BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Feb 192019
 

Domenica 24 Febbraio a Viggianello (Pz) evento unico nel Sud Italia: Gara Amatoriale e Raduno con le Ciaspole

E’ tutto pronto per la sesta edizione di Ciaspolando Verso Sud. Sulla neve con le ciaspole del Parco Nazionale del Pollino, ritorna domenica 24 Febbraio sulle montagne di Viggianello (Pz) l’appuntamento con la ciaspolata più grande del Sud Italia , unico evento per gli amanti della corsa sulla neve.

I partecipanti potranno cimentarsi in una corsa di 5 chilometri tra i prati imbiancati, oppure camminare un passo dietro l’altro, a ritmo rilassato, per una passeggiata con tutta la famiglia nell’aria frizzante di Piano Visitone di Viggianello, cuore del Parco Nazionale del Pollino.

Appuntamento ormai annuale dal 2014, Ciaspolando Verso Sud rappresenta uno dei migliori eventi sulla neve che si svolgono nel Parco Nazionale del Pollino.

Nata e ideata dall’Associazione Pollino Discovery, prendendo spunto dalla famosa gara del Trentino denominata “La Ciaspolada”, la manifestazione ha lo scopo di far conoscere il Pollino e in particolare le montagne in inverno per mezzo di un evento sportivo mirato ad ampliare la frequenza e la quantità di appassionati alla pratica delle ciaspole. La manifestazione viene svolta in collaborazione con Infopollino Centro Escursioni e lo Sci Club di Rotonda.

Il percorso di circa 5 km viene affrontato da centinaia di atleti e amatori che con le racchette ai piedi si cimentano tra boschi e sentieri innevati del Pollino.

Un richiamo dunque, quello dell’evento del Pollino, che interessa soprattutto i runners che hanno voglia di cimentarsi in una location insolita anche sul piano agonistico. Infatti partecipano ogni anno atleti provenienti soprattutto dalle regioni limitrofe (Puglia, Campania e Calabria) iscritti nelle associazioni sportive di atletica.

Ma Ciaspolando Verso Sud non è solo una gara agonistica, infatti l’organizzazione ha ben presente la propria mission: promozione del territorio e della cultura delle ciaspole. Ecco perché, parallelamente alla manifestazione, sul luogo saranno attive delle aree per i più piccoli in modo da poter far conoscere loro le racchette da neve accompagnati in escursione dalle Guide Ufficiali del Parco.

Sono previsti premi per i primi tre classificati della categoria agonisti maschile e femminile, che consistono in soggiorni nel Pollino, con l’intento di promuovere il territorio durante il periodo estivo.

Iscrizioni on line entro Venerdi 22 Febbraio 2019. Per informazioni www.ciaspolandoversosud.it – www.facebook.com/ciaspolandoversosud

Informazioni: Infopollino Centro Escursioni – Tel. 338.2333888 ciaspolandoversoud@gmail.com

