BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Mag 012018
 

Il 29 aprile a Francavilla Sul Sinni si é svolta per la prima volta “La festa della Primavera” organizzata e curata nei dettagli dalla Proloco.
Alle 11.00 si sono aperti i mercatini degli hobbysti sia locali ma anche provenienti da vari paesi della Basilicata (Potenza e Sant’Arcangelo in particolare).
Durante la mattinata si é proceduto all’allestimento floreale della villa comunale, sede della manifestazione… con fiori realizzati a mano di carta pesta e di lana.
Nel pomeriggio si sono alternati gli spettacoli di due scuole di ballo della zona : la ‘Mary dance accademy’ e la ‘Scuola di ballo della maestra Rosanna del Cineteatro Columbia’. Durante le esibizioni i bambini hanno potuto gustare lo zucchero filato. Il tutto è stato allietato da musica e tanto divertimento, con gli stand di gastronomia curati dalla Pro loco.
Il presidente Ferdinando Chiurazzi è stato piacevolmente sorpreso dalla presenze nella villa comunale di centinaia di persone.
La Pro loco ha ringraziato il Comune le autorita civile e militari, la Croce Rossa e tutti i cittadini che hanno partecipato alla manifestazione. I soci del sodalizio turistico hanno assicurato che l’anno prossimo vi sarà certamente la seconda edizione.
Alla fine della manifestazione abbiamo chietso al socio Manuel Caso un bilancio sull’evento.
Manuel come è stata vissuta questa esperienza?
Sono stato molto contento di partecipare e collaborare con la Pro loco di Francavilla. Sono particolarmente legato a questa città anche per motivi affettivi.
E’ la prima volta che offre il suo impegno ad un’associazione?
No, io faccio parte dalla Pro loco di Maratea. Con questa associaizone ho fatto molte iniziative. Mi permetta di ringraziare il presidente della Pro loco Ferdinando Chiurazzi per l’accoglienza e come si sono comportati nei miei confronti. Poi voglio ringraziare le signore dei mercatini che sono state davvero disponibili e generose.

Apr 282018
 

Non solo vini lucani al “Vinitaly”, la più grande manifestazione dedicata al mondo del vino che si è svolta a Verona nei giorni scorsi. All’interno dello stand allestito dalla Regione Basilicata nel padiglione undici, una sorta di maxi vetrina per le bottiglie delle denominazioni lucane, sono state organizzate sia presentazioni di vini in collaborazione con i sommelier
dell’Ais Basilicata, sia momenti quotidiani di presentazione della
gastronomia locale con finger food a base di prodotti tipici preparati
dall’Unione Regionale Cuochi Lucani aiutati da 10 studenti dell’Istituto
Professionale Alberghiero di Matera in alternanza scuola lavoro. I cuochi
lucani sono stati protagonisti del momento inaugurale dello stand
Basilicata, curando i finger food che hanno accompagnato il brindisi alla
presenza dell’assessore alle Politiche agricole e forestali, Luca Braia, e del
viceministro alle Politiche agricole alimentari e forestali Andrea Olivero
che ha espresso parole e continua manifestazione di attenzione e stima
verso il comparto agroalimentare lucano. L’appuntamento più importante
per i cuochi lucani è stato il “Gran Galà” che si è tenuto all’interno del
Palazzo della Gran Guardia, organizzato dall’Enoteca Regionale Lucana in
collaborazione con il Dipartimento Politiche Agricole e Forestali della
Regione Basilicata, la Fondazione Matera Basilicata 2019 e l’Apt
Basilicata. Ai circa 300 presenti, tra i quali anche operatori, buyer e
giornalisti del vino nazionali ed esteri, gli chef dell’Unione Regionale
Cuochi Lucani hanno proposto uno straordinario menù di prodotti
agroalimentari tipici regionali (tagliere lucano di salumi, formaggi e
sott’oli al pancotto, strascinati con peperoni cruschi e cacioricotta,
insalatina di baccalà con patate e olive ‘majatica’ di Ferrandina, filettino di
maialino nero bardato con capocollo nostrano, pistacchi di Stigliano e
prugne, ciambotta con patate frantumate alle erbe aromatiche e verdure
grigliate, fragole Candonga del Metapontino e mousse di ricotta con
crumble di nocciole e bouquet di lamponi di Basilicata). Tra le altre
curiosità del Vinitaly, la presenza di numerosi prodotti
dell’enogastronomia lucana all’interno del ristorante “il Goloso” gestito
dalla Federazione Italiana Cuochi, insieme al presidente nazionale, il
lucano Rocco Pozzulo.

