Flash Feed Scroll Reader
mag 302015
 

Il Comune di Senise ha ospitato il 29 maggio 2015 i responsabili di Ballon, il festival internazionale del fumetto made in Basilicata. All’iniziativa presentata da Franco Addolarato e alla quale hanno partecipato gli alunni della scuola elementare senisese (assai gradevole il testo recitato su zafarenalla), sono stati ospiti anche i dirigenti della casa editrice Lavieri che hanno presentato “I cruschi di Manzù”. Il fumettista Giulio Giordano ha evidenziato le tecniche per disegnare i personaggi. E’ intervenuto il sindaco di Senise Giuseppe Castronuovo, la consigliera Filomena Amendolara, i dirigenti del Gal Akiris e della fondazione Sinisgalli.

La conferenza

La tecnica di Giulio Giordano

Le interviste

mar 142015
 

In Umbria saranno presenti il parroco don Franco Alagia, il sindaco Gaetano Mitidieri e il vescovo diocesano Francesco Nolè

E’ nella fase operativa un grande progetto targato Associazione Magna Grecia pronta a “lanciare” per dicembre le attività di Palazzo Marangoni.
Per il 17 e 18 aprile è previsto un viaggio dal grande significato ad Assisi. Grazie alla collaborazione della parrocchia guidata da don Franco Alagia si visiterà il Sacro convento che per tre anni ha ospitato il cardinale Brancati. Ripercorrere i luoghi del francescano lauriota è tra gli obiettivi dell’associazione culturale che è andata anche oltre. Infatti un momento assai significativo dell’iniziativa sarà la benedizione di un ulivo che verrà poi dimorato a Lauria, proprio nel cortile del palazzo Marangoni. Questa scelta, dall’alto valore simbolico, ha entusiasmato anche il Vescovo di Tursi-Lagonegro Mons. Francesco Nolè ed il sindaco di Lauria Gaetano Mitidieri che parteciperanno alla “spedizione” nella bella terra umbra.
I lettori più attenti ricorderanno che un primo momento di pianificazione del viaggio è avvenuto nei mesi scorsi quando il prestigioso coro di Assisi giunse a Lagonegro. In quella occasione, padre Mauro Gambetti custode del Sacro Convento, apprese dell’attenzione che Lauria riservava per il cardinale Brancati e si dichiarò disponibile ad accogliere una rappresentanza di cittadini ad Assisi. La presenza del vescovo permetterà di vivere l’esperienza davvero in maniera particolare.
L’iniziativa, come detto, si inserisce nel più generale programma di iniziative che l’istituzione del palazzo culturale genererà. Ricordiamo a luglio la presenza dell’ambasciatore del Brasile per inaugurare all’interno dello stabile un’ala dedicata al grande inventore Nicola Santo.
Sempre in quel periodo da Copertino giungerà un altro elemento simbolico (una pietra bianca salentina) che completerà l’allestimento del cortile del palazzo. Anche in questo caso, l’associazione Magna Grecia intende valorizzare il rapporto speciale tra il frate lauriota ed il santo del Salento.
Sull’asse Assisi-Copertino si svilupperanno i primi viaggi culturali promossi dal sodalizio culturale che, partendo dal percorso umano del cardinale Brancati, vorrà sviluppare proficui gemellaggi con realtà attente alla cultura e alla promozione umana e sociale.
Per chi volesse partecipare al viaggio può contattare la parrocchia San Giacomo con il suo parroco, o direttamente l’associazione Magna Grecia di Lauria.

Pagine da assisi

Un invito per gli amici di Lauria. Il 17 ed il 18 aprile prossimi si organizza una bella iniziativa, assai particolare. Il 17 mattina si partirà da Lauria con destinazione Assisi. Al viaggio parteciperanno oltre al parroco don Franco Alagia, anche il vescovo di Tursi-Lagonegro Francesco Nolè ed il sindaco di Lauria Gaetano Mitidieri. Il motivo della visita al Sacro Convento di Assisi è legato al rapporto con la cittadina umbra del Cardinale Lorenzo Brancati di Lauria. Per rendere “visibile” questo rapporto abbiamo pensato di piantare nel cortile di Palazzo Marangoni (che verrà inaugurato nei prossimi mesi), un ulivo di Assisi che sarà benedetto proprio nella mattinata del 18 aprile nella terra di San Francesco. In questi giorni avremo la certezza della presenza alla cerimonia anche del sindaco di Assisi.
Sarà dunque una straordinaria occasione per valorizzare un personaggio illustre di Lauria ed al tempo stesso di lanciare un grande messaggio di pace e di fraternità. Chi volesse partecipare può contattare la parrocchia o l’associazione Magna Grecia.