Feb 052019
 

Anche il borgo di Guardia Perticara, partecipa alla ‘Marcia per la Cultura’ che si svolgerà venerdì 8 febbraio nei 131
affascinanti comuni della Basilicata. L’Amministrazione comunale della Valle del Sauro ha accolto con favore l’iniziativa proposta dalla Regione Basilicata,
l’UNICEF, l’Ufficio Scolastico Regionale MIUR Basilicata e altri 40 Partners, a
sostegno di Matera Capitale della Cultura Europea 2019 e finalizzata alla
conoscenza e valorizzazione del Patrimonio Culturale. E considera di estremo
interesse l’ispirazione al Programma Umanitario ‘VVV: Vivi una Vita che Vale’ e
al Programma di Turismo Emozionale ‘VCV: Viaggio al Cuore della Vita’
sottoscritti da Regione Basilicata, MIBACT, Istituto Nazionale d’Architettura,
Conferenza Episcopale di Basilicata e Sacro Convento d’Assisi.
Si tratta di un programma ambizioso rivolto essenzialmente alle scuole e ai
giovani della regione – veri protagonisti della rinascita culturale – che avranno il
compito di trascinare anche le comunità locali di appartenenza, nella
condivisione indispensabile dei valori e degli ‘stili di vita etico-sostenibili, sani,
corretti, armoniosi ed equilibrati.’ Il progetto, coordinato da Tomangelo Cappelli
– già coordinatore del progetto umanitario ‘Vivi una Vita che Vale’- si inserisce a
pieno nel programma di valorizzazione e promozione culturale del borgo di
Guardia Perticara, sempre più consapevole di attrarre i suoi visitatori nella
veste di ‘Borgo della Cultura’.
La parola magica ‘Cultura’ diventa portatrice di valori universali quali amore,
rispetto per sé e per gli altri, educazione, meraviglia quotidiana per la vita quale
straordinaria opera d’arte – fondamento della Civiltà Europea – che oggi più che
mai hanno bisogno di essere ravvivati. Lo stesso programma della giornata
guardiese dal titolo ‘La Cultura prende il Volo’ – realizzato e coordinato
dall’Associazione culturale ‘Voglia di Basilicata’ – trova la sua migliore
ispirazione nei programmi ‘Vivi una Vita che Vale’ e ‘Viaggio al Cuore della Vita’.
Le iniziative immergeranno i ragazzi dell’Istituto Comprensivo ‘Adriano Olivetti’ e
la comunità locale, in un ritorno alle origini della storia del borgo guardiese
attraverso un percorso emozionale che li riporterà al tempo degli Enotri – antichi
abitanti del territorio della Valle del Sauro – e nel vivo della loro affascinante
cultura, patrimonio indispensabile da recuperare per crescere nella società
contemporanea. Dopo un breve dibattito sulla Cultura quale cibo per la mente,
che avrà inizio alle 10.00 nella Sala Municipale, e un contemporaneo spazio
dedicato alla donazione di libri usati alla Biblioteca comunale – divenendo così
patrimonio della collettività – alle ore 11.00, si partirà in Marcia per la Cultura
verso Piazza Europa. Qui i campanili della Chiesa di San Nicolò Magno
suoneranno e la Cultura prenderà il volo!
Il programma dell’iniziativa è consultabile sulla pagina facebook: ‘Guardia
Perticara Turistica’

Feb 052019
 

Saranno sei gli appuntamenti in programma della edizione 2019 del Festival del Teatro Amatoriale di Rotonda. Il cartellone della manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale Arti Visive di Rotonda, giunta alla quarta edizione, prenderà il via sabato 9 marzo per concludersi il 4 maggio quando al Teatro “Selene” di Rotonda saranno premiati i protagonisti della kermesse nel corso di una cerimonia alla quale parteciperà, come madrina d’eccezione, l’attrice lucana Egidia Bruno.
Come nelle precedenti edizioni, saranno sei le Compagnie in gara, due pugliesi, due laziali e due campane.
Alcune saliranno sul palco del teatro rotondese per la prima volta, alte, invece, sono già note al pubblico rotondese per aver preso parte alle precedenti edizioni del Featival.
“Anche quest’anno, ha dichiarato il Direttore Artistico della manifestazione Silvestro Maradei, proporremo un carnet di spettacoli di qualità in linea con quanto già offerto nelle precedenti edizioni, sicuri di contribuire ancora una volta ad incentivare l’offerta culturale nel territorio in un periodo dell’anno povero di proposte di intrattenimento.
Questo il programma completo della manifestazione:

Festival del Teatro Amatoriale di Rotonda
Edizione 2019
Programma
9 Marzo 2019 – Ore 21,00: “AVENDO, POTENDO, PAGANDO” di Gaetano Di Maio e Nino Taranto
Regia di Angelo Di Vece
Compagnia Teatrale “IPERCASO” di Montecorvino Rovella (Sa)

16 Marzo 2019 – Ore 21,00: “TRE SULL’ALTALENA” di Luigi Lunari
Regia di Adriana Coletta
Gruppo Teatrale “AMICI NOSTRI” di Castellana Grotte (Ba)

23 Marzo 2019 – Ore 21,00: “L’OPERA DE PAZZE” di Salvatore Esposito “Pipariello”
Regia di Peppe Ciringiò
Compagnia Teatrale “PIPARIELLO” di Nola (Na)

6 Aprile 2019 – Ore 21,30: “IL NOME” libero adattamento de “Le Prénom” di De La Patellière e Delaporte
Regia di Roberto Percoco
Compagnia Teatrale “PICCOLO TEATRO G. NOFI”” di Terracina (Lt)

