Flash Feed Scroll Reader
lug 132015
 

Il tesoro di San Giacomo

Lauria, domenica 19 luglio 2015

Ritrovo: ore 8,15 in Piazza San Giacomo

Partenza: ore 8.30
Percorso: Piazza San Giacomo, Via Palestro, Porta e Cappella di San Gaetano, Via Cairoli, Via Cerruto, Cappella della Sanità, Santa Veneranda, Via Casaletto, Santa Maria dei Suffragi (Purgatorio), Piazza del Popolo, Monumento ai Caduti, Piazza dell’Ammiraglio, Piazzetta degli Operai, Cappella di San Giovanni Battista, Palazzo Sanseverino, Via del Precursore, Via San Severino, Casa del Cardinale Brancati, Chiesa e Convento dell’Immacolata,Via Fontana, Via Pietra Grossa, Chiesa Madre di San Giacomo Apostolo Maggiore.
Santa Messa delle ore 11.00. La Partecipazione libera e gratuita per tutti

I tre chilometri dell’itinerario saranno percorsi al ritmo di una passeggiata. Nei punti di particolare interesse è prevista una breve sosta. Il percorso presenta le salite e le discese tipiche dei vicoli di Lauria. I minori devono essere accompagnati da un adulto autorizzato. Si consiglia di portare uno zainetto con il necessario per una passeggiata della durata di circa 2h30’. In particolare è bene avere: un cappellino per proteggersi dal sole, scarpette da ginnastica per i più piccoli e una bottiglietta di acqua da ½ litro. Il percorso può essere fatto anche parzialmente in modo da consentire una partecipazione ampia e libera.

LAURIA è ricca di cappelle e chiese: tesoro religioso e culturale da valorizzare.
Ma il vero ‘TESORO DI SAN GIACOMO’ è rappresentato dai GIOVANISSIMI che, crescendo, si inseriscono nel tessuto sociale della comunità fino a divenirne i continuatori.
Percorrere INSIEME le strade del paese rappresenta l’occasione per collegare le generazioni e invitarle a collaborare per il BENE COMUNE. E’ compito degli adulti tramandare le tradizioni ed infondere nei giovani fiducia nel futuro. Anche così si contribuirà a diminuire la nuova ondata migratoria che porta via da Lauria tante forze giovani e preziose.

