Flash Feed Scroll Reader
mag 212014
 

E’ stato purtroppo trovato privo di vita M.M. di Lauria. Nel tardo pomeriggio di ieri si erano perse le tracce del cittadino lauriota residente in contrada Carroso.
Si è attivata la macchina dei soccorsi con oltre 20 carabinieri, Vigili del Fuoco, volontari del Soccorso Alpino, 118, ed un elicottero attrezzato per i voli notturni che ha setacciato dall’alto l’area a sud dell’abitato del rione inferiore. La persona è stata rinvenuta vicino ad un albero. Con tutta probabilità le cause del decesso sono naturali. Probabilmente un infarto ha stroncato la vita del 70 enne. Il corpo è stato trovato stamattina 21 maggio 2014 intorno alle 5.30.

eli

set 162012
 

Ulderico Pesce riporta lo spettacolo dedicato a Rocco Scotellaro in Basilicata domani 15 settembre alle ore 21 presso il cineteatro Eden di Villa D’Agri per il Festival dedicato a Leonardo Sinisgalli. In scena con Pesce, la cantante attrice Maria Letizia Gorga nel ruolo di Amelia Rosselli. Lo spettacolo, tratto dall’opera di Rocco Scotellaro e Amelia Rosselli, è stato definito da Franco Cordelli su Il Corriere della Sera “Il più sorprendente della stagione teatrale nazionale. Nel lavoro teatrale, che ha partecipato a prestigiosi Festival a Buenos Aires, Santiago del Cile, Iquique, San Paolo del Brasile, Montevideo, Sidney, Melbourne, Zurigo, La Plata, Rosario e Parigi, si intrecciano poesia, verità ed impegno civile. Si racconta la vita di Rocco Scotellaro, le battaglie in difesa dei braccianti e le occupazioni delle terre, le dimissioni dalla carica di sindaco di Tricarico (MT), il viaggio a Roma alla ricerca di una casa editrice che potesse pubblicare il suo romanzo sui contadini del Mezzogiorno. Significativo è l’incontro alla stazione di Roma con Amelia Rosselli, giovane poetessa, figlia di Carlo, trucidato con il fratello Nello nel 1937 dalle truppe di Mussolini. Tra i due nasce una storia d’amore. Vagano lungo le strade della capitale, giovani e soli, trovando riparo nelle osterie di Trastevere. Delusi entrambi dalla città si riparano “dietro” i boschi lucani, dove, in mezzo al grano trovano la pace. Un improvviso infarto uccide Rocco all’età di trenta anni. Amelia, di nuovo sola, nella disperazione, perde la memoria e impazzisce. Ulderico Pesce ha dichiarato: “Leggo sui giornali lucani molte polemiche alimentate prevalentemente dalla classe politica regionale, il momento di difficoltà che vive l’Italia e la nostra terra sono talmente elevate che la politica deve riacquistare il senso alto che aveva per Rocco Scotellaro, morto a trenta anni per difendere gli interessi della comunità regionale.”

ago 212012
 

E’ stato trasportato d’urgenza al San Carlo di Potenza, sabato 18 agosto, intorno alle 18.00, un turista leccese di 28 anni, colpito da un grave infarto mentre si trovava in vacanza a Policoro. Immediatamente l’equipe del dott. Lisanti, direttore dell’U.O. di Emodinamica del nosocomio potentino, viste le gravissime condizioni in cui versava il paziente (infarto anteriore esteso), ha effettuato una coronarografia che ha evidenziato una chiusura della coronaria anteriore che è stata trattata tempestivamente con un’angioplastica primaria. Il paziente è stato immediatamente portato nel reparto di Terapia Intensiva della Cardioanestesia dove è stato intubato. Dopo due ore dal persistere delle gravi condizioni cliniche, si è reso necessario l’impianto di un sistema di assistenza ventricolare (ECMO), attraverso la cannulazione dell’arteria e della vena femorale destra, effettuato dai medici della Cardiochirurgia del San Carlo. In tal modo, grazie all’impianto di questo “cuore artificiale” e all’ottima assistenza dei medici, anestesisti, infermieri e tecnici della perfusione, sono migliorate le condizioni cliniche del paziente che ha recuperato in pieno le funzionalità di tutti gli organi. Ma la grave insufficienza cardiaca ha reso comunque necessario, a 48 ore dall’infarto, il trasferimento presso il Centro Trapianti “Le Molinette” di Torino nella prospettiva di un trapianto di cuore.
Per l’organizzazione di tale trasferimento – primo caso al San Carlo – è intervenuta l’Aeronautica Militare che ha fatto atterrare all’aeroporto di Napoli un C130 sul quale è stato fatta salire l’ambulanza che trasportava il paziente proveniente da Potenza. Il paziente, accompagnato da tre sanitari del San Carlo, ha effettuato tale trasferimento continuando ad utilizzare il cuore artificiale impiantatogli dai medici lucani. Il paziente è giunto a Torino in ottime condizioni tenuto conto della sua patologia. Adesso si avvieranno tutte le procedure per un possibile trapianto di cuore.
Francesco Cutro