BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Gen 102019
 

Domenica 13 gennaio, a Sala Consilina, si riapre il sipario di ‘Teatro in Sala’, la storica rassegna che, con la stagione 2018-2019, giunge alla XXIII edizione.
‘Il gioco delle rose’ è il titolo dello spettacolo che sarà messo in scena dalla Compagnia Teatrale Costellazione, proveniente da Formia, in provincia di Latina, vincitrice del premio assoluto ‘Teatro in Sala’ nella scorsa edizione della rassegna.
‘Il gioco delle rose’, con drammaturgia e regia di Roberta Costantini e Marco Marino, è liberamente ispirato a ‘Romeo e Giulietta’ di William Shakespeare; la regia dello spettacolo ne riprende e amplifica a dismisura lo stile marcatamente visionario.
La vita e le vicende sono messe in scena come fossero un’immensa partita a scacchi, con le sue regole ferree e i suoi colpi di genio. La bicromia a due dimensioni della scacchiera si innalza in muri e torri, dove funamboliche pedine sgomitano per diventare qualcosa che trascenda il ruolo da loro indossato. Le figure degli scacchi diventano individui, immedesimandosi nella più grande tragedia d’amore del mondo: la vita e la morte di Giulietta e Romeo. Ecco, dunque, che la scacchiera vede e tratta Romeo come un uomo, ma a prestargli voce e corpo è una donna, che ci regala la possibilità di vedere questo amore contemporaneamente anche sotto un’altra prospettiva. In questa voragine, fatta di caselle bianche e nere, l’Amore, scardinando le regole, prova comunque a farsi strada, in ogni sua possibile e naturale espressione.
Dunque, domenica 13 gennaio alle ore 18:00 , sul palcoscenico del Teatro ‘Mario Scarpetta’ di Sala Consilina un grande classico del teatro mondiale, rivisitato dalla compagnia diretta da Roberta Costantini che ha rappresentato l’Italia in numerosi festival all’estero, dove ha conseguito numerosi premi. Una straordinaria occasione per vedere uno spettacolo di altissima qualità drammaturgica ed attoriale.
L’appuntamento con ‘Teatro in Sala’ sarà ulteriormente impreziosito dall’ospite che sarà il maratoneta estremo Giuseppe De Rosa di Sala Consilina, che racconterà le sue esperienze sportive e di vita in giro per il mondo.
L’associazione ‘I Ragazzi di San Rocco’, che cura la direzione artistica di ‘Teatro in Sala’, ricorda agli alunni dell’Istituto Pomponio Leto di Teggiano, dell’Istituto Marco Tullio Cicerone di Sala Consilina e dell’Istituto Carlo Pisacane di Padula, la possibilità di entrare a teatro al costo di un solo euro, una misura adottata in accordo con le scuole per promuovere la partecipazione dei giovani alle attività teatrali.

Nov 272018
 

Il 24 novembre 2018 si è svolta a Lagonegro la sesta edizione del Premio dedicato alla poetessa Donata Doni.  La cerimonia si è tenuta nella Chiesa del Carmine. E’ stata anche celebrata una messa in suffraggio della sfortunata poetessa Angela Ferrara di Cersosimo.


La manifestazione. Le immagini sono di Giuseppe Brigante

Le interviste di Agnese Belardi a: Giuseppina Iannotta , Giampaolo Mastropasqua, Oreste Lanza

 

Nov 252018
 

Il 23 novembre 2018 si è svolta la seconda giornata dell’evento “Premio Città di Lagonegro – Donata Doni”. L’appuntamento  ha visto la partecipazione di un nutrito numero di poetesse provenienti da tutta la Basilicata e dalle regioni vicine. Di rilievo la presenza di alcuni artisti tra le quali la pittrice Maria Santarsiero. E’ stato anche tagliato il nastro della mostra dell’architetto lagonegrese Pietro Semeraro che potrà essere visitata nel Palazzo Corrado.


