Flash Feed Scroll Reader
giu 112015
 

Palazzo Corrado a Lagonegro ha ospitato il 9 giugno 2015 un importante focus sui “Contratti di fiume e di paesaggio”. Al centro del dibattito il futuro del fiume Noce. All’iniziativa hanno partecipato oltre ai sindaci del territorio, Massimo Bastiani coordinatore nazionale dei Contratti di fiume, Antonio Anarone segretario generale del’Autorità Interregionale di Bacino della Basilicata, Aldo Schiassi direttore dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente di Basilicata. La dottoressa Teresa Trabace ha presentato i primi dati del monitoraggio ambientale del Fiume Noce.
Il workshop è stato organizzato dal Gal “Cittadella del Sapere” in collaborazione con la società “Environmental Engineering services”. L’evento è stato moderato dal giornalista Vito Verrastro.

mag 032015
 

XXVII escursione del gruppo di Lauria e terza edizione del trekking-pellegrinaggio verso la Madonna del Perpetuo Soccorso di Trecchina. Nello stesso giorno la Statua della Madonna viene traslata dalla Chiesa Madre di San Michele Arcangelo al Monte del Santuario. Ritrovo alle ore 7.10 in Piazza del Popolo di Lauria borgo.

Domenica 10 maggio 2015 il gruppo ‘Più siamo meglio stiamo’ organizza le terza edizione del trekking-pellegrinaggio da Lauria al Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso di Trecchina.
La data coincide con la ricorrenza nella quale la statua della Madonna del Soccorso viene portata dalla Chiesa Madre di Trecchina, intitolata a San Michele Arcangelo, alla Cappella sul monte.
L’ escursione è impegnativa ed è adatta solo a chi ha esperienza di trekking. Tra andata e ritorno verranno percorsi oltre 26 km. Chi vuole può fare il solo percorso di andata (13 km), programmando autonomamente il rientro.
Il ritrovo è previsto alle ore 7.10 in Piazza del Popolo, presso il Monumento ai Caduti di Lauria borgo (nel piazzale antistante la scuola elementare). Il rientro a Lauria, sempre a piedi, è previsto intorno alle ore 19.30. Il Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso di Trecchina rappresenta un importante punto di riferimento della Valle del Noce. La posizione geografica e la storia del Santuario rendono interessante questa esperienza di trekking. I minori devono essere accompagnati da un adulto autorizzato. L’escursione é sconsigliata al di sotto dei 14 anni.
Ciascuno deve avere con sé : 1,5 litri di acqua ; vestiario adatto al trekking (scarpe non basse e calzini lunghi), pantaloni lunghi; cappellino ; ombrellino; un k-way; uno zainetto da portare a spalla; pranzo al sacco; telefonino, fischietto e tutto ciò che venga ritenuto utile per una escursione di circa 12 ore. Per informazioni si può contattare Raffaele Papaleo (tel. 335.82.61.187 ; mail: papaleolauria@libero.it). Quello che segue è il programma di massima che potrà subire variazioni.

PROGRAMMA

Ritrovo alle ore 7.10 in Piazza del Popolo a Lauria borgo, nei pressi del Monumento ai Caduti (Scuole Elementari) ; partenza alle ore 7.20 da Piazza del Popolo di Lauria.
Percorso di andata: Via Caduti ; Malfitano ; Fiume Noce; Pietra Morta ; Villa Marotta (foto di gruppo) ; Trecchina (sosta di 30′) ; Forraina ; Sentieri di Serra Pollino ; Santuario Madonna del Perpetuo Soccorso (m. 1089; sosta di circa 2h 00′).
Ritorno: partenza dal Santuario alle ore 15.00 ; Sentieri verso Trecchina (in parte diversi rispetto al percorso di andata) ; Castello del Duca Vitale e zona antica di Trecchina ; Trecchina centro (sosta di 15′); sentieri verso il Fondo Valle e poi Lauria (ore 19.30 circa).

