Flash Feed Scroll Reader
set 272013
 

I coordinamenti provinciali Pdl di Potenza e di Matera ed il coordinamento regionale di Forza Italia, si sono riuniti a Potenza esprimendo la comune e sincera solidarietà al presidente Silvio Berlusconi vittima di una persecuzione giudiziaria che da venti anni lo coinvolge con l’obiettivo di eliminare la guida politica del centro destra italiano che ha rappresentato e rappresenta milioni di italiani che lo hanno liberamente e ripetutamente scelto. I parlamentari lucani, il sen. Guido Viceconte e l’on.Cosimo Latronico hanno spiegato le ragioni delle loro dimissioni presentate questa mattina alle rispettive Camere per denunciare il tentativo sempre più scoperto di alterare le stesse norme regolamentari per espellere prima possibile il leader del centro destra dal Parlamento stesso, venendo meno a modalità che avrebbero richiesto percorsi di garanzia e di rispetto della dignità delle persone. “Confidiamo ancora che la saggezza delle istituzioni e delle forze in campo capiscano che la partita non riguarda solo il presidente Berlusconi – hanno spiegato Viceconte e Latronico – ma il destino della democrazia e della civiltà di questo nostro Paese”.

( 13112011-MM9 ) ROMA: BAGNO DI FOLLA PER SILVIO BERLUSCONI A PALAZZO GRAZIOLI

set 132013
 

L’anno scorso il giudice Ferdinando Imposimato con il Procuratore della Repubblica di Lagonegro Vittorio Russo arrivarono al Banxhurna di San Paolo Albanese per parlare del caso Moro e delle indagini del giudice Imposimato titolare dei primi tre “processi Moro”. Il materiale raccolto durante l’incontro assieme a ricerche ulteriori e all’intervento del giudice Antonio Esposito, Presidente di Cassazione che di recente ha emesso la sentenza contro Silvio Berlusconi, è diventato uno spettacolo teatrale portato in scena da Ulderico Pesce che domani 14 settembre debutterà a San Paolo Albanese. L’evento già andato in scena in anteprima nazionale a Cassino e trasmesso in diretta streaming sul sito de l’Unità, dopo San Paolo Albanese sarà visto a Roma dal 3 dicembre e a seguito in giro per l’Italia. “E’ molto bella che l’idea di questo spettacolo –ha detto Ulderico Pesce- sia nato in uno dei Comuni più piccoli d’Italia, San Paolo Albanese, dove risiede il Centro per la creatività Banxhurna dove siamo riusciti a portare tra i maggiori rappresentanti della Magistratura italiana. Da San Paolo e dalla nostra terra parte un lungo viaggio grazie al quale porteremo in giro per l’Italia un pezzo importante e non ancora chiarito della storia della nostra Repubblica che deve servire da monito per la classe politica che ci governerà.”.

APPROFONDIMENTO SULLO SPETTACOLO
Il titolo dello spettacolo è “moro” con la “m” minuscola a voler sottolineare che nel cognome del grande statista c’è la radice del verbo “morire”. Come se la “morte” di “Moro” fosse necessaria per bloccare energie politiche alternative a quelle in auge e per lasciare spazio alle carriere di alcuni suoi colleghi. Moro sente che “altri” vogliono la sua morte e lo scrive in una delle ultime lettere che fanno da laight motive dello spettacolo: “Il mio sangue ricadrà su di voi, sul partito, sul Paese. Chiedo che ai miei funerali non partecipino né Autorità dello Stato, né uomini di partito. Chiedo di essere seguito dai pochi che mi hanno voluto veramente bene e sono degni di accompagnarmi con la loro preghiera e con il loro amore”.
Il racconto scenico parte dai fatti del 16 marzo 1978 quando fu rapito Aldo Moro e furono uccisi gli uomini della scorta: Raffaele Iozzino, Francesco Zizzi, Domenico Ricci, Giulio Rivera e Oreste Leonardi.
Raffaele Iozzino, unico membro della scorta che prima di morire riuscì a sparare due colpi di pistola contro i terroristi, era di Casola di Napoli e proveniva da una famiglia di contadini. Raffaele, alla Cresima, aveva avuto in regalo dal fratello Ciro un orologio con il cinturino in metallo. Ciro, quella mattina del 16 marzo era a casa e casualmente in televisione vide l’immagine di un lenzuolo bianco che copriva un corpo morto. Spuntava da sotto al lenzuolo soltanto il braccio con l’orologio della Cresima. Questa è l’immagine emblematica che ricorre più volte nelle video proiezioni, questa immagine è la radice prima del dolore di Ciro, protagonista dello spettacolo. Questo dolore diventa rabbia, e questa rabbia lo spinge a rintracciare il giudice Imposimato titolare del processo al quale chiede di sapere la verità. Sarà il rapporto tra Ciro e il giudice, strutturato su questo forte desiderio di verità, a rendere chiaro al pubblico che ad uccidere Moro e i giovani membri della scorta furono i più alti esponenti dello Stato italiano con la collaborazione dei Servizi segreti americani.
Nello spettacolo assume una funzione altrettanto importante l’incontro e l’amicizia tra Ciro Iozzino e Adriana, la sorella del poliziotto Francesco Zizzi, altro membro della scorta di Moro, proveniente da Fasano in provincia di Brindisi, che quella mattina del 16 marzo era al suo primo giorno di lavoro sostituendo la guardia titolare che la sera prima, “stranamente”, era stata mandata in ferie. Francesco, diventato da poco poliziotto, aveva una grande passione per la chitarra e cantava le canzoni di Domenico Modugno, pugliese come lui e come lo stesso Aldo Moro che, in macchina, quella mattina, affrontava gli ultimi giorni della sua vita, ascoltando Zizzi che cantava “La Lontananza” di Modugno.

