Flash Feed Scroll Reader
dic 042015
 

Continuano le iniziative del Giubileo Parrocchiale, per i festeggiamenti del
primo centenario dall’istituzione della parrocchia “S. Maria della Grotta” di Praia a Mare.
Domenica, 6 dicembre, alle ore 16, presso la Chiesa S. Cuore, si terrà la presentazione del libro sul
centenario della parrocchia, scritto da Maria Giuditta Garreffa.
Il libro racconta la storia della prima parrocchia di Praia a Mare, della sua crescita spirituale e delle
implicazioni locali.
Un racconto di uomini e donne, che hanno costituito la comunità di Santa Maria della Grotta a partire
dal 30 novembre 1916.
Lunedì, 7 dicembre, alle ore 19, presso i locali delle suore, si terrà l’apertura della mostra fotografica
del centenario. Immagini che permetteranno di rivivere tutti i momenti più significativi che si sono
susseguiti dalla nascita della parrocchia ad oggi.
Lo scorso 29 novembre, con la processione partita dal Santuario, è giunto presso la Chiesa del S.
Cuore il simulacro della Madonna della Grotta. L’immagine sacra rimarrà presso la parrocchia per
tutta la novena dell’Immacolata.
“Siamo lieti – ha sottolineato il parroco don Franco Liporace – della partecipazione e dell’entusiasmo
che i fedeli stanno dimostrando per questo centenario. Vi invitiamo a continuare a seguirci per i
prossimi incontri, per celebrare assieme la storia della nostra Chiesa”.
L’8 dicembre, sempre presso la parrocchia del S. Cuore, si terrà alle ore 18, la Santa Messa, a seguito
della quale avrà luogo la fiaccolata verso il Santuario, con il simulacro della Madonna della Grotta.

Praia_a_Mare

set 052015
 

Mentre l’azienda invia le lettere di licenziamento a ben 5 dipendenti, arrivano notizie che contraddicono la crisi economica evidenziata dall’azienda per giustificare i licenziamenti. E’ stata infatti pubblicata pochi giorni fa la delibera di Giunta con la quale si è disposto il trasferimento di una parte dei rifiuti provenienti da Matera direttamente all’inceneritore di San Nicola di Melfi. Inoltre, notizia di oggi, sembra che ormai che a breve sempre la stessa azienda potrà funzionare come un vero e proprio opificio e bruciare CSS. Richiesta in tal senso è stata infatti presentata dalla società nel mese di marzo del 2015.

Con il primo atto, di fatto, si aumenta la quantità di rifiuti destinati all’incenerimento e, quindi, anche gli introiti da parte della Rendine Ambiente srl, con il secondo si amplieranno le possibilità per la struttura in questione con indubbi vantaggi economici.

Alla luce di questa situazione che si sta delineando, i licenziamenti da parte della Rendine Ambiente srl appaiono strani e non giustificati.

“Continuiamo ad avere il sospetto che sulla pelle dei lavoratori si stia giocando una partita a scacchi molto pericolosa – sostiene il consigliere Leggieri. Continuiamo a pensare che qualcuno voglia utilizzare la minaccia di ulteriori licenziamenti per ottenere nel nuovo piano rifiuti che la Regione dovrebbe approvare vantaggi e aiuti ulteriori che non merita. Se così fosse, sarebbe gravissimo”.

Si tratta solamente di un sospetto, certo non ci sono prove certe da questo punto di vista, per questo le vicende di “Fenice” meritano un approfondimento e una attenzione particolare.

Occorre a questo punto che la Regione sia chiara e chiarisca quali sono gli obiettivi e i risultati che si vogliono perseguire con il piano rifiuti, ma soprattutto gli strumenti che si intendono utilizzare. Non è più tempo delle ambiguità, mai come oggi l’azione politica ed amministrativa deve essere netta e chiara per evitare il protrarsi di una crisi che coinvolge da anni i lavoratori, le loro famiglie e un intero territorio colpito duramente dall’inquinamento prodotto dall’inceneritore Fenice.