padre mauro
Padre Mauro Gambetti, custode del Sacro Convento di Assisi attenderà il 18 aprile il gruppo dei laurioti. In questa foto con il fumetto dedicato al Cardinale Brancati

gen 182015
 

L’Eco in collaborazione con l’associazione Magna Grecia ha avviato un entusiasmante progetto culturale.
La vicenda legata alla costruzione della diga più grande d’Europa in terra battuta ha sempre affascinato Mario Lamboglia, molto legato idealmente alla città di Nicola Sole, che ha visto in Senise una della città emblema della Basilicata. Vi sono stati poi incontri speciali che hanno consegnato al giornalista scrittore suggestioni ed emozioni che lo hanno spinto a ritornare a scrivere un libro, dopo quello dedicato alla Medaglia d’Oro al Valor Militare Claudio Pezzuto di prossima uscita.
L’impegno editorale produrrà due distinti volumi che si completeranno e consegneranno una storia importante dal valore universale che coinvolgerà nella lettura grandi e piccoli.
Il primo volume è un romanzo innervato nella storia della costruzione dell’invaso. Vi saranno protagonisti reali così come personaggi di fantasia che contriburanno a raccontare una storia che è ancora, per certi versi, controversa. Protagonisti sono Rocco ed Isabella così come il prete e il sindacalista, il sindaco, il poeta e il ministro. Una vicenda complessa che va raccontata per sottrarla all’oblìo.
Il secondo volume realizzato in collaborazione con la disegnatrice Franca Iannuzzi è un un fumetto nel quale si descrivono le vicende con la leggerezza del racconto colorato ma con altrettanta efficacia e ricchezza di particolari.
La presentazione del lavoro che si comporrà anche di sezione fotografica e di rigorosa cronologia dei fatti, è fissato per la fine del 2015. In queste pagine verranno raccolte impressioni, immagini ed incontri di un lavoro senza dubbio impegnativo ma che può rappresentare un punto fermo nella storia di un territorio sempre in bilico tra passato e futuro, tra i “se” e i “ma”.

senise
La prima tavola di prova del fumetto

set 042014
 

Grazie all’impegno di alcuni studenti universitari tra i quali Patrizia Papandrea, la biblioteca dell’Università di Bologna ha ufficialmente acquisito il fumetto “Gianfrancesco” scritto ed illustrato da Mario Lamboglia e Fanca Iannuzzi. Il volume, diventato patrimonio della prestigiosa biblioteca (l’Alma Mater Studiorum è la più antica università del mondo occidentale), ripercorre per i più piccoli la vita straordinaria del Cardinale Lorenzo Brancati di Lauria. La redazione dell’Eco ringrazia i dottori Franco Pasti e Michele Catarinella per l’attenzione riservata. Ricordiamo che nella quadreria dell’università è conservato un dipinto del “quasi” papa lucano. Brancati insegnò a Bologna a metà del ’600.

bologna

fumetto

giu 042014
 

L’estate policorese 2014 muove i suoi primi passi già nel mese di giugno, con l’uscita del “Preview di Siritidestate 2014” e delle manifestazioni del mese. Con la splendida manifestazione di “Balloon – Festa del Fumetto” e l’inizio dei “Giochi in Magna Grecia”, infatti, lo scorso fine settimana ha segnato l’inizio delle manifestazioni estive di Policoro. “E’ per noi fondamentale – dichiara l’Assessore al Turismo Massimiliano Padula – pubblicizzare al meglio le tante manifestazioni che già in questo mese sono presenti in città; ed è la conferma che Policoro ha una vitalità importante che ci permette finalmente di iniziare l’estate a Giugno”. “Avere un anticipo di cartellone – prosegue Padula – ci permette di poter approfittare degli ospiti già presenti nelle strutture di tutta l’area metapontina”. Il programma prevede anche altri appuntamenti già a partire da prossimo week-end, che vedrà importanti appuntamenti nella cittadina ionica: infatti oltre che le tantissime manifestazioni sportive legate ai Giochi in Magna Grecia, si terrà, ai Giardini Murati, la seconda edizione di “Mostra Mediterranea” dopo il grandissimo successo del primo anno.

Gli altri eventi di giugno in programma:
- 20/21/22 Giugno – P.zza Segni – “Fiera d’Estate”.
- 23 Giugno – Giardini Murati – Concerto della “Big Band” del Conservatorio Duni di Matera.
- 28/29 Giugno – P.zza P. Minozzi, – prima Festa di San Giovanni Battista e Festa di Gesù Maestro.

Dal 29 Giugno al 4 Luglio, Policoro ospiterà il “Trofeo delle Regioni di Volley” con atleti provenienti da tutte le regioni italiane.