L’ingenuità e la leggerezza dei membri della scorta irrobustiscono la disperata determinazione di Ciro Iozzino nella ricerca della verità. Questa ricerca lo porterà di fronte a molte “stranezze” portate avanti da statisti come Giulio Andreotti e Francesco Cossiga. Tra le “stranezze” scoperte e denunciate da Ciro Iozzino nello spettacolo ne ricordiamo alcune: in genere un’ora dopo il rapimento di una persona le indagini venivano assegnate, come stabilito dal Codice di procedura penale, al giudice istruttore che a Roma, il giorno in cui avvenne la strage, era Ferdinando Imposimato. Invece le indagini, trasgredendo il Codice, rimangono nelle mani della Procura della Repubblica di Roma che le affida al giudice Imposimato solo il 18 maggio 1978 quando Aldo Moro è già stato ucciso da nove giorni.
Le “stranezze” denunciate nello spettacolo continuano. Il 31 gennaio del 1978, circa due mesi prima del rapimento Moro, nasce l’UCIGOS, un organismo di polizia speciale che va a lavorare alle dipendenze del Ministro dell’Interno che all’epoca era Francesco Cossiga. La famiglia di Iozzino non si spiega come mai nasca una squadra speciale di polizia investigativa senza l’autonomia che la Costituzione gli affida perché alle strette dipendenze di un ministero.
Qualche mese prima della strage di via Fani accade una cosa ancora più inspiegabile, viene smantellato l’Ispettorato antiterrorismo diretto da Santillo che aveva raggiunto risultati eccellenti contro i terroristi e contro la Loggia Massonica P2. Fatto fuori Santillo e la sua “squadra”, a indagare sul terrorismo, prima del rapimento di Moro, rimaneva solo l’UCIGOS, che era alle strette dipendenze del ministro Cossiga.
Altra cosa bizzarra scoperta da Ciro Iozzino nello spettacolo: uomini dell’ UCIGOS, ad agosto del 1978, erano già stati in via Montalcini nella prigione di Moro. Secondo alcuni documenti in possesso del giudice Imposimato è probabile che gli stessi uomini dell’UCIGOS sapessero della prigione di via Montalcini mentre Moro era ancora vivo. Perché gli stessi uomini dell’UCIGOS, che interrogano alcuni inquilini dello stabile dove è prigioniero Moro, non lo comunicano al giudice Imposimato anticipando la scoperta della prigione di due anni?
Ma la denuncia più consistente che Ciro Iozzino fa nello spettacolo riguarda le rivelazioni di Pieczenik, un esperto di terrorismo mandato segretamente in Italia dal governo USA per la gestione del caso Moro. Pieczenik fa delle rivelazioni di cui è in possesso il giudice Imposimato che diventano un momento importante dello spettacolo: “Quando Moro ha fatto capire attraverso le sue lettere che era sul punto di rivelare dei segreti di Stato e di fare i nomi di coloro che quei segreti detenevano, in quel momento mi sono girato verso Cossiga dicendogli che ci trovavamo a un bivio: se Moro potesse continuare a vivere o dovesse morire con le sue rivelazioni. La decisione di far uccidere Moro non è stata una decisione presa alla leggera. La decisione finale è stata di Cossiga, e presumo anche di Andreotti: Moro doveva morire.”