Gen 172018
 

La Città di Montescaglioso, con l’edizione 2018 del Cucibocca, nonostante la contemporanea presenza a Matera ed in paesi limitrofi di molti altri importanti eventi, ha fatto il pieno di visitatori e turisti. Un interesse che non viene dal caso ma da un lavoro di promozione svolto di concerto tra l’Amministrazione Comunale, la Pro Loco, l’UNPLI, la rete delle maschere antropologiche lucane ed il Centro di Educazione Ambientale. Ed è proprio dal gennaio dello scorso anno che il Cucibocca, per la prima volta, partecipando al Campanaccio di San Mauro Forte varca i confini di Montescaglioso ottenendo un grandissimo successo. Da Giugno 2017 il Cucibocca è in mostra nel padiglione Basilicata in vetrina presso il Parco della Grancia e ci resterà anche nei prossimi anni. Basti pensare che nei soli mesi estivi sono state registrate 25.000 presenze, un dato di notevole importanza.
Ad ottobre il Cucibocca, grazie al lavoro dell’UNPLI Basilicata e della Pro Loco Montescaglioso, è ospite d’onore al primo festival delle Pro Loco Venete a Piazzola sul Brenta dove si sono riunite tantissime Pro Loco italiane e tutti i comitati UNPLI D’ITALIA.
Per l’evento del 5 gennaio 2018 a Montescaglioso hanno sfilato: la Pro Loco, il Centro di Educazione Ambientale/CooperAttiva e gruppi di giovani che, per la prima volta, si sono cimentati in “proprio” nella partecipazione all’iniziativa. La Pro Loco ha organizzato la vestizione del gruppo nella Sala del Capitolo dell’Abbazia di S. Michele. Il gruppo CEA/CooperAttiva è tornato all’antica consuetudine della vestizione in una grande cantina di Porta S. Angelo, “La Tana del Cucibocca”. Vari operatori della gastronomia hanno proposto l’offerta di prodotti e degustazioni sul tema dei “Nove Bocconi”. Ritmi ancestrali e della tradizione hanno animato vicoli e piazze: zampogne, ciaramelle, tamburelli e organetti. Il risultato raggiunto è stato possibile grazie alla partecipazione ed al coinvolgimento di numerosi operatori ai quali va il grazie dell’Amministrazione Comunale: la rivista “Mathera” che ha dedicato al Cucibocca un ampio servizio, TRM che nella domenica successiva ha trasmesso un lungo approfondimento dedicato all’evento, Mauro Bubbico ha curato il manifesto/icona del Cucibocca, i fratelli Francesco e Roberto Pietrocola per la disponibilità della cantina “Tana del Cucibocca”, i Briganti Montesi e Rino Locantore che hanno animato strade e piazze con i ritmi della tradizione, Giuseppe Palazzo che ha proposto un intervento di visualart a tema, Michele Giannotta di Montescaglioso.net e gli operatori della ristorazione impegnati nella proposta dei “Nove Bocconi”. Infine, un ringraziamento speciale alla Pro Loco, al Centro di Educazione Ambientale/Cooperattiva, ai gruppi spontanei, al Vice Sindaco Rocco Oliva ed all’Assessore Francesca Fortunato che hanno dimostrato che un’ottima organizzazione in perfetta sinergia può solamente dare lustro alla Città. “La Notte dei Cucibocca”, infatti, conferma la propria capacità quale attrattore identitario tra i più importanti non solo di Montescaglioso ma dell’intera Regione che, non a caso, ha finanziato l’evento.