13 Aprile 2019 – Ore 21,30: “IL PAPA’ IN AFFITTO” di Silvano Picerno
Regia di Silvano Picerno
Compagnia Teatrale “LA BANDA DEGLI ONESTI” di Altamura (Ba)

27 Aprile 2019 – Ore 21,30: “OSPEDALE DEGLI INFERMI SCALZI (STANZA 327)” di M. e D. Canzano
Regia di Enzo Volpicelli
Compagnia Teatrale “L’IMPROVVISATA COMPAGNIA” di Latina

4 Maggio 2019 – Ore 21,00: Serata di Gala e Premiazioni
Ospite d’onore della manifestazione l’attrice EGIDIA BRUNO

Gen 292019
 

“Un pullman del trasporto pubblico regionale di Basilicata che trasportava studenti da Nova Siri a Policoro questa mattina si ferma per avaria: certamente non è una novità. Tempo addietro uno delle Autolinee Liscio Marconia-Novasiri- Rocca Imperiale pieno di studenti si incendiò sulla Statale 106 in direzione Nova Siri. Nei giorni a seguire assistemmo a dichiarazioni di esponenti politici di tutte le bandiere pronti a ‘cavalcare’ la notizia per processare l’ente Regione e chi l’ha Governata colpevole del mancato stanziamento dei soldi pubblici, chi addirittura già all’epoca voleva portare a Roma la situazione vetusta dei mezzi del Trasporto Pubblico lucano. Tutte chiacchiere che a distanza, un altro autobus fermo sulla strada statale 106 ionica all’altezza del Centro Enea Trisaia. Oramai è consuetudine in Basilicata: ennesimi episodi di pullman di linea rotti, fermi nel territorio lucano, non fanno notizia – dice il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano –. Sarà una denuncia, un ennesimo episodio dimenticato. Ma per l’Ugl è grave, non si può sottacere né tantomeno sottovalutare. La musica è la stessa e succede mentre si festeggia Matera 2019 Capitale Europea della Cultura, nella sua periferia a pochi chilometri di distanza. A questo punto l’Ugl pone una domanda: cosa bisogna aspettare, che ci scappi la tragedia prima che le Autorità competenti avviino un’immediata verifica dello stato di affidabilità degli autobus che circolano in Basilicata, dove si continuano ad utilizzare autobus che superano di gran lunga l’età massima di immatricolazione e che non conoscono un minimo di manutenzione? Crediamo che la politica di questa Regione dovrebbe realmente prendere in considerazione la situazione a conferma della vetustà e dell’inadeguatezza di diversi di questi mezzi. Bisogna togliere un po’ di responsabilità a chi la mattina mette in moto questi autobus e si avventura sulle strade lucane con la speranza di arrivare a destinazione. Valgono davvero così tanto gli interessi politici? Tanto da poter mettere a rischio la vita di centinaia di persone? Ai posteri l’ardua sentenza, per adesso possiamo ancora dire che questa mattina grazie al cielo è ancora andata bene così. Quanto accaduto mette in discussione la sicurezza dei viaggiatori, molti pullman non hanno più le caratteristiche per viaggiare in sicurezza quindi andrebbero ritirati: il nostro auspicio – conclude Giordano – è che le Forze di Polizia, che và il nostro ringraziamento per l’instancabile lavoro che quotidianamente svolgono, siano molto severe nel far rispettare a tutte le aziende codice e normative riguardanti il trasporto servizio pubblico e che il Prefetto di Matera finalmente intervenga”.

Gen 292019
 

Riparte “Di fiaba in fiaba” Il teatro ricomincia dai bambini. Teatri Uniti di Basilicata da anni porta al centro della scena il teatro dedicato ai ragazzi. Da gennaio ad aprile 2019 il Consorzio organizza 46 eventi tra matinée e pomeridiane nelle città di Potenza, Bella, Francavilla in Sinni, Melfi, Moliterno, Montescaglioso, Oppido Lucano, Policoro, Satriano, Venosa.

Un programma ricco che affronta temi diversi dedicati alla formazione del pubblico più giovane. Ad inaugurare “Di fiaba in fiaba” lo spettacolo “Abu sotto il mare” di e con Pietro Piva, musiche di Paolo Falasca, menzione speciale Premio Scenario Ustica 2017, una storia poetica sul tema dell’emigrazione. Il programma delle date è il seguente: 30 gennaio a Oppido in doppia replica mattutina, 31 gennaio a Bella e venerdì 1 febbraio a Moliterno. Sabato 2 febbraio alle 10.30 al Teatro Piccolo Principe sarà invece recuperata la data in programma il 28 gennaio e saltata per neve.