6x3siritiestate2014

2 siritidestate giugno 2014

gen 182014
 

Il 2013 è stato un anno decisivo per la Fondazione Leonardo Sinisgalli di Montemurro, culminato nell’inaugurazione della Casa delle Muse a ottobre, nuova sede ufficiale ma anche centro di studi, mostre e convegni. Diverse le iniziative organizzate nel corso dell’anno, con ospiti di rilievo e grande partecipazione del pubblico.
A gennaio il regista Franco Brogi Taviani ha raccontato l’emigrazione del popolo italiano in Argentina attraverso il film-documentario Italiani all’opera (2009).
Tra marzo e aprile la collaborazione con la Scuola Primaria di Montemurro ha dato vita al progetto “Scrivolando – leggere e scrivere per raccontare e raccontarsi”, finalizzato alla promozione della lettura e allo sviluppo della creatività nei bambini, sulle orme del forte legame tra Sinisgalli e i suoi fanciulli.
Ad aprile e maggio la Biblioteca Nazionale di Potenza ha ospitato la mostra “La forgia di Sinisgalli. Tra l’incudine dei documenti e il martello delle idee”, una lettura dell’universo sinisgalliano mediante tre punti di vista: gli scatti fotografici che hanno riproposto i versi della poesia Lucania; i manoscritti di Sinisgalli conservati nella Biblioteca Nazionale di Potenza; oggetti e libri appartenuti al poeta e che lo hanno accompagnato nel suo lavoro.
A ottobre si è svolta la seconda edizione del “Furor Sinisgalli”, tre giornate dedicate alla poesia, alla musica, alla letteratura con interventi di Antonio Calabrò, (Fondazione Pirelli, Milano), Giuseppe Lupo (Università Cattolica di Milano), Giorgio Bigatti (Università Bocconi, Milano) e Silvio Ramat (Università di Padova).
Culmine della manifestazione è stata l’inaugurazione della Casa delle Muse di Leonardo Sinisgalli, una casa-museo di cui mobili antichi, oggetti rari, videodocumenti, dipinti, riviste e libri rarissimi, pubblicità, pannelli esplicativi, sono solo una parte della ricca dotazione esposta. La biblioteca di Sinisgalli, ricostruita in una delle sale, accoglie 2823 volumi, la sua scrivania e il celebre ritratto ad olio realizzato dalla pittrice Maria Padula. Altre sale sono dedicate a mostre non permanenti.
A novembre si è concluso il progetto “Liber Sinisgalli” avviato a settembre, relativo alla catalogazione del patrimonio librario appartenuto al poeta-ingegnere. Il lavoro di sedici giovani, formati attraverso un corso sulle regole di catalogazione del libro moderno, ha consentito di sistemare la biblioteca sinisgalliana che consta di 2823 volumi, prevalentemente di letteratura e arte, ma anche di storia, filosofia, matematica.
A dicembre la “Strenna sinisgalliana 2013” è stata un omaggio al poeta, scrittore e politico lucano Rocco Scotellaro. A sessant’anni dalla sua morte si è scelto di ricordarlo con la presentazione del libro di Giuseppe Palumbo Uno si distrae al bivio. La crudele scalmana di Rocco Scotellaro, una rilettura in forma di fumetto del primo racconto dell’intellettuale tricaricese che fu anche amico di Leonardo Sinisgalli.
Per il nuovo anno sono già in cantiere diverse iniziative, la cui realizzazione dipenderà anche dalle risorse economiche che la Fondazione riuscirà ad ottenere da Enti e Istituzioni interessati alla crescita culturale del territorio lucano.

Calabrò_Lupo_Bigatti_Ramat_Sammartino

giu 132013
 

Domani venerdi 14 giugno a partire dalle ore 19 seconda giornata di Vivilauria 2013. Verrà presentato il libro su padre Pio scritto dal giornalista Rocco De Rosa. Approfondiranno la figura del frate mons. Vincenzo Iacovino e padre Teodoro Pulletz. Nel villaggio della cultura di piazza del popolo si potranno ammirare una serie di stand ed alcuni percorsi fotografici legati al territorio. Sarà possibile acquistare il fumetto che parla del cardinale Brancati. 320 pagine tutte a colori, oltre 1000 illustrazioni per una storia mozzafiato che è iniziata nella piazzetta Sanseverino di Lauria ed è terminata nella basilica dei santi apostoli a Roma. E’ un regalo di qualità per figli, nipoti e per tutti quei bambini dall’occhio arguto come Gianfrancesco che nel ’600 “rischiò” di diventare Papa. Il costo è davvero modico: 5 euro.

