BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Giu 052018
 

E’ stato presentato a Lauria, il 3 giugno 2018, nell’ambito della rassegna culturale di primavera , il libro di Laura Tangherlini “Matrimonio Siriano”.  L’iniziativa è stata organizzata dall’Arci e dall’Upel, moderata da Giorgia Panzardi ed ha avuto dei momenti musicali curati da Marco Rò.


Le interviste: Laura Tangherlini, Marco Rò, Francesco Stoduto, Giorgia Panzardi; a seguire e la registrazione della serata

Mag 282018
 

Il matrimonio tra la Rinascita volley e Paolo Falabella continua anche per la stagione 18-19.E’ questo l’esito del tanto atteso incontro tra le parti andato in scena giovedì sera tra il tecnico lagonegrese e il patron biancorosso Nicola Carlomagno. Un vertice in cui l’allenatore reduce dalla seconda salvezza in casa Lagonegro, ha messo le basi per la sua quinta stagione sulla panchina della Rinascita, per pensare così a pianificare con la dirigenza la strategia da seguire per il mercato estivo.
“E’ una grande soddisfazione- spiega Falabella- aver ottenuto la fiducia della società anche per il prossimo anno. L’ultima è stata una stagione lunga e molto travagliata ma siamo pronti per ripartire con la solita grinta e tenacia, abbiamo obiettivi importanti, con un programma più ambizioso rispetto a quello della passata stagione”. Le prime parole di Falabella che segnano il via alla terza stagione lagonegrese nel secondo massimo campionato di Legavolley.
“La conferma di Falabella è ancora una volta il nostro punto di partenza – spiega Carlomagno- la fiducia riposta in lui è fondamentale per portare avanti il nostro progetto che parte dal settore giovanile reduce da importanti successi, fino alla prima squadra in A2. Insieme portiamo avanti il nome della nostra città ma soprattutto vogliamo che la nostra società possa diventare il faro per le nuove generazioni”, le parole del Presidente lagonegrese che dopo l’ufficializzazione del mister, insieme al ds Tortorella e alla dirigenza sono alle prese con la campagna acquisti. “Siamo già al lavoro per cercare di allestire una squadra più competitiva, con il primissimo obiettivo di far tornare tanta gente al palazzetto così come si è visto nelle fasi finali dello scorso anno. Contiamo tanto sull’appoggio dei nostri tifosi- conclude Falabella- è la molla che ci fa andare avanti e siamo sicuri che anche quest’anno i nostri tifosi accoglieranno con grande entusiasmo e calore il nuovo gruppo. “In questi giorni ufficializzeremo i primi acquisti- spiega il ds Tortorella- il 19 luglio si chiuderà il mercato con la stesura dei calendari. Contiamo di poter allestire una squadra competitiva piazzando qualche colpo di mercato a breve, che sarà un punto di partenza per la prossima stagione”.
Paola Vaiano


