Flash Feed Scroll Reader
gen 052016
 

Il 28 dicembre 2015 si è celebrata a Lauria una nuova seduta di Consiglio Comunale. Ecco l’ordine del giorno:
1) Ratifica delibera di Giunta Comunale n.128 del 27/11/2015 avente ad oggetto: “Variazione al Bilancio di previsione esercizio finanziario 2015″;
2) Approvazione autonomo Piano Finanziario relativo ai lavori: “Programma di interventi dell’Unione Lucana del Lagonegrese”. Variazione al Piano triennale 2015/2017 ed elenco annuale 2015;
3) Approvazione autonomo Piano Finanziario relativo ai lavori di “Ristrutturazione di Piazza del Popolo e Largo Plebiscito”. Variazione al Piano Triennale 2015-2017 ed elenco annuale 2015;
4) Permesso di costruire in deroga ai sensi dell’art. 25 delle N.T. di A del PRG – Ditta Lombardi Giuseppe;
5) Nomina revisore contabile unico per il triennio 2016-2’18;
6) Suddivisione Umi n.20 – comparto n.9 ditta. Marchese Nicola Gerardo ed altri.

nov 122015
 

La Rete Degli Studenti Medi Sant’Arcangelo, lo scorso 9 novembre, ha inviato un esposto circa le condizioni dell’istituto “C.Levi” di Sant’Arcangelo, all’Ufficio Edilizia Scolastica della provincia di Potenza.
Nell’esposto, sono state documentate fotograficamente le condizioni della palestra dell’Istituto scolastico santarcangiolese. La palestra presenta danni alla copertura con conseguenti infiltrazioni di acqua e umidità, che aumentano esponenzialmente in condizioni meteorologiche avverse.
Viste le condizioni precarie che compromettono la salubrità e la sicurezza, oltre che il normale svolgimento delle lezioni, il Sindacato Studentesco richiede una perizia tecnica ed il repentino ripristino dell’ambiente scolastico.
Ancora una volta, la realizzazione di un piano che preveda la ristrutturazione e la messa in sicurezza degli istituti scolastici è sempre più incombente e necessaria.

foto s.arcangelo 1

gen 162015
 

Il 16 gennaio a Roma c’è stato un incontro tra i vertici di Italia Turismo, una delegazione del Comune di Pisticci e alcuni imprenditori lucani interessati alla riapertura del complesso turistico della costa ionica.
L’incontro segue una serie di interlocuzione tra Comune e proprietà che è stata avviata immediatamente dopo la chiusura del Villaggio turistico.
Dopo un lunghissimo lavoro di circa tre anni sembra siano maturate le condizioni per restituire al turismo lucano, che si gioverà tra l’altro dell’attrattiva di Matera Capitale Europea 2019, l’importante struttura ricettiva non solo per il periodo estivo ma per l’intero anno puntando sulla destagionalizzazione di flussi turistici.
La delegazione del Comune di Pisticci, capeggiata dal Sindaco Dott. Vito Di Trani, sottolinea la disponibilità mai venuta meno di Invitalia e dei suoi Dirigenti, e manifesta ottimismo e determinazione nel poter dare finalmente risposta ai lavoratori della struttura pisticcese e all’economia della zona in considerazione delle positive ricadute date dalla presenza di turisti in tutti i giorni dell’anno. La soluzione che appare a portata di mano metterebbe a frutto nell’immediato anche le somme di denaro pubblico fin qui utilizzate nell’opera di ristrutturazione del complesso turistico pisticcese avviato da qualche tempo.
Per il Comune di Pisticci sono stati presenti all’incontro, oltre al Sindaco, l’Assessore al turismo Geom. Antonio Sassone, l’Avv. Anio D’Angella legale del comune e il Tecnico Ing. Salvatore Giannace.