Trekking Santuario Trecchina 2015 ore 7.30

feb 112015
 

Gentile Consigliere Papa,
condivido pienamente la Sua affermazione che “il fiume Noce è l’oro della Valle”, la condivido tanto da aver fatto diventare la battaglia per la salvaguardia del Noce una priorità e non consentirò, pertanto, né a lei né ad altri di vanificare per biechi scopi elettoralistici i risultati ottenuti finora.
Lei fa leva sul bisogno delle persone di essere rassicurate, solletica quelle corde che fanno preferire una facile bugia ad una scomoda verità e se ciò non costituisse un gravissimo pericolo potremmo ascrivere il suo comportamento alle millanterie della campagna elettorale.
Rassicurare i cittadini in presenza di fatti gravi come quelli che riguardano il fiume Noce, però, è troppo pericoloso e non posso lasciare che ciò accada impunemente: il Fiume va difeso, il Fiume va monitorato, il Fiume va controllato proprio perché è una risorsa preziosa!
E non cerchi di confondere le acque vagheggiando di progetti da realizzare sul fiume come se avesse già le risorse disponibili perché le risorse sono limitate; non parli sconsideratamente di accessi da aprire e di controlli da effettuare perché una volta aperti gli accessi poi i controlli si devono fare e dove li trova i soldi per pagare il personale necessario? Non può barare con i cittadini approfittando della loro inconsapevolezza perché Lei è un Amministratore, seppur di opposizione, e conosce bene i limiti posti dai Bilanci che si riflettono sulla possibilità di effettuare nuove assunzioni.
Negare che esiste l’emergenza Noce e l’emergenza mare, questo sì è terrorismo e oscurantismo e forse è anche volontà di compiacere chi, allergico ai controlli e al rispetto delle regole, intende continuare a sversare nel Fiume veleni e porcherie. Negare l’emergenza significa acconsentire al malfunzionamento dei depuratori, significa non agire per impedire la caduta nelle acque dei rifiuti abbandonati nelle piazzole, significa consentire lo stupro del “fratello fiume” operato dalla proliferazione incontrollata delle centrali idroelettriche.
Lei potrà progettare di valorizzare “il fiume Noce, il mare, le spiagge, l’intero Tirreno” solo se avrà saputo difendere queste risorse dall’aggressione di chi le vuole sfruttare per avidità di denaro.
Noto, infine, quanto sia ingeneroso nei confronti del Comitato che in questi anni è riuscito a mobilitare persone e Istituzioni ed ha mantenuto alta la guardia nonostante gli attacchi personali, le querele, le intimidazioni: il risultato è la sala consiliare di Tortora gremita di cittadini, consapevoli e combattivi, domenica 8 gennaio 2015.

Maria Di Lascio (Consigliere di opposizione di Lagonegro)
(Per il Comitato per il Fiume Noce)

maria di lascio

feb 082015
 

Vi è stata una grande partecipazione popolare all’assemblea pubblica sulla salute del Fiume Noce e la vicenda di San Sago, che si è tenuta a Tortora l’8 febbraio 2015.
La sala consiliare gremita di gente, ha fatto ben sperare il Comitato Fiume Noce circa l’interesse della popolazione sulle problematiche riguardanti il fiume.
Il responsabile di “Libera” Lagonegrese Gerardo Melchionda, ha aperto l’incontro facendo un resoconto di ciò che è stato realizzato dal 2011 ad oggi e degli impegni presi dai comuni facenti parte del Comitato Fiume Noce.
“In questi anni – ha spiegato Melchionda – abbiamo cercato di mobilitare le istituzioni affinché si interessassero alla questione ambientale relativa al Fiume Noce. Oggi siamo lusingati nel vedere tantissimi cittadini interessati a queste importanti problematiche, perché abbiamo bisogno soprattutto del sostegno delle popolazioni residenti lungo il corso del fiume e alla sua foce, per dare forza alle nostre battaglie e per ottenere dei risultati concreti. Il fiume Noce è un bene comune che, in quanto tale, appartiene a tutti e proprio per questo deve essere costantemente monitorato e salvaguardato”.
Nel corso dell’incontro è emersa, inoltre, l’urgenza di ottenere risposte concrete dall’ARPAB (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente di Basilicata), circa l’installazione delle centraline di monitoraggio al fine di tutelare la salute del fiume.
“Il Comitato Fiume Noce – ha sottolineato il sindaco di Tortora Pasquale Lamboglia – si riunisce periodicamente in tutti i comuni della valle, ma oggi lo fa qui a Tortora non casualmente ma in vista dell’udienza del prossimo 12 febbraio. Tale udienza, relativa al rinvio a giudizio dei responsabili dell’impianto di smaltimento rifiuti liquidi pericolosi e non, ubicato in San Sago, tuttora inattivo in quanto sotto sequestro giudiziario per l’inchiesta promossa dalle procure di Lagonegro e di Paola. Noi vorremmo che, a seguito di quell’inchiesta e di quanto è emerso dalle perizie che le parti civili hanno depositato, si appalesasse la necessità della revoca di tutte le autorizzazioni ancora in essere per tale impianto. Che venisse, inoltre, imputato a quella gestione anche il disastro ambientale, per utilizzare il risarcimento nella bonifica del fiume. Dai dati in nostro possesso, pare che le quantità di metalli pesanti sversate nel corso d’acqua siano altissime. In questa battaglia i comuni non possono essere lasciati soli ma è indispensabile la partecipazione attiva dei cittadini, come oggi hanno dimostrato con la loro significativa presenza”.
Tra le varie problematiche riscontrate, è emersa anche quella delle eccessive autorizzazioni concesse per la realizzazione di nuove centrali idroelettriche lungo il corso del fiume. A tal proposito il Comitato Fiume Noce, ha già richiesto alla Regione Basilicata un monitoraggio attento e la redazione di un piano organico.
Valentina Bruno