A seguire il programma delle pomeridiane “Famiglie a teatro”:

S’indaga sulle relazioni di scambio fra due generazioni, padre e figlio, adulto e bambino con lo spettacolo “Il piccolo clown” di Klaus Saccardo, Nicolò Saccardo e Natascia Belsito, con Klaus Saccardo e Nicolò Saccardosi. La storia di un piccolo clown che si ritrova un giorno lontano dalla propria casa, e si affida così alle cure improvvisate di un contadino, poco incline alle relazioni, soprattutto a quelle con i bambini. I due devono imparare a conoscersi, e a comprendere le esigenze l’uno dell’altro. Le figure del clown e del contadino rappresentano due mondi diametralmente opposti: da un lato il mondo adulto, concreto, fatto di terra e di ritmi che si ripetono, e dall’altro l’universo bambino di gioco e di scoperta in cui tutto è possibile. Lo spettacolo vede in scena un padre, attore professionista, con suo figlio, un bambino di sette anni. La vitalità del teatro attinge qui ad una relazione pura e significativa come quella tra padre e figlio, e l’abbandono della parola permette al percorso emotivo di irrompere sulla scena. (età consigliata dai 3 anni)
POTENZA 13 febbraio al teatro don Bosco (ore 18.30)
VENOSA 14 febbraio al teatro Lovaglio (ore 17.30)

Continua questa indagine su due mondi apparentemente contrapposti adulto e bambino anche con lo spettacolo “Pollicino” di Giacomo Ferraù, una produzione Eco di fondo con la collaborazione di Campo Teatrale – Selezionato da NEXT/laboratorio delle idee per la produzione e la distribuzione dello spettacolo dal vivo, edizione 2017/18. In scena Andrea Pinna, Libero Stelluti, Giulia Viana. Pollicino è diventato grande, non di statura, ma di età. Come succede a tutte le persone che cominciano ad invecchiare, anche lui ha iniziato incurvarsi e a rimpicciolire ogni giorno di più. Tuttavia, essendo sempre stato una persona, diciamo, di statura piccola ma molto piccola, insomma ridotta, il suo rimpicciolimento è molto più evidente. Pollicino ha un figlio alto, molto alto: il boscaiolo, con cui non è mai andato molto d’accordo. Un giorno però, padre e figlio si ritrovano sulla strada di casa… (età consigliata dagli 8 anni)
POTENZA 15 marzo al teatro don Bosco (ore 18.30)
SATRIANO 16 marzo al teatro Anzani (ore18.30)
MONTESCAGLIOSO 17 marzo al Cineteatro Andrisani (ore 16.30)

Le avventure dello scanzonato burattino di Collodi continuano ad entusiasmare i bambini di ogni generazione con lo spettacolo di danza “Pinocchio”, un balletto che nasce nell’ambito del progetto “Leggere per Ballare” con la regia di Arturo Cannistrà, Educational performer Grazia Cundari e le coreografie realizzate dalle scuole di danza Maria Taglioni Dance Project di Crotone, SAD – Studio Arte Danza di Crotone e la Scuola Internazionale di Danza di Carmen Biscardi di Rossano.
(età consigliata dai 6 anni).
POTENZA 18 marzo al teatro don Bosco (ore 20.30)

Il teatro dell’associazione Cà Rossa con lo spettacolo “Valentina vuole” ci insegna come crescere con coraggio. Piccola narrazione per attrici e pupazzi con Consuelo Ghiretti e Francesca Grisenti, pupazzi Ilaria Commisso, scene Donatello Galloni. Questa è la storia semplice di una bambina. Che è anche una principessa. Lei ha tutto. Vive in un posto sicuro, dove non manca niente. Ma è sempre arrabbiata e urla, urla sempre, perché tutto vuole sempre di più. Valentina Vuole. Forse le manca qualcosa. Ma cosa non sa. E i grandi? Sembrano non capire. A volte la cosa più importante è anche la più difficile da vedere e da trovare. E per farlo Valentina dovrà cercare nel mondo, perché è lì che bisogna andare per diventare grandi.
“Valentina Vuole” è una favola di desideri e sogni. Vizi, capricci e regole. E del coraggio che i piccoli e i loro grandi devono avere per poter crescere. Una storia di gabbie che non servono a niente, di frulli di vento e di libertà. (età consigliata dai 3 anni).
SATRIANO 13 aprile al teatro Anzani (ore 18.30)
MONTESCAGLIOSO 14 aprile al Cineteatro Andrisani (ore 16.30)

