BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Apr 122018
 

Il 13 aprile 2018 si celebreranno a Lauria i funerali della mamma dell’attore Rocco Papaleo. In queste ore tanti sono gli attestati di cordoglio che giungono all’artista che da stamattina presto (12 aprile) è presso la camera mortuaria dell’Ospedale di Lagonegro. Rocco era assai legato a mamma Giacomina (Mimina).

Ago 062017
 

Il 5 agosto 2017 nell’ambito delle manifestazioni religiose e laiche in onore del Beato Domenico Lentini sono stati tributati i riconoscimento per il 2017 del “pane del Lentini”. Premiati quest’anno la signora Maria Chiacchio mamma coraggiosa di Lauria e l’attore Ulderico Pesce di Rivello. La cerimonia è stata condotta dal prof. Francesco Stoduto con la supervisione del parroco della Chiesa di San Nicola in Lauria mons. Vincenzo Iacovino.

pane

Apr 302017
 

“Il 29 aprile 2017 son andato a Tortora a seguire un importante convegno sull’ambiente. Tanti i nomi importanti per una conferenza in cui si parlerà anche di San Sago. Tortora ha legato il suo nome ad una battaglia in favore dell’ambiente e contro l’inquinamento. Il focus offre un quadro demoralizzante…sembra davvero che tutto vada a rotoli.
Dopo la conferenza, faccio ritorno a Lauria con l’intento di fare qualche foto alle piazzole lungo la Fondovalle del Noce gonfie di immondizia . Mi fermo, inizio a fotografare; è tardi, vi è la marcia di preghiera alla Madonna Assunta in onore di Santa Caterina e vorrei partecipare. Di colpo arriva una macchina a gran velocità e si ferma. Sono di spalle…inizio a pensare male: “Qualcuno mi ha visto, magari è contrario alle telecamere e mi mena di brutto. Facendomi spesso molti film in testa stile Hollywood penso a Melchionda, alle ecomafie, a San Sago, a qualcuno che non vuole pagare la Tari o che magari vuole buttare di sotto un materasso insieme alla mia persona.
Nulla di tutto ciò…nulla di tutto ciò! Incontro una persona eccezionale di Praia a Mare Gaetano Surace. In macchina ha un falco ferito ritrovato sul Fiume Noce, mi chiede aiuto. …”Ho visto che sulla macchina c’era scritto Eco ed ho pensato che un giornalista potesse aiutarmi”. Poi aggiunge: “Mi piace il tuo giornale, ma non lo trovo sempre a Praia come devo fare, ma posso abbonarmi?”. Beh, questa ultima frase mi rassicura, ma sono sicuro che da lì a qualche secondo uscirà qualcuno che dirà: “Sei su scherzi a parte!” Ma il tanfo dell’immondizia e le migliaia di ‘mosquitos’ mi riportano alla realtà. Chiamiamo i carabinieri. Penso subito al comandante Caputo super operativo maresciallo comandante di Lauria, mi spiega la prassi. Telefono il “112” ma si aggancia Scalea. Da Scalea mi viene dato il “fisso” di Lagonegro. Con un ottimo appuntato dell’Arma procediamo. Intanto c’è da aspettare. A questo punto non resisto ed intervisto Gaetano e viene fuori una persona innamorata della natura, degli animali, pronto ad ogni battaglia contro chi non rispetta l’ambiente, è triste: ha perso il suo cane in questi giorni morso da una vipera. Sette giorni di agonia. Non si è riuscito a trovare l’antidoto…com’è possibile? Gaetano è davvero una bella persona, una persona vera e sincera. Passa del tempo intanto, vi è qualche difficoltà; forse dovrebbe intervenire la forestale che adesso è nei carabinieri, si cerca il veterinario reperibile…alla fine abbiamo i numeri di due centri: Pignola e un paese della provincia di Matera che non ricordo (Policoro?). E’ fatta! anche se i due centri sono chiusi per oggi. Il falchetto si salverà anche se perde sangue dalle zampe e da un’ala. Gaetano vuole comprare un po’ di carne trita. L’appuntato dei carabinieri ci consiglia carne normale tagliata a pezzi piccoli. Che bella sinergia! Quanta umanità! Domani si telefonerà Pignola, risentirò Gaetano.
Ci salutiamo con Gaetano, vuole vedere l’intervista, ci scambiamo i numeri. Ora devo pensare alla marcia corro a Lauria. Parcheggio. Dalla punta estrema del rione Inferiore vado a piedi alla rocca dell’Assunta (sennò che sacrificio è?) . Sono in ritardo, inizio ad allungare il passo. La lingua è di fuori. “Mamma mia che precisione che hanno avuto!”. Non vedo nessuno… “Possibile che la processione è già al Cafaro?…. Figuriamoci se facevano qualche minuto di ritardo! Allungo ulteriormente il passo. Arrivo mezzo morto ai piedi del castello Ruggiero. Una voce mi ferma, è Lucia Carlomagno…”Ma dove stai andando, la marcia è rimandata al 31 maggio, troppo vento!” Guardo Lucia con gli occhi sbarrati… penso al frammento del film di Verdone in cui impersona quell’ emigrato che torna in Alfasud dalla Svizzera per votare… ”