pisticci

nov 192014
 

L’impegno dell’Amministrazione comunale finalizzato alla riapertura Villaggio turistico ex Club Med non è mai cessato e diversi gli incontri che si sono svolti proprio su interessamento del Sindaco Dr. Vito Di Trani.
Ricordiamo che presso la struttura turistica sono stati avviati, da parte della proprietà, degli interventi di ristrutturazione, necessari ad un suo riposizionamento commerciale, il cui costo è stimato in circa € 19,6 milioni.
Allo stato sono stati portati a termine i lavori di demolizione interni ai corpi di fabbrica, è stata completata la progettazione esecutiva, in linea con gli standard architettonici e funzionali definiti a livello internazionale, ed è stato realizzato il primo lotto di nuove reti di impiantistica primaria funzionali al blocco alloggi.
Attualmente i lavori sono fermi ed il blocco è determinato, a dire di Italia Turismo, dalla mancanza dell’intera copertura finanziaria. Diverse sono state le interlocuzioni dell’Amministrazione Comunale, con Italia Turismo, Invitalia e il Ministero allo scopo di coinvolgere partner interessati al progetto per poter finalmente riaprire il complesso turistico; in tal senso si deve registrare anche la forte attenzione della Presidenza della Giunta Regionale di Basilicata.
Tra gli operatori turistici coinvolti vi è anche Valtur che, interpellata dal Sindaco con una nota, ha manifestato l’interesse alla gestione della struttura ricettiva di Marina di Pisticci informando che è in corso uno studio di fattibilità dell’operazione.

pisticci3

ott 022014
 

Con un finanziamento regionale di circa 180mila euro, ed in tempi c.d “ europei” di appena tre mesi per la realizzazione completa dell’opera, e’ stato integralmente riqualificato, dopo circa 30 anni, il palazzo degli uffici del comune di episcopia. La grande struttura,appollaiata ai piedi del castello angioino, che ospita attualmente il municipio, la scuola secondaria inferiore , l’ufficio postale, ed il coordinamento di area delle pp.tt., e la centrale comunale della telecom, era stata costruita circa un trentennio addietro,e, peraltro, si colloca in pieno centro urbano e rappresentava, anche urbanisticamente, alla vista ci chi circolava nella sottostante superstrada sinnica, un vero e proprio pugno nell’occhio: per lo stato di logico degrado in cui versava, a causa del trascorrere del tempo.
con la sua integrale coibentazione, il rifacimento completo della copertura e degli infissi e la ristrutturazione degli interni, oltre che ovviamente alla ritinteggiatura ,rispettando un corretto piano colore, si e’ raggiunto il duplice risultato, di avere una migliore fruibilita’ degli uffici pubblici e scuole da parte degli utenti, in uno al contenimento dei consumi elettrici e di riscaldamento, quantificati dai tecnici, nell’ottica del 30 % almeno. Fiore all’occhiello dell’opera realizzata infine, l’utilizzo, ai fini del rispetto ambientale, di materiali del tutto naturali, quali il sughero, ottimo isolante naturale, che ora ricopre l’intera struttura.
Soddisfazione, per la bella riuscita dell’opera, ha espresso il sindaco Biagio Costanzo, anche per essere riusciti a rispettare i termini di realizzazione dell’opera, molto ristretti, trattandosi di fondi europei da consumare rapidamente a pena di revoca e di restituzione dei finanziamenti pervenuti: un grosso plauso, quindi, va ai tecnici ed alle imprese realizzatrici.

biagio costanzo

set 062014
 

Lagonegro è da sempre città di sport e di sportivi. Nel 2014 abbiamo raggiunto e consolidato risultati di rilievo: dalla promozione della Polisportiva Rinascita Volley nel Campionato nazionale maschile di pallavolo B1 al permanere nel Campionato di calcio di Eccellenza lucana della ASD Soccer, dal trionfo di Lucia Mitidieri al campionato italiano di atletica leggera sulla distanza dei 1.500 metri alle entusiasmanti vittorie nelle competizioni ciclistiche di Denise Falabella, dai buoni risultati di Nicolò Cosentino nei campionati di tennis regionali under 8 fino alle affermazioni promettenti ottenute da tutti gli atleti e le atlete di Lagonegro nelle varie discipline sportive (calcio a 5 femminile, calcio a 5 maschile, altre pratiche agonistico-sportive).
Di questi e di altri obiettivi sportivi conseguiti, Forza Italia di Lagonegro ne va fiera e si complimenta con i protagonisti e con le associazioni sportive locali, i quali costituiscono un grande patrimonio per la nostra comunità.
Nonostante ciò, la maggioranza di centrosinistra ha trascurato le strutture e gli impianti sportivi di Lagonegro che, ad oggi, risultano in stato di degrado e di abbandono.
Il Palasport necessita di consistenti interventi di manutenzione straordinaria e ordinaria; il campetto di calcetto a Rione Rossi è incustodito, la qual cosa consente ai fruitori occasionali di andarci a giocare senza permesso e senza pagare (in assenza di minimi ed essenziali requisiti di sicurezza); lo stadio comunale “G. Rossi” (pista di atletica, manto erboso, tribuna, spogliatoi, ecc…), una volta fiore all’occhiello di Lagonegro, ha bisogno di considerevoli interventi di ristrutturazione, miglioramento e manutenzione. Per di più, al campo sportivo si accede senza controlli né regole e le attività sportive (di singoli e associati) si svolgono in assenza dei basilari requisiti di sicurezza.
Sul fronte degli IMPIANTI SPORTIVI in particolare, CHIEDIAMO ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI COLMARE I MACROSCOPICI RITARDI NELLE POLITICHE DI INVESTIMENTO E MANTENIMENTO DELLE STRUTTURE COMUNALI, guardando anche ad esperienze nuove di collaborazione con il mondo delle associazioni e delle imprese e cercando di ottimizzare la gestione degli impianti in modo da salvaguardare l’uso corretto delle strutture e il potenziamento delle funzioni di custodia oltre che promuovere un sistema che assicuri strutture idonee, funzionali ed efficienti.

