppe Cilento.

Lug 272016
 

“Non sapere che cosa sia accaduto nei tempi passati, sarebbe come restare per sempre un bambino. Se non si fa uso delle opere dell’età passata, il mondo rimarrà sempre nell’infanzia della conoscenza”.
Siamo all’indomani del 1861, nell’Italia post unitaria, ai tempi della cosiddetta “Questione Meridionale”; corruzione, repressione e malcontento sono i termini che compaiono maggiormente nelle pagine di storia dell’epoca. Il Sud di un’Italia ufficiosa, affetto da ingiustizia e analfabetismo, prova a scrivere la storia, la propria storia, in cui i protagonisti non vantano imprese epiche né portano stemmi lucenti sulle divise.
Si tratta del popolo, la massa di uomini e donne ignoranti abituati a dialogare solo con la terra. E fu proprio il grido della loro terra a spingerli all’insurrezione, rendendoli protagonisti di una storia che, fino a quel momento, avevano subito passivamente.
Gli esperti l’hanno definito “fenomeno politico e sociale”, ma, al di là dei luoghi comuni, in pochi sanno cosa significò il brigantaggio per il destino del Meridione. Un capitolo di storia scritto dagli sconfitti, simili a primitivi che peccarono di presunzione credendo di riuscire a sovvertire l’ordine delle cose. Eppure, i briganti avevano una grande dote, quella del coraggio.
Ed è il coraggio il filo conduttore dello spettacolo teatrale “Fuori i Borboni” giunto alla sua quarta edizione nel boschetto di Lucarelli, comune di Latronico. Non attori di mestiere, non professionisti, bensì dilettanti; gente comune, proprio come i briganti autentici.
Lo scopo è quello di raccontare un pezzo del passato che ci appartiene e riguarda da vicino, ambientato proprio nei boschi lucani. Conoscenza, dunque, ma anche intrattenimento, poiché, citando il giornalista Allen Nevins, “se la storia fosse una fotografia del passato sarebbe piatta e poco interessante. Fortunatamente, si tratta di un dipinto; e, come tutte le opere d’arte, non riesce a toccare la verità se non mescolando la fantasia e le idee ai colori”.
Scopo ulteriore della rappresentazione è quello di “esaltare lo spirito critico” degli spettatori, alimentandone la curiosità per saperne di più. Non a caso, infatti, sono stati inseriti riferimenti storici nelle note di regia, per fornire uno spaccato verista e imparziale e permettere al pubblico di sviluppare il proprio punto di vista alla luce dei fatti documentati.
In fondo, il teatro è come la vita, in cui ognuno di noi si trova continuamente in scena a recitare un ruolo e ad indossare una maschera. Consapevoli di ciò, sono ben 21 i volontari che hanno accettato di prestarsi a quest’iniziativa, diretti dal regista Aldo Fortunato:”Ho cercato di dare loro i presupposti fondamentali dell’arte drammatica e valuto positivamente il lavoro svolto”. “Il teatro” continua Fortunato “si basa sulla finzione e, siccome loro non sanno fingere, sono più autentici, più veri; ecco perché non ho voluto colleghi professionisti”.
In una delle sue battute, Serafina dirà:”Sognare non costa nulla” e, in effetti, è proprio ciò che hanno fatto i nostri attori: sognare, per una notte, di essere tornati indietro nel tempo, nell’infanzia di un’Italia che ancora oggi porta con sé retaggi di quel lontano 1861. Raccontare la storia è un’enorme responsabilità, soprattutto se si tratta di eventi molto distanti dal narratore. Servono informazioni, fonti attendibili, dettagli esplicativi.
Aiutato nell’adattamento testo da Nunzia Gioia, Fortunato spiega di aver avuto bisogno di un testo storicamente fondato e scritto da uomini di teatro: originariamente composto da tre atti, ridotto poi ad atto unico, il testo fotografa la situazione del periodo post-unitario senza fornire opinioni personali.
Tra i partecipanti, non solo adulti, ma anche giovani in grado di dimostrare serietà e voglia di fare. In una comunità, il coinvolgimento di ogni fascia d’età diventa vitale alla sopravvivenza della comunità stessa. Il teatro, dunque, funge da attività ricreativa il cui risultato finale dipende dal lavoro di squadra, un lavoro svolto con sinergia e continuità. A dispetto di ciò che si rimprovera sempre alle nuove generazioni, ovvero di mancare di impegno e costanza, i nostri giovanissimi attori hanno accettato fin da subito di dedicarsi a quest’idea.
L’evento, inoltre, si propone anche di esaltare le tradizioni e i sapori tipici delle nostre terre, motivo per cui, al termine dello spettacolo teatrale, ci sarà un momento di intrattenimento musicale a cura dei Popularia Tour durante il quale si potranno degustare pietanze e prodotti gastronomici.
Ultimo, ma non certo per importanza, la serata vedrà la presenza di Michele Placido quale testimonial d’eccezione, a conferma dell’ottima qualità del “prodotto” pubblicizzato; che dire? Provare per credere!
Antonella Gioia