Il consigliere regionale M5S
Gianni Leggieri

movimento5stelle

ago 192015
 

E’ partita la campagna abbonamenti all’Eco online per il 2016.

Abbonandosi ORA il lettore avrà in omaggio il quindicinale fino alla fine dell’anno 2015. Ovviamente continuerà a ricevere il giornale per tutto il 2016.

Ogni anno il giornale edita 23 numeri che saranno inviati quindicinalmente per posta elettronica in pdf. E’ fondamentale in tal senso che l’abbonato invii la posta elettronica verso la quale desidera ricevere il giornale.  Il nostro indirizzo mail è: ecodibasilicata@tiscali.it

 

Per ricevere il giornale dunque basta compilare un bollettino postale diretto a:
L’Eco di Basilicata – Via degli Operai, 4 85044 LAURIA (PZ)
La causale: “Abbonamento 2016 online”
Il Conto Corrente Postale da evidenziare sul bollettino è 51649671
Il costo è di 13 euro

Per ricevere più celermente il primo numero del giornale, appena effettuato il pagamento all’ufficio postale, basta scannerizzare il bollettino ed inviarlo a: ecodibasilicata@tiscali.it

 

online11

ago 192015
 

E’ partita la campagna abbonamenti all’Eco per il 2016.

Abbonandosi ORA il lettore avrà in omaggio il quindicinale fino alla fine dell’anno 2015. Ovviamente continuerà a ricevere il giornale per tutto il 2016.

Ogni anno il giornale edita 23 numeri che saranno inviati quindicinalmente per posta ordinaria.

Per ricevere il giornale dunque basta compilare un bollettino postale diretto a:
L’Eco di Basilicata – Via degli Operai, 4 85044 LAURIA (PZ)
La causale: “Abbonamento 2016”
Il Conto Corrente Postale da scrivere sul bollettino è 51649671
Il costo è di 20 euro

Per ricevere più celermente il primo numero del giornale, appena effettuato il pagamento all’ufficio postale, basta scannerizzare il bollettino ed inviarlo a: ecodibasilicata@tiscali.it

 

hhhhhhhh

ago 132015
 

Ancora un keniano sul primo gradino del podio della Coppa Avis. La ventisettesima edizione della gara di corsa su strada organizzata dal Gruppo Sportivo Avis di Lagonegro, l’11 agosto 2015, ha visto vincere, su un circuito di circa 10 km, diverso rispetto a quello degli anni precedenti, l’atleta William Kibor, che ha realizzato un tempo di 34’36’’. Al secondo posto invece Sylvain Rukundo, ruandese che corre con la Toscana Atletica Futura, giunto al traguardo dopo soli due secondi rispetto al vincitore. Terzo l’italiano Said El Otmani, classe 1991, che ha realizzato un tempo di 34’39’’. I tre atleti sono stati in testa sin dall’inizio della gara, distanziandosi l’uomo dall’altro per pochi millesimi di secondo, ma a fare la differenza, nell’ultimo giro, è stata la volata di Kibor che è riuscito ad avere la meglio sui due avversari. Ottima gara anche per Marco Macchia, classe 1997, il più giovane della gara, che si è classificato al quarto posto.

Tra le donne, invece, il primo posto è andato all’atleta maghrebina Meriyem Lamachi, che ha realizzato un tempo di 39’13’’; seconda classificata Jerotich Faith Kimutai arrivata al traguardo dopo 40’10’’. Ultimo gradino del podio per l’italiana Palma De Leo, con un tempo di 41’10’’. Al quarto posto la giovane atleta lagonegrese Lucia Mitidieri, classe 1995, già medaglia d’argento sui 1500 metri ai campionati nazionali juniores. Ottima gara anche per Matteo Viggiano, atleta lagonegrese giunto al settimo posto con un tempo di 36’27’’, seguito dal celebre Giorgio Calcaterra, vincitore per dieci volte consecutive della “100 km del Passatore”.

