Flash Feed Scroll Reader
dic 192015
 

Il 16 ed il 17 dicembre 2015 si è svolto il “II° Concorso della Canzone, della Poesia e della solidarietà dedicata al Natale Città di Lauria”. Tantissimi sono stati gli artisti intervenuti ad una kermesse che ha esaltato la musica e la creatività. Straordinario l’impegno del patron Romualdo Luglio più che soddisfatto alla fine dell’evento.

La prima serata

L’intervista a Romualdo Luglio

L’intervista a Biagio Lamboglia

L’intervista a Francesco Rizzo

Pillola seconda serata

ago 192015
 

La Pro Loco di Acerenza in collaborazione con l’Associazione Culturale Acheruntia organizza la seconda edizione del “Festival dei Prodotti Tipici”, una manifestazione gastronomica che si svolgerà nel centro storico del piccolo borgo lucano 23-24-25 agosto, nella quale si potranno assaggiare i grandi classici della tradizione culinaria acheruntina arricchiti da particolari rielaborazioni. In questo secondo anno abbina un’interessante novità, il Festival degli Artisti Acheruntini una kermesse musicale che vedrà esibirsi sul palco di Largo Gianturco cinque band rock di Acerenza. Il 23 agosto romperà il ghiaccio l’Orsa Maggiore alle 21:30, a seguire gli Stoneaker; giorno 24 a salire sul palco sono I Crnzeis; chiudono il 25 gli Arteria e gli Yassassin.
Gli odori, i sapori del buon cibo saranno la cornice di questo eccezionale appuntamento che accoglierà concittadini, turisti ed appassionati. I piatti sono stati accuratamente selezionati per garantire ai visitatori la massima qualità. Si potranno assaggiare e degustare primi piatti, tipiche ricette a base di carne e non mancheranno i dolci della tradizione. Acerenza, il quarto borgo più bello d’Italia, accoglie per la seconda volta questo importante evento gastronomico-musicale cercando di promuovere non solo i suoi piatti tipici, le sue tradizioni ma anche buona musica oltre alla sua storia millenaria.

Festival Acheruntino degli Artisti e dei Prodotti Tipici

ago 052015
 

Martedi 11 agosto 2015 a partire dalle ore 9.00 si terrà in Maratea, in località La Secca di Castrocucco, la manifestazione “Chi cerca …crea”.
CHI CERCA CREA è una festa di Arte e Ambiente ed è anche un premio d’arte. Comprende pittura, scultura, fotografia, scrittura. Le opere vengono realizzate “in loco” con oggetti che ogni partecipante troverà nel parco e lungo il mare della Secca. La manifestazione, ideata dall’artista Carla Viparelli, quest’anno si avvale del contributo del Comune di Maratea e del patrocinio di ANEA Azienda Napoletana Energia e Ambiente, in collaborazione con la Proloco Maratea La Perla e La Secca Solarium/Parco Naturale.
“CHI CERCA”: la prima parte della mattinata è dedicata alla ricerca di oggetti (sassi, conchiglie, cocci, legnetti, etc.) sulla scogliera. Una maniera di mettersi in rapporto con l’ambiente circostante e di esercitare l’attenzione verso tutti quei particolari che fanno parte della nostra esperienza quotidiana di visione e fruizione e che di solito vengono trascurati e/o diversamente valutati. Recupero, riciclo e ricontestualizzazione oltre a esercitare la creatività costituiscono un’educazione al rispetto ambientale. Il patrocinio di ANEA sottolinea proprio questo aspetto della manifestazione.
“CREA”: ai partecipanti vengono forniti tutti i materiali per poter realizzare le proprie opere (tele, tavolette, colori, spago, colla, chiodi, carta, penne, matite), e un computer per scaricare files fotografici.
Le finalità di questa kermesse vanno dall’educazione alla sensibilità ambientale all’esercizio di libera creatività senza distinzione tra artisti e non artisti, giovani e meno giovani, bambini e adulti, alla valorizzazione di un’area di rara bellezza naturalistica quale solo la costa di Maratea può offrire.
I PREMI: in palio ci sono numerosi premi divisi per categorie e sezioni. La sezione “Bambin (6-12 anni) non prevede gara, ma tutti i piccoli partecipanti vengono premiati. Per la Sezione Ragazzi (13-18) e Adulti sono invece previsti premi per i primi tre classificati, oltre alle Menzioni speciali della giuria. Ci sono due premi in danaro: il primo premio Adulti (500 euro) e il premio fotografia (100 euro).
PREMIAZIONE: alle 21.30 al Sambacco in piazza del Gesù a Fiumicello di Maratea.

