BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Mag 142018
 

In molte piazze, domenica 13 maggio 2018 sono stati ospitati dei gazebo dove sono state vendute le piante di azalee. L’incasso della giornata è devoluto, come ogni anno, all’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro. Le immagini si riferiscono al presidio di Piazza del Popolo a Lauria.


Nelle immagini Maria Labanca e Mimma Iannarella

Gen 182018
 

Sabato 20 gennaio 2018, alle ore 10,00 presso l’Aula Magna dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Pitagora” di Policoro (MT), si svolgerà il convegno, organizzato dall’Associazione Antiracket e Antiusura “Famiglia e Sussidiarietà”, dal titolo “Educare alla Legalità – Prevenzione Usura e Estorsione – Sinergie fra Istituzioni e Società civile”.

I lavori saranno introdotti da Marina Festa, Presidente dell’Adiconsum di Matera.
L’incontro prevede la partecipazione del Prefetto di Matera, Antonella Bellomo, Prefetto di Matera, Enrico Mascia, Sindaco di Policoro, Angelo Tortorelli, Presidente CCIAA di Matera, Angelo Castronuovo, Dirigente Scolastico Istituto Istruzione Superiore “Pitagora”, con interventi di Luigi Gay, Commissario Regionale Antiracket e Antiusura, Gennarino Macchia – Segretario Gen. Agg. Cisl, Gianni Fabbris, Presidente Altragricoltura, Basilio Gavazzeni, Presidente Fondazione Antiusura Mons. V.Cavalla, Marianna Bellino, Consulente Legale Adiconsum e di Pietro Mazzoccoli, Consulente Legale Associazione Famiglia e Sussidiarietà.
Concluderà i lavori Enrico Gambardella, segretario Generale USR Cisl di Basilicata, che saranno moderati da Filippo Mele, giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno.

In occasione del convegno sarà distribuito l’opuscolo “Liberi dai debiti” realizzato dall’Associazione Antiracket e Antiusura “Famiglia e Sussidiarietà”.

Con questa iniziativa vogliamo ribadire – ha affermato Angelo Festa, Presidente dell’Associazione Antiracket e Antiusura Famiglia e Sussidiarietà – che l’usuraio non è altro che uno sciacallo che approfitta della perda debole per azzannarla e il debitore si illude che continuando a pagare interessi usurai può estinguere il suo debito e risolvere così i suoi guai, che invece continueranno ad aggravarsi.
Nel caso in cui – ha continuato Festa – una persona è nelle mani degli usurai deve vincere la paura di eventuali minacce e estorsioni e presentare la denuncia presso l’Autorità Giudiziaria o presso qualsiasi presidio di Forza di Polizia. Solo dopo la denuncia è possibile accedere al fondo di prevenzione e di solidarietà previsti dalla normativa vigente.
L’Associazione Antiracket e Antiusura “Famiglia e Sussidiarietà porterà avanti ogni utile iniziativa di aiuto alle vittime di estorsione e usura con la costituzione di parte civile e di prevenzione per contrastare la piaga dell’usura.

Convegno a Policoro - associazione antiuusura

Mag 152017
 

Ecco quanto ha dichiarato l’eurodeputato del M5Stelle Piernicola Pedicini: “Se fosse vero che il governatore Pittella avrebbe intenzione di ridurre, o starebbe riducendo, le attività dell’ospedale oncologico Crob di Rionero per trasferire alcuni servizi in altri ospedali lucani, sarebbe un errore molto grave che colpirebbe un’importante e fondamentale presidio della sanità lucana.

Si tratterebbe di un inaccettabile spreco di risorse economiche e di una scelta sbagliata e inspiegabile che danneggerebbe migliaia di lucani che utilizzano la struttura ospedaliera.

E’ noto a tutti che le attività specialistiche di un polo di eccellenza e di ricerca come il Crob, per essere salvaguardate e al passo con l’evoluzione medica e scientifica, vanno fortificate e implementate anno per anno e non ridotte o depauperate.

L’eventuale ipotesi di ridimensionamento del Crob sarebbe inammissibile se consideriamo gli ingenti investimenti economici che hanno portato il Crob a dotarsi di attrezzature costosissime, come il nuovo acceleratore per radioterapia (quasi 5 milioni di euro), la risonanza 3 Tesla, la Iort per radioterapia intraoperatoria, la brachiterapia super accessoriata, e dopo aver speso tantissimi soldi per formare il personale specializzato e per attivare i laboratori di ricerca.

