BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Apr 222018
 

Domenica 15 Aprile 2018 alle ore 20:30, al Cecilia, centro per la creatività di Tito, si è svolta la premiazione delle Compagnie che hanno partecipato al IV° Festival di Teatro Amatoriale CECCO SPERA” organizzato dall’associazione ANSPI CARITA’ di TITO.

La “Kermesse” è intitolata al regista, autore e attore Cecco Spera, venuto a mancare improvvisamente nel 2013, che con il settore teatrale dell’associazione culturale A.N.S.P.I. Carità Tito, è riuscito a rappresentare nel corso di dieci anni diversi spettacoli teatrali, accrescendo e valorizzando la tradizione del teatro amatoriale nella comunità titese.

In questa quarta edizione, durante i mesi di Febbraio, Marzo ed Aprile si sono esibite sul palco del “Cecilia” di Tito, sei compagnie amatoriali delle comunità di Bella, Tito Scalo, Picerno, Latronico, Possidente di Avigliano e Brienza.

“Anche quest’anno, abbiamo potuto apprezzare l’impegno e la bravura delle Compagnie che si sono esibite, registrando anche una presenza di pubblico in aumento rispetto alle edizioni precedenti. Il L’associazione Anspi Carità di Tito, che si occupa dell’organizzazione del Festival, trova il sostegno – sottolinea il Presidente Giuseppe Palazzo – dal patrocinio del Comune di Tito, del Consiglio della Regione Basilicata e dall’APT Basilicata, inoltre vede il sostegno degli sponsor Basilicata Energia srl, Ri.Ca. Srl e Vetreria Meliante”.

Come per le passate edizioni, l’APT di Basilicata, oltre alla sua presenza nella giuria, ha assegnato dei premi speciali, per le interpretazioni che si sono distinte maggiormente, nel recitare in dialetto galloitalico.

Durante la serata, oltre alle premiazioni delle sezioni in concorso, quali: miglior compagnia, miglior attrice, miglior attore, migliori costumi e miglior scenografia, che sono state valutate da una apposita giuria di qualità, ci sono state delle “pillole teatrali”, frutto del lavoro degli SHORT LAB – Percorsi Teatrali, divisi in tre fasce di età, dai 6 anni in poi, curati da Antonella Iallorenzi, della Compagnia teatrale Petra, con la collaborazione del Cecilia, Centro per la Creatività.

“Questa novità – prosegue il Presidente Giuseppe Palazzo – è stata fortemente voluta dal nostro responsabile del settore Teatro, Pierpaolo Spera, che parallelamente allo svolgimento del Festival, ha voluto attivare un momento di formazione, consapevoli, che con le attività teatrali, si ha la possibilità di crescere culturalmente e socialmente”.
Il PRESIDENTE
Giuseppe Palazzo
Anspi TITO

Ago 252017
 

Il primo test della stagione della Rinascita è in programma oggi pomeriggio, 25 agosto 2017, tra i lagonegresi e i campani dell’Aversa. Fischio d’inizio a partire dalle ore 18 presso il centro sportivo di Sant’Antimo , che sarà il primo palcoscenico stagionale anche per i normanni . “Sarà un test molto importante dal punto di vista fisico- spiega il capitano dei biancorossi- andiamo li per vedere come stiamo lavorando e per vedere come sopportiamo questa prima fase. La preparazione sta andando molto
bene, i carichi di lavoro sono elevati e cercheremo di smaltirli nelle prossime settimane”. C’è entusiasmo e tanta voglia di far bene tra le fila biancorosse, mister Falabella motiva i suoi e li incoraggia a dare il massimo in ogni singolo allenamento. “E’ fondamentale creare il giusto spirito e le giuste sinergie sin da subito- spiega il tecnico- ora inizia una fase intensa, nessun alcuna sosta, faremo doppie sedute e 6 allenamenti congiunti da qui al 10 settembre e ogni test dovrà aiutarci a migliorare e a monitorare il lavoro che abbiamo programmato. Quest’anno iniziamo prima e avremo più gare già nella regolar season , pertanto bisognerà arrivare al top della forma fisica”.
“I ragazzi hanno tutti voglia di lavorare e mettersi in mostra- spiega Giosa che ormai è il riferimento della squadra- sono sicuro che faremo bene, c’è il giusto spirito nel fare gli allenamento. Oltre la fatica fisica che si fa sentire in questa fase, ci divertiamo divertono tanto e questo è molto importante nella pallavolo”. Dopo quello di oggi, l’esordio in casa per i lagonegresi sarà il prossimo venerdì 1 settembre quando al PalaSimone Giosa e compagni affronteranno i normanni di mister Bosco, per un classico e tanta atteso del volley del sud Italia che quest’anno però non si replicherà in campionato poiché le due formazioni sono inserite in due gironi diversi.