moro

set 032013
 

C’è una notizia forse non adeguatamente valorizzata: il Sen. Guido Viceconte, nel corso della conferenza stampa che abbiamo tenuto presso la Sala B del Consiglio regionale, ha firmato tutti i quesiti referendari. Li ha firmati tutti, anche quelli che dichiara di non condividere, perché – ha detto – occorre consentire agli italiani di potersi esprimere. Li ha firmati tutti e con Cosimo Latronico e Mariano Pici la macchina organizzativa del Pdl è impegnata da qualche ora a consentire che i cittadini lucani possano sottoscrivere l’intero pacchetto referendario. E’ questo, credo, un esempio di democrazia vera, che fa da pendant al nulla, ai silenzi e alle assenze che in questi mesi abbiamo registrato su altri fronti. Dove sono, mi chiedo, quelli che in teoria dovrebbero condividere l’obiettivo di una abrogazione del reato di clandestinità o di un cambiamento delle leggi sull’immigrazione? Dove sono quelli che a chiacchiere si dicono favorevoli all’abolizione del finanziamento pubblico o che criticano una legge sulle droghe, che fa finire nelle patrie galere migliaia di consumatori? Assenti ingiustificati. Ieri non hanno firmato perché se ne fotttono di temi che toccano la vita di milioni di persone, di un’intera comunità, il diritto e i diritti di tutti, e oggi sputano veleno e dicono che non firmano perché ha firmato Silvio Berlusconi. Davvero patetici!!! Patetici e figli di una cultura che nella storia ha prodotto solo disastri. Niente di più liberale, mi permetto di affermare, delle dichiarazioni rese da Guido Viceconte e dell’atto compiuto da Silvio Berlusconi. Niente di più vetero-comunista del veleno che sputano in queste ore coloro che sognano di vedere Silvio Berlusconi appeso a testa in giù. C’è una sinistra che soffre di una grave malattia: la berlusconite. E’ la sinistra che mette alla porta, da una festa dell’Unità, il tavolo referendario(è successo poche ore fa in provincia di Arezzo); è la sinistra che mai avrebbe detto firmo i referendum sulla giustizia anche se non sono d’accordo. E’ la sinistra di quelli che non sanno che Giovanni Falcone ebbe ad esprimersi a favore della separazione delle carriere dei magistrati. E’ la sinistra dei ricatti e che non perde mai il vizietto di utilizzare la clava giudiziaria. Sono quelli che vorrebbe farci credere che l’assenza di democrazia, Stato di Diritto, legalità sia imputabile solo e soltanto a Silvio Berlusconi e non figlia di un quasi settantennio partitocratico, che ha fatto strage di leggi, di diritto, di principi costituzionali, di norme e di regole che avrebbero dovuto governare la convivenza civile della democrazia italiana. Sono quelli abituati a criticare non gli atti, ma le persone. Sono i portatori sani e spesso inconsapevoli di una cultura che ha radici profonde e che ci ricorda quelli che plaudivano ai carri armati sovietici che stroncavano la primavera ungherese. Con chi ci sta proveremo a garantire una alternativa al miserevole e nauseabondo conflitto in cui siamo impantanati. Un’alternativa a chi vive in funzione del 9 settembre, a chi è sempre pronto ad impiccare il proprio nemico e nemmeno si rende conto che sta preparando la forca anche per se stesso. Per parte mia dico grazie a Guido, a Mariano e a Cosimo, e comunico che dalle ore 23.55 del due settembre ho ripreso lo sciopero della fame a sostegno degli obiettivi dell’iniziativa nonviolenta di Marco Pannella e, aggiungo, della giornata di digiuno e preghiera indetta da quel Papa Francesco, che ne sono certo firmerebbe almeno tre dei quesiti referendari del nostro pacchetto. In sciopero della fame con Marco e con Papa Francesco, che per dirla con Pannella aiuta anche noi Radicali.
Digiuno nonviolento per chiedere che il nostro Stato interrompa la flagranza di reato contro i Diritti Umani e la Costituzione; per chiedere che il nostro Stato rispetti la sua propria legalità; per chiedere Diritto, Giustizia, Amnistia, Libertà, Democrazia.
Digiuno nonviolento “per il diritto alla vita e la vita del diritto”, e per onorare questo Papa e la sua capacità di ascolto e dialogo e il suo monito contro la violenza dei Cesari.
Digiuno per affermare lo Stato di Diritto e per ribadire la necessità di un provvedimento di Amnistia per questa nostra Repubblica criminale.
Referendum per guadagnare 12 indispensabili riforme per questo nostro Paese, ad iniziare da quella che vorremmo disegnare con i “Referendum Tortora” e nella convinzione che il pacchetto giustizia riguardi anche buona parte degli altri sei quesiti. Ma ne parleremo, spero. Intanto c’è da firmare e da onorare l’art. 75 della Costituzione “più bella del mondo” da troppo tempo tradita e tradita in primis da chi ogni giorno la declama.
Maurizio Bolognetti

bolognetti_p

giu 282013
 

Il ritorno di Forza Italia sta entusiasmando quanti hanno aderito al progetto del cavaliere fin dal 1994. Le notizie del ritorno alle origine ha galvanizzato gli aderenti di Lauria che già da qualche giorno hanno issato fuori dalla sezione la bandiera politica che è entrata nel cuore di milioni di italiani. Mariano Pici ritorna dunque in grande stile ad occuparsi del partito dopo aver depositato in queste ore una interrogazione sulla bretella della SS 585 Fondo valle del Noce per via dei lavori ancora incredibilmente fermi.

pici