L’iniziativa


Le interviste di Elisa Ielpo a: Agnese Belardi, Pietro Semeraro, Ione Garramone, Maria Santarsiero, Lorenzo Pataro, Giovanni Mazzillo, Vincenza Alessio

 

Nov 252018
 

Conclusasi a Lagonegro, con grande successo di pubblico, la Seconda edizione del
Premio Nazionale “Giuseppe De Lorenzo” 2018, promossa dalle Associazioni “A
castagna ra critica” ed i “Pionieri ed ex alunni del Liceo ‘De Lorenzo’ di Lagonegro”,
con il patrocinio del Comune di Lagonegro, la partecipazione del Dipartimento di
Scienze della Terra (DISTAR) dell’Università “Federico II” di Napoli e del Centro
Linguistico di Ateneo (CLA) dell’Università della Basilicata, del Parco Nazionale
dell’Appennino Lucano, del CNR-Ibam di Basilicata ed il sostegno degli Ordini
professionali dei Geologi, degli Avvocati, degli Ingegneri e dei Geometri.
Sabato 10 novembre è stata una giornata interamente dedicata all’originale figura del
geologo-orientalista di origine lucana (Lagonegro 1871 – Napoli, 1957), che fu non
solo indiscusso maestro di Scienze della terra presso l’Università di Napoli, ma anche
eclettico studioso di letteratura, filosofia, arte e spiritualità indiana nonché traduttore
in Italia delle opere di Buddha e Schopenhauer.
La giornata di studi e approfondimenti si è aperta, presso il MIDI Hotel, con il
Convegno “Geologia forense: applicazioni e casi di studio”, dedicato alla nascente
sinergia tra competenze geologiche e giuridiche: i relatori hanno evidenziato quanto
siano fondamentali in Italia le competenze professionali dei geologi nelle controversie
giuridiche sia civili che penali, hanno mostrato il potenziale degli strumenti e delle
tecniche geofisiche nelle indagini per l’individuazione di abusi edilizi, di discariche non
autorizzate, persino di cunicoli sotterranei per la spoliazione di siti archeologici. Non è
mancato un commovente ricordo della drammatica frana di Senise del 1986, per
evidenziare come la mancata tutela del territorio, nel nostro Paese, assume spesso
risvolti tragici. Sono stai ricordati, infine, gli scritti del De Lorenzo, dopo i catastrofici
eventi dell’eruzione vesuviana del 1906, il terremoto di Messina del 1908 e quello del
Vulture del 1930: già all’epoca lo studioso evidenziava come la prevenzione fosse il
solo strumento di difesa dalla potenza della “Terra Madre”. In chiusura del convegno è
stata firmata dal Sindaco della cittadina ospite, dott. P. Mitidieri, e dal Direttore del
Distar, prof. D. Calcaterra, una convenzione di collaborazione tra Università di Napoli
e Comune di Lagonegro, in vista della istituzione del Centro Studi “De Lorenzo”.
Dopo il Convegno si è tenuto presso lo stesso MIDI Hotel, il Pranzo Storico “L’arte di
dar da pranzo”, rievocazione del pasto tenuto in occasione del Simposio degli
scienziati di Napoli nel 1845, che vide tra gli altri la partecipazione di Goethe.
In serata, infine, nella Sala del Consiglio Comunale del Palazzo di Città di Lagonegro,
si è svolta la cerimonia per la consegna dei Premi. Gli ambiti tematici individuati
nell’edizione 2018 sono stati due: “Luoghi e forme della spiritualità” e “Paesaggi
culturali dell’Italia appenninica e insulare”, intesi a valorizzare volumi, studi e saggi
che riprendano gli interessi delorenziani, collegandosi alla tematica del territorio, nei
suoi aspetti naturalistici, artistici, spirituali e culturali.
