Flash Feed Scroll Reader
ott 092015
 

Il 6 ed il 7 ottobre 2015 una delegazione si è recata ad Assisi per valorizzare il rapporto tra il Cardinale Brancati ed il Sacro Convento di Assisi. Il frate lauriota non solo si recò nella città di Francesco più volte in quanto segretario del generale dell’Ordine dei Minori conventuali, ma con il passare del tempo ne divenne anche protettore. A tal riguardo è significativa una lettera del 1681, “scoperta” proprio in occasione della visita, due anni prima della sua morte, nella quale rassicurava i frati di Assisi su alcuni dissidi promettendo un forte intervento presso il Vaticano. La delegazione ha vissuto due giornate all’insegna della straordinaria accoglienza ricevuta e da una emozione incomparabile: aver potuto osservare da vicino il volume contenente l’originale del “Cantico delle creature” posta nella biblioteca dei frati di Assisi. Nel corso della visita i frati hanno anche esaltato il rapporto speciale tra il cardinale lucano e San Giuseppe da Copertino.
La delegazione lucana, ricevuta con tutti gli onori nel Municipio di Assisi, è stata composta dal sindaco Gaetano Mitidieri, dall’assessore Giuseppe Iannarella e dal direttore di Palazzo Marangoni Vincenzo Cosentino. Nell’occasione è stato benedetto da Padre Mauro un ulivo di Assisi donato da una famiglia di Lauria che sarà piantumato nel cortile di Palazzo Marangoni dall’Arcivescovo di Cosenza-Bisignano Mons. Francesco Nolè. Le immagini proposte sono in presa diretta.

Il saluto del Sindaco di Assisi Antonio Longhi

La cerimonia di benedizione con il Custode del Sacro Convento Padre Mauro Gambetti

Nella bibioteca del Sacro Convento di Assisi

Visita al Municipio di Assisi

Il meglio della visita

lug 312015
 

Nella mattinata del 31 luglio 2015 si è riunito il Consiglio Comunale di Lauria. Ecco di seguito l’ordine del giorno:
1) Approvazione verbale seduta consiliare del 29 aprile 2015;
2) Approvazione Autonomo Piano Finanziario relativo ai lavori di estendimento della rete idrica nelle frazioni di Castagnara e San Giuseppe Inferiore. Variazioni al Piano triennale 2015(2017 ed elenco annuale 2015 al Bilancio 2015/2017.

mar 022015
 

Il 28 febbraio 2015, in occasione dell’evento “La storia si racconta, il coraggio di parlare”, l’attrice Eva Immediato ha narrato la storia di “Sole Luna e Telia”, scritta da Giambattista Basile allorquando fu governatore nelle terre di Lagonegro (1621-1622). Questa storia è diventata in seguito, grazie ai fratelli Grimm, la famosissima favola della “Bella addormentata nel bosco “. All’incontro svoltosi a Lagonegro promosso dalla Castagna Ra Critica con L’avvocato Milena Falabella e dalla parrocchia di San Giuseppe guidata da padre Salvatore Mancino hanno partecipato Luisa Comitino presidente dell’Ordine lucano degli assistenti sociali e Cinzia Marroccoli presidente di Telefono donna – casa delle donne Ester Scardaccione.

ago 282014
 

L’associazione “La forgia del Sinni” ha proposto il 27 agosto 2014 in piazza San Giuseppe un spettacolo che ha ripercorso i momenti salienti della storia cittadina: dai certosini di San Nicola, ai briganti, fino all’emigrazione e alla segheria Palombaro. Il pubblico ha gradito l’evento applaudendo convintamente il lavoro del sodalizio.