A cura di

PIU’ SIAMO MEGLIO STIAMO

Info: RAFFAELE PAPALEO. Tel. 335.82.61.187
e-mail papaleolauria@libero.it

WEB Locandina Tesoro 2015

lug 282014
 

Quest’anno sono stati trecentododici i partecipanti al Piccolo Cammino di Santiago che si è svolto a Lauria domenica scorsa venti luglio. A questi vanno aggiunti tre esponenti delle forze dell’ordine, due carabinieri e un vigile urbano oltre ad altri partecipanti più anziani, come la signora Stella Mercuro e la signora Teresa Mandarino che hanno utilizzato il pullman messo a disposizione dell’amministrazione comunale. Il dato è certificato dall’impegno di Antonio Petraglia che ormai è stato proclamato contatore ufficiale all’altezza della Chiesa della Sanità. Questi i numeri dell’edizione 2014 di una manifestazione che sempre di più si sta affermando come una delle più importanti che si svolgono a Lauria nel corso dell’anno. L’itinerario Storico religioso è stato organizzato dal Comitato di San Giacomo e dall’Associazione Più stiamo e meglio stiamo. Da segnalare l’impegno straordinario di Giuseppe Guerriero e Raffaele Papaleo. Per la prima volta i partecipanti oltre al caratteristico cappellino rosso hanno ricevuto in dono la Carta del Pellegrino, uno stampato da conservare su cui timbrare le partecipazioni annuali nello stile e nell’esempio di quanto avviene nel più prestigioso cammino di Santiago di Compostela. Alla partenza avvenuta di prima mattina da Piazza San Giacomo è stato presente anche il sindaco di Lauria Gaetano Mitidieri. Alcuni esponenti della giunta hanno invece partecipato all’intera camminata: Lucia Carlomagno, Donato Zaccagnino e Giuseppe Iannarella. I componenti del comitato San Giacomo quest’anno si sono presentati con una polo bianca stilizzata con l’immagine dei due campanili, Lauria e Santiago, realizzata dall’artista Paolo Amoroso anche lui presente alla manifestazione. Per la terza volta ha partecipato anche il settantacinquenne Dante Zullo, lagonegrese di origine, di nazionalità francese, che vive a Tolosa in Francia e che per ben due volte ha fatto in passato l’intero cammino di Santiago, milleseicento chilometri a piedi. Un percorso leggermente meno faticoso del solito , circa nove chilometri, che si è concluso prima delle tredici con la preghiera e il saluto del parroco Don Franco Alagia davanti alla statua di San Giacomo. Tappe obbligate: La chiesa di Santa Veneranda, La Chiesa di Sant’Elia, quella di San Giuseppe, dove gli abitanti del posto ci hanno fatto trovare il tradizionale buffet, l’area della sorgente Fiumicello, la Chiesa di Sant’Antonio di Padova. Ottimo e particolarmente apprezzato, data l’ora, il secondo buffet nella zona di Sant’Antonio. La vera perla della giornata la visita alla Chiesa di San Giovanni Battista dove è stato possibile ammirare per la prima volta l’affresco quattrocentesco scoperto da poco e che è in corso di restauro da parte della Soprintendenza ai Beni Artistici. “Alla luce del panorama che abbiamo vista a Sant’Elia – ha detto in una riflessione il seminarista Nicola Caino – ci siamo accorti di essere un puntino dinanzi a tanta grandezza. E ci accorgiamo che l’uomo ha un’esigenza: è proteso verso l’assoluto. Sia se uno crede in Dio sia se non crede comunque si mette in cammino . Oggi siamo stati un popolo che ha camminato insieme e siamo stati una bella comunità”.
Pasquale Crecca

Collage fotografico a cura di Pasquale Crecca

giu 042014
 

L’estate policorese 2014 muove i suoi primi passi già nel mese di giugno, con l’uscita del “Preview di Siritidestate 2014” e delle manifestazioni del mese. Con la splendida manifestazione di “Balloon – Festa del Fumetto” e l’inizio dei “Giochi in Magna Grecia”, infatti, lo scorso fine settimana ha segnato l’inizio delle manifestazioni estive di Policoro. “E’ per noi fondamentale – dichiara l’Assessore al Turismo Massimiliano Padula – pubblicizzare al meglio le tante manifestazioni che già in questo mese sono presenti in città; ed è la conferma che Policoro ha una vitalità importante che ci permette finalmente di iniziare l’estate a Giugno”. “Avere un anticipo di cartellone – prosegue Padula – ci permette di poter approfittare degli ospiti già presenti nelle strutture di tutta l’area metapontina”. Il programma prevede anche altri appuntamenti già a partire da prossimo week-end, che vedrà importanti appuntamenti nella cittadina ionica: infatti oltre che le tantissime manifestazioni sportive legate ai Giochi in Magna Grecia, si terrà, ai Giardini Murati, la seconda edizione di “Mostra Mediterranea” dopo il grandissimo successo del primo anno.

Gli altri eventi di giugno in programma:
- 20/21/22 Giugno – P.zza Segni – “Fiera d’Estate”.
- 23 Giugno – Giardini Murati – Concerto della “Big Band” del Conservatorio Duni di Matera.
- 28/29 Giugno – P.zza P. Minozzi, – prima Festa di San Giovanni Battista e Festa di Gesù Maestro.

Dal 29 Giugno al 4 Luglio, Policoro ospiterà il “Trofeo delle Regioni di Volley” con atleti provenienti da tutte le regioni italiane.

6x3siritiestate2014

2 siritidestate giugno 2014

lug 302013
 

L’associazione Mediterraneo di Lauria ha tributato l’omonimo premio al dottor Attilio Maurano, personalità di rilievo nel campo della tutela dei beni culturali in Basilicata. Il dirigente, nella bellissima location rappresentata dalla chiesa di San Giacomo contenente lo stupendo coro ligneo di metà ’500, ha evidenziato la necessità di un’attenzione costante al recupero dei beni culturali. Ha infine assicurato grande attenzione alla chiesetta di San Giovanni Battista a Lauria.