palla

Ago 182017
 

Il 17 agosto 2017, si è svolta la nuova edizione del Premio de “Il Tassello”. In una piazza gremitissima la presidente Felicetta Gesualdi ha evidenziato i passi in avanti che si stanno facendo per valorizzare una tecnica unica nel suo genere per la lavorazione dei merletti. Sul palco si sono esibiti Claudia Cantisani, Felice Del Vecchio e Felice Del Gaudio.


Le interviste: Felicetta Gesualdi, Maria Vittoria Ovidi Pazzaglia, Fausto De Maria

Mag 282017
 

Il 27 maggio 2017 si è svolta a Lauria un’iniziativa promossa dall’associazione Magna Grecia e patrocinata dall’Amministrazione comunale tesa a ricordare l’indimenticabile prof. Giantonio Rossini. Sul palco si sono avvicendati quanti lo hanno conosciuto ed hanno condiviso vari ambiti di impegno: scuola, società, politica, Rotary, imprenditoria.


Sono intervenuti: Andrea Rossini, Angelo Lamboglia, Ida Puglia, Rita Galietta, Michele Mazzeo, Vincenzo Policastro, Michele De Clemente, Giacomo Chiarelli, Vicnenzo Del Duca, Antonio Petraglia, Nicola Calcagno, Enzo Caruso, Pino Magno, Pietro D’Imperio

Apr 182017
 

Il 5 e 6 Agosto Maratea sarà di nuovo palcoscenico del divertimento con la rassegna “Maratea Smile” a cura della Pro Loco “La Perla” presieduta da Pierfranco De Marco.

Squadra che vince non si cambia! Sembra una frase detta ma nella realtà è proprio così, infatti anche per questa edizione, è rinnovata la collaborazione tra la Pro Loco di Maratea promotrice dell’iniziativa, la Twin Communications di MoniKa Tafuti che seguirà la comunicazione visiva dell’evento e l’Almadela che si occuperà della produzione televisiva e organizzazione del format “Smile’ s Talent”, scritto e condotto dalla giornalista pontina Adele Di Benedetto.

E proprio in questi giorni, si aprono le selezioni nazionali per Smile’s Talent, che vanta della prestigiosa partnership con

l’ Accademia Nazionale del Comico, il Cab 41, l’Associazione Lido degli Aranci e della collaborazione della nota cabarettista Cristiana Maffucci.

Smile’s Talent non consegna né fasce né premi in danaro, ma dà la possibilità agli artisti, di incontrare addetti ai lavori che possano rappresentare per loro un’opportunità lavorativa e una futura collaborazione professionale, e agli addetti ai lavori, di scoprire nuovi talenti.

Durante la serata gli artisti ammessi a partecipare potranno esibirsi davanti un pubblico attento e qualificato e una giuria composta da addetti ai lavori.

Al termine delle loro esibizioni, saranno selezionati dalla giuria tecnica, i tre artisti ritenuti più talentuosi, ai quali saranno date importanti occasioni professionali e di visibilità.

Gli artisti interessati di qualunque nazionalità e regione di Italia, possono partecipare alle selezioni inviando il materiale richiesto nel regolamento.

La partecipazione è gratuita ed è rivolta a: comici, attori comici, maghi comici, cabarettisti, comici acrobatici e altra comicità.