IL SINDACO
Vincenzo ZITO

cc

Set 142017
 

Promuovere il territorio del Parco Nazionale del Pollino, il più esteso del sud Italia, nell’ambito di
manifestazioni di rilievo nazionale ed internazionale che facciano da cassa di risonanza; valorizzare,
accrescere e diversificare i flussi turistici che attraversano il territorio dell’ara sud occidentale della Regione
Basilicata, a ridosso del confine con la Calabria; e, infine, sostenere la salvaguardia dell’ambiente, tutelando
le identità e sviluppando le economie delle popolazioni autoctone di montagna delle aree interne. Sono
questi gli obiettivi principali di una vera e propria campagna di marketing ideata ed implementata
dall’amministrazione comunale di San Severino Lucano, presente con i suoi rappresentanti alla 78esima
edizione di Miss Italia che si è svolta la scorsa settimana a Jesolo (VE), allo scopo di lanciare il piccolo
Comune dell’Appennino nei circuiti che contano del mercato turistico-alberghiero, puntando alla
commercializzazione dei prodotti dell’enogastronomia locale e alla strutturazione di un sistema coerente di
offerta turistica che garantisca la fruizione delle innumerevoli bellezze naturali a visitatori italiani e
stranieri. Un’attività, questa, che <>, come sottolinea il sindaco Franco Fiore, e
che ha permesso a San Severino di essere presentato e conosciuto in contesti prestigiosi, dalla Mostra del
Cinema di Venezia alla Bit di Berlino. <>. Basilicata
sempre più deputata ad essere terra di turismo e cinema, dunque, come testimoniato anche dalla nuova
produzione dell’attore lucano Claudio Santamaria, che alla Biennale di Venezia 2017 ha portato la sua
opera prima da regista, “The millionaire”, interamente girato nelle <>
Fabio Falabella

FRANCO FIORE

Ago 292017
 

Rassegna di musica, cinema, teatro, enogastronomia, laboratori e incontri. Firenze 9-16 Settembre 2017
(Piazza Bartali, Galleria delle Carrozze, Teatro della Compagnia, Fiorino sull’Arno)

Entrata ufficialmente per il secondo anno consecutivo nel palinsesto dell’Estate Fiorentina, “La Settimana Lucana” rinnova il suo appuntamento per rafforzare il gemellaggio tra due terre in cammino verso l’Europa.
Metafora di un lungo viaggio culturale, la kermesse mette di fronte Firenze e la Basilicata tra incontri, dibattiti, conferenze, musica, cinema, teatro e arte (tutti a ingresso gratuito) seguendo il filo conduttore dell’Italia che cambia e
dell’Europa che cresce.
Due culture a confronto tra tradizione e innovazione: la Basilicata di ieri e quella di oggi, da terra di emigranti a modello d’integrazione dei nuovi flussi migratori. Dall’altro Firenze, già capitale d’Italia e poi prima città italiana
capitale europea della cultura nel 1986. Due realtà in viaggio verso una nuova dimensione unite dal
senso di appartenenza alle proprie origini attraverso modelli di sviluppo a passo coi tempi.
Un evento internazionale che lega una regione dall’animo tradizionale, ma dallo spirito Europeo, la
Basilicata, con Firenze finestra sul mondo, prospettando a questa terra e alla sua gente un volto
nuovo slegato dagli stereotipi del folklore, mantenendo intatta la propria autenticità.
Un confronto tra musica, teatro, arte ed enogastronomia ma anche su temi culturali d’ attualità
quali la viabilità delle regioni, il fenomeno dell’emigrazione, quello dell’immigrazione i problemi
ambientali e i progressi del settore turistico.
Promossa ed organizzata dall’Associazione culturale lucana Firenze che dal 1971 opera ed agisce sul
territorio toscano, con l’intento di mantenere vivo il legame con la terra d’origine, la “Settimana
Lucana” è un evento realizzato con il patrocinio della Presidenza del Consiglio della Regione
Basilicata, Comune di Firenze e Città Metropolitana.

