BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Lug 012018
 

Al via i corsi on line del progetto “Long Life Welfare: il volontariato a supporto della tutela e dell’autotutela”, iniziativa promossa dalle associazioni Anolf Cisl e Anteas Cisl e dal Centro Studi e Ricerche Idos con il contributo della Fondazione con il Sud, per la formazione di 30 operatori sociali di prossimità. Obiettivo del progetto è creare una rete di volontari per favorire l’accesso alle prestazioni socio-assistenziali alle due fasce più in crescita della società meridionale: pensionati e immigrati residenti. In Basilicata, infatti, risiedono oltre 126 mila persone over 65 e quasi 21 mila immigrati, stabilmente integrati nel tessuto sociale e lavorativo della regione, cittadini però non sempre consapevoli dei propri diritti previdenziali. Sei le regioni coinvolte (Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna) per un totale di 500 operatori da formare. Per il segretario generale aggiunto della Cisl Basilicata, Gennarino Macchia, “si tratta di una meritevole iniziativa per diffondere informazioni corrette e rendere concretamente fruibili le prestazioni sociali offerte dallo Stato italiano attraverso una rete di operatori sociali adeguatamente addestrati. In una società sempre più anziana e multiculturale – conclude il sindacalista della Cisl – solo attraverso una corretta informazione si può concretamente realizzare la piena cittadinanza delle fasce sociali più deboli”.

Giu 122018
 

La sessione estiva 2018 del mercato della Rinascita Lagonegro regala ai tifosi biancorossi la prima importante operazione in entrata. La Società lagonegrese ha infatti concluso nelle ultime ore le trattative per far vestire la maglia biancorossa ad un centrale di notevole spessore e molto gettonato nell’ambiente pallavolistico.
Le ultime tre stagioni a Tuscania – una delle formazioni che ha lottato sia per la Coppa Italia che per i play off e fermata solo ai quarti dalla vincitrice Siena- Lorenzo Calonico ha tanta esperienza alle spalle, acquisita militando prima nella B1 a partire dalla sua terra d’origine, l’Abruzzo, con il Pineto,passando poi in Sardegna, in Puglia e anche in Basilicata con la Virtus Potenza, fino alle ultime 4 stagioni in A2, una con Corigliano e tre con Tuscania.
Classe 81, Calonico sfiora i 2 metri ed è il primo tassello della campagna biancorossa che in questi giorni vede il direttore sportivo Tortorella e il tecnico Falabella al lavoro per portare atleti di rilievo nella città lucana che si appresta alla sua terza stagione in A2. “Calonico è un valore umano e tecnico importante per la nostra realtà – sono le parole del Presidente Nicola Carlomagno . Siamo orgogliosi di poterlo accogliere nella nostra società, sarà un tassello importante per noi, vista la sua esperienza e la sua caratura professionale. Abbiamo bisogno di lui per partire nella prossima stagione con entusiasmo e determinazione”.
“Sono contento di venire a Lagonegro- sono le prime parole del centrale – , è un’ottima società e io non vedo l’ora di ripagare la fiducia che ha riposto i me. Darò il 100% e non vedo l’ora di iniziare , sono sicuro – continua Calonico- che con mister Falabella lavoreremo bene”.
Primo tassello dunque in casa Lagonegro in attesa di conoscere gli altri di una campagna acquisti che si concluderà con il volley mercato che è in calendario il 17-19 luglio, quando verranno definiti gli organici e il calendario della Legavolley.
Paola Vaiano