La motivazione del Premio Mediterraneo all’Ing Attilio MAURANO – Direttore Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Basilicata
Per il forte contributo dato in vent’anni di attività in Basilicata, prima come Soprintendente per i Beni Architettonici e paesaggistici e da tre anni e mezzo come direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici, per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale e la tutela delle bellezze paesaggistiche della regione.
Un esempio da ricordare: dopo il terremoto del settembre 98’ che colpì l’area sud della Basilicata, in sole ventiquattrore attivò una cinquantina di interventi urgenti per la messa in sicurezza degli edifici di culto danneggiati dall’evento sismico.
Poi se vuoi aggiungere qualcosa su Lauria, “SOTTO LA SUA DIREZIONE è STATO QUASI COMPLETATO IL RECUPERO E RESTAURO DEL PATRIMONIO CULTURALE NEL LAGONEGRESE” e dopo meno di un anno dal terremoto del 26 ottobre 2012 che colpì l’area lucana del Pollino, ha fatto sì che nel prossimo mese di agosto inizieranno i lavori di messa in sicurezza di tutti gli edifici di culto danneggiati da quell’evento sismico.

lug 302013
 

Il 27 luglio si è svolta la prima giornata del Premio Mediterraneo. Pasquale Crecca ha moderato il seminario sul’antico casato dei Sanseverino. A discuterne Giovanni Celico, Vincenzo Del Duca, Pietro Maniscalco, Raffaele Papaleo. Nel corso del confronto a più voci Pino Iannarella della Soprintendenza e il restauratore Giuseppe Pittella hanno evidenziato il grande ritrovamento affiorato nella chiesetta di San Giovanni Battista a Lauria: uno splendido affresco databile intorno al 1400 posto al di sotto di un’altra opera pittorica del ’500. Infine, è stata presentata la rivista culturale “Ruggero”.

lug 132013
 

Quarta edizione del Piccolo Cammino di Santiago che si svolgerà a Lauria il 21 luglio prossimo.L’iniziativa è a cura di: Più siamo meglio stiamo e Comitato di San Giacomo. Ecco di seguito il programma.
Ore 7,30 ritrovo in Piazza San Giacomo. Ore 8,00 partenza
Percorso dell’itinerario storico-religioso:
Piazza San Giacomo, Via Palestro, Porta San Gaetano, Via Cairoli, Via del Precursore, Cappella di San Giovanni Battista, Piazzetta degli
Operai, Piazza dell’Ammiraglio Ruggiero, Piazza del Popolo, Monumento ai Caduti, Monumento a San Giuseppe da Copertino, Chiesa di
Santa Maria dei Suffragi (Purgatorio), Via Casaletto, Cappella di Santa Veneranda, Via Cerruto, Chiesa di Santa Maria della Sanità (XVI
sec.), Edicola della Madonna del Carmine, Tronomanco (tratto difficoltoso), Cappella di Sant’Elia (sul monte Armo), Taverna del Postiere,
Chiesa di San Giuseppe, SS 19 delle Calabrie, Stazione Ferroviaria di Lauria, Galleria, Ponte di Ferro, Casello Pastorella, Cappella Divina
Pastora, area Cimitero Lauria Sup., SS 19, Cappella di San Ferdinando, Taverna, Via Carlo Alberto, Carbonaro, Chiesa di San Nicola,
Cappella del Beato Domenico Lentini e Cappella di San Vincenzo, Cappella di Santa Veneranda, Porta di Ferro, Vecchio Carcere, Quartiere
San Giovanni , Via Cardinale Brancati e Chiesa Madre di San Giacomo Apostolo Maggiore.
Importante: è indispensabile avere un abbigliamento adatto al trekking poiché si attraversano tratti con erba alta. In particolare è bene
avere: scarpette alte; pantaloni lunghi; calzini lunghi; maglietta a maniche lunghe; un cappello per proteggersi dal sole; una torcia elettrica;
un ombrellino; una piccola colazione e 1,5 litri d’acqua. I minori devono essere accompagnati da un genitore o da un adulto autorizzato.