Manifesto Briganti2

Giu 012016
 

Oltre trenta postazioni con esperimenti di ogni genere, due ospiti di eccezione, centinaia di alunni di una decina di istituti scolastici lucani: c’è attesa a Ruoti per la terza edizione di Brainstorming, in programma il 3 e 4 giugno. La cittadina ruotese è pronta a trasformarsi, per il terzo anno, un vero e proprio “Borgo della Scienza”, così come si chiama l’associazione ideatrice ed organizzatrice dell’unico evento del genere in Basilicata. Per la due giorni a Ruoti ci saranno due ospiti d’eccezione: Benedetto Vigna (lucano, fisico ed inventore del sensore di movimento della Nintendo Wii) e Francesco Laurenzi (meteorologo Rai). L’evento –precisa l’associazione- è organizzato anche grazie alla collaborazione dell’Istituto Comprensivo “Carlucci” di Ruoti, Baragiano e Balvano. Non mancherà, dalla scienza, un collegamento all’enologia, con questo terzo atto di Brainstorming che sarà dedicato alla figura di Michele Carlucci, maestro di viticoltura e di enologia, personaggio di primo piano nella storia della vitivinicoltura.
Brainstorming si aprirà venerdì mattina alle ore 10.30 con la cerimonia di apertura in piazza Ponte, e dalle 11,30 la visita agli spazi espositivi nel borgo, che continuerà anche nel pomeriggio. Sabato 4 giugno alle 9.30 presso il Centro Museale e di Aggregazione Giovanile di contrada Taverna Foj si parlerà di “Michele Carlucci, quando la passione si fa scienza”. Tanti gli interventi di esperti del settore, rappresentanti delle istituzioni, docenti provenienti anche da università fuori regione, in un incontro che sarà moderato dal giornalista Rocco Brancati. L’evento continuerà ad ora di pranzo con la degustazione di vini e formaggi. Nel pomeriggio, dalle 16, la visita agli spazi espositivi nel borgo in oltre trenta postazioni, con i “piccoli scienziati” che metteranno in mostra i tantissimi esperimenti, frutto di lavoro ed apprendimento. Poi la pausa cena e dalle 20 in piazza Ponte lo spettacolo delle scolaresche partecipanti. Dalle 21 invece la premiazione del concorso “Brainstorming”. Numerosi gli istituti comprensivi del potentino che parteciperanno a questa terza edizione, come numerosissimi saranno i giovani alunni protagonisti della due giorni ruotese.

FRANCESCO LAURENZI - Meteorologo RAI

Nov 122015
 

Domenica 6 Dicembre, alle ore 19.30 Presso l’Hotel la Quiete la Croce Rossa organizza: “Auguri sotto l’albero”. Un evento per tutti, ricco di appuntamenti per conoscere da vicino le attività del Comitato di Croce Rossa della Valle del Noce. La serata sarà dedicata alla raccolta fondi per l’acquisto di nuovi presidi. Testimonial della serata sarà Domenico Pozzovivo (ciclista professionista).

Programma: Ore 17:00 incontro del testimonial con i ciclisti amatori, nella sala dell’Hotel. Ore 19:30 Saluto dei Sindaci, del Presidente del Com. Loc. CRI del Noce Nicola Carlomagno dei vertici Provinciali e Regionali della cri, e di eventuali autorità presenti.
Probabile presenza della Segretaria Generale del Corpo delle Infermiere Volontarie della cri S.lla Rosanna Sestili.
Nell’arco della serata : consegna “premio solidarietà” e riconoscimenti vari.
Presentano: Pino Carlomagno ed Adriano Bevilacqua.