Da non perdere il capolavoro di “Zanna Bianca”. I registi Luigi D’Elia e Francesco Niccolini tornano nel luogo che amano di più: la grande foresta. Ma se cinque anni fa l’avevano raccontata con gli occhi di un bambino meravigliato e di un nonno esperto e silenzioso, questa volta rinunciano agli esseri umani e alle loro parole, per incontrare chi della foresta fa parte come le sue ombre, il muschio, l’ossigeno e ovviamente i lupi. Questo spettacolo, interpretato da Luigi D’Elia, ha gli occhi di un lupo, quando cucciolo per la prima volta scopre il mondo fuori dalla tana a quando fa esperienza della vita, della morte, dell’uomo, fino all’incontro più strano e misterioso: un ululato sconosciuto nella notte. E da lì non si torna più indietro. Nel grande Nord, al centro di un silenzio bianco e sconfinato, una lupa con chiazze di pelo color rosso cannella sul capo e una lunga striscia bianca sul petto, ha trovato la tana migliore dove far nascere i suoi cuccioli. Tra questi un batuffolo di pelo che presto diventerà il lupo più famoso di tutti i tempi: Zanna Bianca.
(età consigliata dagli 8 anni)
VENOSA 30 marzo al teatro Lovaglio (ore17.30)
SATRIANO 31 marzo al teatro Anzani (ore18.30)

INFO E PRENOTAZIONE BIGLIETTI
Per acquisti biglietti per spettacoli pomeridiani, i punti prevendita sono:
POTENZA:
Info&tickets, Viale Firenze 46
Tel. 0971-274704 / lun – ven ore 10:00 – 13:00 e 16:00 -19:00 / Sab ore 10:00 – 13:00

MONTESCAGLIOSO:
CineTeatro N.Andrisani, via Vincenzo Bellini 6
Tel. 0835-208046 / lun – dom ore 18.30 – 21.30

VENOSA
Teatro Lovaglio, via Roma 24
Tel. 0972-31233 / lun-ven ore 17.30 – 19.30
Associazione Etra, via San Marco 30 c/o Atredanza
Tel. 380-9060248 / lun – ven ore 17.30 – 19.30

SATRIANO
in via di definizione

PER TUTTI
Info&tickets Viale Firenze 46 – Potenza
Tel. 0971-274704 / lun – ven ore 10:00 – 13:00 e 16:00 -19:00 / Sab ore 10:00 – 13:00

Vendita online: www.infotickets.it

Le persone con disabilità avranno diritto all’ingresso gratuito, mentre i loro accompagnatori al biglietto ridotto.

E c’è di più. Per tutti quelli che acquistano il biglietto entro le ore 19.00 del giorno prima dello spettacolo è possibile risparmiare due euro. Infine, non bisogna dimenticare che conservando il proprio biglietto di uno spettacolo a cui si è assistito e presentandolo alle biglietterie degli altri comuni si ha diritto all’acquisto del nuovo biglietto a un costo ridotto.

Gen 162019
 

“Condividendo la strategicità di rendere davvero operative le ZES e le Zone logistiche Semplificate, ho lavorato insieme ai Senatori del Movimento ad una proposta di emendamento al decreto legge semplificazioni, che attui in concreto la semplificazione burocratica per queste zone. La proposta è stata presentata e, ora, ne attendiamo la sua approvazione per consentire finalmente alle Zone economiche speciale ed a quelle semplificate di cambiare marcia.” Lo ha detto il ministro per il Sud Barbara Lezzi, rispondendo, durante il question time alla Camera dei Deputati, ad una interrogazione sulle ZES.

“Ho avviato subito un dialogo costante e diretto con le Regioni, che hanno presentato o che stanno per presentare delle proposte di istituzione delle ZES, al fine di garantire che siano messe in atto concrete strategie di sviluppo del tessuto imprenditoriale coinvolto nelle diverse zone economiche.”