Prima parte conferenza

Seconda parte conferenza

gen 112015
 

L’associazione Libera ha indetto per l’ 8 febbraio 2015 alle ore 10.00 a Tortora (Sala Consiliare),
un’assemblea pubblica (con la presenza dei cittadini, dei sindaci e dei consiglieri comunali dei comuni della valle del Noce e di tutte le associazioni impegnate sul territorio) per discutere:
“La salute del fiume Noce e la vicenda San Sago – dopo la costituzione di parte civile in relazione alla richiesta di rinvio a giudizio nell’udienza preliminare di febbraio 2015 -”.

Logo-LIBERA

dic 312014
 

Un gruppo affiatato di canoisti fluviali provenienti da tutta Italia sono stati protagonisti di un evento che ha toccato tre regioni: Campania, Basilicata e Calabria. Nonostante il gran freddo, l’entusiasmo tra i partecipanti è stato a mille. Le immagini sono riferite alla tappa lucana valnocina svoltasi il 30 dicembre 2014.

Immagini dell’arrivo dei canoisti sul Fiume Noce

Le interviste

dic 302014
 

Il Presidente del Consiglio Comunale di Lauria Domenico Cirigliano ha convocato l’ultima seduta della massima assemblea cittadina. Di seguito l’Ordine del Giorno:

1) RATIFICA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 113 del 29.11.2014 avente ad oggetto “VARIAZIONE AL BILANCIO, CON URGENZA, PER INTERVENTI FINANZIATI DA PARTE DELLA REGIONE BASILICATA”.

2) APPROVAZIONE AUTONOMO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AI LAVORI DI OPERE COMPLEMENTARI FINALIZZATE ALLA ATTIVAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE RELATIVO AL SISTEMA INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI IN LOCALITA’ CARPINETO DEL COMUNE DI LAURIA – VARIAZIONE AL PIANO TRIENNALE 2014/2016 ED ELENCO ANNUALE 2014.

3) APPROVAZIONE AUTONOMO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AI LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO VARCHI D’INGRESSO ALL’AREA PRODUTTIVA IN LOCALITA’ GALDO – VARIAZIONE AL PIANO TRIENNALE 2014/2016 ED ELENCO ANNUALE 2014.

4) APPROVAZIONE AUTONOMO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN RIFUGIO IN QUOTA AL LAUDEMIO – VARIAZIONE AL PIANO TRIENNALE 2014/2016 ED ELENCO ANNUALE 2014.

5) ORDINE DEL GIORNO avente ad oggetto: “ISTITUZIONE LICEO MUSICALE” presentato dal consigliere comunale Francesco Forte – LAURIA LIBERA.

6) ORDINE DEL GIORNO avente ad oggetto: “AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALLA CONCESSIONE DI DERIVAZIONE DI ACQUA PUBBLICA SUPERFICIALE AD USO IDROELETTRICO NEL BACINO DEL NOCE” presentato dal COMITATO PER LA SALUTE DEL FIUME NOCE .

dic 212014
 

si è svolta una nuova seduta di Consiglio Comunale il 19 dicembre 2014. Sette i punti iscritti all’ordine del giorno. Importanti le discussioni sulle trivellazioni petrolifere, sul fondo di coesione e sullo sfruttamento del fiume Noce per la produzione di energia idroelettrica.