Dic 312016
 

La fine di ogni anno coincide con il periodo in cui si tirano le somme sull’attività svolta ed è opportuno fare un sintetico bilancio sugli obiettivi e sui progetti che hanno visto l’associazioone Alad Fand di Basilicata in prima linea nella prevenzione e gestione della patologia diabetica.
Il 2016 è stato un anno di inteso e duro lavoro, un anno in cui il sistema sanitario regionale è stato oggetto di un lungo processo di riforma, che in questi giorni sta arrivando alle battute finali, un anno in cui in commissione regionale diabete abbiamo lavorato alacremente per il mantenimento dei livelli di assistenza per le persone diabetiche; ciò nondimeno, auspichiamo e lavoreremo perchè si proceda celermente all’implementazione della Legge Regionale 9/2010 per la realizzazione della Rete Diabetologica su tutto il territorio Regionale per abbattere le liste di attesa per le visite di controllo; per l’implementazione del Piano Regionale Diabete ( la Basilicata è stata la prima regione ad averlo recepito ) e, più in generale, per rendere meno difficoltosa la vita del paziente diabetico, attraverso la pratica attuazione del ” Manifesto dei Diritti e dei Doveri della Persona con Diabete ” ( anche questo recepito per primi dalla Basilicata ).
Oltre al lavoro in commissione diabete, la Fand di Basilicata ha inteso rafforzare la sua presenza sul territorio lucano, in particolare nelle aree più interne. Lo abbiamo fatto attraverso il progetto “Nuovi stili di vita”, finanziato con il bando Progetti Innovativi della Regione Basilicata, supportato dall’Istituzione Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Basilicata. Il progetto, redatto e dedicato al compianto amico Gerardo Cicchetti, ci ha visto protagonisti con altre associazioni presenti sul territorio in un opera di formazione e informazione nei plessi degli I.C di Laurenzana ed Albano di Lucania. E ancora, abbiamo girato la Basilicata in lungo e in largo presenziando a convegni e tavole rotonde per diffondere la cultura dei corretti stili di vita, dieta mediterranea, sport ecc ecc. Forte e proficua è stata la collaborazione con il personale medico delle strutture sanitarie regionali e, a tal proposito – tra tutte le attività – ricordiamo la bella esperienza dei campi scuola che abbiamo organizzato a Policoro e a Pignola dedicati ai ragazzi con diabete in età evolutiva ed ai loro genitori , a cui hanno partecipato delegazioni della Fand di Sardegna, oltre al Presidente Nazionale Fand Albino Bottazzo.
Ma il lavoro dell’Alad Fand di Basilicata non si esaurisce solo nel settore sanitario; l’associazione è presente e protagonista nello scenario dell’associazionismo responsabile lucano. L’Alad ha alla base del suo agire la ” Rete “. Costruire reti di collaborazione attiva con l’obiettivo di favorire un sistema di comunicazione che consente efficacia di interventi ed una generale catalizzazione di energie e di saperi. La collaborazione si ispira ai valori fondanti di trasparenza, responsabilità ed etica, in un quadro di solidarietà diffusa e di condivisione di saperi e di idee.
L’anno che ci apprestiamo a vivere ci vedrà protagonisti di nuove e avvincenti sfide a cui, come associazione, ci stiamo preparando con molta attenzione. Il rilancio delle politiche giovanili, l’adesione ai progetti di alternanza Scuola – Lavoro etc etc. La Fand di Basilicata si candida ad ospitare in Basilicata la prossima Assemblea Nazionale. Un omaggio a tutti i volontari lucani che instancabilmente lavorano per l’associazione e a cui va il merito di rendere l’Alad un associazione partecipata e presente a tutti i livelli in maniera egregia. L’Alad- Fand è presente nella Consulta del Volontariato dell’Aor San Carlo di Potenza, all’Assemblea del Volontariato, nel Forum regionale del Terzo Settore, nel Comitato di Gestione del Volontariato.
Lasciamo il 2016 con qualche certezza in meno e qualche consapevolezza in più; la consapevolezza che la Fand di Basilicata è come un maratoneta, passo dopo passo raggiunge i suoi obiettivi. Nel 2017 continueremo a correre…..

Il Presidente ALAD – FAND Basilicata
( Antonio Papaleo )

papaleo

Ago 072014
 

Nelle strade di Castronuovo di Sant’Andrea è in corso una piccola rivoluzione cromatica e culturale. L’Amministrazione Comunale – supportata dalla Pro Loco – sta infatti ospitando un gruppo di giovani artisti di fama e provenienza internazionale.

Alba Paz Escayo Menendez (Spaga), Nikola Srdic (Serbia), Lasha Makharadze (Georgia), Ana Zdravkovic (Serbia), Alejandro Casanova Barberán (Spagna), Nikola Avramovic (Serbia),Daniele Pillitu (Sardegna),coordinati dall’Associazione Culturale Noarte Paese Museo di San Sperate,stanno realizzando tre grandi murales.

Protagonista delle rappresentazioni è il Santo Patrono del paese, San’Andrea Avellino, riletto in chiave contemporanea e accompagnato dai giovani del paese e dalle bellezze naturali e architettoniche del territorio.

Le opere verranno inaugurate venerdì 8 agosto 2014 alle ore 21:00.