Copia di Rocco_derosa_Pres_NO_perez

rob
Nella foto l’oncologa Roberta Sarmiento con la mascotte della manifestazione in occasione della prima serata

mag 012013
 

E’ entrata nel vivo l’organizzazione della prima edizione di “Vivilauria 2013″ . Tanti saranno gli eventi che si svolgeranno nel mese di giugno ed avranno quest’anno  come baricentro Piazza del Popolo. Il programma che anticipiamo in questa pagina ha lo scopo di spronare e stimolare quanti potrebbero ancora arricchire il cartellone. Alla fine del programma,  alcuni avvisi mirati, permetteranno ai lettori (e speriamo partecipanti alle iniziative) di poter dare un aiuto concreto.

PROGRAMMA DEFINITIVO
Sabato 1° Giugno 2013
Ore 18.00
Inaugurazione viale Piazza del Popolo
della statua di San Giuseppe da Copertino dell’artista Franca Iannuzzi
Intervengono: Mons. Francesco Nolè (vescovo di Tursi-Lagonegro), Padre Giuseppe Rolli (padre guardiano frati conventuali Copertino), don Franco Alagia (parroco Chiesa San Giacomo in Lauria) Giuseppe Rosafio (sindaco di Copertino), Gaetano Mitidieri (sindaco di Lauria) , Giacomo Reale (assessore alla cultura di Lauria)
Chorale Beato Lentini diretta dal maestro Silvano Marchese
Ore 18.30
Inaugurazioni – Piazza del Popolo

Evento straordinario: Esposizione Libri originali del XVII secolo del cardinale Lorenzo Brancati

Mostra della Soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio, Centro Operativo di Maratea: “Presenza dei conventi francescani nell’area sud della Basilicata
Ospite: dottoressa Maria Teresa Cerbino
Mostre sull’Emigrazione a cura della Commissione regionale dei lucani all’estero :
“ Verso il nuovo mondo”; “Emigrazione femminile in Paraguay ed Uruguay”
Mostre dell’architetto e fotografo Giacomo Carlomagno
“Sacro minimo urbano” – Frammenti di sacralità locale
“I luoghi dell’anima” – Visioni estroverse dell’architettura tra le pieghe dello spazio urbano
Mostra sui luoghi del Beato Domenico Lentini a cura di “Tucano graphics” di Vincenzo Cosentino

Apertura stand
Accoglienza dei bambini da parte della mascotte di Vivilauria “Rocco”
Zucchero filato party
Presentazione ufficiale del fumetto sul cardinale Brancati “Gianfrancesco”
Ore 18.45
Premio cardinal Brancati

Premiati
Francesco Nolè (vescovo di Tursi-Lagonegro – Potenza), Biagio Calderano (fotografo- Maratea); Giovanni Celico (storico – Praia a Mare); Vincenzo Corraro (sindaco – Viggianello); Famiglia Fucci (in memoria dello scrittore e giornalista Vincenzo Fucci – Lagonegro); Franca Iannuzzi (scultrice e fumettista – Episcopia ); Alessandra Marulli (architetto e storica salentina – Copertino ); Padre Giuseppe Rolli (padre guardiano convento Copertino – Copertino); Francesco Sanseverino (n.h. dei baroni di Marcellinara); Giovanni Celico (scrittore – Praia a Mare ); Biagio Moliterni (ricercatore – Tortora ); Raffalele Papaleo (storico locale – Lauria) Annalisa Viceconte (volontaria in Africa – Trecchina)
Riconoscimento speciale
Vincenzo Cozzi ( vescovo emerito di Melfi-Rapolla-Venosa)
Ospite musicale: Francesco Rizzo
A seguire
Osservazioni di Saturno
astronomiche coordinate da Mario Feraco a cura di Astropollino
Sapori locali
Venerdì 7 Giugno 2013
Ore 18.30
Incontro con l’autore
“Il pensiero di padre Pio” di Rocco De Rosa
Intervengono
Mons. Vincenzo Iacovino – parroco chiesa san Nicola in Lauria
Padre Teodoro Pulletz – frate cappuccino
Gaetano Mitidieri – sindaco di Lauria
Marcello Pittella – assessore regionale
Mario Lamboglia – moderatore
Rocco De Rosa – autore del libro
A seguire
Osservazioni
astronomiche coordinate da Mario Feraco a cura di Astropollino
Sapori locali
Sabato 8 Giugno 2013 – Giornata lentiniana a cura della parrocchia San Nicola

Domenica 9 giugno 2013
Ore 17.00
Ciak si gira
Verso il lungometraggio “Testimonianze di guerra e del bombardamento”
I ricordi dei protagonisti
Ore 19.30
Dibattito
Prevenzione e cura oncologica
Intervengono
Gaetano Mitidieri (sindaco di Lauria)
Annamaria Lammardo (geriatra ospedale di Lauria)
Nicola Di Lascio (responsabile Pediatria ospedale di Lagonegro)
Nicola Carlomagno (presidente comitato Cri Lauria Valle Noce)
Antonietta Nicodemo (delegata sede Cri Lauria)
Roberta Sarmiento ( medico oncologo San Filippo Neri di Roma)
Mario Lamboglia (moderatore)
A cura degli amici di Marcello: Riconoscimenti “Marcello Cresci – solidarietà ed umanità” : Roberta Sarmiento, Stefania Cosentino