Il Crob nel corso degli anni è diventato un polo d’eccellenza per tutti i lucani e anche per i cittadini di altre regioni. Ha acquisito un ruolo nel settore oncologico meridionale e nazionale e qualsiasi disegno che porti la struttura a subire un indebolimento della sua funzione, delle sue attività e dei suoi programmi di sviluppo va evitato e scongiurato.

In particolare quando si parla di sanità, non può accadere che per mere beghe campanilistiche, di potere o di gestione delle carriere personali, si facciano scelte che vadano a depotenziare un progetto di rilievo nazionale o a nuocere gli interessi del bene comune e di un’intera collettività”.

movimento5stelle

Mar 152017
 

“Il riconoscimento per la Chirurgia bariatrica di Villa d’Agri come centro d’eccellenza nazionale per la cura dell’obesità rappresenta un altro grande positivo passo in avanti dell’intero sistema sanitario regionale che premia la professionalità dell’equipe medica di Chirurgia Generale di Villa d’Agri, diretta da Nicola Perrotta, ma anche gli investimenti che la Regione Basilicata ha messo in campo nell’ambito di una visione strategica unitaria”. Lo afferma il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, che nelle scorse ore ha voluto personalmente ringraziare tutto il personale che opera nella struttura ospedaliera di Villa d’Agri per questo importante e meritato riconoscimento.

L’Ospedale oggi, è uno dei 25 Centri Italiani in cui la Chirurgia Bariatrica viene eseguita ai più alti livelli, in termini di qualità che di quantità.

“Questo traguardo che si aggiunge agli altri raggiunti negli anni passati dal presidio di Villa D’Agri conferma, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che il riassetto organizzativo del sistema sanitario regionale finalizzato a razionalizzare costi e a valorizzare presidi specialistici in un’ottica di rete funzionale alle specificità dei singoli territori sta producendo risultati assai positivi non solo sul piano economico, ma anche e soprattutto sul piano della qualità delle prestazioni con attestazioni positive di organismi autonomi. Continueremo su questa strada – conclude Pittella – per rispondere ai bisogni di salute della nostra comunità in modo sempre più moderno ed efficace”.

ospedale

Nov 142016
 

Mercoledì 16 novembre presso la sede del Presidio Distrettuale di Lauria verrà inaugurata la nuova sede amministrativa del Distretto della Salute. La stessa si integrerà con le attività sanitarie già presenti nello stesso, che di fatto completato il quadro organizzativo della Casa della Salute.

Nella nuova sede saranno presenti oltre alla Direzione di Distretto e Dirigenza medica e veterinaria, anche i punti unici di accesso dell’Assistenza domiciliare (Adi ed area critica), dell’Assistenza primaria ( scelta revoca del medico, assistenza protesica, esenzioni per patologia, invalidità, ecc ), nonché lo sportello unico veterinario. Sarà presente anche uno sportello informativo e di protocollo.

La visita in presenza del presidente della Regione, Marcello Pittella, dell’assessore alla Salute Flavia Franconi, del sindaco di Lauria Angelo Lamboglia e della Direzione dell’Asp ( direttori generale Bochicchio, sanitario De Fino e amministrativo Mecca), proseguirà con la inaugurazione della Cappella del Presidio, anch’essa recentemente costruita negli spazi della Uoc Area Medica di Assistenza Post Acuzia ( Amapa ).

I presenti proseguiranno la visita sempre presso la Uoc Amapa con la valutazione “in progress” dello stato dei lavori inerenti l’ampliamento di n. 4 posti di Riabilitazione, ove ad integrazione di quelli già presenti la Regione ha previsto ulteriori investimenti al fine di ottimizzare l’assistenza anche per quei pazienti che necessitano di assistenza riabilitativa di alta intensità di cure.

ll Presidio di Lauria, infine, è stato interessato recentemente anche di ulteriori lavori, tra cui la costruzione della nuova “Mourge” finalizzata ad una più dignitosa accoglienza ai familiari dei soggetti deceduti nel Presidio.

ospedale

Ago 052016
 

E’ stato inaugurato il 4 Agosto alle 17:00, ad Albano di Lucania, un nuovo Parco Avventura alla presenza di Marcello Pittella, presidente della Regione Basilicata, Nicola Valluzzi, presidente della Provincia di Potenza, Giovanni Oliva, direttore del dipartimento politiche agricole e forestali della Regione Basilicata. Hanno partecipato all’iniziativa anche molti cittadini, i sindaci dell’area, il Club Alpino di Potenza, l’associazione Motostaffette di Gianfranco De Felice e i suoi ragazzi che hanno raggiunto il posto in bicicletta. Il compito di benedire il parco è stato affidato al parroco Don Mimmo Fanuele. Sul posto è intervenuta anche l’ambulanza di Eurosoccorso che terrà un presidio fisso tutti i sabato e domenica per garantire la sicurezza dei fruitori.

