BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Apr 252018
 

Ecco quanto ha dichiarato il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Gianni Rosa: “Pittella non si è mai speso per rendere efficiente il sistema di monitoraggio e, oggi, fa finta di interessarsene. Quindi, quale migliore strumento per procrastinare la ricerca di responsabilità di una bella ed inutile commissione d’inchiesta?

Quando c’è un’emergenza, uno scandalo, la politica disattenta istituisce una commissione. È il risultato del fatto che avendo dormito negli anni, d’un tratto ci si sveglia e si immagina di poter fare tutto quello che non si è fatto precedentemente. Ed ecco che si istituisce una commissione.

La questione del divieto dell’uso di acqua potabile in diversi comuni del metapontino, che ha procurato allarme e forti disagi alla popolazione, è l’ennesima riprova di un sistema regionale di monitoraggio che non funziona. Un sistema che Pittella, in quattro anni e mezzo di legislatura, non solo non è riuscito a correggere ma che ha trasformato in uno stato emergenziale continuo.

In un rimpallo di responsabilità, Arpab, Asm e Acquedotto Lucano continuano a discutere rivendicando la bontà delle proprie analisi che, di fatto, hanno mostrato risultati contrastanti. Tre Enti, tutti predisposti al controllo e al monitoraggio, tutti e tre in capo alla Regione e che non riescono a dialogare tra di loro. E’ una situazione drammatica e paradossale, ancora più grave dello stesso episodio di sforamento dei valori soglia di trialometani nell’acqua.

È più grave perché ci dà la misura di quanto, in caso di incidente, può essere alto il conto di questa approssimazione. È come dire: se ci dovessimo ammalare non abbiamo idea del medico a cui rivolgerci.

E, in tutto questo, Pittella, per rassicurarci, afferma che istituirà “…una commissione di indagine per capire l’origine della discrepanza dei dati del monitoraggio, per accertare se ci sono responsabilità ed adottare le azioni conseguenti…”.

Ma quante commissioni d’indagine devono essere ancora istituite per avere delle risposte credibili? E a che scopo se, dopo anni, dopo inchieste e interventi della Magistratura, dopo annunciati e conclamati disastri ambientali o sanitari, come in questo caso, dopo un imponente e ‘rivoluzionario’ Masterplan, l’affidabilità e la credibilità degli Enti predisposti al monitoraggio e alla salvaguardia della salute pubblica sono al minimo storico?

Hanno provato a stravolgere tutto per non cambiare nulla. Senza mai toccare dirigenti e funzionari, senza mai intaccare la consolidata filiera del clientelismo. Solo la fine della legislatura, ormai, può rappresentare l’inizio del vero cambiamento”.

Apr 242018
 

Il Presidente della Regione, Marcello Pittella, ha incontrato i sindaci dei comuni del metapontino per illustrare gli esiti della riunione avvenuta ieri con gli enti preposti al monitoraggio e l’indirizzo consegnato loro.
“Ho la ferma intenzione di istituire una commissione di indagine per capire l’origine della discrepanza dei dati del monitoraggio. Voglio sapere se ci sono responsabilità ed adottare le azioni conseguenti”. Lo ha detto il Presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, a margine dell’incontro svoltosi questa mattina in Sala Verrastro a Potenza, con i sindaci dei comuni del metapontino dove vige il divieto d’uso dell’acqua potabile a seguito della rilevazione del superamento dei valori di trialometani dei giorni scorsi. All’incontro erano presenti i primi cittadini dei comuni di Policoro, Bernalda, Scanzano Jonico, Nova Siri e l’assessore del comune di Pisticci.

Il Presidente ha illustrato quanto ieri è emerso dall’incontro avuto con Arpab, Asm ed Acquedotto Lucano, ossia gli enti preposti al controllo ed al monitoraggio. In particolare ha riferito che è fase di ultimazione la pulizia dei serbatoi e che le analisi effettuate nella giornata di ieri rilevano valori sotto la soglia di riferimento. Pittella ha spiegato che nelle prossime ore perverranno gli esiti degli ulteriori campionamenti che andranno a completare il quadro di riferimento sulla base del quale i sindaci, dopo comunicazione degli enti preposti, potranno revocare le ordinanze e ripristinare l’erogazione dell’acqua.