Si possono richiedere informazioni e copia del regolamento scrivendo all’email casting@marateasmile.it e/o almadela-produzione@libero.it

Questo il link del video della passata edizione andata in onda su Nuvolari https://youtu.be/ocRRwAb8Cs8

Maratea Smile gode dei patrocini della Regione Basilicata, dell’APT Basilicata, della CCIAA Potenza, del Comune di Maratea, e dei contributi di Meridionale Intonaci, Edil Limongi, Boero, Impec Mare.

Adele Di Benedetto e Pierfranco De Marco

Set 082016
 

Bilancio positivo per la prima stagione a Nemoli per La Signora del Lago, lo spettacolo ideato e diretto da Gianpiero Francese che con gli abiti di un fantasy musicale ha raccontato la storia, la cultura e le tradizioni di un lembo di terra ai piedi del monte Sirino.
Domenica 4 settembre, nel suggestivo scenario del lago Sirino, è andata in scena l’ultima replica della stagione 2016.
«Il bilancio è sicuramente positivo – ha dichiarato Francese – non solo per l’affluenza ma per tutto quello che è riuscito a creare lo spettacolo nel territorio che non è solo un’induzione economica ma anche e soprattutto un arricchimento nella rete delle relazioni umane che sicuramente saranno una grande risorsa per il futuro dello spettacolo»
La scelta di Francese di raccontare alcune pagine di storia importanti del territorio, come il Sacco di Lauria, il Beato Domenico Lentini, l’Arpa di Viggiano, con la formula di un fantasy in chiave musicale, si è rivelata vincente ed è riuscita coinvolgere ed entusiasmare, sera dopo sera, il pubblico che ha affollato le tribune ai piedi del monte Sirino. Un pubblico variegato, di tutte le età, proveniente dai paesi della Basilicata, dalle Regioni vicine, e da tutta Italia.
In scena, sul palco galleggiante e sulla sponda del lago, la storia di un giovane pescatore che incontra il suo popolo e lotta contro il male, i Corvi, per liberare la sua terra.
«Ce l’abbiamo messa tutta per animare questo lago che resta un posto straordinariamente bello», ha sottolineato ancora Francese: con fontane danzanti, con 40 figuranti di Nemoli e dei paesi vicini, con danza aerea, con balletti, con le musiche di Rocco Petruzzi, le scenografie di Vincenzo Castaldi, la direzione tecnica di Gennaro Tritto.
Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco di Nemoli Domenico Carlomagno. «Avevamo fatto negli anni precedenti delle previsioni che sono state largamente superate – ha detto Carlomagno – Avevamo fatto una stima di diecimila visite in più. Ci siamo arrivati soltanto con gli spettatori, ed abbiamo raddoppiato con oltre ventimila presenze da giugno a settembre su questo territorio. Un successo straordinario. Uno spettacolo che è piaciuto tantissimo. Un’esperienza positiva per il territorio».
La Signora del Lago – gestita da le società Costruzioni Generali di Angelo Mastroianni di Lagonegro e Opera Prima di Gianpiero Francese di Melfi – tornerà in scena anche l’anno prossimo.
«Il successo di quest’anno – ha chiuso Francese – aiuta a costruire meglio il progetto del prossimo anno. Stiamo pensando a dei ritocchi tecnologici e abbiamo delle belle idee per presentarci la prossima estate ancora più forti».

tribuna

Ago 292016
 

Ha chiuso i battenti la sagra del baccalà, kermesse che in anni passati richiamava migliaia di persone da più parti della nostra regione e non solo. L’amministrazione comunale promoter dell’evento anche in questo caso ha dimostrato tutta la sua inefficienza e superficialità. Non parliamo della festa giustamente sottotono per i nefasti avvenimenti che hanno colpito il Centro Italia. No.