maratea

lug 092015
 

“Venerdì 10 luglio 2015, a partire dalle 22, Maratea, Lido Friab ospita il Marathia Music Festival. La kermesse ideata dal collettivo Mastica & Sputa parte con il concerto di James Senese & Napoli Centrale! Per tutta l’estate previsti eventi in riva al mare. Tanta buona musica, ma non solo”.

<>
[Bruno Giurato]

MARATEA (PZ) – Sono James Senese & Napoli Centrale ad aprire con il loro live di venerdì 10 la programmazione di luglio del Marathia Music Festival.

A partire dalle 22, presso il Lido Friab di Marina di Maratea, il primo atto dell’evento che tutta la costa attende. Alle 23 sul palco un’icona del movimento musicale Anni ’60 Neapolitan Power. Con Senese alla voce e al sax, l’attuale line-up di Napoli Centrale: Fredy Malfi alla batteria e ai cori, Gigi De Rienzo al basso e Ernesto Vitolo alle tastiere.

<>!
[Capitan Hector Barbossa]

C’è un posto a Maratea che è uno scrigno da scassinare ogni venerdì notte di luglio ed agosto: la spiaggia del Lido Friab a Marina di Maratea che ospita l’evento dell’estate 2015, il Marathia Music Festival (MMF).
MMF è ideato dal collettivo locale Mastica & Sputa intenzionato ad attirare sulla riva marateota pirati assetati di buona musica, mare, luna e cocktails.

Locandina Live Luglio

locandina James Senese

apr 272015
 

Grazie all’impegno della famiglia Mejack di Lauria, il 26 aprile 2015, si è svolta una straordinaria kermesse di ballo nel palazzetto dello sport. Entusiasmo alle stelle tra i partecipanti ad un evento che ha richiamato ballerini dalla Calabria e della Campania oltre che ovviamente dalla Lucania.

Le interviste: Italo Mejack, Marcello Tripicchio

ott 242014
 

Si conclude Domenica 26 ottobre, a Trecchina, la sagra della Castagna. Inserita nell’ambito del Festival dei Sapori e delle tradizioni è strettamente alla fiera agroalimentare, il turismo e l’artigianato.
La manifestazione autunnale ha proposto, fra l’altro, un convegno sulla salvaguardia dei castagneti e la promozione dei prodotti del sottobosco.
La 16ma edizione dell’’appuntamento destagionalizzato è organizzato dall’Associazione “Amici della castagna”, per recuperare e valorizzare una delle risorse del territorio lagonegrese – come hanno affermato il presidente, Cresci, ed il sindaco Iannotti.
L’evento, dedicato alla “Regina d’autunno”, offre Insieme a quintali di caldarroste una variegata esposizione di dolci, liquori, miele, gelato, pasta, birra, stand di tipicità (pane, prodotti da forno, caseari ecc.) mostre d’arte e rassegne artigianali.
Dopo il primo week end – affollato specie di ospiti pugliesi – la replica domenicale. Nel programma: mattinata dedicata alla raccolta del frutto, nei boschi del paese e shopping tra gli espositori. Nel pomeriggio dalle ore 15,00, invece, degustazione di scoppiettanti castagne “nserte” – arrostite dagli esperti “mastri castagnai” al ritmo di un gruppo musicale.
La kermesse si svolge sotto il patrocinio di Comune, Regione, Provincia, Gal, Alsia, Ass. “Alla Corte del Duca” e “Pietrasassosport”.
Per informazioni www.amicidellacastagna.com, tel./fax 0973 826677 – 826198 – cell. 338.6368417 – 339 3154816

i mastri castagnai[1]

ago 302014
 

“Il 31 di agosto c’è una storia che nasce e un’estate che muore”, cantava qualche anno fa Dario Brunori, ospite di punta della XIX edizione del Pollino Music Festival, nella serata inaugurale di sabato. Le storie che nasceranno nel pomeriggio di domenica (ore 17:00), a chiusura della longeva kermesse, saranno raccontate da una delle voci più belle e addolorate di Napoli, quella di Francesco Di Bella, che torna sul palco del Festival dopo l’esplosiva esibizione del 2011. Questa volta, però, ad accompagnarlo non sarà la sua storica formazione, i 24 Grana, ma la chitarra di Fofò Bruno con cui, dopo l’addio alla band partenopea, ha dato avvio al progetto “Ballads”.