“Non ho intenzione, come pure da qualcuno chiesto, di chiedere nessuna deroga al limite di 30 per i trialometani” ha inoltre precisato il Presidente nel corso dei due incontri, in merito al tema della soglia di ‘tollerabilità’, fissata a 100 per l’Europa e a 90 per la Puglia, regione dove viene erogata la stessa acqua potabile utilizzata dai comuni della fascia jonica. “Finché ci sono io, non farò nessuna richiesta – ha aggiunto il governatore – Non serve lo specchietto per le allodole ma la certezza della qualità della nostra acqua.”

Il governatore ha infine manifestato la volontà di incontrare nuovamente i sindaci per comunicare loro con puntualità quanto emergerà dalle azioni messe in campo, al fine di dare una corretta informazione ai cittadini e conferire loro la tranquillità “che – ha detto Pittella – è assolutamente doverosa”.

Apr 172018
 

Il 16 aprile 2018 si sono celebrati a Lauria i funerali del Senatore Domenico Pittella. Il sacro rito è stato officiato dal Vescovo di Tursi-Lagonegro mons. Vincenzo Orofino. Tantissimi cittadini ed autorità hanno accompagnato il feretro lungo le strade della città.


Immagini ed interviste del 16 aprile 2018


Immagini ed interviste del 15 aprile 2018


L’intervista dell’Eco al Senatore Pittella (2011)
Domenico Pittella ha raccontato la sua lunga carriera di medico e di politico ai nostri microfoni. Molti gli spunti di riflessione che emergono da un dialogo che travalica l’attualità. Dai primi calci ad un pallone, alla professione di medico, fino ad una carriera politica di altissimo rango. La Clinica Pittella, gli incontri sbagliati, la Lega delle leghe, Telelauria. Gli affetti. Un’intervista dunque da ascoltare con attenzione per coglierne tutte le sfumature.


Negli accoglienti locali dell’Happy Moments di Lauria, il 28 novembre 2015 è stato presentato il libro del senatore Domenico Pittella “Una vita per il Socialismo Umanitario”. Mille persone hanno preso parte al “lancio” di un volume dedicato alla vita politica dell’illustre medico. La serata è stata ricca di spunti e di momenti emotivi coinvolgenti.

Apr 162018
 

In queste ore una folla di cittadini provenienti da ogni parte si sta recando in via Rocco Scotellato al rione superiore di Lauria per tributare l’ultimo saluto al dottor Mimì Pittella prima delle esequie che avverrano alle ore 17 del 16 aprile 2018 nella chiesa di San Nicola alla presenza del vescovo Orofino e di mons. Iacovino. Alla fine del rito funebre l’On. Salvo Andò ricordererà pubblicamente il senatore Pittella.

Apr 152018
 

Alle 12.45 del 15 aprile 2018 si è spento a Lauria il Senatore Domenico Pittella (nato il 7 febbraio 1932). Le sue condizioni di salute da tempo lasciavano presagire quello che poi è accaduto. In queste ore tanti sono gli attestati di stima verso una delle figure più carismatiche della Basilicata. Tanti cittadini stanno condividendo il dolore della famiglia. Espressioni di cordoglio stanno raggiungendo i figli Gianni e Marcello, personalità pubbliche molto note. (Si può lasciare un pensiero sulla pagina Facebook de “L’Eco di Basilicata”)