A parte i problemi di sempre, che vanno dai ritardi nell’organizzazione e nel coinvolgimento degli operatori che sono l’anima ed il vero motore della manifestazione, è evidente che la sagra ha perso la sua ‘anima’, ovvero la valorizzazione del meglio del nostro territorio. Obiettivo che si ottiene solo se si ha ben in mente la ‘visione’ che si vuole dare e si prova a realizzarla con un lavoro preventivo che richiede, evidentemente, competenze e tempo.

Noi riteniamo che occorra rilanciare la sagra come evento che coinvolga l’intero comune, evitando anche sterili concorrenze e sovrapposizioni. Non basta promuovere il brand che ha reso l’evento una delle manifestazioni chiave nell’estate lucana, bisogna ridare alla sagra del baccalà il protagonismo che merita, coinvolgendo per tempo tutti gli operatori aviglianesi, a cominciare da chi realmente partecipa.

Torna, pertanto, di attualità una nostra vecchia proposta che mira a far nascere un comitato organizzatore stabile con il quale coinvolgere il mondo produttivo locale. Occorre lavorare tutto l’anno e iniziare per tempo ad organizzare la sagra e non ridursi sempre all’ultimo momento per cercare di superare le numerose difficoltà. Ringraziamo tutti coloro che si sono spesi per realizzare l’evento e che, nella ormai consueta corsa contro il tempo, ha organizzato il tutto.

All’Amministrazione comunale invece rivolgiamo l’appello di farsi garante dell’unità del territorio aviglianese evitando che si creino sterili contrapposizioni con gli eventi realizzati in altre comunità, in particolare nell’accaparrarsi visibilità su importanti palcoscenici regionali. La riuscita ed il successo di questi eventi sta a cuore a tutti gli aviglianesi ed è probabilmente l’unica vetrina per il nostro territorio. Diamole il risalto che merita.

Vincenzo Claps, portavoce Fratelli d’Italia – AN Città di Avigliano

avigliano

Ago 122016
 

Venerdì 12 Agosto 2016 verranno dipinte sul manto stradale otto tavole raffiguranti episodi della vita di San Rocco.

L’associazione culturale In Arte Exhibit di Potenza ha effettuato una selezione, su tutto il territorio nazionale, di artisti madonnari che parteciperanno all’ evento “L’ arte dei Madonnari a Tolve”, manifestazione che si svolgerà venerdì 12 agosto lungo la strada antistante la chiesa del Santo patrono di Tolve. Gli artisti selezionati sono risultati otto, varia la loro provenienza, con una forte presenza di artisti del salernitano: Vito Mercurio, Vincenzo Bisogno, Giuseppe Apicella vengono da Cava dei Tirreni ( SA), Marianna Battipaglia da Nocera Superiore (SA), Giuseppe Socci da Salerno, Pasquale Scognamiglio da Napoli, Martino Zingarelli da Taranto ed Alberto Forlenza da Contursi Terme (SA). Gli otto artisti prescelti dovranno dipingere sul manto stradale otto pannelli raffiguranti un percorso di vita del Santo. I lavori inizieranno alle ore 9:00 del giorno 12 e termineranno alle ore 19:00, dopodiché una giuria di tecnici esperti e storici dell’ arte valuteranno le opere e decreteranno i primi tre classificati della kermesse. Per le ore 20:00 è prevista la premiazione che si svolgerà sul palco messo a disposizione dall’ Amministrazione comunale. Gli artisti verranno premiati dal Presidente dell’ Associazione In Arte Exhibit Angelo Telesca e dal Sindaco del Comune di Tolve Pasquale Pepe.
Sono chiamati madonnari gli artisti che, come da tradizione, utilizzano gessetti colorati e altro materiale povero per realizzare immagini di arte sacra, in particolar modo madonne, da qui il nome. Essi metteranno in mostra l’antica arte del raffigurare icone sacre sui selciati delle città in modo tale da attirare la devozione dei fedeli con le loro offerte. Il Madonnaro è un artista itinerante che mette la propria inventiva al servizio della città e delle relative devozioni popolari. La vita di queste opere è davvero effimera, perché esse sono soggette agli agenti atmosferici ed è proprio questa peculiarità che rende tali performance così ricche di fascino. E’ questa una forma di arte che stava perdendosi e che solo negli ultimi decenni ha visto nascere manifestazioni di questo genere in Italia ed all’estero.
San Rocco è un santo pellegrino e la sua iconografia sottolinea proprio queste caratteristiche: l’incontro con i madonnari, altri viandanti che percorrono, dipingendole, le strade della fede, vuol essere un’occasione unica e stimolante per celebrare entrambe le tradizioni, quella della fede religiosa e quella dell’arte di rappresentarla su strada. Il culto del Santo originario di Montpellier è uno dei più sentiti in Basilicata e a Tolve ha trovato un radicamento centenario ed una devozione che si manifestano nella duplice ricorrenza della festa, 16 agosto e 16 settembre, richiamando decine di migliaia di pellegrini da tutta la regione e dalle province limitrofe, come testimoniano le migliaia di ex voto in oro che ricoprono la statua del santo portata in processione solenne. Celebrare San Rocco per le strade della città è l’intento che si vuole perseguire anche in occasione di questo importante evento.