Il cardillo canterà “pe’ non suffrì” brani entrati ormai nel patrimonio della musica indipendente italiana, da “La costanza” – primo singolo tratto dal disco – a “L’alba”, da “Resto acciso” a “Introdub”, da “Carcere” a “Kevlar”, passando per “Accireme”, “Vesto sempre uguale” e “Luntano”. Vecchie storie colorate da nuove sfumature e arricchite da un’interpretazione confidenziale su un arrangiamento primitivo. All’esperimento minimalista sono stati sottoposti anche piccoli gioielli musicali semi-sconosciuti, recuperati dalla storia del rock americano e inglese. Brani firmati da grandi nomi come Elvis Costello e Paul Weller, o da eroi ancora da scoprire come Elliot Smith e Jason Molina, fino a veri e propri “classici” underground come Born to loose (Heartbreakers) e Ever fallen in love (Buzzcocks).

In un confronto di stile e ispirazione, il bosco di Visciglie, nella parte alta e panoramica del paese, raccoglierà echi di new wave inglese e alt-country americano, trasformandosi quasi in un piccolo salotto di casa dove ascoltare musica con gli amici, in una calda e raccolta intimità.

Anche domenica proseguiranno le attività parallele in programma, tra cui escursioni guidate, tree climbing sportivo nel Parco Avventura del Pollino di Bosco Magnano e la visita all’opera “RB Ride” dell’artista belga Carsten Holler, una gigantesca e lenta giostra posizionata sulla cima di una collina a pochi chilometri dal centro abitato di S. Severino Lucano.

Il Pollino Music Festival è realizzato in collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di San Severino Lucano e l’Associazione Culturale Multietnica di Potenza, che ne cura la progettazione, l’organizzazione e la direzione artistica, ed è finanziato dall’Ente Parco Nazionale del Pollino e dalla Regione Basilicata, nell’ambito delle azioni promozionali volte a potenziare il sistema lucano di offerta turistica. L’ingresso a tutti gli spettacoli è gratuito. Come sempre sarà disponibile un’area attrezzata per il campeggio libero. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.pollinomusicfestival.it e sulla pagina facebook “Pollino Music Festival”.

FotoDiBella1

ago 162014
 

Miss Italia “scova” Miss Basilicata, una bellezza tutta italiana, la classica mediterranea possiamo dire. Dotata di un bel fisico, un bellissimo sorriso e una folta capigliatura nero corvino, è lei ad aggiudicarsi la fascia della serata, quella di Miss Basilicata 2014 .
La selezione si è svolta in piazza San Brancato, con la kermesse di Miss Italia, giunta ormai alla sua 75° edizione ed ha fatto il tutto esaurito. Il celebre concorso di bellezza non conosce crisi, tutt’altro, ogni sera, in ogni piazza fa il pienone di pubblico che interviene ad applaudire e ad ammirare le belle ragazze e a godersi l ‘evento!!! La reginetta della serata si è garantita intanto l’accesso alle prefinali nazionali di Jesolo che si terranno il 25 agosto in compagnia di super Simona Ventura e la patron patrizia Mirigliani in onda su La7. Estremamente gradito il simpatico il kit contenente i fantastici prodotti cosmetici della Vivi Natural Care dati in omaggio non solo come di consuetudine alle Miss vincitrici, ma anche ai giurati e proprio dei giurati è stato ottimo il lavoro della giuria in questa serata Vivi Natural Care “le creme di Miss Italia” è il nuovo sponsor di questa edizione di Miss Italia. In rappresentanza per Vivi Natural Care, n onché membro della giuria ieri sera era il conosciutissimo, nel settore, Luigi Antico. Ma a proposito di giuria vediamo di seguito la classifica delle tre vincitrici :
3 ° classificata Miss Wella Annachiara Edmondo
2° classificata Miss Rocchetta bellezza Marilisa Intotero
vince il titolo di Miss Wella Basilicata 2014 Manuela Matera.
Una più bella dell’altra le ragazze che hanno vinto, di strada ne hanno fatta, ma adesso per alcune spetta la salita più dura.
Poi tutti, sia Miss che pubblico a ricevere simpatici cadeau al camper della ViVi Natural Care e prendere anche la Card del Club Benessere, che potrà essere richiesta, anche visitando il sito www.vivinaturalcare.com
Da dietro le quinte va il nostro in bocca al lupo per voi e….che vinca solo chi se lo merita!!!!
Alessandra Matteucci