A seguire buffet preparato dai volontari

cri44
Nella foto un’immagine di uno degli eventi organizzati in questi anni dalla Cri

Set 052015
 

Sabato 5 e domenica 6 settembre il Centro di civiltà dell’Aglianico ed Elaioteca del Vulture, a Venosa si animerà a suon di musica.
Nato un mese fa per volontà del Gal Sviluppo Vulture Alto Bradano con lo scopo di promuovere le eccellenze enogastronomiche del Vulture ( a cominciare ovviamente dall’Aglianico del Vulture, all’olio , al miele ) e del territorio, attraverso la partecipazione dei produttori e l’organizzazione di eventi aperti al pubblico, il Centro, denominato “DI OLIO DI VINO”, ospiterà il prossimo weekend due appuntamenti diversi fra loro, ma uniti dall’intento di raccontare in musica l’importanza di due grandi testimonial della storia e della cultura del Vulture : il vino, appunto, e il madrigalista Carlo Gesualdo.
Sabato 5 infatti sarà il cantautore pugliese Toni Santagata ( al secolo Antonio Morese) ad aprire il fine settimana in musica con il suo concerto “ Il vino del Dio Vulcano”, ideato proprio per celebrare il suo amato territorio del Vulture.
Infatti, seppur nato a Sant’Agata di Puglia, il cantautore da sempre dichiara il suo profondo legame con questi luoghi lucani, dove veniva sin da piccolo con suo padre. “ Non dimenticherò mai- afferma Toni Santagata- quando appena arrivato in zona volevo abbeverarmi direttamente alle fonti naturali di acque minerali, e le lunghe passeggiate in quei luoghi magici che sono i laghi di Monticchio”.
Il concerto, con inizio alle 21.00 è aperto al pubblico, e libero fino ad esaurimento posti.
Prima del concerto, una delegazione di giornalisti e operatori del settore enogastronomico, provenienti da Regno Unito, Lituania, Danimarca, Usa, Belgio e Polonia, e guidato in tour dalla Master of Wine Michele Shah, si fermerà al Centro di civiltà dell’Aglianico per conoscere le maggiori aziende di olio e di vino qui riunite. Il loro tour alla scoperta delle eccellenze paesaggistiche ed enogastronomiche del Vulture inizierà oggi, 4 settembre, e proseguirà fino alla sera della domenica 6, passando per il Castello di Venosa, il Parco Archeologico, il Parco delle Cantine di Barile, il Castello di Melfi, ed alcune aziende.
Proprio domenica 6, sempre al Centro Di Olio di vino si terrà un altro appuntamento in musica : alle 19.00 infatti con il concerto Promenade “ il gusto della musica”, a cura degli studenti della G.A.I.A.M dell’Accademia Mahler. Dopo la prima parte, i musicisti si sposteranno per la prosecuzione presso il castello Pirro del Balzo.

rionero-in-vulture-4618

Gen 112015
 

Si sono aperte ufficialmente le iscrizioni alla gara Ciaspolando Verso Sud, la seconda edizione della corsa amatoriale con le ciaspole (racchette da neve) che si terrà a Piano Ruggio di Viggianello (1530 mt slm), cuore del Parco Nazionale del Pollino, domenica 1 marzo 2015, su un perocorso ad anello di circa 5 km.

Ideata e organizzata dall’associazione sportiva Pollino Discovery e Infopollino Centro Escursioni, in collaborazione con lo Sci club di Rotonda, la manifestazione quest’anno vedrà come testimonial Ottavio Andriani, il maratoneta pugliese, che ha partecipato lo scorso novembre alla maratona di New York.

La manifestazione è unica nel Centro Sud Italia , tanto da spingere l’azienda veneta FTX, leader in Italia per la produzione delle Ciaspole, ad essere partner ufficiale di Ciaspolando Verso Sud.

Le prime iscrizioni a Ciaspolando Verso Sud sono già arrivate.
L’invito a partecipare alla manifestazione non è rivolto solo agli sportivi ma anche a tutti coloro che vorrano vivere una domenica sulla neve alla scoperta dei luoghi più belli del Parco del Pollino.
Infatti le attività e le escursioni con le ciaspole sono tra le attività di successo portate avanti da albergatori e operatori turistici del Pollino. Basti pensare che nel periodo delle vacanze natalizie appena trascorse oltre 1000 turisti hanno svolto escursioni con le ciaspole sui sentieri delle montagne di Viggianello e Rotonda. Gli albergatori del posto sono già pronti ad offrire per il week-end 28 Febbraio e 1 Marzo pacchetti turistici a coloro che vorranno vivere questa esperienza unica sulla neve del Pollino.

Con questa iniziativa, spiegano gli organizzatori, candidiamo il Pollino ad essere, per gli appassionati degli sport invernali, il Paradiso delle Ciaspole.

Maggiori informazioni su regolamento e iscrizioni su www.ciaspolandoversosud.it

ciaspolando verso sud 2015

Ago 182014
 

Vi è stata una grande partecipazione popolare all’evento organizzato dall’associazione Proloco Kaleidos di Lagonegro il 16 ed il 17 agosto 2014. In evidenza gli emigranti nella meravigliosa cornice del centro storico lagonegrese. Ospite speciale della serata l’attore Beppe Covertini.