La rappresentazione in presa diretta

Gerardo Giottoli della segheria Palombaro

Storie di emigrati

lug 282014
 

Quest’anno sono stati trecentododici i partecipanti al Piccolo Cammino di Santiago che si è svolto a Lauria domenica scorsa venti luglio. A questi vanno aggiunti tre esponenti delle forze dell’ordine, due carabinieri e un vigile urbano oltre ad altri partecipanti più anziani, come la signora Stella Mercuro e la signora Teresa Mandarino che hanno utilizzato il pullman messo a disposizione dell’amministrazione comunale. Il dato è certificato dall’impegno di Antonio Petraglia che ormai è stato proclamato contatore ufficiale all’altezza della Chiesa della Sanità. Questi i numeri dell’edizione 2014 di una manifestazione che sempre di più si sta affermando come una delle più importanti che si svolgono a Lauria nel corso dell’anno. L’itinerario Storico religioso è stato organizzato dal Comitato di San Giacomo e dall’Associazione Più stiamo e meglio stiamo. Da segnalare l’impegno straordinario di Giuseppe Guerriero e Raffaele Papaleo. Per la prima volta i partecipanti oltre al caratteristico cappellino rosso hanno ricevuto in dono la Carta del Pellegrino, uno stampato da conservare su cui timbrare le partecipazioni annuali nello stile e nell’esempio di quanto avviene nel più prestigioso cammino di Santiago di Compostela. Alla partenza avvenuta di prima mattina da Piazza San Giacomo è stato presente anche il sindaco di Lauria Gaetano Mitidieri. Alcuni esponenti della giunta hanno invece partecipato all’intera camminata: Lucia Carlomagno, Donato Zaccagnino e Giuseppe Iannarella. I componenti del comitato San Giacomo quest’anno si sono presentati con una polo bianca stilizzata con l’immagine dei due campanili, Lauria e Santiago, realizzata dall’artista Paolo Amoroso anche lui presente alla manifestazione. Per la terza volta ha partecipato anche il settantacinquenne Dante Zullo, lagonegrese di origine, di nazionalità francese, che vive a Tolosa in Francia e che per ben due volte ha fatto in passato l’intero cammino di Santiago, milleseicento chilometri a piedi. Un percorso leggermente meno faticoso del solito , circa nove chilometri, che si è concluso prima delle tredici con la preghiera e il saluto del parroco Don Franco Alagia davanti alla statua di San Giacomo. Tappe obbligate: La chiesa di Santa Veneranda, La Chiesa di Sant’Elia, quella di San Giuseppe, dove gli abitanti del posto ci hanno fatto trovare il tradizionale buffet, l’area della sorgente Fiumicello, la Chiesa di Sant’Antonio di Padova. Ottimo e particolarmente apprezzato, data l’ora, il secondo buffet nella zona di Sant’Antonio. La vera perla della giornata la visita alla Chiesa di San Giovanni Battista dove è stato possibile ammirare per la prima volta l’affresco quattrocentesco scoperto da poco e che è in corso di restauro da parte della Soprintendenza ai Beni Artistici. “Alla luce del panorama che abbiamo vista a Sant’Elia – ha detto in una riflessione il seminarista Nicola Caino – ci siamo accorti di essere un puntino dinanzi a tanta grandezza. E ci accorgiamo che l’uomo ha un’esigenza: è proteso verso l’assoluto. Sia se uno crede in Dio sia se non crede comunque si mette in cammino . Oggi siamo stati un popolo che ha camminato insieme e siamo stati una bella comunità”.
Pasquale Crecca

Collage fotografico a cura di Pasquale Crecca

mar 172014
 

La Pro Loco di Tortora propone, per il terzo anno consecutivo, la “Frustulitata di San Giuseppe”, mercoledì 19 marzo, in via Santo Stefano, località Poiarelli a Tortora.
“In passato -ha spiegato Angelo Montesano presidente Pro Loco Tortora- la legna raccolta nei campi, veniva accatastata e bruciata come segno propiziatorio. Simbolicamente si voleva lasciare indietro l’inverno e festeggiare l’arrivo della primavera. Anche noi vogliamo riprendere questa tradizione benaugurale, in serata accederemo un falò che riceverà la benedizione da parte di don Antonio Pappalardo”.
La manifestazione avrà inizio alle ore 16,30 con la lettura di poesie e lettere dedicate ai papà, giochi per i più piccoli e un laboratorio di assemblaggio legna di recupero. Saranno inoltre presenti stand di artigianato locale.
Alle ore 20,00 si terrà la Santa Messa in onore di San Giuseppe e la benedizione del fuoco.

La serata sarà animata da musica, balli popolari, dolci tipici, stand gastronomici e giochi per i bambini.

Alla manifestazione, patrocinata dal Comune di Tortora, prenderanno parte anche diverse associazioni del territorio, la Protezione Civile, la Croce Rossa, il Centro anziani, il Centro Arianna Onlus, l’Associazione Teniamoci per Mano e le scuole primarie e secondarie del territorio.

Pro loco