ASSOCIAZIONE CULTURALE LUCANA FIRENZE

Presenta

SETTIMANA LUCANA, II°EDIZIONE

Firenze incontra la Basilicata, un confronto per crescere insieme

(Rassegna di musica, cinema, teatro, enogastronomia, laboratori e incontri)

Firenze 9-16 Settembre 2017

(Piazza Bartali, Galleria delle Carrozze, Teatro della Compagnia, Fiorino sull’Arno)

Entrata ufficialmente per il secondo anno consecutivo nel palinsesto dell’Estate Fiorentina, “La Settimana Lucana” rinnova il suo appuntamento per rafforzare il gemellaggio tra due terre in cammino verso l’Europa. Metafora di un lungo viaggio culturale, la kermesse mette di fronte Firenze e la Basilicata tra incontri, dibattiti, conferenze, musica, cinema, teatro e arte (tutti a ingresso gratuito) seguendo il filo conduttore dell’Italia che cambia e dell’Europa che cresce.

Due culture a confronto tra tradizione e innovazione: la Basilicata di ieri e quella di oggi, da terra di emigranti a modello d’integrazione dei nuovi flussi migratori. Dall’altro Firenze, già capitale d’Italia e poi prima città italiana capitale europea della cultura nel 1986. Due realtà in viaggio verso una nuova dimensione unite dal senso di appartenenza alle proprie origini attraverso modelli di sviluppo a passo coi tempi.

Un evento internazionale che lega una regione dall’animo tradizionale, ma dallo spirito Europeo, la Basilicata, con Firenze finestra sul mondo, prospettando a questa terra e alla sua gente un volto nuovo slegato dagli stereotipi del folklore, mantenendo intatta la propria autenticità.

Un confronto tra musica, teatro, arte ed enogastronomia ma anche su temi culturali d’ attualità quali la viabilità delle regioni, il fenomeno dell’emigrazione, quello dell’immigrazione i problemi ambientali e i progressi del settore turistico.

Promossa ed organizzata dall’Associazione culturale lucana Firenze che dal 1971 opera ed agisce sul territorio toscano, con l’intento di mantenere vivo il legame con la terra d’origine, la “Settimana Lucana” è un evento realizzato con il patrocinio della Presidenza del Consiglio della Regione Basilicata, Comune di Firenze e Città Metropolitana.

Flyer 2017

Giu 202017
 

Per l’Apt Basilicata i mesi da aprile a giugno rappresentano un periodo particolarmente favorevole per le attività legate a educational e press tour.

I viaggi-stampa si confermano modalità di promozione turistica diffusa ed efficace che si sostanzia nell’ospitare e accompagnare direttamente giornalisti freelance o rappresentanti di testate di travel nazionali o estere. Il risultato è una costante presenza su molti dei media di settore e non solo nel breve periodo; molti giornalisti, blogger, scrittori, fotografi e influencer in genere, acquisiscono infatti contenuti e materiale da poter utilizzare in tempi più lunghi e in ripetute varie occasioni.

Destinatari di queste azioni, però, non sono solo “narratori” ma la platea si amplia e diversifica con gli educational tour, prevalentemente diretti a tour operator e professionisti del settore. Iniziative che per Apt si ripetono in maniera ciclica per poi intensificarsi in questi mesi. Occasione importante – per citarne una delle principali, anche se avvenuta in febbraio – è stata la visita dello scrittore franco-algerino Tahar Ben Jelloun, ospite in Basilicata in virtù della rinnovata collaborazione con la Milanesiana, il quale racconterà il suo viaggio a Matera nella prossima edizione in programma a Milano tra fine giugno e inizi di luglio.