Alcuni momenti dell’iniziativa con i discorsi ufficiali


Le interviste: Maria Di Lascio, Vincenzo Filpi, Luca Falabella, Elisabetta Ferrari, Gianmarco Cattolico, Beppe Covertini, Domenico Mitidieri, Paola Olivo, Donata Manzolillo, Vito Di Lascio


Il corto realizzato dai giovani di Lagonegro Asia Alberti, Giuseppe Falabella, Francesco Lauria e Paola Olivo su un’idea di Donata Manzolillo

Ago 052014
 

Un monumento rurale – la “fontana di basso” di Senise – testimonial innanzitutto dell’eccezionale valore dell’acqua per la comunità che ospita sul proprio territorio la più grande diga d’Europa in terra battuta, oltre che simbolo della vita sociale, economica e delle tradizioni popolari, è il protagonista del Primo Premio “Senise Storia nell’Acqua” che sarà presentato a Senise il 7 agosto prossimo in una conferenza stampa (ore 11, nei pressi della “fontana di basso”). L’iniziativa dell’Associazione culturale “Sinapsi” è finalizzata a promuovere il territorio e a valorizzare le aree sottoutilizzate, attraverso un’attenta analisi storico-antropologica e sociologica di aspetti ed ambiti delle comunità locali. L’idea – spiega Giusy Chiaradia, tra i promotori – parte dal 2010 quando si è svolto uno studio sul ruolo che hanno avuto i monumenti rurali urbani più comuni (LE FONTANE, GLI ABBEVERATOI e i lavatoi) disseminati nel comune di Senise, quali custodi storici della vita sociale, economica e culturale del ‘900.
Nel 2010 si scelse proprio la fontana raffigurata in contrada Rotalupo a Senise come anfiteatro naturale per uno dei convegni della manifestazione “Comunicamente Basilicata” Fiera dei comuni. La manifestazione (che vide la presenza di 63 comuni lucani e 400 operatori delle municipalità rappresentate, nonché istituzioni e 10.000 presenze di cittadini di tutta la regione, in un percorso virtuale di Basilicata in miniatura) fu l’occasione, grazie anche allo sforzo volontario dei cittadini, di riqualificare e ripulire quel monumento in grave stato di abbandono sino ad allora. Si è inaugurato così un filone di ricerca che ha portato ad avere dettagli storici di memoria umana, materiale fotografico ed analisi scientifiche circa quella fontana ed altri punti di interesse nel comune di Senise. Ad oggi la rivalutazione è ancora affidata alla volontà privata ed alla sensibilità delle Istituzioni che in questo periodo hanno dimostrato attenzione all’iniziativa ed al monumento attivando rete per la manutenzione e sanificazione fra tutti l’area programma senisese Pollino, il comune ed il Parco Nazionale del Pollino.
L’Associazione culturale “Sinapsi” – evidenzia Chiaradia – si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’interesse alla riqualificazione e valorizzazione di uno fra i maggiori simboli della vita della comunità di Senise come esempio della maggioranza delle comunità rurali del nostro mezzogiorno. Con tale motivazione e grazie alla collaborazione di Regione Basilicata, Parco Nazionale del Pollino, Acquedotto lucano, Comune di Senise, GAL la Cittadella del Sapere, organizza il I Premio “Senise Storia nell’Acqua” rivolto ad architetti paesaggisti, ad artisti e designer di tutta Europa attraverso una rete attivata dalla dott.ssa Francesca Perrone che ha curato le schede tecniche del concorso. Ma non si ferma al concorso di idee: si punta attraverso la risorsa acqua a Senise a promuovere un circuito di turismo didattico (e non solo) che passa dal ruolo dell’acqua ieri, oggi attraverso un tour tecnico presso la diga di Montecotugno a finire al museo dell’acqua per rilanciare l’economia locale a partire dagli itinerari enogastronomici e da quelli culturali-ambientali. Si registra dunque una stretta sintonia con il secondo bando relativo alla Misura 323 nell’ambito della chiusura del Piano sviluppo rurale 2007-2013 e che riguarda appunto la riqualificazione del patrimonio culturale e paesaggistico delle aree rurali. Il progetto ,con la ratio del Glocal inoltre, si pone l’obiettivo di sensibilizzare i decisori ed attori del turismo scolastico regionale a preferire itinerari numerosissimi ed eccellenti del territorio regionale.

senise