SONY DSC

SONY DSC

SONY DSC

Lug 222014
 

Soddisfazione a San Severino Lucano per il successo della nona edizione del “Trofeo dei Briganti del Pollino”, la gara di trail running. 260 i corridori che hanno percorso la tappa nel centro del Pollino provenienti da più di 60 società italiane, giunti da Piemonte, Lombardia, Sardegna, Veneto ed Emilia Romagna, oltre a quelle lucane. Il pedagogista francese Pierre De Coubertin, afferma il sindaco Franco Fiore diceva “-Lo sport è parte del patrimonio di ogni uomo e di ogni donna e la sua assenza non potrà mai essere compensata- ; Nelson Mandela, diceva invece che, – lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di ricongiungere le persone come poche altre cose. Ha il potere di risvegliare la speranza dove prima c’era solo disperazione-. Noi non abbiamo la pretesa di cambiare il mondo, continua il primo cittadino, ma di migliorare nei limiti del possibile la qualità della vita della nostra gente cercando in ogni modo di incrementare lo sviluppo socio economico e produttivo della nostra terra. Il Trofeo dei Briganti del Pollino, giunto ormai alla nona edizione, va in questa direzione, è per noi un’occasione non solo per animare una giornata ma per promuovere le nostre bellezze e peculiarità e insieme lo sport sano per una vita sana.” Fiore fa un plauso particolare alla “CorrerePollino” di Chiaromonte e al presidente Antonio Figundio, che annualmente promuove la gara di trail running in tandem con il Comitato Regionale Fidal di Basilicata. Da perfetto sportivo Figundio con determinazione e impegno ha conquistato anche quest’anno il traguardo del successo regalando a osservatori e corridori momenti di emozioni indimenticabili.

Antonietta Zaccara

san severino

 

Apr 212014
 

Nel 1987 una stella particolarmente luminosa fece incontrare a Perdasdefogu un gruppo di persone desiderose di impegnarsi per gli altri. Sull’asse Lauria-Acerno-Perdasdefogu presero forma una serie di iniziative e di eventi che lasciarono il segno. Perdas è un centro in provincia di Nuoro dalla grande tradizione, dalla straordinaria generosità e dalla dignità proprio del popolo sardo.


Il filmato propone alcune delle iniziative svolte nel 1987 a Perdasdefogu grazie all’impegno dell’associazione “Giovane Futuro”. Nel corso delle manifestazioni furono coinvolti molti centri isolani: Cagliari, Escalaplano, Jerzu, Tortolì…


Questo filmato contiene immagini sconsigliate ad un pubblico suggestionabile

Lug 282013
 

La bellisisma tenuta Fortunato ha ospitato il 27 luglio scorso una conferenza sulle case di terra cruda. All’incontro organizzato dal presidente del Centro di Educazione Ambientale per la sostenibilità lago di Montecotugno Pasquale Dragonetti hanno partecipato il presidente ed il segretario dell’associazione “Città della terra cruda” Gian Luca Becciu e Walter Secci.