Apr 072018
 

“Il rispetto per le opposizioni, Pittella non l’ha mai avuto. Ce ne siamo accorti numerose volte in questi anni: dall’atteggiamento distratto nei Consiglii regionali ogni volta che parla un esponente dell’opposizione alle finte riunioni con le minoranze quando le decisioni erano già state tutte prese.
Ce ne siamo accorti quando ha ‘graziosamente concesso’ il ruolo di Presidente del Consiglio alle opposizioni.
Ruolo che, in una democrazia matura, spetterebbe proprio alla minoranza ma che il centrosinistra ha sempre reputato essere solo una poltrona in più da spartire tra le varie correnti.
Come prima a De Filippo, anche a Pittella, all’inizio della legislatura, fu chiesto che la posizione di garanzia che riveste il Presidente del Consiglio fosse riservata alla minoranza; e come De Filippo, anche il Governatore ha utilizzato quel ruolo per tacitare le correnti del suo partito o per rinsaldare l’alleanza con i transfughi del centro destra.
Ci aveva meravigliato il cambio di rotta: lasciare, anche se sul finire della legislatura, la carica di Presidente del Consiglio alle opposizioni sembrava quasi un gesto distensivo.
Sembrava, appunto. A noi non è sfuggita mai la reale intenzione di Pittella di utilizzare la minoranza per ‘togliere le castagne dal fuoco’ nel suo partito.
Il rinvio della seduta del Consiglio ne è la riprova: il Governatore è in difficoltà con il suo partito ed i suoi alleati. La sconfitta delle elezioni ha riportato Pittella con i piedi per terra: si è reso conto che non è più intoccabile. Fino a qualche mese fa, non ci avrebbe pensato due volte ad imporre un nome di suo gradimento.
L’uomo solo al comando è, appunto, rimasto solo. Adesso però è troppo tardi per recuperare quelle regole democratiche di condivisione delle scelte che non ha mai rispettato.
Ed è troppo tardi per recuperare un rapporto di rispetto istituzionale con le minoranze che, al di là dei toni, dovrebbe essere sempre presente.
Non ci possiamo fidare di chi tenta fino all’ultimo di ‘usare’ gli altri.
Il re è nudo. Se ne sono accorti tutti. Anche i suoi. Risolva da solo le beghe del suo partito”.

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia

Mar 302018
 

Nell’ambito delle azioni per lo sviluppo locale e la coesione territoriale e sociale, il Programma Speciale Senisese era stato concepito come una strategia innovativa finalizzata alla promozione dello sviluppo socio-economico del comprensorio senisese, puntando sulla realizzazione di progetti di valorizzazione delle risorse turistiche, storico-ambientali, culturali e sportive. Il Programma ha disposto di una dotazione finanziaria pari a 35 milioni di euro provenienti dalla fruizione interregionale della risorsa idrica, le cosiddette royalty dell’acqua per intenderci. In particolar modo il Programma è stato caratterizzato dalla progettazione di quattro grandi attrattori ricadenti rispettivamente nei comuni beneficiari del progetto, nello specifico: Senise con l’anfiteatro a ridosso di Monte Cotugno dedicato allo sbarco dei Greci in Occidente; Viggianello con un attrattore dedicato al ciclo dell’acqua; a Terranova del Pollino un percorso tra gli alberi; a San Costantino Albanese il Volo dell’Aquila. I primi attrattori ad essere stati realizzati sono quelli di San Costantino e Senise, solo quest’ultimo è costato ben 4 milioni di euro circa. I lavori per la realizzazione dell’Arena Sinni sono iniziati nel 2014 e nel 2016 è stato messo in scena il primo spettacolo.