Situato lungo la via Appia, al chilometro 490 in località Cupolicchio nei pressi della casa cantoniera, il Parco si estende per 3 ettari all’interno del bosco. Al suo interno si potranno trovare un percorso acrobatico con sei linee di gioco, un impianto per il tiro a volo laser, una struttura per il tiro con l’arco, tanti giochi per i bambini, il parco delle farfalle e un’area picnic.

<>.

Fortemente voluto dall’amministrazione comunale, rientra nel programma di sviluppo turistico della Basilicata ed è inserito nella rete dei parchi avventura d’Italia. <>. Il Parco nel mese di Agosto è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00.

Parco avventura Albano1

Ago 042016
 

Il giorno 7 Agosto 2016, alle ore 18.00 a Lago Sirino, presso la zona anfiteatro Libera Lagonegrese incontra il territorio con un gazebo informativo sull’ attività dell’
associazione.

Il giorno 13 Agosto alle ore 18.30 a Lago Sirino, presso la zona anfiteatro, Libera Lagonegrese incontra il territorio con una tavola rotonda per parlare di :”Ambiente: impegni, difese …prospettive.”

Anna Aversa
La referente del presidio di LIBERA LAGONEGRESE.

Logo-LIBERA

Giu 042016
 

Pittella e Franconi: utile e doveroso aggiornare la discussione ed approfondire il percorso di riorganizzazione per l’intera rete sanitaria di cui il presidio ospedaliero è parte importante

Il presidente della Regione, Marcello Pittella, d’intesa con l’assessore alle Politiche della Persona, Flavia Franconi, ha convocato un incontro per approfondire le questioni connesse all’ospedale di Villa d’Agri.
La riunione si terrà lunedì 6 giugno alle ore 13, presso la sala consiliare di Villa d’Agri. Sono stati invitati a partecipare, oltre al sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo, i sindaci dell’area, una delegazione del comitato “Uniti per la Val d’Agri”, rappresentanti sindacali di settore e referenti dell’Asp.
Il presidente e l’assessore Franconi hanno più volte incontrato il sindaco di Marsicovetere e gli altri interessati, e in una occasione anche i referenti del comitato “Uniti per la Val d’Agri”. In tali occasioni è stato avviato “un primo confronto – si legge nella nota inviata ai sindaci e al Comitato – sulle ipotesi di riforma sanitaria, resasi necessaria alla luce delle recenti normative nazionali, e aprendo così un dialogo costruttivo sul ruolo e sulla funzione del presidio ospedaliero”.
“Alla luce di tali interlocuzioni – hanno sottolineato Pittella e Franconi – cogliendo con grande rispetto le ansie e le preoccupazioni avanzate dalle comunità interessate, anche attraverso recenti manifestazioni di piazza, circa un paventato depotenziamento del nosocomio, riteniamo utile e doveroso aggiornare la discussione ed approfondire il percorso di riorganizzazione per l’intera rete sanitaria di cui l’ospedale di Villa d’Agri è parte importante”.

ospedale-corsia

Giu 022016
 

Domenico Labanca di Lauria ha iniziato stamane, 2 giugno 2016, lo sciopero della fame e della sete sotto il Municipio. Ha chiesto con forza, da più giorni, un lavoro a tutte le istituzioni informando anche il Prefetto di Potenza. Già in passato per alcune settimane si era fermato nei pressi del Comune di Lauria per manifestare tutto il suo disagio per la mancanza di un’occupazione. Domenico, della contrada Rosa, è sposato con figli.

giovedì 2 giugno- ore 15.30: Domenico è stato raggiunto (per mano dei carabinieri) da una convocazione del Prefetto di Potenza per domani mattina. In queste ore sta decidendo se abbandonare temporaneamente il luogo della protesta.

giovedì 2 giugno- ore 20.40: Domenico ha lasciato il presidio. Erano presenti i Carabiniei e la Polizia Locale. Domani mattina verrà atteso dal Prefetto a Potenza.

venerdì 3 giugno- ore 11.00: l’incontro con il Prefetto è stato proficuo, Domenico ha interrotto lo sciopero della fame e della sete.