1a

mag 162014
 

Si esibirà in concerto gratuito in piazza Lombardi il prossimo 18 agosto. Pisticci, dunque, va ad aggiungersi a piazze di qualità come quelle di Roma, Milano, Torino, Firenze, Napoli, in cui Noemi sarà in tournèe.

Voce ruvida e profonda, un po’ roca e tremendamente coinvolgente: questa è Noemi.
Al secolo Veronica Scopelliti, con il suo primo singolo “Briciole” entra direttamente al primo posto nella classifica ufficiale del download dei singoli e in altissima rotazione in tutte le radio, diventando la colonna sonora dell’estate 2009. L’EP, che esce nell’aprile 2009 ed è intitolato con il nome dell’artista, conquista il disco d’oro.
Sempre nel 2009 esce il nuovo album “Sulla mia pelle” con dieci brani inediti.
Il primo singolo “L’amore si odia” è una canzone che lascia il segno, grazie alla collaborazione con una grandissima artista come Fiorella Mannoia che, con Noemi, dà vita a uno straordinario duetto. Il brano rimane per mesi ai vertici delle classifiche di vendita ed airplay, guadagnando il disco multiplatino.
L’album ha un fantastico esordio, debuttando direttamente al terzo posto della classifica vendite.

Noemi partecipa al Festival di Sanremo 2010 con il brano “Per tutta la vita” ed esce la special edition dell’album “Sulla mia pelle”.
Ancora un grande successo per singolo e album: disco di platino per il brano, mentre l’album vende oltre 100.000 copie e rimane ai vertici della classifica per oltre trenta settimane aggiudicandosi il multiplatino.

L’album “RossoNoemi” esce a marzo 2011: nove brani inediti, tra cui “Vuoto a perdere”, già disco di platino, scritto per Noemi da Vasco Rossi e Gaetano Curreri.
Noemi stessa, per la prima volta, si occupa della stesura di gran parte dei testi delle nuove canzoni e segue l’intero processo creativo, lavorando negli Stati Uniti con Corrado Rustici, produttore dell’album.
Il secondo singolo estratto, “Odio tutti i cantanti”, brano ironico ed energico, è accompagnato da un video in cui Noemi riveste per la prima volta il ruolo di sceneggiatrice e diventa la colonna sonora dell’estate 2011.
A settembre entra in rotazione radiofonica “Poi inventi il modo”, il terzo singolo estratto dall’album “RossoNoemi”, nato dalla penna di Federico Zampaglione. Il videoclip, diretto per la prima volta dalla stessa Noemi, conquista lo “Special Award” al Premio Roma Videoclip.

Partecipa alla 62° edizione del Festival di Sanremo con il brano “Sono solo parole”, scritto da Fabrizio Moro ed arrangiato da Corrado Rustici, classificandosi al terzo posto.
A febbraio esce la nuova edizione di “RossoNoemi” con i brani “Sono solo parole” e “In un giorno qualunque”.
“Sono solo Parole” ottiene il consenso del pubblico e della critica musicale e si piazza nei primi tre singoli più venduti su iTunes e conquista il platino mentre l’album è già disco d’oro.

Noemi si trasferisce a Londra alla ricerca di nuovi stimoli per scrivere i brani del nuovo album.
Nel 2013 partecipa in veste di coach a The Voice, un format che mette al centro la voce. L’esperienza è stata positiva e Noemi riconferma la sua partecipazione anche per la seconda edizione del programma.