Da sinistra: coach Falabella con il presidente Carlomagno

Apr 122018
 

Un sondaggio rivela che attualmente in Italia sono oltre 46mila i casi di persone che i Testimoni di Geova hanno
aiutato a liberarsi da fumo, droga, alcolismo, gioco d’azzardo, violenza domestica e altre piaghe sociali
Con i suoi 255mila fedeli e gli altrettanti simpatizzanti, quella dei Testimoni di Geova rappresenta la seconda
confessione cristiana in Italia, se si contano i cittadini italiani. I Testimoni di Geova sono molto conosciuti per la loro
opera di evangelizzazione, ma spesso i benefìci sociali di tale opera passano inosservati. È possibile quantificare
l’influenza positiva che i Testimoni di Geova esercitano sul tessuto sociale?
I Testimoni di Geova hanno realizzato un sondaggio all’interno delle loro 3.592 comunità (2.592 sono italiane, 65
nella lingua dei segni italiana e altre 935 in 25 lingue straniere). Oggetto del sondaggio sono stati otto problemi che
incidono – a volte molto profondamente – sul tessuto sociale, non solo sulle persone ma anche sull’economia del
paese. I primi sei sono (1) droga, (2) alcolismo, (3) fumo, (4) gioco d’azzardo, (5) violenza domestica, (6) linguaggio
violento o volgare. Inoltre il sondaggio ha rilevato il numero di coloro che, grazie all’impegno dei Testimoni, (7)
hanno modificato comportamenti che in precedenza li avevano portati ad avere problemi con la legge e (8) hanno
superato crisi all’interno del matrimonio. In quanti casi i Testimoni di Geova sono riusciti ad aiutare le persone ad
abbandonare vizi e comportamenti nocivi come quelli summenzionati? Il numero è tanto sorprendente quanto
rilevante: oltre 46mila.
Analizziamo i dati nello specifico:
Droga: 2.592 – Rappresenta oltre l’un per cento della comunità dei Testimoni di Geova in Italia: si tratta – vale la
pena ribadirlo – di persone che, studiando la Bibbia con i Testimoni, hanno definitivamente chiuso con la dipendenza
dalla droga.
Alcolismo: 2.882 – Tanti sono coloro che in ossequio ai principi biblici si sono liberati dalla dipendenza dall’alcol (i
Testimoni di Geova non sono contrari, tuttavia, a un uso moderato di bevande alcoliche).
Fumo: 20.557 – È il numero di coloro che, grazie ai Testimoni di Geova, hanno smesso di fumare. Hanno preso
questa decisione per seguire il principio biblico che raccomanda di rispettare il proprio corpo e la santità della vita.
Gioco d’azzardo: 2.432 – Pensando agli effetti devastanti del comportamento del giocatore patologico sulla famiglia
e su ognuno dei suoi componenti, è incoraggiante pensare che, grazie agli insegnamenti della Bibbia e all’impegno
dei Testimoni di Geova, 2.432 persone, e forse altrettante famiglie, abbiano trovato rimedio a questo dramma.
Violenza domestica: 2.120 – Sono coloro che, conoscendo e mettendo in pratica i principi biblici, hanno
abbandonato comportamenti aggressivi e violenti: verbali, psicologici e fisici. Il benessere del partner (qualsiasi
religione professi), il rispetto reciproco e in generale la qualità di vita del nucleo familiare sono obiettivi inderogabili
per essere (o rimanere) Testimoni di Geova.
Linguaggio violento o volgare: 12.218 – Tanti sono coloro che, prima di diventare Testimoni, usavano un linguaggio
caratterizzato da aggressività e scurrilità, ma che sono riusciti nell’impresa di abbandonare tale modo di parlare.
Problemi con la legge: 1.545 – Sono coloro che, grazie all’operato dei Testimoni, si sono messi completamente alle
spalle precedenti problemi con la legge. Gli insegnamenti biblici ribadiscono più volte la necessità della coerenza. In
certi casi per conformarsi ai princìpi della Bibbia sono necessarie scelte drastiche, ma che possono essere alla portata
di tutti: lo dimostrano gli attuali 1.050 detenuti che all’interno delle carceri italiane stanno studiando con i ministri di
culto dei Testimoni di Geova. È già dal 1976 che i Testimoni di Geova operano gratuitamente nelle carceri, con egregi
risultati nel campo dell’integrazione e del recupero sociale, stando ai commenti dei responsabili degli istituti di pena.
Crisi matrimoniali: 2.368 – Sono le coppie all’interno della comunità italiana dei Testimoni di Geova che, grazie
all’aiuto dei princìpi biblici, si sono riunite dopo una precedente separazione o erano vicine alla separazione e hanno
deciso di rimanere unite. Per i Testimoni di Geova il matrimonio è sacro e va quindi difeso con ogni sforzo, anche se
uno dei coniugi non è Testimone.
La Torre di Guardia e Svegliatevi!, i periodici editi dai Testimoni di Geova, sono le riviste più tradotte e diffuse al mondo e trattano spesso argomenti socialmente educativi.

Set 182017
 

Il 17 settembre 2017 si è svolta la prima delle tre manifestazioni organizzate dalla Soprintendenza Archeologica belle arti e paesaggio della Basilicata che porteranno a Maratea alcune delle città dell’area sud della regione più significative da un punto di vista artistico, archeologico e culturale. Il centro storico di Maratea è stato arricchito da un corteo in costume d’epoca preparato dalla Proloco di Grumento che ha rappresentato il matrimonio della duchessa Aurora Sanseverino con Niccolò Caetani.Significativo è stato anche il confronto culturale.


L’incontro culturale


La sfilata

manifesto Comuni in mostra