Per la prima volta quest’anno, la gara è stata aperta anche agli amatori; hanno infatti partecipato alla competizione, partita dallo stadio G. Rossi di Lagonegro, una cinquantina di atleti di tutte le età e di diversa provenienza, per una gara che è stata avvincente ed appassionante, nonostante le precarie condizioni climatiche.

Il gruppo sportivo Avis Lagonegro dà appuntamento all’anno prossimo, per l’attesa gara che ormai da diversi anni regala emozioni agli atleti e al numeroso pubblico che accorre per assistere alla manifestazione. (Federica Olivo)

lug 052015
 

E’ ufficialmente partita nella serata di venerdì la macchina organizzativa per la seconda edizione delle “Ruraliadi”, le olimpiadi della ruralità che interesseranno anche quest’anno i quindici Comuni del Marmo Platano Melandro. A Perolla, presso la sede del Gal Csr Marmo Melandro- si è tenuta nel tardo pomeriggio di venerdì una riunione tra i rappresentanti del Gal, della società Iridia, le Pro-Loco e i partecipanti della scorsa edizione. Una riunione per discutere di proposte, eventuali miglioramenti, suggerimenti e sperimentare eventualmente nuovi giochi. C’è già tanto entusiasmo ed attesa per le olimpiadi della ruralità che –stando alle date in fase di valutazione da parte di squadre ed organizzazione- dovrebbero partire dal 20 agosto, per poi continuare a settembre. Ad aprire l’incontro il presidente del Gal, Michele Miglionico, che ha dichiarato: “Ruraliadi è un progetto con delle idee chiare. Lo scorso anno ha risposto alle nostre aspettative, abbiamo tratto le giuste considerazioni. E per questo abbiamo convocato prima gli amministratori, poi le Pro-Loco e i partecipanti, per discutere di questa nuova edizione e ragionare insieme, confrontandoci e proponendo, sul da farsi”. “Una edizione –ha invece sottolineato il direttore del Gal, Nicola Manfredelli- che quest’anno porterà ancora di più alla valorizzazione dei territori: saranno loro i protagonisti. Raccorderemo centri storici con la ruralità, e al centro dell’evento ci saranno i giovani, le usanze, le culture e le tradizioni rurali. Sarà un offerta extra-regionale, visto l’interessamento mostrato lo scorso anno anche da fuori regione”. Doriano Pitta della società Iridia, che curerà questa seconda edizione, ha sottolineato come sia importante il confronto con le squadre e la collaborazione, per proporre novità e bissare il successo dello scorso anno. Tra le novità principali di questa edizione il concentramento delle attività nei centri storici e l’integrazione di ogni tappa con vari eventi sul territorio. Protagoniste saranno le squadre nelle quindici tappe nel Marmo Platano Melandro. Diversi i giochi riconfermati, e diversi saranno anche quelli nuovi, proposti da squadre ed organizzazione. Nei prossimi giorni si sapranno le date ufficiali di questa nuova edizione delle #Ruraliadi.

Incontro Ruraliadi - 3.7.2015 a Perolla di Savoia di Lucania

lug 052015
 

In occasione del terzo anniversario della dipartita terrena di mons. Vincenzo Cozzi, il 2 luglio 2015, è stata celebrata una messa nella chiesa di San Michele a Trecchina dove, ricordiamo, don Vincenzo svolgeva le funzioni di viceparroco. Oltre a don Guido Barbella ha concelebrato il diacono don Giovanni Cozzi e don Marcello Cozzi che ha ricordato con parole preziose l’amato zio.

Alcune parti della cerimonia, compresa l’omelia

giu 212015
 

E’ partita il 19 giugno 2015 la nuova edizione della Coppa Pollino, un torneo giovanile nazionale di calcio che coinvolge club prestigiosi. L’evento è coordinato dal dottore Egidio Sproviero. La presentazione avvenuta presso l’Hotel Mercure di Castelluccio Inferiore ha visto tra gli altri la partecipazione del giornalista di Rai Sport Angelo Oliveto e dell’allenatore Luigi De Canio.