Questa del 2018 sarà la terza stagione teatrale e, Senise come San Costantino, non si è neppure accorta dello sbarco dei Greci o del volo dell’aquila. Per le comunità locali, gli attrattori non hanno determinato nessuna ricaduta occupazionale, tantomeno si sono rivelati volano per l’economia dell’intera area del senisese. Le opere non sono state neppure in grado di essere determinanti nell’aumentare l’attrattività del territorio da un punto di vista turistico. Un’occasione di crescita persa per il territorio e milioni di euro gestiti inadeguatamente e non indirizzati a una reale valorizzazione dell’area, soprattutto se si tiene conto che il progetto ha interessato i Comuni ricadenti all’interno del Parco Nazionale del Pollino, ampiamente conosciuti per le bellezze naturalistiche e un ricchissimo patrimonio culturale ed enogastronomico; non da meno Senise con il lago di Monte Cotugno e il peperone IGP, suo oro rosso. A far ripartire l’economia del senisese arenata da anni sarebbe bastato molto meno se il progetto fosse stato frutto di un oculato discernimento sui fondi pubblici e un confronto diretto con le comunità dell’area. Ni giorni scorsi il presidente Pittella insieme al comitato di coordinamento e monitoraggio del Programma speciale Senisese, composto dai rappresentanti degli enti locali dell’area ha deliberato la realizzazione degli attrattori nei comuni di Viggianello, per un valore di circa 1,9 Milioni di euro, e Terranova del Pollino, per un valore di circa 1,4 Milioni di euro. È inaccettabile, a nostro avviso, che in seguito all’ esperienza dei due attrattori già realizzati, la politica regionale continui verso tale indirizzo di sviluppo che ad oggi si è rivelato vano e inconcludente. Uno sperpero, questo, ingiustificato di fondi pubblici, mirato a favorire i pochi amici degli amici e mai le comunità.

Gianni Leggieri – Portavoce M5S Basilicata
Giuseppe Arleo, Giovanna Di Sanzo – Portavoce M5S Senise

Mar 262018
 

“La notizia dei tagli alla mobilità sanitaria ha messo giustamente in allarme molti cittadini. I Lucani non potranno più scegliere dove curarsi.

La cosa più scandalosa è che, per l’ennesima volta, apprendiamo di provvedimenti che possono incidere sulla vita dei cittadini dai giornali. Né il Presidente Pittella né l’Assessore alla Sanità Franconi si sono degnati di discuterne con il Consiglio regionale, che è il massimo organi di rappresentanza.

Che posizione ha preso la Regione Basilicata sull’Accordo per i tagli alla mobilità sanitaria relativi al Fondo sanitario 2018? È favorevole? Lo abbiamo chiesto con una interrogazione.

I cittadini devono sapere se il loro diritto a scegliere dove curarsi è stato difeso dalla Regione nella Conferenza Stato – Regioni o se hanno deciso che dobbiamo subire l’ennesimo schiaffo.

Non possiamo permetterci di impedire ai Lucani di andare a curarsi in altre strutture se prima non dotiamo la Regione di un servizio sanitario di eccellenza. Non moriremo per risparmiare!”
Gianni Rosa
FdI

Mar 232018
 

Il vicepresidente del Parco Nazionale del Pollino, Franco Fiore, si schiera a favore del Presidente
della Regione Basilicata Marcello Pittella, che ha comunicato l’assoluta indisponibilità della terra
lucana ad essere sito nazionale di deposito delle scorie.
Condivido in pieno quanto detto dal presidente, afferma Fiore, la tutela della salute e della
incolumità Pubblica è il primo impegno di ogni amministratore, noi abbiamo il dovere di
salvaguardare ambiente e salute.
La conservazione dell’ambiente e della salute è un’urgenza prioritaria per tutti, è indispensabile, se
si vuole garantire un minimo di futuro ai giovani contrastare l’inquinamento e stimolare la
salvaguardia dei territori. Il Presidente Pittella lo ricordiamo dopo aver appreso la notizia per la
quale il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda si è detto pronto a varare entro la
prossima settimana il decreto per la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee al deposito
nucleare di superficie, ha affermato che nell’eventualità la Basilicata fosse inserita nell’elenco la
Regione è pronta a una seconda “Scanzano”, e noi dice Fiore “saremo al suo fianco proprio per la
serietà del problema. Per governare i rischi ambientali, siamo disponibili anche ad andare oltre le
leggi nazionali, se queste non rispettano le nostre popolazioni.
Non è in gioco solo un’ecologia fisica, attenta a tutelare l’habitat dei vari esseri viventi, ma anche
un’ecologia umana che renda più dignitosa l’esistenza delle persone, proteggendone il bene radicale
della vita in tutte le sue manifestazioni e preparando alle future generazioni un ambiente
incontaminato come quello che ci ha donato madre natura”.