750px-Forza_Italia.svg

ago 172014
 

Lunedì 18 agosto, nel corso della XXXVI sagra del “raskatiell” di Fardella (Potenza), che vedrà la partecipazione di Justine Mattera, un evento di grande suggestione legherà il nome del borgo lucano a quello di uno dei più grandi sceneggiatori e poeti al mondo, il Maestro Tonino Guerra.
Il “Comitato di Gemellaggio” di Fardella, attraverso la Presidente Mariangela Coringrato e la fattiva collaborazione di don Antonio Appella e Antonietta Latronico, ha fortemente voluto la redazione di un progetto che faccia conoscere Fardella e la Valle del Serrapotamo oltre i confini regionali, e oltre le consuete proposte turistiche.

Il progetto è stato affidato ad Alessandro Turco che da anni elabora e cura iniziative culturali in tutt’Italia. La sua idea è stata quella di ispirarsi alla visione poetica e onirica di Tonino Guerra, sceneggiatore di Fellini (con cui nel 1974 vinse l’Oscar per “Amarcord”), Antonioni, fratelli Taviani, Angelopoulos, Tarkovsky, che ha dedicato gli ultimi due decenni della sua vita alla Valmarecchia, in Romagna, popolandola di sogni e di racconti.
Il Maestro, fonte inesauribile di fantasia, ha lasciato molti suggerimenti su come far fiorire la bellezza nei luoghi della nostra Italia. Alessandro Turco ha proposto nel suo progetto, sostenuto da Lora, moglie russa del maestro e dal figlio Andrea Guerra, celebre compositore, la realizzazione di due dei “Progetti Sospesi” indicati dal Maestro romagnolo e d’intitolargli il Progetto per Fardella .

Lunedì 18, negli spazi della Villa Comunale, l’artista salentino Massimo Marangio, traendo spunto dai percorsi storici in Basilicata del poeta e pittore Carlo Levi, interpreterà i tratti poetici dell’autore piemontese, nello scenario paesaggistico di Fardella, realizzando una tela pittorica che donerà al Comune come prima opera delle cinque suggerite da Tonino Guerra nei “Progetti Sospesi”. Al termine dei lavori di ristrutturazione di un pregevole Palazzo storico di Fardella, sarà possibile completare la donazione, ed intitolare, proprio al Maestro, il nascente “Museo sospeso”.
Sempre lunedì, nell’ambito della performance pittorica, alle 18 sarà proiettato il docu di Adrio Testaguzza “Viaggio luminoso di una vita” perché si ascolti la voce del Poeta nella pietra, negli strati della memoria. Il musicista Luigi Marra, eseguirà alcuni brani di musica popolare salentina in omaggio a Tonino Guerra che, nella sua casa di Santarcangelo di Romagna, ha chiesto di ascoltare la pizzica, la musica della Taranta, poche ore prima di morire.
Nel corso della serata, oltre alla donazione dell’opera pittorica al Comune, lo scrittore Maurizio Nocera, racconterà al pubblico la sua esperienza di ascolto dei “fattarielli”, fatta a Fardella nelle scorse settimane. Tra gli uditori, il Sindaco ed una rappresentanza della città tedesca Rangsdorf, gemellata con il borgo lucano.
Nei prossimi mesi, sempre dedicato a Tonino Guerra, Alessandro Turco proporrà l’istituzione del “Museo frantumato”, altro “progetto sospeso” del poeta, che riguarderà l’intera valle del Serrapotamo, sull’esempio di quanto il Maestro ha realizzato in Valmarecchia.
Il Maestro amava moltissimo il Sud. In un videomessaggio di qualche anno fa, indirizzato ad alcuni amici di Matera, in occasione della sua mostra di opere pittoriche, auspicò che : “uno scoppio di vitalità poetica esploda nel Sud Italia, perché c’è un paesaggio ancora nuovo che il mondo ha bisogno di vedere, di capire … Vorrei che nascesse qualcosa di forte nel Sud, che la luce, per l’Italia, arrivasse da lì …, vorrei che scompaiano quelle forze di cattiveria con le loro ombre pesanti sulla Bellezza …” .
Fardella si candida ad essere uno dei “fari di Bellezza”, perché, come ha scritto Tonino Guerra, “se salviamo la Bellezza, salviamo noi”.