Sabato 15 Giugno 2013
Ore 17.00
Manifestazione di arcieri
Compagnia 16 Noce
Robin Hood party (dedicato ai bambini)
Ore 18.30
Incontro con l’autore
“La colpa di Ottavia” di Fabio Amendolara e Emanuela Ferrara
Intervengono
Gaetano Mitidieri – sindaco di Lauria
Gerardo Melchionda – coordinatore Libera del lagonegrese
Rita Zaccagnino – imprenditrice
Mario Lamboglia – moderatore
Giuseppe Calabrese – Preside Isis De Sarlo Lagonegro
Fabio Amendolara – autore del libro

Riconoscimenti “Legalità, memoria e giustizia Pino Forestieri”
A seguire
Osservazioni
astronomiche coordinate da Mario Feraco a cura di Astropollino
Sapori locali
Ore 21.30
Ciak si gira
Verso il libro ed il lungometraggio “Il calcio a Lauria”
I ricordi dei protagonisti
Riconoscimenti: Carmine Riccio, Santino Di Deco

Domenica 16 Giugno 2013
Ore 17.30
Il fantastico mondo dei piccoli con il mago Fox
Ore 18.30
Verso l’allestimento di Palazzo Marangoni
Dibattito
L’emigrazione in Basilicata e presentazione del libro di Renato Cantore: “Il castello sull’Hudson – Charles Paterno ed il sogno americano”
Intervengono
Gaetano Mitidieri – sindaco di Lauria
Giantonio Rossini- storico locale
Giuseppe Mensitiere – storico locale
Ettore Bove– docente Università della Basilicata
Renato Cantore – giornalista e scrittore
Gigi Scaglione – presidente Commissione Lucani nel mondo
Marcello Pittella – vicepresidente Giunta regionale Basilicata
Mario Lamboglia – moderatore
Riconoscimento “Nicola Santo” a Gigi Scaglione, Renato Cantore, Ettore Bove

A seguire
Osservazioni
astronomiche coordinate da Mario Feraco a cura di Astropollino
Sapori locali

AVVISI ORGANIZZATIVI

1) Nella piazza saranno presenti degli spazi espostivi, chiunque ne può far richiesta. Questi stand sono gratuiti.

2) Dal 1° giugno al 15 giugno sarà funzionante uno stand che inizierà a svelare l’importante progetto culturale legato a palazzo Marangoni. In particolare chi intende donare libri di valore per la istituenda “Biblioteca Cardinale Lorenzo Brancati” può approfittare delle giornate degli eventi di contattare gli organizzatori presento nel “Marangoni stand”.

3)   Il palazzo Marangoni ospiterà una sezione dedicata all’emigrazione. Chiunque avesse notizie o materiale legato a questa tematica (ovviamente i riferimenti e i protagonisti  devono essere legati al territorio), può incontrare gli organzizatori e partecipare ad un dibattito significativo che si terrà in una delle serate di Vivilauria come da programma.

4) Il palazzo Marangoni ospiterà anche una sezione dedicata alla Guerra e al bombardamento di Lauria. Da circa un anno si stanno raccogliendo documenti e testimonianze per un lungometraggio. Al riguardo abbiamo scritto anche un libro. In una delle serate verrà approntato un set per raccogliere le testimonianze di chi è stato protagonista degli eventi indicati.

5) Volontà degli organizzatori è anche di organizzare una serata dedicata alla storia del calcio a Lauria. Anche in questo caso, i protagonisti che volessero prendere parte al dibattito ed offrire il loro ricordo, lo potranno fare partecipando alla serata specifica evidenziata dal programma. L’obiettivo è scrivere un libro.