Illustrando lo stato di avanzamento delle Zone Economiche Speciali nelle varie Regioni, il ministro ha ricordato che “sono state istituite le prime due Zone economiche speciali nella Regione Campania e nella Regione Calabria, che nelle scorse settimane hanno completato l’iter di istituzione, grazie alla nomina dei componenti dei rispettivi Comitati di indirizzo. Inoltre, è in via di definizione la richiesta di istituzione della ZES Ionica (interregionale) Puglia – Basilicata, mentre è all’esame degli Uffici competenti del Ministero dell’Economia e delle finanze e del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, il Piano di sviluppo della ZES Sardegna. Segnalo, inoltre, che anche le Regioni Abruzzo e Molise stanno ultimando la stesura del Piano. La posizione del governo – ha concluso Lezzi – è proprio quella di favorire una politica volta a superare gli ostacoli e le numerose criticità che, fino ad oggi, hanno rallentato l’operatività di queste aree che rappresentano un’occasione di crescita e sviluppo per il nostro territorio.”

Gen 102019
 

Domenica 13 gennaio, a Sala Consilina, si riapre il sipario di ‘Teatro in Sala’, la storica rassegna che, con la stagione 2018-2019, giunge alla XXIII edizione.
‘Il gioco delle rose’ è il titolo dello spettacolo che sarà messo in scena dalla Compagnia Teatrale Costellazione, proveniente da Formia, in provincia di Latina, vincitrice del premio assoluto ‘Teatro in Sala’ nella scorsa edizione della rassegna.
‘Il gioco delle rose’, con drammaturgia e regia di Roberta Costantini e Marco Marino, è liberamente ispirato a ‘Romeo e Giulietta’ di William Shakespeare; la regia dello spettacolo ne riprende e amplifica a dismisura lo stile marcatamente visionario.
La vita e le vicende sono messe in scena come fossero un’immensa partita a scacchi, con le sue regole ferree e i suoi colpi di genio. La bicromia a due dimensioni della scacchiera si innalza in muri e torri, dove funamboliche pedine sgomitano per diventare qualcosa che trascenda il ruolo da loro indossato. Le figure degli scacchi diventano individui, immedesimandosi nella più grande tragedia d’amore del mondo: la vita e la morte di Giulietta e Romeo. Ecco, dunque, che la scacchiera vede e tratta Romeo come un uomo, ma a prestargli voce e corpo è una donna, che ci regala la possibilità di vedere questo amore contemporaneamente anche sotto un’altra prospettiva. In questa voragine, fatta di caselle bianche e nere, l’Amore, scardinando le regole, prova comunque a farsi strada, in ogni sua possibile e naturale espressione.
Dunque, domenica 13 gennaio alle ore 18:00 , sul palcoscenico del Teatro ‘Mario Scarpetta’ di Sala Consilina un grande classico del teatro mondiale, rivisitato dalla compagnia diretta da Roberta Costantini che ha rappresentato l’Italia in numerosi festival all’estero, dove ha conseguito numerosi premi. Una straordinaria occasione per vedere uno spettacolo di altissima qualità drammaturgica ed attoriale.
L’appuntamento con ‘Teatro in Sala’ sarà ulteriormente impreziosito dall’ospite che sarà il maratoneta estremo Giuseppe De Rosa di Sala Consilina, che racconterà le sue esperienze sportive e di vita in giro per il mondo.
L’associazione ‘I Ragazzi di San Rocco’, che cura la direzione artistica di ‘Teatro in Sala’, ricorda agli alunni dell’Istituto Pomponio Leto di Teggiano, dell’Istituto Marco Tullio Cicerone di Sala Consilina e dell’Istituto Carlo Pisacane di Padula, la possibilità di entrare a teatro al costo di un solo euro, una misura adottata in accordo con le scuole per promuovere la partecipazione dei giovani alle attività teatrali.