Ad aprile l’agenzia ha supportato la presenza in Basilicata di cuochi, food blogger, giornalisti ed esperti di gastronomia, per l’iniziativa “Food&Wine, in occasione dell’assemblea nazionale della Federazione Italiana Cuochi. Tra la fine di aprile e maggio altre presenze importanti di testate di settore, a cominciare dal viaggio-stampa di giornalisti inviati di Bell’Italia e della Guida Michelin in francese interessata a migliorare le informazioni sulla gastronomia di qualità della Basilicata.

Oltre alla Francia, l’attenzione al target estero si è ripetuta in varie occasioni a cominciare dal supporto di ospitalità e logistico alla trasmissione della BBC, che ha girato due puntate in Basilicata con il famoso chef inglese Jemie Oliver, il quale ha ambientato suo il format tra Matera e le Dolomiti lucane. Supporto logistico, di accompagnamento e di consigli anche alla scrittrice americana Karen Heid, per un lungo tour che ha toccato quasi tutta la regione, facendole vivere dal backstage la Parata dei Turchi di Potenza e partecipare, tra le altre cose, al raduno internazionale delle maschere antropologiche di Tricarico e al Maggio di Accettura.

Ultimo in ordine di tempo, a giugno, il press tour di Liz Boultier, giornalista inglese del The Guardian, in visita tra Matera, il rito arboreo di Rotonda, le Dolomiti Lucane, visita prestigiosa di una testata che sta scoprendo parte della Basilicata che sta “intorno” a Matera.

Infine un educational di particolare interesse e utilità è stato voluto e organizzato dall’Apt Basilicata attraverso una proposta fatta dall’agenzia al direttore di Enit Gianni Bastianelli, il quale ha colto di buon grado l’idea di far visitare la regione a rappresentanze delle sedi Enit in Europa che lavorano direttamente alla promozione dell’Italia all’estero. Per alcuni giorni a metà giugno, sono state ospitate e accompagnate le delegate delle sedi di Vienna, Parigi, Stoccolma, Madrid e Francoforte. Un tour che ha toccato Matera, Rotonda e il Pollino, Maratea, Potenza e le Dolomiti lucane. Un giro intenso e concentrato che ha portato lo stesso al risultato sperato: “la Basilicata ci ha conquistate – hanno dichiarato – e ci è rimasta nel cuore, ci auguriamo di poter ritornare per visitare altri luoghi e promuovere sempre meglio questo territorio”.

“Si tratta di attività di sicuro impatto promozionale e comunicativo – spiega il direttore generale Mariano Schiavone – che rappresentano un modo efficace per seminare conoscenza e valorizzazione non solo delle destinazioni più rinomate ma anche delle aree interne della regione, altrettanto affascinanti. La Basilicata, in questo modo, si comunica anche attraverso gli occhi di osservatori esterni, abituati al viaggio, che da un lato producono una visione utile anche al racconto di chi la promuove dall’interno e, dall’altro, intercettano nicchie di pubblico interessate a specifiche tipologie di viaggio, che la Basilicata può offrire”.

cartina_basilicata

Giu 172017
 

L’ 8° Edizione di Botanicum  (16-17-18 giugno 2017) diventa ogni anno sempre più ricca di appuntamenti (Fitotrekking, visite guidate alle coltivazioni ed allo stabilimento, enogastronomia, mostre, musica, convegni, laboratori, seminari e tanto altro). L’evento promosso dall’azienda Evra valorizza anche le bellezze della Valle del Mercure grazie a delle visite nei paesi dei convegnisti.


La presentazione del venerdì

Le interviste: Enzo Salamone, Paolo Campanella, Antonio Lo Fiego, Domenico Cerbino, Antonio Lista


Il pranzo tra le misule di Castelluccio Superiore

Locandina-Botanicum-2017

Feb 242017
 

“Rivello è deliziosa e saporosa”. Marcelo Gatti ingegnere ambientale brasiliano è impegnato in un viaggio a ritroso allo scoperta dei luoghi dei suo bisnonni. Nel centro valnocino ha potuto godere della proverbiale ospitalità della comunità e di una gastronomia che esalta il palato: dalla pasta ai salami, dai dolci della antica pasticceria Cavaliere… fino alle gassose Sarubbi!