Feb 082017
 

“Non è soltanto una questione di distanza geografica. È altro: è il silenzio quasi assordante di quest’aula di tribunale con i pochi presenti che bisbigliano appena; è la presenza discreta, e anche questa quasi silenziosa, dei pochi giornalisti presenti, quelli di sempre, quelli che ci sono sempre stati; è l’assenza della giungla di telecamere e riflettori a cui questa terribile storia è stata abituata da sempre; è la disattenzione e il silenzio che sull’intera vicenda sono calati a Potenza – forse definitivamente –, convinti probabilmente del fatto che una volta assicurato l’assassino alla giustizia tutto sia finito lì.

Poi entra il giudice e dice che il professor Pascali è colpevole, ha commesso un falso in perizia, ha omesso cioè volutamente di esaminare quella maglia sulla quale c’era il Dna dell’assassino di Elisa, quella che invece poi incastrerà definitivamente Danilo Restivo.

Penso che è stato ricomposto l’ennesimo tassello del grande mosaico di corruzione, omertà e depistaggi che hanno caratterizzato questa storia, penso che mamma Filomena e i suoi figli hanno ottenuto un’altra piccola vittoria, penso che c’è da essere soddisfatti di questa condanna visto che nella storia di Luca e Marirosa – i cosiddetti fidanzati di Policoro – il perito della Procura che commise un falso non fu neanche portato a giudizio mandando tutto in prescrizione senza che mai nessuno gli avesse potuto chiedere perché.

A pensarci bene, però, neanche questa condanna chiarisce un bel niente. Neanche questo tassello ci aiuta a capire finalmente i segreti che continuano a celarsi dietro questa lunga e triste storia. È vero, almeno il nome dell’assassino è stato definitivamente scritto: ma chi lo ha coperto? Perché è stato coperto? In questi anni quali altre verità bisognava coprire oltre il nome di Danilo? Perché questa grande catena di depistaggi e insabbiamenti? Perché il consulente Pascali ha falsato la perizia? Qualcuno glie lo ha chiesto? Perché le donne delle pulizie hanno dichiarato il falso? Qualcuno glie lo ha suggerito?

Una lunga catena di domande senza risposte che di questa vicenda ci restituiscono soltanto una serie di processi e di condanne alle seconde file, ma non a chi si è mosso nell’ombra, chi le ha manovrate e chi le ha sapientemente coordinate. Come è lontana Potenza dalla verità.
Come è lontana Potenza da qui”.
don Marcello Cozzi – Libera Basilicata

don marcello cozzi

Set 042016
 

Il 3 settembre 2016 mons. Francesco Sirufo ha preso ‘possesso’ dell’antica e gloriosa arcidiocesi di Acerenza. La cerimonia è stata caratterizzata dall’entusiasmo sincero delle comunità che hanno salutato l’arrivo del nuovo pastore.


L’arrivo in Cattedrale in presa diretta


La funzione religiosa in presa diretta


Le interviste: mamma mons. Sirufo, presidente diocesano AC Acerenza, maestro del coro di Acerenza


L’intervista a mons. Sirufo registrata a Castelluccio Inferiore

Mag 062016
 

Nell’anno che celebra il 130° Anniversario della sua fondazione e nell’ambito della rassegna “Maggio. Il Mese della Prevenzione”, il “Circolo Sociale Carlo Alberto 1886” organizza un convegno dal titolo “ALIMENTAZIONE e TUMORI. L’importanza della nutrizione nella prevenzione e nella lotta alla malattia”.
Il convegno che si terrà sabato 7 maggio, alle ore 18:30, nella Sala Consiliare in Piazza Umberto I°, sarà introdotto da Felice Tierno, Presidente del “Circolo Sociale Carlo Alberto 1886” e dai saluti di Aldo Rescinito, Presidente del “Circolo Banca Monte Pruno”.
Inoltre, interverranno Giuseppe Altieri, Dietologo-Nutrizionista e Tommaso Pellegrino, Responsabile dell’Ambulatorio di Senologia del “Federico II , Napoli” e Presidente del “Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni”. Coordinerà i lavori l’avvocato Paola Lo Sasso.
L’evento è organizzato in collaborazione con la Banca Monte Pruno ed il Circolo Banca Monte Pruno e gode
del Patrocinio dell’ Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, del “Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni”, della Comunità Montana “Vallo di Diano “ e del Comune di Padula.
DOMENICA 8 MAGGIO 2016 – REGALA alla MAMMA l’AZALEA di AIRC
Anche quest’anno -si tratta della 13° partecipazione consecutiva- il “Circolo Sociale Carlo Alberto 1886” è stato indicato dall’AIRC come una delle duemila associazioni che, domenica 8 maggio 2016, parteciperà alla manifestazione nazionale “L’ AZALEA della RICERCA“.
Come ogni anno, sarà la FESTA della MAMMA a fare da sfondo a una delle manifestazioni più amate e apprezzate da tutti i sostenitori della ricerca. Con un contributo associativo di 15 euro, gli oltre 20mila volontari AIRC ti doneranno un’azalea contrassegnata dal marchio dell’AIRC. I volontari del Circolo Carlo Alberto saranno presenti a Padula, nei seguenti luoghi:
Piazza Umberto I; Viale Certosa; Largo della SS. Annunziata; Piazza Chiesa Sant’Alfonso de’ Liguori.