Nel 2014 Noemi partecipa al Festival di Sanremo con i brani “Bagnati dal sole” e “Un uomo è un albero” di cui è coautrice sia dei testi che della musica e che sono inclusi nel nuovo album “Made in London” uscito il 20 febbraio.
“Made In London” è il nuovo album di Noemi contenente i due brani presentati al 64° Festival di Sanremo, “Bagnati dal sole” e “Un uomo è un albero”.
Noemi torna con una nuova maturità artistica e personale sviluppata grazie ad esperienze professionali e non che le hanno aperto orizzonti diversi. Questo album nasce e si è sviluppato a Londra e vede un grandissimo impegno personale dell’artista sia dal punto di vista autorale che produttivo – la produzione artistica è infatti curata della stessa Noemi – nonché la partecipazione di musicisti, autori e produttori inglesi che donano al progetto un sound contemporaneo e internazionale.

Anteprima programma musicale Feste Patronali Pisticci 2014.

Le Feste Patronali di Pisticci, che vedranno rinnovarsi la devozione della nostra comunità per San Rocco, sono alle porte.
L’Associazione Feste Patronali San Rocco Pisticci, accanto all’ormai tradizionale programma religioso, propone diversi appuntamenti civili che arricchiscono e completano il programma.
Quest’anno il clou degli eventi è indubbiamente rappresentato dal concerto di Noemi, che chiuderà i festeggiamenti il 18 agosto prossimo, ma di tutto spessore restano i concerti musicali programmati per la classica tre-giorni pisticcese.
Dovuto è un particolare ringraziamento a tutta la popolazione pisticcese che, con la fede di sempre, contribuisce alla buona realizzazione della festa.
Solo i membri dell’Associazione Feste Patronali, muniti di cartellino di riconoscimento e dietro rilascio di regolare ricevuta, sono autorizzati ad accettare offerte di denaro da parte dei fedeli.
Potrebbero fare, infatti, la comparsa falsi addetti intenzionati ad approfittare del buon cuore della popolazione pisticcese. Si invita a segnalare alle forze dell’ordine eventuali sospetti.
Grazie alla generosità dei tanti che contribuiranno, ognuno in base alla propria disponibilità, si sta allestendo una manifestazione di tutto rispetto.
Di seguito un’anticipazione del programma musicale.