Ufficio stampa
Giuseppe Pascali

Tonino Guerra

giu 172014
 

“E’ noto a tutti che una fascia dell’abitato di Pisticci è a rischio di dissesto idrogeologico.
In questa fascia è collocata anche la chiesa di San Rocco, che è stata chiusa al culto perché interessata essa stessa da alcuni movimenti della sua struttura.
La privazione della chiesa costituisce per tutti i fedeli sempre di più motivo di amarezza, nonostante il tentativo di attenuare questa mancanza adibendo la sede dell’Associazione Feste Patronali San Rocco a cappella.
Ma a preoccupare maggiormente i fedeli e tutti i cittadini è soprattutto la situazione di dissesto idrogeologico, che, se trascurata ulteriormente, rischia di provocare una frana ben peggiore di quella verificatasi la notte di Sant’Apollonia, o di quella più recente del 1976.
Le Associazioni che direttamente fanno riferimento al Santo Patrono (l’Associazione Feste Patronali San Rocco, l’Associazione Cavalieri di San Rocco e l’Associazione Portatori di San Rocco), fortemente preoccupate dal rischio di una frana di parte dell’abitato e dalla sofferenza che le tradizioni religiose, popolari e culturali, espresse dalla pluricentenaria festa patronale di San Rocco, patiscono a causa della chiusura prolungata della chiesa di San Rocco, indicono una petizione popolare, il cui testo è riportato in calce, per sollecitare le autorità civili ad intervenire per dare inizio senza ulteriori indugi ai lavori di consolidamento dell’abitato e di quelli successivi di ristrutturazione della chiesa dedicata a San Rocco.
Si invitano vivamente tutti i fedeli e tutti i cittadini a sottoscrivere la petizione presso i punti di raccolta delle firme”.
Ass. Feste Patronali San Rocco – Ass. Cavalieri di San Rocco – Ass. Portatori di San Rocco

pisticci

apr 212014
 

Un contenitore di iniziative dedicate alla famiglia, questa sarà l’etichetta della prossima Fiera Campionaria “Città di Vallo” in programma alle Fiere di Vallo dal 30 aprile al 4 maggio. La prossima edizione, già profondamente modificata nel corso degli anni per stare al passo con l’evoluzione socio-economico e culturale del territorio, si è ulteriormente arricchita di nuove proposte e iniziative, sia dal punto di vista dell’offerta espositiva sia in termini di eventi collaterali. Oggi la manifestazione si presenta articolata in una serie di “Aree tematiche” dall’Area dedicata all’edilizia all’Area commerciale, dall’Area dedicata all’agricoltura all’Area spettacoli, fino all’Area degustazioni di prodotti Made in Italy. Per dare vita ad un “grande evento”, unico nel suo genere, lungo 5 giorni.

La XVII edizione della Fiera Campionaria “Città di Vallo” vuole mettere un punto e ripartire da una fiera che non sia solo un momento di business, ma anche di intrattenimento, cultura e valorizzazione del territorio e delle attività del’ intera provincia. Fiere di Vallo sta preparando un ricco carnet di offerte che possa soddisfare gli interessi e stimoli la curiosità di un pubblico variegato per ridare slancio all evento. Ogni anno la presenza di operatori qualificati, (150 espositori accreditati), e l’apprezzamento del pubblico, (oltre 20.000 visitatori nella passata edizione), la rendono una delle manifestazioni più importanti e apprezzate in Campania.

Un settore i crescente espansione…

SEM (Salone dell’Edilizia e della Meccanica), il salone dedicato all’edilizia e alla meccanica, rappresenta il principale punto di riferimento della Provincia per il settore, settore in crescente espansione, sia in termini economici che occupazionali in controtendenza con l’attuaele crisi economica. A questo evento parteciperanno: imprenditori, professionisti, costruttori, architetti, designers, rivenditori, distributori, societa’ manifatturiere, societa’ di costruzioni, ed altre industrie che presenteranno i loro prodotti e servizi. Tra gli obiettivi principali di SEM è il restauro e la modernizzazione, soprattutto in termini di ristrutturazione edilizia ad alta efficienza energetica.