Gen 092019
 

“Registriamo con soddisfazione la convergenza di Cgil e Uil sulla posizione espressa nei giorni scorsi dalla Cisl sulla vicenda degli interinali Arpab e confidiamo che si possa sviluppare un’incisiva azione unitaria per dare stabilità ai lavoratori e alle attività dell’agenzia”. Lo dice il segretario generale della Cisl Basilicata, Enrico Gambardella, che chiede all’Arpab “l’avvio del confronto con le organizzazioni sindacali per superare l’attuale condizione di precarietà del masterplan e impostare un percorso concorsuale per inserire, secondo criteri di trasparenza e merito, le professionalità del masterplan nella pianta organica dell’ente in ragione delle aumentate esigenze di monitoraggio ambientale dei territori interessati dalle estrazioni petrolifere. L’obiettivo strategico è rendere l’agenzia pienamente operativa dal punto di vista delle risorse umane e della dotazione tecnologica e in grado di svolgere con la necessaria autorevolezza e indipendenza la propria mission istituzionale a tutela della salute dei cittadini lucani”.

Dic 032018
 

On. Liuzzi….
…… È a lei che scriviamo,
siamo mamme libere che urlano da tempo giustizia per la propria terra e di conseguenza per la salute!
Lei forse non lo sa, ma qui si muore!…
…. si!… si muore d’infarto, di cancro, di leucemia, bambini malati ogni giorno!
Non siamo dei tecnici, siamo semplici mamme, che le chiedono semplicemente, perché le è venuto in
mente di pretendere soldi in più dalle aziende petrolifere? Serve a ridurre l’inquinamento? Serve a non far
ammalare più i nostri figli, a non far vivere ad un bambino, l’ultimo respiro, della propria mamma, rubato
dal cancro? A non vivere col terrore che il proprio marito muoia d’infarto?
Ma poi, questa iniziativa, che vuole adottare con il suo emendamento, deve essere supportata da uno
straccio di studio, che dimostri quale saranno le ricadute per le compagnie petrolifere ed i benefici per un
territorio martoriato da devastazione , malati e morti. Ce l’ha questa relazione, o è un modo per farci
morire prima? Ci dica, continueranno ad inquinare pagando di più, o cesseranno i disastri in atto?
Bonificheranno la Basilicata dai veleni che hanno sparso in questi ultimi decenni nelle nostre amate Terre?
Abbiamo bisogno di incontri pubblici, assieme ai suoi sodali di partito, compreso il ministro Costa che ci ha
promesso di non lasciarci sole, per affrontare le infinite crisi ambientali, sociali, dell’agricoltura e del
turismo nel metapontino. Una legislazione l’ha già conclusa ma non la conosciamo di persona, come non
abbiamo avuto il piacere di confrontarci con gli altri parlamentari 5 Stelle eletti, a parte le “comparsate”
strettamente elettorali. Prende i voti, e la trasparenza tanto “sbandierata” fino alla nausea, va a farsi
benedire, onorevole Liuzzi? Avete il coraggio di guardare negli occhi i vostri elettori o volete trascorrere in
questa maniera indecorosa altri 5 anni di mandato a spese nostre? Vi aspettiamo tutti, portavoce Liuzzi,
però dovete venire a prendere la voce per portarla in parlamento ed al Governo.
Ci dica! Ci risponda! A cosa serve questo emendamento? A noi cittadini, sicuramente, non interessa! A noi
interessa VIVERE!
Lei dichiarava, prima di essere eletta NO AL PETROLIO, ci sono anche dei video, è stata votata per questo!
Era dalla parte del cittadino, adesso, cosa vuole fare? Noi mamme cosa dovremmo fare? Ci volete far
perdere la speranza?! Così facendo, non siete diversi dai precedenti governi, ma dimostrate di essere la
solita forza politica VOLTAGGABBANA che tradisce il proprio popolo per interessi più grandi, vogliamo
risposte, vogliamo che continui a lottare insieme a noi, per il bene DELLA SUA TERRA E DEI SUOI
CONCITTADINI!! L’unico modo per essere dalla nostra parte è dire NO AL PETROLIO! NO AL
L’INQUINAMENTO di una terra meravigliosa e unica, di tutto il pianeta: ed è la nostra, anche la sua,
BASILICATA…
Altrimenti, si ricordi che ogni morto, bambino, padre, madre, saranno morti a causa sua/vostra, perché è
rimasta a guardare, anzi, avrà contribuito a far aumentare i morti dell’inquinamento! Anche con l’art 41 del
decreto Genova! Questo modo di agire, ci ricorda qualcuno! (“infilare”, un “articoletto” in un decreto che
non ha nulla a che vedere con il petrolio, per farlo passare inosservato) e chiedendo un pagamento
ingiustificato per poter continuare ad inquinare indisturbati il NOSTRO FUTURO!…e far riempire le casse
dello stato sulla vita delle persone! “Suona” male onorevole Liuzzi. È proprio disumano ciò che state
proponendo! Ciò che avete votato (art 41), speriamo, che si ravveda e continui a sostenere quello che
annunciava e la disgustava prima delle sue elezioni!
È il coro disperato di Mamme che non vogliono far politica, e non vogliono attaccare personalmente
nessuno, ma si oppongono al SISTEMA, quando, quest’ultimo minaccia la salute e il territorio, dove
vogliono continuare a crescere i propri figli con il semplice, ma tanto raro:
DIRITTO ALLA VITA!
Con molto rammarico e delusione (sempre pronte a ricredersi), aspettiamo sue notizie, per un incontro e
discutere tutti i punti suddetti.
MAMME LIBERE (per la tutela dei figli)
Policoro