15 Agosto FESTIVITA’ DELLA B.V.M. ASSUNTA, compatrona di Pisticci

• Piazza San Rocco – ore 21.00 “Nathalie” in concerto

Dopo moltissimi anni ritorna nella piazza dedicata al Santo la grande musica italiana d’autore. Una tradizione che vedeva esibirsi i migliori artisti nel giorno di apertura delle Feste Patronali in onore di S.Rocco.
Nathalie nasce nel 1979 a Roma da famiglia italo-belga.
Inizia a scrivere le sue prime canzoni all’età di 15 anni, prima alla chitarra, in seguito al pianoforte, strumento che studia per 2 anni. A 14 anni inizia a studiare canto. La sua musica si ispira in gran parte ad artisti anglosassoni, come Tori Amos, P.J. Harvey, Fiona Apple, Radiohead, Jeff Buckley, ma anche ad italiani come De André, De Gregori e agli chansonniers francofoni, come Serge Reggiani. Nathalie scrive i testi delle proprie canzoni in italiano, francese e inglese. Nel 1998 partecipa al concorso Spazio Aperto superando le selezioni e classificandosi al 3° posto in finale; nel 2000 vince nella categoria Under 21 al Festival Fuoritempo, in cui nel 2002 vincerà il Premio per Miglior Canzone Inedita. Dopo aver collaborato con numerose Cover Band, tra cui SkunKover (tribute band Skunk Anansie), nel 2002 forma un gruppo per portare il proprio progetto musicale sui palchi di vari locali romani, tra cui Il Locale, Circolo degli Artisti, Brancaleone, Beba Do Samba, Lettere Caffè, Sonica, Horus Club, Locanda Atlantide, Alpheus. Nel corso del 2003 apre i concerti romani di Marco Parente (Brancaleone) e La Crus (Circolo degli Artisti). Nel settembre dello stesso anno suona nel Giardino della Villa Comunale di Roseto degli Abruzzi (TE), all’interno della rassegna Commutazioni_003; nel marzo 2004 apre all’Alpheus un concerto di Andrea Mirò insieme a Barbara Eramo (Eramo e Passavanti) e Diana Tejera (Plastico) ; apre il concerto di Max Gazzè di Canterano l’8 agosto 2004. Le sue canzoni vengono trasmesse da Radio Città Futura, Radio Meridiano 12, Radio Città Aperta e RadioUno RAI alla trasmissione DEMO, per la quale ha suonato al concerto delle 1000 puntate (all’Alpheus di Roma) e con cui ha inoltre realizzato un Live trasmesso il 27 Agosto 2005; nell’ottobre 2005 partecipa al Biella Festival classificandosi al 2° posto; nello stesso mese partecipa ad alcune trasmissioni di RAI FuturaTV e RAISAT2000; nel febbraio 2006 le viene assegnato il “Premio SIAE per DEMO” 2006 al The Place di Roma; nel giugno dello stesso anno vince nella sezione Musica di MArtelive; nel mese di luglio si classifica al 2° posto del concorso “Sapienza In Musica” organizzato dall’Università “La Sapienza” di Roma. Nel settembre 2009 vince il premio “DEMO Lady’s Award” a Comiso (Ragusa), concorso organizzato dal programma radiofonico “DEMO” di Michael Pergolani e Renato Marengo, in onda su Radio 1 RAI. Nathalie è stata cantante e coautrice nel progetto Damage Done, band nu-metal con testi in inglese, con cui ha all’attivo il demo cd Thorns; con il medesimo gruppo ha aperto nel maggio 2004 il concerto di Vision Divine e Beholder al Blackout di Roma; la band si è classificata tra le prime tre band del Rock Tv Contest, legato al Tim-Tour 2004. Collabora saltuariamente ad altri progetti musicali, tra cui “Piccola Banda Icona” e “I Circolabili”. Nathalie è stata attrice-cantante nella Compagnia teatrale i Ghirigori, con cui ha già messo in scena i celebri musical “Les misérables” e “La storia infinita”. Dal 2009 collabora con Stefano Pulcini per il management e Francesco Tosoni per la produzione artistica. Nel 2010 decide di partecipare alle selezioni di X Factor. Entra nella categoria over capitanata dal geniale Elio. Superando il primo ballottaggio, che le ha fatto rischiare la permanenza all’interno del programma, lentamente, settimana dopo settimana, si è guadagnata il plauso del pubblico che l’ha premiata facendole vincere la quarta edizione di X Factor. Nathalie è riuscita a portare sul palco del talent di RaiDue un suo inedito “In punta di piedi” che ha messo d’accordo tutti, critica e pubblico. Il 30 novembre è uscito, su etichetta Rca Sony Music, “In punta di piedi”, l’EP che prende il nome dal brano di sua composizione (testo e musica) e che raccoglie alcune tra le più belle cover che Nathalie ha cantato durante il programma.
Nonostante quest’anno il vincitore di X Factor non guadagnasse il diritto a partecipare alla kermesse sanremese, Nathalie è riuscita a convincere, con la sua “Vivo sospesa” direttore artistico Gianmarco Mazzi e conduttore/dir. artistico Gianni Morandi. Nathalie quindi partecipa nella categoria big alla Sessantunesima Edizione del Festival di Sanremo.

• Piazza Umberto I – ore 21.00 “ModéM” in concerto

Band rock-pop melodico nata da una costola dei VersanteSud da un’ idea di Vincenzo Ranaldo (voce), figlio d’arte e diplomato al Conservatorio “Duni” di Matera, musicista professionista con un bagaglio musicale e professionale di tutto rispetto che ha fatto apprezzare negli ultimi anni le sue doti nei migliori locali e piazze del Sud Italia con altre formazioni e dal maestro Francesco Paolo Frigiola (tastiera), diplomato al conservatorio “Duni” di Matera.
Alla band si sono aggiunti Raffaele Galeota (chitarra), che col suo strumento dà anima alle sonorita’ dei ModéM; Francesco Papapietro (basso), che con i suoi suoni bassi e profondi del suo strumento riesce a penetrare attraverso i subwoofer dando corposità alla musica ed al progetto stesso dei ModéM; Giuseppe Bonora (batteria), ragazzo prodigio, studente di percussioni, ha al suo attivo un cd ed esperienza in studio da vendere, cuore della band che con il suo personalissimo tocco ritmico riesce a tirar fuori dalla batteria pulsazioni che raggiungono il cuore di chi ascolta; Maddalena Di Fonzo (voce), vincitrice di diversi concorsi canori che con la sua incantevole voce melodica impone la sua determinazione ed il suo carisma musicale contribuendo a rafforzare musicalmente la band; Anastasia Ranaldo, Vincenzo Valenzano e Domenico Sabato, ballerini di professione, vincitori di concorsi nazionali di danza moderna, completano lo spettacolo con coreografie.
I nove ragazzi hanno ore ed ore di prove nell’ IMode studio, appositamente creato per loro per le prove del tour che li vedrà impegnati nelle piazze del Sud Italia per condividere la musica dei Modà ed di Emma Marrone.