Le interviste: Egidio Sproviero, Gigi De Canio

giu 132015
 

Si fa sempre più appassionante il sondaggio lanciato su questo sito per la scelta del futuro candidato sindaco di Lagonegro (primavera 2016). Come è noto l’attuale primo cittadino Domenico Mitidieri non potrà più ricandidarsi quindi è partita impetuosamente la corsa alla sua successione. Notevole è il testa a testa tra Vito Di Lascio e Giovanni Santarsenio a dimostrazione che i due politici sono stimati, su di loro si stanno coagulando aspettative importanti.

sondaggio_regione_sicilia1

giu 112015
 

I ragazzi della struttura di accoglienza gestita da Auxilium sono stati a Roma per un’udienza da Papa Francesco, grazie ad un’iniziativa promossa dall’Arcidiocesi di Potenza. Per la delegazione una benedizione dal Santo Padre, che ha accolto in privato due giovani africani della delegazione E’ stata una giornata veramente speciale, per 31 ospiti di nazionalità nigeriana del Centro di accoglienza temporaneo di Rifreddo-Pignola, in provincia di Potenza. Partita in tarda serata dal cuore della Basilicata, la comitiva di giovani africani – per la maggior parte ventenni – è arrivata in mattinata a Roma, dove ha partecipato – grazie all’iniziativa e al gesto di generosità dell’Arcidiocesi di Potenza – all’udienza generale di Papa Francesco. Ma la visita al Santo Padre è andata ben oltre le aspettative; ed è stato così soprattutto per due ragazzi del gruppo, entrambi rifugiati politici (E.J.A. e I.I.), che hanno avuto l’onore di essere accolti in udienza privata dal Pontefice. I due giovani hanno così raccontato al Santo Padre la loro esperienza di vita, ed i motivi per cui sono stati costretti a fuggire dal proprio Paese d’origine. Ma non è tutto. Papa Francesco, dopo aver voluto conoscere le storie dei ragazzi africani, quasi tutti cristiani, del Centro temporaneo di accoglienza di Rifreddo, ha mandato una benedizione speciale anche ai musulmani del gruppo. «La benedizione mandata dal Papa, in particolar modo ai fratelli musulmani, è stata un momento molto emozionante», è il commento unanime della delegazione di Rifreddo, appena rientrata in Basilicata. I giovani ospiti del Centro di accoglienza temporaneo sono stati accompagnati a Roma da 15 operatori e dal fondatore della cooperativa Auxilium, Angelo Chiorazzo. A condurre i ragazzi in Vaticano, anche Don Gerardo Lasalvia, dell’Arcidiocesi di Potenza. «Il vescovo – racconta il sacerdote – ha voluto regalare questo viaggio ai ragazzi, che da novembre stiamo seguendo andando a celebrare la messa ogni sabato e domenica. Abbiamo contattato monsignor Stefano Sanchirico, viceprefetto della casa pontificia, che è lucano di Corleto Perticara e siamo riusciti ad ottenere l’udienza. Con enorme sorpresa, all’ingresso di piazza San Pietro, abbiamo capito che saremmo stati ospitati nel reparto speciale. E’ stata per noi una grande gioia: ma lo è stata ancora di più quando il Pontefice ci ha fatto sapere di voler salutare personalmente due ragazzi della nostra delegazione. Alla fine sono andati dal Papa un ragazzo cattolico, che ha chiesto asilo politico per motivi molto gravi in Nigeria ed un catecumeno, un giovane che aveva chiesto un battesimo cattolico e che proprio per questo è stato costretto a scappare dalla sua terra. Tutto questo – dice ancora Don Lasalvia – ci ha commosso: è stato uno dei regali più belli della nostra vita. Il Papa ha benedetto tutti noi, ma ha inviato una benedizione speciale anche agli amici musulmani. Sono contento di aver conosciuto la realtà di Rifreddo e Auxilium, che mi hanno fatto vivere un’esperienza indimenticabile. Ridevamo, scherzavamo, piangevamo per l’emozione. Cristiani, cattolici e musulmani insieme, in una marea di sentimenti».
UFFICIO STAMPA Auxilium

IMG-20150610-WA0003