6) Nei prossimi giorni il programma si arricchirà di nuovi elementi , sarà utile quindi, di tanto in tanto, rileggerlo.  Per contatti: 347-3549996. lauriacultura@tiscali.it

Ultimo aggiornamento:  21 maggio 2013 ore 13.00

 

1

set 192012
 

In occasione dell’evento che si svolgerà a Lauria nella prosisma primavera dedicato al Cardinale Lorenzo Brancati, sarà presentato ufficialmente il libro illustrato sulla storia del frate francescano lucano. Il volume, di oltre 300 pagine interamente a colori, racconterà la vita straordinaria di un religioso che fu gigante del suo tempo. Affascinanti le pagine che parlano del rapporto di “Gianfrancesco”, così il nome da bambino del Cardinale , con i papi ed in particolare con San Giuseppe da Copertino. Il fumetto è stato disegnato da Franca Iannuzzi, i testi invece sono stati curati da Mario Lamboglia.

feb 282012
 

In queste ore si sta lavorando per l’uscita del nuovo numero del giornale. Questa volta (ma poi dico sempre così) è particolarmente faticoso trovare spazio per tutto. L’evento di Copertino ha messo a dura prova l’impaginazione. Il mio intervento ad esempio è stato ristretto i mille modi.
Vorrei salvarlo su queste pagine di diario…a futura memoria.

Buonasera a tutti. Grazie per questo privilegio straordinario. Grazie per avermi permesso di offrire in questo luogo splendido e significativo questa semplice testimonianza. Permettetemi di evidenziare l’importanza di questa serata prima di raccontare brevemente quanto bolle in pentola in Basilicata sul Brancati e su quanto giá è stato fatto in suo nome. Oggi, simbolicamente, si rincontrano in terra, due amici. Due grandissimi amici. Due frati che si sono stimati per davvero. Io credo che in loro albergasse una speciale energia che li rendeva unici e li legava in modo indissolubile. Erano due persone sanguigne, due persone che avevano conosciuto le difficoltá della vita. Avevano conosciuto la malattia fin dalla tenera età. Due persone vere che addirittura, e sarebbe stato davvero straordinario poterli vedere, hanno litigato di brutto quando il lauriota trattava probabilmente giá da santo il copertinese che si schermiva.

Ho detto persone vere.

Forse questa è la chiave e la scintilla che ha mosso il mio impegno da laico appassionato di storia e profondamente colpito dalla figura del cardinale Brancati.
Avvertivo che questo personaggio illustre veniva spesso percepito quasi come un’entità astratta, raffinatissimo teologo ma maledettamente distante …insomma, un bel quadro, in una bella cornice… con una dotta dicitura latina…ben in alto sulle pareti.
Man mano che studiavo il personaggio Brancati grazie alla biografia di padre Sparacio riproposta da Mons. Antonio Cantisani, arcivescovo emerito di Catanzaro e primo culture del cardinale, emergeva la vitalitá di una persona vissuta quattro secoli fa, ma ancora viva nei suoi insegnamenti , attuale nel suo percorso di vita.
Credo che ognuno possa ritrovarsi nel suo cammino umano . La sua esistenza è una metafora perfetta della vita, fatta di tante prove, di cadute e risalite. Al nostro Cardinale poi, fatemelo dire, gli è successo davvero di tutto. Altro che santino appeso al muro !

Difficoltà di salute fin da piccolo; l’onta della bocciatura da parte del vescovo del tempo che non lo inserì come chierico; i dubbi terribili se lasciare la sua città e i suoi familiari; i ritardi dell’accoglimento pieno nell’ordine francescano prescelto. Per non parlare del sequestro da parte dei briganti nella provincia di Matera, l’arrivo a Roma tra mille difficoltà, i tanti elogi ma anche le tante gelosie e le invidie che lo portarono a doversi allontanare addirittura da Roma!
Ed ancora, i tanti Papi che ammirati del talento del frate lucano lo vollero come prezioso ed insostituibile collaboratore prospettandogli in più occasioni la berretta cardinalizia, che invece, per ironia della sorte, la ricevette dal Papa che conosceva meno e con il quale aveva poca dimestichezza. Per non parlare, verso la fine della sua esistenza della grave rapina che subì in casa, durante un conclave, ad opera del proprio segretario particolare del quale aveva il massimo della fiducia.
Approfondire e soprattutto raccontare queste cose permette di acquisire una visuale diversa di un personaggio che ha vissuto ansie e gioie dell’esistenza.
Insomma: abbiamo provato metaforicamente a far scivolare dalla parete il quadro del Brancati offrendo chiavi di lettura attuali e moderne.

Questo è stato lo sforzo di questi anni vissuto in simbiosi con il carissimo don Franco Alagia, parroco di San Giacomo, sempre disponibile ed aperto.
E’ stato ricordato lo straordinario pellegrinaggio a Roma da parte di 300 laurioti accompagnati dal Vescovo e dal presidente della giunta regionale De Filippo. Così come è stato citato il bel monumento in travertino, realizzato dall’artista Paolo Amoroso voluto dall’amministrazione comunale del tempo
nella quale mi onoro di aver fatto parte.
Ricordo con piacere la conoscenza con il prof. Galignano e con la dottoressa Sandrina Schito assessore alla Cultura che partecipò a Lauria alla inaugurazione del busto del cardinale. Furono i primi contatti con la realtà di Copertino. Ricordo le prime telefonate con il Municipio che in quel periodo, nel 2006, stava subendo dei lavori con i centralini che avevano continuamente problemi tecnici.
Quel pomeriggio del 7 dicembre del 2006 ha rappresentato davvero una ripartenza nella riscoperta della figura del cardinale Brancati.