16 Agosto FESTIVITA’ DI SAN ROCCO, patrono di Pisticci

• Piazza San Rocco – ore 21.00 Orchestra Sinfonica di fiati “Davide delle Cese” di Bitonto (Bari)

L’orchestra Sinfonica di fiati “Davide Delle Cese”, della città di Bitonto, formata da quaranta elementi, ha nel suo organico strumenti rari (come il flicorno contralto, il clarinetto contralto e il glockenspiel), spazia dalla musica per banda, a quella classica, sacra e militare; si esibisce assieme a rinomati cori e porta avanti conferenze-concerto e vari progetti di ricerca. L’orchestra è dedicata al musicista Davide Delle Cese, che studiò musica al conservatorio di Napoli S. Pietro a Maiella. È sufficiente citare i suoi grandi successi conseguiti con la “Breccia di Porta Pia” e la celebre “L’Inglesina”, divenuta quest’ ultima, marcia ufficiale di rivista dell’esercito nazionale americano. Successivamente, nel 1891, partecipò al concorso per diventare direttore della banda municipale di Bitonto e superò brillantemente gli 80 candidati, ‘rimanendo in carica’ fino al 1938, anno della sua morte.
Il direttore artistico attuale, Vito Vittorio Desantis, ha studiato pianoforte, partecipando a vari concorsi nazionali ed internazionali, e trombone, dedicandosi anche agli studi umanistici. Ha conseguito la laurea specialistica in direzione d’orchestra ad indirizzo fiati al conservatorio di Potenza e il master di primo livello in musica applicata al cinema.
L’ Orchestra di fiati si avvale spesso della collaborazione di alcuni cantanti lirici e, nel suo curriculum, figurano anche alcune esibizioni insieme al Coro Ecumenico Barese diretto dal soprano Mariella Gernone o al coro Coro Lirico “Città di Bitonto”, diretto dal M° Emanuela Aymone.
Per precisa volontà del direttore artistico,da sempre impegnato nella ricerca musicale volta alla riscoperta di autori locali, il Complesso Bandistico “Davide Delle Cese” è coinvolto nella realizzazione di vari progetti di ricerca.
Ha al suo attivo alcune incisioni di brani inediti ed una collaudata tradizione di conferenze-concerti condotte anche mediante la collaborazione di illustri ospiti tra cui titolatissimi maestri e direttori d’orchestra, che forniscono interventi di carattere tecnico-musicale, e vari studiosi di storia e tradizioni meridionali che completano il tutto tracciando le coordinate storiche entro cui i compositori, oggetto di studio, operavano.