Set 012016
 

Si è svolta sabato 27 agosto la nona edizione del Lauria Folk Festival, l’evento che vuole riscoprire le tradizioni e la ruralità attraverso le espressioni artistiche e l’enogastronomia, organizzata dall’associazione culturale “Terra Antica” in collaborazione con la Proloco e il Comune di Lauria e con il supporto dell’associazione “Il Circo dell’Arte”. Tanti gli appuntamenti che si sono susseguiti dal pomeriggio fino a notte inoltrata nelle strade e nelle piazze del rione di Lauria Inferiore e grande il successo riscontrato da parte degli oltre trenta espositori, tra produttori, artigiani e associazioni del territorio, che hanno partecipato nell’area stand. Il tema scelto per l’edizione 2016 della manifestazione è stato la valorizzazione delle tradizioni attraverso la contaminazione.
Viva soddisfazione è stata espressa dal presidente di “Terra Antica” Giuseppe Lamboglia, che ha dichiarato: «È stata una grande nona edizione del Lauria Folk Festival, come testimoniano le circa mille presenze registrate. Protagonisti di questo evento sono stati i colori, la musica e i sapori della tradizione, mescolati a contaminazioni balcaniche e contemporanee. Ben riuscito il discorso di cooperazione tra associazioni per il territorio. Inoltre “Terra Antica”, che sostiene da sempre che la valorizzazione territoriale debba partire dalla terra, oggi, grazie alla presenza di Alsia e Coldiretti con Campagna Amica, centra il suo obiettivo aprendo le porte al km zero e invitando la popolazione ad un consumo consapevole che favorisca, tra le altre cose, lo sviluppo dell’indotto socio-economico».
Dopo l’apertura degli stand alle ore 17, il festival ha visto lo svolgimento alle ore 18 di un salottino culturale dal titolo “Tradizionalmente contaminati”, cui è intervenuto anche il sindaco di Lauria Angelo Lamboglia. Durante l’incontro, moderato da Pino Carlomagno e Rosarita D’Orsi, sono stati presentati al pubblico i musicisti ospiti della manifestazione: il chitarrista Marco Ielpo, il gruppo calabrese dei Calatarantula, il cantautore abruzzese Nosenzo, il Tamambulanti Ensemble, i rumeni Costel & Lautari Din Rosiori. Alle ore 20 in Piazza del Popolo sono tornate le “Olimpiadi del vino”, una competizione a squadre articolata in giochi ispirati alla vendemmia tradizionale (la “gara del travaso” e il “palio delle botti”), precedute dalle “Olimpiadi dei piccoli”, a cura della cooperativa “L’abbraccio”.
Dalle 20 in poi la musica live in vari punti di Lauria Inferiore ha trascinato il pubblico in una festa al ritmo delle musiche tradizionali. Tutti i gruppi hanno proposto musica folk con inflessioni jazz o arrangiamenti contaminati da altre sonorità. In Via Cairoli, animata dall’artista di strada napoletano Angelo ‘O Capitano, si sono esibiti Marco Ielpo, con arrangiamenti alla chitarra dal folk di tradizione al folk americano, e i Calatarantula, che hanno proposto musiche e canti della tradizione popolare calabrese e meridionale.
Sui due palchi di Piazza del Popolo e Piazza San Giacomo, invece, sono saliti Nosenzo, con la sua musica che unisce folk, swing, musica rom e manouche jazz, e il Tamambulanti Ensemble, che ha presentato tammurriate tradizionali riarrangiate in stile ska e reggae. Grande chiusura con gli ospiti internazionali di questa edizione del Folk Festival, Costel & Lautari Din Rosiori, che hanno divertito con musica tradizionale rumena e dal mondo balcanico.