Informazioni: RAFFAELE PAPALEO 335.82.61.187 papaleolauria@libero.it
GIUSEPPE GUERRIERO 329.83.95.831 guerrieroilrano@libero.it

4

 

lug 092013
 

Il geometra Pino Iannarella del Ministero per i Beni e le Attività Culturali con il restautore Giuseppe Pittella ci descrivono quanto sta emergendo in una chiesetta posta nel centro storico del rione inferiore di Lauria denominata “San Giovanni Battista”. In particolare la cura di alcuni dettagli pittorici fanno emergere sotto l’affresco del ’500 un altro dipinto ancora più antico.

ago 242012
 

Diacono dal 7 gennaio di quest’anno, Antonio Appella, classe 1977, è originario di Fardella (PZ). Sarà ordinato presbitero domani (sabato 25 agosto) nella Chiesa parrocchiale di Sant’Antonio di Padova in Fardella da S. E. monsignor Francesco Nolè, vescovo di Tursi-Lagonegro. La celebrazione dell’Eucaristia avrà inizio alle ore 18.00.

Conseguita la laurea in Lettere classiche alla Sapienza in Roma, si è specializzato in Archeologia presso la Prima Scuola per Archeologi della Sapienza. Ha vissuto gli anni della formazione di Seminario presso l’Almo Collegio Capranica e percorso l’iter filosofico-teologico presso la Pontificia Università Gregoriana e conseguito la licenza in Archeologia sacra presso il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana.

Don Antonio ha svolto il suo ministero diaconale nella Città eterna nella Parrocchia San Giovanni Battista De Rossi, offrendo un servizio particolare a favore del Movimento Apostolico Cieci.

Eserciterà il suo ministero sacerdotale nella Parrocchia di San Giuseppe operaio in San Brancato di Sant’Arcangelo (PZ).

Domenica mattina presiederà la Santa Messa solenne nella medesima chiesa.

Nel pomeriggio monsignor Nolè sarà presente a San Brancato di Sant’Arcangelo per incontrare gli operatori pastorali e le aggregazioni laicali della cittadina. Occasione per presentare loro il nuovo quadro pastorale che contraddistinguerà il lavoro dei sacerdoti e l’impegno di religiose e fedeli laici, all’indomani della partenza dei Padri Teatini.

Dopo quarant’anni di permanenza significativa nella Diocesi (sono a Caprarico dal 1972) e incisiva in termini sostanziali nel tessuto religioso e sociale della Val d’Agri, la Congregazione religiosa già un anno fa, non riuscendo più a garantire la propria presenza anche a Sant’Arcangelo per esigenze numeriche, ha chiesto a Padre Vincenzo Cosenza e a Padre Igino Rosin di recarsi rispettivamente a Palermo e a Morlupo.

Mons. Nolè lo scorso anno ha ottenuto, a norma del Codice di Diritto Canonico, il protrarsi della permanenza dei Padri per un altro anno, rinviando di fatto di dodici mesi la loro partenza.

Sin dal 1975 i Padri, il cui ordine è stato fondato da San Gaetano Thiene, lo stesso del conterraneo Sant’Andrea Avellino, hanno curato la parrocchia di San Brancato, allora realtà rurale e oggi realtà vivace e popolosa, ricca di numerose famiglie giovani e di attività commerciali. Durante il tempo della loro permanenza sono riusciti ad avere in consegna la venerata effige lignea della Madonna di Orsoleo dalla Soprintendenza di Matera, che fino allo scorso anno, quando è ritornata nella sua sede naturale del Santuario, è rimasta nella chiesa di San Giuseppe in San Brancato.

Giovedì 6 settembre, nel contesto della Novena della Madonna di Orsoleo, il saluto della Comunità cittadina ai Chierici regolari e la presentazione del giovane sacerdote novello a cui il Vescovo affiderà incarico di operare in unità pastorale con don Cesare Lauria, per un’azione sinergica tra le due parrocchie del Centro storico e quella di San Brancato.

 

 

don Giovanni Lo Pinto