La conferenza


Le interviste: Gian Luca Becciu, Pasquale Dragonetti, Giovanni Porsia

Lug 242013
 

“Il migliore nettare di Bacco e film d’autore, l’arte di grandi registi e il prodotto dei viticoltori di alcune delle più importanti aree enologiche italiane. Sono questi gli ingredienti fondamentali di Cinemadivino, la rassegna cinematografica che, fino alla fine dell’estate, porterà il grande schermo nelle aie delle cantine più suggestive di Emilia Romagna, Sardegna, Toscana, Piemonte, Trentino Alto Adige, Marche, Abruzzo, Umbria e Basilicata. Con un calice di buon vino in mano, sotto un cielo stellato e con i vigneti a fare da sfondo, gli spettatori si potranno gustare grandi film accompagnandoli alle migliori produzioni di ciascuna regione”.
Questo l’incipit del comunicato stampa che quest’anno presenta la manifestazione nazionale nata 10 anni fa in Romagna: Cinemadivino esordisce questa estate anche in Basilicata, la nona regione italiana ad ospitare la rassegna che consente di gustare in cantina i grandi film d’autore.
In Basilicata saranno tre le serate speciali di questa prima edizione organizzata da Raimondo Faraone Mennella di Vìcentroenologico di Tito: il 6 agosto al Centro per la Creatività di Tito, il 10 a Cantine del Notaio di Rionero in Vulture, per finire al Convento Wine Space di Barile il 22 agosto.
Di particolare significato la presenza a Tito, il 6 agosto, del connubio con Slow food Potenza: sarà ospite della cittadina lucana il fondatore e Presidente di Slow food Carlo Petrini, che ha tenuto a sottolineare come quest’anno abbiano “deciso di patrocinare e sostenere con tutta la rete Cinemadivino. L’idea di avvicinare due linguaggi differenti, come il cinema e il piacere gastronomico, l’intuizione che si possa far dialogare due mondi così distanti – ha concluso – ci ha conquistati”. Nell’occasione il sindaco di Tito, Pasquale Scavone, conferirà a Carlo Petrini la cittadinanza onoraria.
Il 10 agosto Cinemadivino sarà alle Cantine del Notaio di Rionero in Vulture ed il 22 al Convento Wine Space di Barile.
Per Lucia Serino, Direttore del Quotidiano, mediapartner della manifestazione, Cinemadivino “è la prova della forza delle convergenze parallele tra settima arte e Bacco”.
Secondo il Presidente del Gal Marmo Melandro, Michele Miglionico, l’evento rientra tra gli obiettivi istituzionali di promozione e valorizzazione del territorio.
Mette invece in evidenza la coincidenza della nascita di Cinemadivino con quella della Lucana Film Commission il Presidente della stessa LFC, Paride Leporace, che si dice lieto di iniziare un percorso parallelo mettendo in luce come proiettare film in suggestivi ambienti enologici fa riscoprire il gusto dello stare insieme.
Maggiori dettagli e il programma della manifestazione completo dei titoli dei film, delle location delle degustazioni, dei percorsi gastronomici e delle proiezioni saranno oggetto di una conferenza stampa-aperitivo che si terrà giovedì 1° agosto alle 19.30 presso la Vinoteca in Corso Umberto a Tito.
Le testate e i colleghi in indirizzo sono invitati a partecipare.
Angelomauro Calza

vino

Lug 032013
 

Dopo gli incontri in Sardegna, in Veneto e a Malta, il gruppo di lavoro sul progetto Leader di cooperazione transnazionale “ MeDIETerranea” si riunisce in Basilicata per mettere a punto il programma delle iniziative da realizzare nei diversi territori.

Il Meeting si svolge a Rivello, comune particolarmente sensibile alla tematica dell’alimentazione, già promotore dell’iniziativa che ha portato alla costituzione del Comitato Scientifico-Culturale per la “Definizione degli standard e la promozione della Dieta Mediteranea”, di cui fanno parte ricercatori, studiosi ed esperti delle diverse regioni italiane.

Obiettivo generale del progetto “MeDIETerranea”, che per la Basilicata ha come partner i Gal CSR Marmo Melandro e La Cittadella del Sapere, è promuovere e valorizzare la dieta mediterranea come stile di alimentazione sano e come fattore identitario e culturale delle popolazioni coinvolte.

Accrescere la consapevolezza e l’attenzione verso la dieta mediterranea consentirà di incrementare la domanda di prodotti tipici reperibili presso i produttori locali in primis da parte della stessa popolazione e, trasferito al comparto turistico, questo obiettivo contribuirà ad avvicinare gli operatori del comparto ristorativo e ricettivo/alberghiero ai produttori locali del comparto agroalimentare.

Le attività previste dal progetto spaziano dalla progettazione e realizzazione di un menù euro-mediterraneo, alla realizzazione di eventi itineranti sul tema della Dieta Mediterranea, alla pubblicazione/cartone animato sulla Dieta Mediterranea, al Festival della Dieta Mediterranea come simposio delle identità rurali e concorso gastronomico, ai laboratori di educazione alimentare per le scuole, alla Conferenza delle produzioni locali del Mediterraneo.

«L’iniziativa ha come obiettivo generale la promozione e valorizzazione della dieta mediterranea come stile di alimentazione sano delle popolazioni interessate», spiega Cristoforo Luciano Piras, Presidente del Gal Sulcis Iglesiente della Sardegna, capofila del progetto, «ma anche come fattore identitario e culturale delle popolazioni coinvolte, con particolare attenzione alle giovani generazioni. Si tratta di accrescere la consapevolezza e l’attenzione verso la dieta mediterranea e incrementare la domanda di prodotti tipici da parte del comparto turistico».

Rivello_panorama