• Piazza Umberto I – ore 21.00 “Ariacorte” in concerto

Il gruppo di musica popolare Ariacorte nasce nel 1996 a Diso, piccolo centro agricolo di antichissime origini messapiche, situato tra la Marina di Castro e quella di Tricase (Le), con l’intento di mantenere viva la tradizione orale e la cultura popolare salentina.
In pochi anni il gruppo ha ricevuto lusinghieri apprezzamenti in molteplici incontri culturali e musicali di numerose città italiane ed estere. Attraverso un continuo lavoro di ricerca gli Ariacorte hanno raggiunto un ottimo livello di assieme musicale. Nell’ambito del progetto di rivalutazione e divulgazione del patrimonio culturale tradizionale, gli Ariacorte, a differenza di altri gruppi, non intendono fare un’opera di recupero nostalgico commerciale, bensì partendo dal linguaggio espressivo tradizionale e con il supporto dello studio approfondito dalle caratteristiche armoniche, melodiche e ritmiche, si propongono di sviluppare una musica che, pur avendo radici antiche, si presenta come una reinterpretazione di moduli tipici della cultura musicale popolare in rapporto ad una espressività e ad una identità moderna ed attuale.
Gli interventi, nel rispetto dello stile tradizionale, si pongono l’obiettivo di esaltare la vivacità e la spontaneità che nei secoli hanno caratterizzato la musica popolare. Una musica antica, riproposta con soluzioni sonore ricercate e originali. Antichi strumenti tipici come il “tamburello a cornice” e la “tamorra” battono l ritmo della “pizzica” accordandosi, senza soluzioni di continuità, con il resto della ricchissima strumentazione.
Il sound che ne scaturisce resta inconfondibilmente salentino, ma la complessità quasi orchestrale dell’impianto produce un tessuto sonoro differenziato dove la vena innovativa, i modi tradizionali e i momenti di raccoglimento coesistono e s’intrecciano, senza neutralizzarsi. La selezione dei brani tradizionali è stata condotta prevalentemente su materiale registrato sul “campo” ed è perciò in buona parte, frutto di un’operazione di ricerca etnomusicale che il gruppo ha effettuato raccogliendo canti e musiche direttamente dalla voce di “cantori popolari” o dagli “anziani” del paese.
L’armonioso intreccio di voci, supportato dalla sonorità del linguaggio degli strumenti musicali, dalla vivacità degli arrangiamenti e dalla presenza scenica di alcuni danzatori imprime allo spettacolo del gruppo una crescente intensità emotiva che alla fine coinvolge anche l’ascoltatore meno attento.

17 Agosto FESTIVITA’ DI SAN VITO, compatrono di Pisticci

• Piazza San Rocco – ore 21.00 “Ikea Circle Cape Band” in Concerto.

Come consuetudine si è voluto dare spazio ad un gruppo musicale locale.
E’ una band composta da 7 elementi provenienti da Pisticci e Marconia.
Il nome Ikea nasce dalla difficoltà di trovare gli elementi giusti da assemblare costringendo il gruppo a continui cambiamenti, mentre circle cape e’ riferito al luogo (Capo Rotondo) in cui il gruppo si ritrova per preparare il repertorio.
Il gruppo ha acquisito un stile rock portando in giro pezzi di Ligabue, Vasco Rossi, Rino Gaetano, Santana.
Lo spirito che accomuna i componenti e’ la voglia di fare musica, il divertimento dello stare insieme e la gioia di trasmettere la loro passione a chi li ascolta. Una caratteristica del gruppo e’ quella di trovare nuovi arrangiamenti ai pezzi originali cercando di dare un’ impronta personale. Attualmente il gruppo e’ composto da Donatello Carretta (voce), Antonio Roseti (acustica), Michele Tuzzolo (elettrica), Antonio Monistero (elettrica), Giacomo Bellino (tastiere), Vito Amato (basso), Angelo Fanuzzi (batteria) con la collaborazione di Francesca Camardo bellissima voce giovanile.

• Piazza Umberto I° – ore 21.00 “Euroband”

La “Euroband Marcing Band” è una formazione musicale che nasce ad Altamura ed è composta da un gruppo affiatato che, dopo dieci anni di esperienza bandistica insieme, ha deciso di diversificare i propri contenuti e le proprie esibizioni con un repertorio di grande impatto sonoro e visivo. La matrice di ispirazione è quella delle street band di New Orleans ma il repertorio varia tra musiche pop, funky, jazz, anni 70-80 e colonne sonore; ritmi e sonorità differenti tra loro si mescolano e si fondono creando armonie che si arricchiscono dell’improvvisazione musicale e delle coreografie. Il progetto ha tra le sue caratteristiche quella di far sempre accompagnare alla musica delle coreografie originali, per cui i musicisti mentre suonano, vanno in parata o cantano, ballano. La Marcing Band è capace di esibirsi nelle piazze e per le vie della città e trova il suo ambiente naturale a contatto con la gente che rimane contagiata dalle performance coinvolgenti, tutte da ascoltare, da vedere e da ballare. Nasce una grande festa della musica in cui lo spettatore, trascinato dalla situazione che si viene a creare, diventa parte integrante dello spettacolo e rivive l’allegria, la semplicità e il sapore delle feste in strada, tra la gente del proprio paese.

Associazione Feste Patronali
San Rocco Pisticci

pisticci3