Il Salone, giunto alla sua XIII edizione, è senza dubbio sempre più luogo di scambio, confronto e aggiornamento per operatori del settore che operano nell’ambito della riqualificazione e della conservazione del nostro patrimonio edilizio e architettonico. Il settore edile non è solo una colonna portante dell’economia territoriale, ma per quel che concerne la qualità, il know-how e gli aspetti legati al restauro, un comparto di tutto rispetto anche a livello nazionale. Presenti anche aziende produttrici di software per la progettazione e l’edilizia, il settore dell’arredo urbano, dell’antinfortunistica e della sicurezza nei cantieri.

Un edizione ricca di novità…

L’edizione 2014 della Fiera dell’Agricoltura, si presenta ancora più ricca e piena di novità, tra cui l’ampliamento degli spazi espositivi dedicati al comparto, una campagna promozionale più incisiva e strategica, finalizzata ad allargare il bacino di provenienza dei visitatori ed una partecipazione di aziende leader del settore.

Il Salone è l’osservatorio d’eccellenza della meccanizzazione agricola dell’intera provincia di Salerno, appuntamento fondamentale per tutti gli addetti del settore: agricoltori, operatori economici, contoterzisti, tecnici, ricercatori. Rappresenta, per gli agricoltori, un’occasione importante al fine di poter confrontare prodotti, servizi, macchine, innovazioni, offrendo un panorama completo anticipando le esigenze degli operatori e presentando prodotti innovativi, del settore agricolo.

La struttura delle Fiere di Vallo, rappresenta oggi per dimensioni il terzo Polo Fieristico del meridione, con i suoi 40.000 mq. urbanizzati di cui 6.000 mq. Coperti, è dotato di una Sala Convegni attrezzata, di un centro servizi a due livelli con Sale riunioni a servizio degli Espositori, di un ristorante, di un bar attrezzato, parcheggio interno, servizio bancomat, video sorveglianza e copertura Wi-Fi su tutta l’area espositiva.

La struttura è raggiungibile da Nord e da Sud tramite la Variante S.S.18 Cilentana, con uscita dedicata in corrispondenza dell’uscita Pattano, essendo il Centro Espositivo adiacente alla superstrada stessa.

Esiste un posto migliore per presentare le Vostre offerte della fiera Campionaria “Città di Vallo” la più importante e apprezzata dell’intera Regione? I vostri clienti Vi aspettano! Richiedete subito la Domanda di Adesione.

Michele Erra

tel. 0828.199.36.87 – mobile 338.474.28.69

michele@fieredivallo.it

testata_mail_news

mar 052014
 

Voglio solo ricordare – fa sapere Il Presidente del Consiglio Comunale di Policoro Gianluca Modarelli (FI) – al direttore Regionale dell’Inail, che la struttura periferica Inail di Policoro serve un territorio molto vasto e costituisce un presidio fondamentale per la popolazione dell’area Jonica. Ne consegue che l’eventuale chiusura provocherebbe innumerevoli disagi alla popolazione lucana. Ciò, infatti, costringerebbe tutti gli utenti ivi compresi quindi lavoratori, anziani, nonché le fasce deboli privi di mezzi, a dover raggiungere la città di Matera per usufruire di servizi che oggi sono “a pochi passi da casa”. La scelta di ristrutturazione degli uffici deve, pertanto, tener conto delle realtà dei singoli territori e deve attuarsi assicurando meno disagi possibili. Non può non tenersi conto di un dato di fatto, ovvero che lo svuotamento e la desertificazione di importanti presidi e punti di servizio pubblico compromette il mantenimento di servizi adeguati alle comunità, aggrava la situazione di crisi del territorio e rappresenterebbe, in ogni caso, un’ulteriore spoliazione e arretramento dei servizi per il cittadino. Dovrebbero, conclude – Modarelli – alla luce delle innegabili esigenze dell’utenza, essere rivisti gli interventi di riassetto promossi dall’ente. E ciò affinché l’assetto organizzativo risulti realmente finalizzato a rafforzare il ruolo di servizio ai territori, migliorandone qualità e fruibilità. Pertanto, la richiesta indirizzata al direttore regionale dell’Inal è quella di adottare ogni e più utile iniziativa volta a garantire il mantenimento ed il rafforzamento dell’organico degli sportelli Inail di Policoro in considerazione della vasta area di riferimento.

modarelli