Un altro momento di svolta è stato l’incontro con il vescovo diocesano Mons. Nolè avvenuto nel bellissimo contesto del porto di Maratea. Giá in passato con il giornale avevamo sperimentato una collaborazione con il vescovo Talucci, predecessore di Nolè, attuale arcivescovo di Brindisi. All’ epoca partecipammo alla stesura di un volume riguardante il Beato sacerdote Domenico Lentini, un’altra figura straordinaria di santità che Lauria vanta.
L’incontro mattutino al porto di Maratea avvenuto nel 2005 insieme alla dottoressa Marianna Trotta giornalista dell’Eco fu un momento davvero importante. In quell’occasione svelammo al pastore diocesano la volontà di scrivere un libro un po’ particolare che potesse colpire ed entusiasmare. Non un tomo elevatissimo, ma quasi un istant book. Ci colpiva il contesto nel quale il Brancati aveva operato , la Roma barocca del ‘600 in cui i vizi non mancavano MA allo stesso tempo emergeva la forza di questo frate della provincia napoletana che rischiò di diventare Papa. Il volume, con molte imperfezioni, ha cercato di umanizzare e contestualizzare la figura del Brancati. Rispetto alle ottime ed alte pubblicazioni sul frate lauriota di Mons. Cantisani, il volume paga certamente il prezzo di questo desiderio di voler dimostrare la complessità della vita del Brancati fatta non solo di studio di preghiera e di meditazione , ben 20 mila furono le messe che il cardinale celebrò, ma anche di un’esistenza fatta d’azione e di scelte coraggiose.
“Chi più di lui” questo è stato il titolo del libro. La vera e propria esclamazione la recuperammo dagli anziani del paese che ricordavano che i loro nonni parlavano di un cardinale di Lauria che stava per diventare Papa se non fosse stato osteggiato dal re di Spagna.
L’operazione editoriale andò bene e promosse una rinnovata conoscenza della figura del frate. Tra l’altro, l’attuale non disponibilità di copie è la dimostrazione che il libro fu apprezzato e che forse occorrerà una nuova edizione, certamente riveduta e corretta anche alla luce di nuovi riscontri storici.
Permettetemi a questo punto di evidenziare un’altra piacevole scoperta che riguarda il frate Vescovo Nolè e forse tutti i frati conventuali minori. Si avverte in loro uno straordinario legame con il proprio ordine, si nota un rapporto quasi viscerale, mi verrebbe dire un tifo contagioso. Anche Brancati e San Giuseppe erano così. Proprio Brancati, ancora solo frate, litigò di brutto con un alto porporato che aveva messo in discussione le qualità dell’ordine.
Di Mons. Nolè ricordo il suo ardore quando si parlava di san Giuseppe e del Brancati, ardore che ho sperimentato anche qualche giorno fa, in occasione di una riunione operativa sulla prossima visita del cardinale Re a Lauria il 14 aprile in occasione del quarto centenario della nascita del cardinale.
L’approfondimento sul Brancati ha permesso di incrociare realtà straordinarie. Copertino innanzi tutto, leggere ed indagare su questa straordinaria amicizia che spinse il cardinale a lasciare gran parte de suoi averi per veder riconosciuta la santità del suo confratello, è un gesto davvero meraviglioso. Che rammarico per quella biografia scritta dal cardinale su San Giuseppe smarrita!
In parallelo a tante nuove scoperte, abbiamo avvertito un “soffio lieve” che seguiva il nostro lavoro. Ad esempio un’amicizia con una studentessa universitaria di Bologna portò a colmare una lacuna che avvertivamo e riguardava il volto autentico del cardinale. Basta infatti navigare un po’ su internet per rendersi conto che nel periodo del 500 e del 600 i visi dei porporati e di alcuni papi vengono raffigurati quasi allo stesso modo.
Con ogni probabilità molte tele sono andate smarrite nel corso del tempo, ed oggi ci troviamo con datate raffigurazioni quasi identiche tra loro: barba, pizzetto, sguardo ispirato… Poi un giorno una telefonata shock: era Antonella in stile Federica Sciarelli di Chi l’ha visto …”guarda che all’università, nella sala della quadreria c’è una tela di un cardinale, credo sia il tuo amico, quello di cui mi parli sempre facendomi una testa così !” Non potete immaginare l’ emozione che abbiamo provato nell’ aprire la busta giunta a Lauria nella quale la gentilissima Antonella Arena aveva riposto la foto.
Dicevo tanti episodi, alcuni davvero simpatici come quello legato alla città campana di Agerola. Nel ricercare spunti e notizie, i motori di ricerca google e virgilio si imbattevano continuamente con la lavanderia Esposito in via cardinale Brancati ad Agerola, o con la macelleria Spagnuolo in via cardinale Brancati …sempre Agerola. Il fiuto mi diceva che in quella città vi era qualcosa di interessante…mai avrei immaginato di scoprire un colossale equivoco storico e di addolorare delle pie donne ferventi estimatrici del cardinale Brancati. In effetti per più secoli Agerola pensava che il Brancati fosse stato un proprio figlio . Pensate com’era radicata la credenza: vi è in una bella chiesa agerolese un quadro dedicato al cardinale. Questo ci permette anche di dire come è insidiosa la ricerca storica e quanti errori si possono fare.
Grazie, o a causa di questi contatti, ho notato in questi ultimi anni, che molti siti di quel territorio hanno corretto l’informazione errata probabilmente indotta dalla frequentazioni del cardinale con influenti personaggi napoletani.
Ma se ad Agerola, la strada dedicata al cardinale, è frutto di un errore in buona fede, mi chiedo: tra Lauria e Copertino errori storici non ve ne sono e non ve ne possono essere! Ed allora perché non proporre alle nostre rispettive civiche amministrazioni di dedicare a Lauria una strada a san Giuseppe da Copertino e a Copertino una strada al cardinale Brancati.
Sarebbe un gesto straordinario, un gesto che esalterebbe l’amicizia tra due frati che sono entrati nella storia.