La Giuria è stata presieduta dallo stimato prof. Santino G. Bonsera, che ha
sottolineato la necessità di approfondire e far conoscere sempre meglio il De Lorenzo,
che resta una delle più originali figure della cultura lucana di livello nazionale ed
internazionale. Ai lavori della Giuria hanno contribuito personalità del mondo
accademico, scientifico, giornalistico e culturale: il prof. Luigi Beneduci, don Gianluca
Bellusci, il prof. Domenico Calcaterra, il prof. Nunziante Capaldo, il dott. Maurizio
Lazzari, il dott. Domenico Sammartino, il prof. Marcello Schiattarella.
La Giuria ha definito la seguente rosa dei vincitori, tutti presenti e tutti apprezzati dal
pubblico per i loro interventi alla consegna dei premi: al primo posto Giuseppe
Damone con L’eredità dei Paesaggi di pietra (Zaccara Editore, 2018); al secondo
Giuseppe Zafarone, per Basilicata Sacra tra geografia e storia (Congedo Editore,
2017); al terzo Pierluigi Argoneto per Sopra un cielo a comando (Calice Editore,
2018). Sono state inoltre attribuite due menzioni: Mario Cancro per Terre Lucane (Ed.
Booksprint, 2018) ed Egidio Pomponio per Assedio al Palazzo Federici
(Erreci@edizioni, 2018).
La serata ha visto la partecipazione dell’attore Ulderico Pesce, che ha poeticamente
condotto i presenti sui percorsi del De Lorenzo, evocandone suggestivamente la voce
e le riflessioni. Lo storico Gaetano Morese ha invece collocato il geologo lucano nel
corso degli eventi storici della Prima guerra Mondiale, di cui quest’anno cade il
centenario della conclusione. Il prof. Luigi Beneduci, coordinatore del Premio, ha
illustrato gli intenti della manifestazione e ha auspicato che l’iniziativa diventi sempre
più importante, per un territorio che vuole le sue radici ben piantate nella tradizione,
ma ha necessità di aprirsi alla contaminazione tra scienza, arte, letteratura, cultura
tecnica e umanistica “per raggiungere il riscatto sociale che merita”. Gli intermezzi
musicali, particolarmente graditi dal pubblico, sono stati interpretati dal duo Luigi Di
Miele – Bernardo Tramontano; la conduzione della manifestazione è stata curata dalla
brava e attenta Maria Teresa Merlino.
Momento culminate dell’evento serale è stata l’attribuzione del Premio Speciale,
realizzato dall’artista Franca Iannuzzi, ad un’opera che ha concorso alla
“Valorizzazione del patrimonio culturale, materiale o immateriale, dei luoghi
delorenziani nell’Italia meridionale”. Quest’anno la Giuria ha attribuito il
riconoscimento alla scrittrice Maria Pace Ottieri, per il suo importante saggio letterario
ed antropologico sulle condizioni delle popolazioni che conducono la vita alle falde di
un vulcano attivo, Il Vesuvio universale (Einaudi, 2018), testo in consonanza con le
ricerche, gli interessi e lo spirito del De Lorenzo. La Giuria, le Associazioni, i partner
istituzionali danno a tutti appuntamento alla prossima edizione.
Momenti del Convegno sulla “Geologia Forense”
Premio De Lorenzo 2018 Il tavolo di Presidenza
Premio De Lorenzo 2018: al primo posto Giuseppe Damone con L’eredità dei Paesaggi
di pietra
Il Presidente Santino Bonsera consegna il Premio Speciale De Lorenzo 2018 a Maria
Pace Ottieri per il saggio letterario Il Vesuvio universale (Einaudi, 2018)
L’attore Ulderico Pesce interpreta “Terra Madre” di De Lorenzo
Esibizione del duo Luigi Di Miele (piano e tastiere) – Bernardo Tramontano (flauto
traverso).