madonnari-tolve

Lug 272016
 

Ieri sul palco Jo Champa, Rocio Munoz Morales e Claudio Santamaria. Oggi l’anteprima nazionale di “Ghostbusters”,

Al via ieri a Maratea, con le prime proiezioni e l’arrivo di star nazionali ed internazionali, le “Giornate del cinema in Basilicata”. La serata si è aperta con l’annullo filatelico dedicato alla manifestazione nel “Cinevillage” allestito in piazza del Gesù a Fiumicello. Poi spazio al cinema lucano con una rassegna di cortometraggi a cura della “Lucana Film Commission”. Il numeroso pubblico ha potuto così assistere alla proiezione di “Centosanti” di Roberto Moliterni, all’anteprima nazionale di “Whiteout” di Paola Sinisgalli e a “L’appuntamento” di Vito Cea. In seconda serata, poi, sono saliti sul palco, per essere anche premiati, Jo Champa, Rocio Munoz Morales e Claudio Santamaria. Nel corso della serata, presentata da Claudio Guerrini di Rds, che per tutta la settimana si collegherà in diretta dalla cittadina tirrenica, e dalla conduttrice e attrice Carolina Rey, non sono mancate delle sorprese. Su tutte la presenza di Thomas Ciampa, vicepresidente della Warner Bros, italo – americano, e fratello della star hollywoodiana Jo Champa, grazie al quale è stato possibile portare alle “Giornate del cinema” l’anteprima nazionale della pellicola di Paul Feig “Ghostbusters”, in programma questa sera alle 23. Sul palco, per essere premiato, è salito anche il noto produttore esecutivo Enzo Sisti. A concludere la serata la proiezione del pluripremiato film “Lo chiamavano Jeeg Robot”. La seconda sera della kermesse marateota avrà inizio con “Nuovi orizzonti del cinema in Basilicata” a cura di Delio Colangelo. Alle 21, si prosegue con la rassegna “Le giornate del Cinema Lucano”, condotta da Paride Leporace, durante la quale verranno proposti tre cortometraggi: “Prince of Venusia. Gesualdo da Venosa” di Silvio Giordano, “Tutti gli uomini hanno un prezzo” di Andrea Filardi e “L’aurora che non vedrò” di Mimmo Mongelli. Dalle 22 l’evento presentato da Carolina Rey che vedrà la partecipazione degli attori Primo Reggiani, Francesco Montanari, Francesco Apolloni e Ariadna Romero, del regista Roberto Capucci e del produttore Roberto Cipullo. La cinque giorni di Maratea, organizzata dall’Associazione cinema Mediterraneo, è nata su precisi orientamenti gestionali e finanziari di “Sensi contemporanei Basilicata” e della Regione Basilicata che ha così concepito un contenitore che fosse in grado di evidenziare le politiche di sviluppo messe in campo delle istituzioni per la nascita di un distretto del cinema dell’audiovisivo lucano che negli ultimi tempi evidenzia sempre più le sue potenzialità.

index