Nel corso di questi ultimi anni è stato organizzato a Lauria un evento culturale dedicato al Brancati in settembre che si intende riproporre .
A tal proposito sarebbe bello studiare delle iniziative in comune, immaginare un gemellaggio, un qualcosa che possa unire sempre più Copertino a Lauria.

Sono convinto che rispetto a questa iniziativa ci sarà qualcuno che farà il tifo per noi.
Dicevo poc’anzi di un “vento positivo” che spira sulle iniziative legate al cardinale.
Un’altra grande realizzazione ha trovato lo stimolo giusto grazie al Brancati.
Grazie alla disponibilità del parroco di Lauria e grazie alla generosità della famiglia Carluccio di Pisticci abbiamo ristrutturato un bel locale parrocchiale che è diventato in pochi mesi un punto di riferimento importante per la cultura a Lauria e nella valle del Noce. Questa sala ubicata nel quartiere natìo del cardinale è stata intitolata proprio al Brancati. Con un pizzico dì orgoglio possiamo evidenziare che da due anni Lauria gode di un cartellone teatrale di prim’ordine con compagnie teatrali provenienti da tutt’Italia grazie proprio a questo spazio ottimamente attrezzato.

Ecco dunque che quel quadro bellissimo appeso alla parete continua a generare frutti anche nel nostro tempo.

Infine, c è ancora dell’altro, la visita del Cardinale Re il 14 aprile prossimo e c’ è in fase avanzata una nuova iniziativa che stiamo portando avanti come giornale sempre con la preziosa supervisione del vescovo e del parroco.

Ci siamo detti: i libri sono importanti e servono, ma forse occorre sforzarsi di incrociare linguaggi diversi che possano essere più accattivanti. Ecco dunque l’idea di un fumetto sul Brancati che potrà diventerà successivamente un cartone animato. Il Cardinale è diventato per noi Gianfrancesco (il nome che aveva da ragazzo) e poi gieffe; siamo convinti potrà essere letto dai ragazzi ma anche dai grandi così come da quanti a fatica non superano l’introduzione nel rapportarsi ad un libro. L’idea è stata rafforzata dal felice incontro con Franca Iannuzzi ottima disegnatrice ed autrice del quadro che stasera è stato donato a Copertino.
Appena pronto il libro illustrato(settembre in occasione dell’evento citato) ovviamente ve ne faremo recapitare delle copie. Troverete delle bellissime pagine in cui viene descritto il rapporto viscerale tra i due frati. Vi sono davvero momenti commoventi, pieni di tanta vitalità.
Permettetemi infine di ringraziare gli organizzatori che stasera hanno fatto un miracolo: Antonio ed Alessandra, padre Giuseppe, persone davvero straordinarie! Hanno fatto nuovamente incontrare, dopo quasi quattro secoli, due amici diversi ma uniti nel guardare lo stesso orizzonte.
Questa sera idealmente raccogliamo la fiaccola dell’amicizia tra Giuseppe e Gianfrancesco, adoperiamoci insieme a farla ardere nell’interesse dei nostri ideali e delle comunità che rappresentiamo.
23 febbraio 2012