Ott 092018
 

Settimo premio per “La fabbrica del Talento”, il videoclip del brano dei “2eleMenti”, realizzato un anno e mezzo fa da Studio Antani. L’ultimo riconoscimento come miglior videoclip musicale è stato assegnato lo scorso 27 Settembre a Roma nel corso della serata finale di Roma Creative Contest, uno dei più prestigiosi concorsi italiani di cortometraggi, da una giuria capitanata da Giuseppe Tornatore, Sydney Sibilia, Sabina Guzzanti, Stefano Fresi e tanti altri big del cinema italiano moderno. Il lavoro del duo di musicisti lucani è stato scelto tra migliaia di opere inedite provenienti da più di 25 nazioni.
Fa seguito al premio come miglior videoclip al festival Cortisonanti di Napoli, il premio come best music video a Los Angeles Film Awards, la medaglia d’oro al Global Music Awards, il premio come best Idea al Festival ONIROS di Aosta e il premio come miglior videoclip musicale al Belluno Film Festival.
La fabbrica del talento, regia di Luca Acito, è stato realizzato attraverso una serie di casting nei piccoli centri della Basilicata. Le musiche di Vito Coviello coautore del testo, assieme a Vito Santamato, e l’orchestrazione di Luca Petracca richiamano fortemente le atmosfere tipiche dei classici di Walt Disney.
Vito e Vito da sempre condividono una comune passione per la musica e, vantando entrambi un ricco curriculum che li vede impegnati con numerose band in veste di musicisti, nell’estate del 2013 decidono di intraprendere un percorso inedito. 2eleMenti è un gioco di parole che vuole sottolineare l’idea originale che racconta vari aspetti della loro personalità e centra in pieno il significato dell’idea stessa: due amici,due musicisti, due interi, due opposti. Le loro idee sostenute da una forte simbiosi a livello musicale e personale si trasformano in composizioni basate su una costante ricerca a livello sonoro e da una forte attenzione per la componente musicale, caratteristica che li porta a collaborare con diversi nomi del panorama Italiano come Umberto Fiorentino e Cristiano Micalizzi nel loro primo EP, “Questioni”.
Col passare del tempo il progetto diventa sempre più una sperimentazione verso nuove forme di composizione e convivenza tra generi opposti. Una ricerca che affonda le radici nell’opera, nelle colonne sonore, nella musica contemporanea e nel sound design, sintetizzata e circoscritta in un contenitore di creatività che coinvolge oggi diverse figure di riferimento sempre mutevoli nella forma e non nel significato, quello di raccontare sensazioni, emozioni e proiezioni legate al contesto storico e sociale in una chiave nuova, quella del fantasy/pop.
Entrambi i musicisti, inoltre, sono docenti di basso (Santamato) e chitarra (Coviello) presso l’associazione culturale e polo musicale BOOM di Potenza. Per saperne di più, i siti www.2elementi.com e www.associazioneboom.it.

Ago 212018
 

Edizione speciale del Premio Sirino, martedì 21 agosto, alle ore 21,00 a Nemoli, in piazza D. Lentini a Nemoli.
Il riconoscimento viene assegnato dalla Redazione del periodico lucano di informazione, cultura e sport Il Sirino, per omaggiare l’attività e l’impegno di personalità della Basilicata, in campo sociale, artistico e culturale.
“Per il 21mo anno – che coincide con il 22mo anniversario di fondazione della rivista – il premio sarà attribuito alle Associazioni della valle del Noce. In particolare sono sei i sodalizi su cui è caduta la scelta. Si tratta dell’Associazione “A Castagna Ra Critica” di Lagonegro, del “Circolo Arci” di Lauria, della “Dna Maratea Contemporanea”, della “Pro Loco Nemoli”, de la “Biblioteca Rivellese” e del Gruppo “Cantacronze” di Trecchina.
Insieme ad altre associazioni di volontariato dell’area, le premiate, operano, da diversi decenni, per la promozione sociale e culturale del territorio. “Nel passato ne avevamo già premiate ma singolarmente – dice Salvatore Lovoi, direttore responsabile della testata. Consegnare in contemporanea un attestato di merito, per il lavoro svolto, a ben 6 associazioni costituisce un segnale molto forte. E le motivazioni rimarcano l’importanza della loro presenza, a servizio delle comunità valnocine.”
Prima di questa edizione, il periodico ha insignito gli Amici della Musica del Lagonegrese, gli Ethnos, i Renanera e Giacomo Aula, gli attori Papaleo, Pesce e Bruno; il comandante delle Frecce tricolori De Rinaldis; i pittori Talamini, Larocca e Carlomagno; gli scrittori, studiosi e giornalisti Bottini, Ferrari, Labanca, La Cava, Melchionda, Percoco e Timpone.
Salvatore Lovoi

Ago 192018
 

Il 17 agosto 2018, causa pioggia, la nuova edizione del premio “Il tassello” si è svolta nell’aula magna della scuola media di Latronico. L’edizione di è quest’anno preprata dagli iscritti capitanati dalla presidente dottoressa Felicetta Gesualdi è stata particolarmente raffinata ed ha visto premiate personalità di grande prestigio. Al centro dell’attenzione il ‘Puntino ad ago’.

Ago 102018
 

Il 9 agosto 2018 si è svolta una nuova edizione del Premio Rabatana. L’Amministrazione Comunale della città di Albino Pierro intende tenere sempre alta l’attenzione su un centro dalla grande storia e dalla grande cultura. Il sindaco Salvatore Cosma ha accolto con particolare soddisfazione i prestigiosi premiati. Ha presentato la serata Annamaria Sodano. Gli interventi comici sono stati affidati a Dino Paradiso.