1) Ratifica delibera della Giunta Comunale n.86 del 15/10/2014;
2) Ratifica delibera della Giunta Comunale n.93 del 27/11/2014;
3) Sostituzione componente facente parte della 2° Commissione tecnica comunale, nominata con delibera di C.C. del 20/12/2007 – istituita ai sensi dell’art. 18 del D. Lgs n.76 del 30/03/1990;
4) Approvazione regolamento per l’uso della sala consiliare;
5) Ordine del giorno – su richiesta del sindaco “Richiesta di sospensione delle autorizzazioni relative alla concessione di derivazione di acqua pubblica superficiali ad uso idroelettrico nel bacino del Noce”;
6) Ordine del giorno – su richiesta gruppo di minoranza “Proposta di deliberazione diretta ad impegnare il presidente della Giunta Regionale di Basilicata ad impugnare la legittimità del DL n. 133 del 12 settembre 2014, davanti alla Corte Costituzionale – discussione provvedimenti:
7) Ordine del giorno su richiesta gruppo di minoranza “Proposta di deliberazione diretta ad impegnare il presidente della Giunta regionale di Basilicata affinchè garantisca l’inclusione nel fondo di coesione territoriale, e in ogni altro strumento di aiuto finanziario diretto o indiretto, di tutti i territori e le comunità locali che hanno necessità di sostegno, in condizioni di parità di trattamento” – Discussione e provvedimenti.

Prima parte

Seconda parte

dic 182014
 

Tutto pronto per la VI° edizione itinerante che abbraccia l’entroterra delle regioni Campania, Basilicata e Calabria
Anche quest’anno saranno i fiumi Lao e Argentino ad Orsomarso, Papasidero e Laino Borgo, i protagonisti del programma finale legato al Raduno internazionale di Kayak e Canoa “I Fiumi dei Briganti”. La manifestazione organizzata da Antonello Pontecorvo dell’ASD Campania Adventure e Alessandro Manetti di Orsomarso, alla VI° edizione, vede protagonisti, oltre a centinaia di appassionati provenienti da tutta Europa, anche numerosi sponsor logistici e tecnici e collaborazioni importanti fra enti e associazioni, in particolare con il movimento “Terza Via Scalea” di Antonio Pappaterra. Il raduno e la manifestazione, patrocinata dal comune di Orsomarso e dal Sindaco Antonio de Caprio, abbraccia territori, comuni, aziende agrituristiche e fiumi delle regioni Campania, Basilicata e Calabria. Quest’anno partirà dal comune di Controne (SA) il 26 dicembre e proseguirà con le discese in kayak sul Calore, con le gole di Laurino ed il ponte medievale di Magliano, immersi nei territori dei comuni di Postiglione, Castelcivita e Contursi Terme, fino al al 29 dicembre per l’imbarco sulla confluenza del fiume Sele e l’avvio per il Tanagro. Bagni termali, visite culturali al museo del brigantaggio a Postiglione e fuori raduno inclusi, fra cui le discese del Melandro, Il 30 dicembre i canoisti si troveranno sul fiume Noce a Trecchina (PZ) ed il territorio del Sirino in Basilicata. Il 31 dicembre invece si approcceranno con il fiume Lao presso Laino Borgo (CS) per scendere fino ad Orsomarso dove trascorreranno la notte di capodanno. Full immersion il 1° gennaio 2015 sul Lao e l’argentino, con la visita anche dei centri storici di Papasidero e la Grotta del Romito, il 2 gennaio il programma si conclude con l’arrivederci nella valle del fiume Argentino, all’interno dello scenario del Parco Nazionale del Pollino. “la manifestazione i Fiumi dei briganti- ha ribadito Alessandro Manetti,- ripercorre i percorsi e la storia che hanno legato questa parte dell’Italia ai fatti del risorgimento Italiano, alle vicende che hanno caratterizzato in un certo senso la resistenza per l’autonomia di un popolo che non amava la guerra e la razzia e quindi la lotta dimenticata del nostro meridione. I nostri fiumi, il patrimonio naturalistico delle regioni che la manifestazione percorre,- ha concluso Manetti,- hanno pochi eguali nel mondo che fa dello sport del kayak un modo di vivere. L’attrattiva ha un potenziale enorme e genera ogni anno nuove emozioni. Speriamo anche quest’anno di ripeterle nel modo migliore possibile”.

fiume