Dic 032018
 

Ritorna la vittoria in casa Geosat Geovertical che sconfigge la BCC Leverano e porta punti preziosi alla sua classifica. Una gara ben gestita dagli uomini di Falabella che per i primi due set hanno sempre condotto la gara , lasciando poco terreno ai padroni di casa. Terzo set condizionato da un leggero calo di tensione che uniti ad alcuni errori di troppo hanno permesso ai padroni di casa di vincere il set. Nel quarto poi non è stata mai messa in discussione la superiorità di Boswinkel e compagni che proprio con l’olandese, miglior realizzatore biancorosso, hanno chiuso la gara.

Cronaca del match
Inizio di partita in favore dei lagonegresi (4-2) ma arriva il pareggio dei padroni di casa. Si procede così punto a punto fino a quando nel finale Boswinkel e Barreto va sugli scudi e il vantaggio dei lagonegresi arriva a +4 . Sul recupero dei padroni di casa Falabella chiama il tempo (20-24) e al rientro i lagonegresi si aggiudicano il set.
Secondo set inizia sempre in favore di Calonico e compagni che si portano sempre con due lunghezze in vantaggio . Dall’altra parte Orefice chiama i suoi e si procede punto a punto fino a quando mister Zecca sul 9-11 chiama il tempo . Al rientro la Geosat Geovertical continua la sua avanzata sia a muro che in attacco con Boswinkel, Barreto e Del Vecchio che bucano la difesa avversaria. Si arriva cosi sul 14-20 e nel finale ancora una volta sono i lagonegresi a imporsi con un break importante e che gli fa chiudere il set, lasciando la Bcc Leverano a secco nel computo dei set.
Arriva la reazione dei salentini nel terzo set che provano a portarsi in vantaggio (7-4) ma dall’altra parte della rete i lagonegresi si fanno sentire e accorciano le distanze con il solito opposto olandese che trova il pareggio sull’ottavo punto. Nella fase centrale di procede punto a punto massino due lunghezze di scarto tra le due formazioni , poi troppi errori dei lagonegresi permettono alla Bcc di portarsi in vantaggio (22-18) e di chiudere il set con i soliti Orefice e Ristic che rimette i suoi in partita.

Inizia ancora con equilibrio il quarto set con Ristic che si fa sentire tra le fila della BCC ma dall’altra parte i lagonegresi non permettono ai salentini di metter a terra la palle. La Geosat così è nella face centrale del set in vantaggio di 4 lunghezze 10-14. Prolunga la serie positiva la Geosat- Geovertical fino al 13-18. I padroni di casa con Ristic dimezzano lo svantaggio. Nella battute finali i lagonegresi ingranano la marcia e chiudono il set portandosi a casa tre punti che valgono ora sia per la classifica che per il morale.
“Mancava la vittoria da tempo e finalmente abbiamo ritrovato continuità e gioco- commenta a fine gara Falabella- siamo contenti di questa vittoria e della reazione in fasi del gioco in cui siamo andati sotto. Bravi tutti a dare il loro contributo, questo vuol dire che in ogni fondamentale abbiamo avuto la meglio , così come i numeri dimostrano. 14 muri e una ricezione vicina al 70% parlano da soli, ora dobbiamo continuare su questa strada e riprendere fiducia. Appuntamento a domenica al Pala Alberti, per un‘altra grande gara”, conclude Falabella.
Paola Vaiano