lauria_folk_01

lauria_folk_02

lauria_folk_03

Lug 312016
 

Continuano gli eventi del programma estivo tortorese “Aperti per Ferie 2016”, realizzato dall’Assessorato al Turismo del Comune di Tortora.
Sei giorni dedicati agli artisti di strada, dal 2 al 6 ed il 10 agosto, organizzati dalla Pro Loco con il patrocinio del comune. Giocolieri, trampolieri, mangia fuoco, animeranno Piazza Stella Maris, il Centro Storico e il Corso Aldo Moro, alle ore 21,30.
Tanti gli eventi in Piazza Stella Maris a partire dalle ore 21,30.
L’1 agosto, il concorso di bellezza “Miss Tortora”.
Sempre organizzato dalla Pro Loco, il 7 agosto, si terrà la manifestazione “Falsi d’Autore”.
Evento musicale con l’eclettica cantante Ylenia Iorio e Mario Rosini salito sul podio del Festival di San Remo nel 2014, l’8 agosto.
“L’Amor che move il sole e le stelle” è il tema di quest’anno della sfilata dell’Atelier Montesano.
L’11, una notte dedicata alle tradizioni con la musica popolare di Alessandro Gaudio in concerto, organizzata dalla Pro Loco.
Il 12, tributo musicale a Lucio Battisti con il concerto “Il mio canto libero”.
Il nuovo spettacolo della Compagnia Teatrale Tortorese “La Giusta Misura”, verrà messo in scena il prossimo 13 agosto.
Il 16, Luca Nasti interpreterà la canzone classica napoletana con il concerto ‘O Mare.
Il cantautore Bono Rondelli, una delle personalità più eclettiche e geniali del panorama musicale italiano, si esibirà il 18 agosto.
Il 22, festeggiamenti in onore della Madonna Stella Maris, con la processione in mare alle ore 18. A partire dalle ore 21.30, si terrà un concerto live della band AudioMagazine.
Dal 26 al 28 agosto, Piazza Stella Maris sarà animata dal Pizza Festival, con musica, artisti e tanto divertimento a partire dalle ore 21,30.
Gli appuntamenti del programma estivo nel centro storico si terranno sempre a partire dalle ore 21.30, il 14 agosto con una serata dedicata alla musica italiana con Dynamic Duo.
Una sfilata in abiti da sposa antichi e da cerimonia a cura della Pro Loco, per trascorrere una serata da sogno, il 17 agosto, con il “Borgo si veste di bianco”.
Marco Francomano Band si esibirà il 19, sempre al centro storico.
Il 21, festa religiosa e musica live per i festeggiamenti in onore della Madonna Addolorata ad Acqualisparti (frazione montana) alle ore 18,30.
Presso la sede della Pro Loco, in via Panoramica al Porto, si terrà il cineforum, il 25 agosto alle ore 21,30.
Nel ricco programma estivo, non manca la rassegna dedicata alle presentazioni dei libri a partire dalle ore 20,30.
Il 4 agosto, presso il centro storico ci sarà la presentazione del libro di don Giovanni Mazzillo.
L’8 agosto, in Piazza Stella Maris, Lo Giudice Francesco presenterà il libro “Cambiare il Sud per cambiare l’Italia”.
Il 12 agosto, sempre in Piazza Stella Maris, ci sarà la presentazione del libro “A muso duro” di Agnese Belardi.
Il 14, Salidea Valente, presenterà il suo libro “Confessioni di un Brigante”, presso il centro storico.
“Abbiamo cercato – ha spiegato Sergio Tranchino, assessore al Turismo – di realizzare un programma estivo che potesse accontentare tutti. Attenzione è stata data ai più piccoli, come ai giovani. Non mancano eventi per le famiglie e per gli adulti. L’estate tortorese offre ai suoi visitatori musica, teatro, intrattenimento, enogastronomia e tanto altro ancora”.
Tanti gli eventi del programma estivo tortorese, disponibile presso l’info-point della Pro Loco, in Piazza Stella Maris.

tortora