Padula veduta

Apr 052016
 

Il 5 aprile 2016 gli allievi della quinta classe della Scuola Elementare di Episcopia si sono recati a Lauria per una visita alla città che fu di Ruggero. I ragazzi sono stati accompagnati dalla professoressa Pina Crispino e della storica Elisa Conte che ha condiviso con gli studenti un percorso di conoscenza del famoso ammiraglio del XIII secolo. I ragazzi, assai motivati, hanno visitato Palazzo Marangoni ed i luoghi di maggior rilievo della città. Particolari sono stati gli incontri della comitaiva con il sindaco Mitidieri e la signora Giacomina, mamma di Rocco Papaleo.

Mar 232016
 

Il 21 marzo 2016 è stato presentato a Surbo il libro dedicato al sacrificio del carabiniere Claudio Pezzuto. La manifestazione ha visto la partecipazione delle scolaresche dell’istituto comprensivo salentino “Elisa Springer”. Alla manifestazione ha partecipato la vedova della medaglia d’oro signora Pisani, la mamma ed il fratello di Claudio, l’amministrazione comunale con in testa il sindaco Vincenti e l’associazione nazionale Carabinieri d’Italia.

Ott 022015
 

“Allattamento e lavoro: mettiamoci al lavoro!” è il tema scelto dalla WABA (WorldAlliance for Breastfeeding Action) per la Settimana per l’Allattamento Materno di quest’anno: sensibilizzare sull’importanza di continuare ad allattare il proprio bambino anche quando la neomamma rientra al lavoro.
Il latte materno è un bene comune di inestimabile valore,unico e non riproducibile.
Una buona anzi ottima pratica che però va promossa anche sul fronte dei diritti delle donne lavoratrici, il periodo dell’allattamento, infatti, rischia di essere uno dei momenti piu difficili per ottenere il riconoscimento e anche nella conciliazione tra i tempi di vita familiare e i tempi di lavoro.
L’obiettivo è di ottenere un intervento globale in tema di legislazione avanzata che tuteli il diritto all’allattamento, delle donne che lavorano e stabilisca i mezzi per sostenerlo.
In Italia la settimana viene celebrata dall’1 al 7 Ottobre con numerosi eventi sparsi su tutto il territorio.
Le Ostetriche, professioniste che da sempre sostengono, informano ed assistono la donna anche nell’ allattamento al seno, non potevano mancare ad un appuntamento cosi importante.
In ragione dell’importanza della sensibilizzazione diretta delle donne, delle famiglie e delle I istituzioni, il Collegio Provinciale delle Ostetriche di Potenza, aderisce alla SAM 2015 con il FLASHMOB, domenica 4 Ottobre a Potenza in Piazza Sedile, nel centro storico, nella Casa Municipale è allestita anche una mostra fotografica a tema “lattEXPerienza” , in piazza vi saranno vari stend di consulenza gratuita, materiale informativo, attività ludiche per bambini, shopper e bavaglini personalizzati con il claim della campagna.
MAGLIETTA BIANCA E BAMBINI AL SEGUITO dalle 10.00 alle 13.00, tutti sono i benvenuti!

index

Set 142015
 

Milena D’Imperio è una giovane consigliere comunale di Abano Terme. Originaria della Basilicata (papà di Francavilla sul Sinni, mamma di Nemoli), è impegnata politicamente nella sua città di adozione  curando in particolare la delega affidatagli dal sindaco: la cultura.Una curiosità: nella sua famiglai vi è un’altra donna impegnata nel governo di una città: la vicesindaco di Nemoli Elisabetta Ferrari. In occasione del gemellaggio con la città di Latronico si è spesa per favorire un dialogo utile per le due realtà termali.