Flash Feed Scroll Reader
dic 272015
 

Il 26 dicembre 2015 si è svolto a Lagonegro un riuscito e partecipato raduno di zampognari provenienti dalla Basilicata e dalla Campania. La manifestazione è stata organizzata dal prof. Salvatore Falabella in collaborazione con la Proloco Kaleidos, l’Amministrazione Comunale e la Cittadella del Sapere. Gli zampognari sono stati accolti nella chiesa concattedrale da don Mario Tempone parroco della città.

dic 092015
 

La manifestazione dedicata a Pino Mango l’8 dicembre 2015 è stata a dir poco straordinaria. Migliaia di persone hanno voluto ricordare a Lagonegro il grande artista a ed il grande uomo. Profonde sono state le parole del parroco don Mario Tempone così come del sindaco Domenico Mitidieri e dei tanti fan intervenuti all’evento da tutta Italia. Presenti anche i sindaci di Latronico e Nemoli Fausto De Maria e Mimmo Carlomagno.

L’omelia di don Mario Tempone

Gli interventi del sindaco di Lagonegro e dei fan

La fiaccolata con le interviste finali tra le quali quella all’assessore al Comune di Lagonegro D’Agrosa

L’intervista ad Armando Mango

Il corteo al funerale di Mango registrato un anno fa dalle nostre telecamere e mai trasmesso fino a questo momento

mag 142015
 

Le nostre radici sono legate ad immagini come queste che appaiono quasi d’altri tempi. Il mese di maggio è dedicato alla Madonna. In molti paesi, le donne del vicinato amavano riunirsi per recitare insieme il rosario. A Lauria, questo avviene ancora oggi in particolare in via Cairoli grazie all’impegno della signora Giacomina che mette a disposizione il suo bel giardino. In questo luogo ha vissuto anche l’indimenticabile don Mario Riccio al quale si deve uno slancio decisivo per l’affermazione del culto del Beato Domenico Lentini.

ott 252014
 

Il 24 ottobre 2014 è stato inaugurato a Lagonegro l’Ufficio Postale ristrutturato. Come evidenziato dal direttore della Filiale di Potenza di Poste Italiane Francesco De Marco, la sede è moderna ed offrirà ai cittadini, in modo semplice, i servizi più efficaci. Soddisfatto anche il sindaco Mitiidieri che con i sacerdoti don Mario Tempone e don Mario rRadesca hanno partecipato all’inaugurazione. Il direttore dell’ufficio Nicola Cozzi ha ricevuto i complimenti della cittadianzna che attendeva questa nuova realizzazione.

La cerimonia di inaugurazione in presa diretta

Le interviste

mar 022014
 

Il 1° marzo 2014 Lagonegro ha vissuto un momento molto intenso. E’ stato festeggiato il trentennale della elevazione della Chiesa di San Nicola a Concattedrale della Diocesi di Tursi-Lagonegro. Dopo la cerimonia religiosa presieduta dal vescovo Francesco Nolè e dal parroco don Mario Tempone è stato inaugurato nella chiesa l’originalissimo capolavoro “Il presepe pasquale”. Infine è stato tagliato il nastro della biblioteca e dell’archivio parrochiale di San Nicola che contiene volumi antichissimi e rari, a partire dal ’400. L’evento a cui hanno partecipato le massime autorità cittadine capitanate dal sindaco Domenico Mitidieri e dal presidente del Tribunale Matteo Claudio Zarrella, è stato impreziosito dalle perfomance artistiche dal coro parrocchiale che ha ragiunto livelli davvero ragguardevoli.

La cerimonia religiosa

L’inaugurazione del presepe pasquale

L’inaugurazione della biblioteca e dell’archivio parrocchiale di San Nicola

Le interviste

ago 112013
 

Si sono appena spenti i riflettori sulla prima dell’evento – organizzato dall’Associazione A Castagna Ra Critica all’inizio di luglio – e già il pubblico, a gran voce, ne richiede la replica.
Due giorni-11 e 12 Agosto-di Arte e Mistero, visitando il Borgo delle trentatré chiese. Per l’occasione saranno riaperte le botteghe artigiane dell’antico borgo e sarà possibile degustare prodotti locali negli stands enogastronomici. Particolarmente suggestiva “la cena con i fantasmi”, con intrattenimento musicale dei Fratelli Paduano.
La compagnia Attiva-Mente metterà in scena ancora una volta l’opera teatrale scritta da Milena Falabella e rielaborata in versi dal regista Gianluigi Pagliaro, ispirata ad un’antica leggenda.
L’Associazione A castagna Ra Critica, guidata dal presidente Lorenzo Vannata, ha come fine primario il recupero del patrimonio storico ed artistico della città di Lagonegro, con la possibilità di rendere fruibile l’itinerario turistico-religioso, da tempo approntato, anche da parte di soggetti diversamente abili, così come è avvenuto nella prima, con la partecipazione di componenti dell’ Associazione Disabili Gragnano: L’opera, in tale occasione, è stata tradotta in lingua LIS da Andrea Propato.
Interesse per l’iniziativa è stata dimostrata da istituzioni e privati, che hanno concesso patrocinio e contributi per il restauro in primis per il prezioso sarcofago del 700 della Chiesa della Candelora.
Particolarmente importante è stato il supporto del parroco don Mario Tempone, che ha consentito l’apertura delle Chiese previste nel percorso.
Partner e collaboratori dell’iniziativa: Comune di Lagonegro, Regione Basilicata Fondo europeo di sviluppo regionale, Azienda Vinicola Gioia Al Negro, Parco Nazionale Appennino Lucano Val D’Agri Lagonegrese, Fesr Basilicata 2007 2013, Agenzia di Sviluppo La Cittadella del Sapere, APT Basilicata, Ristorante La Stradella, Pizzeria Marea, Ristorante Drive Food, Pasticceria Paradiso, Società di autotrasporti S.L.A., Associazione di Promozione sociale Attiva-Mente, Erminio Truncellito, Cristian Paduano, Pierangelo Camodeca, I Fratelli Paduano e l’intera cittadinanza del borgo antico.
Info e comunicazioni
Lucia Santoro

Manifesto Completo

lug 272013
 


Don Mario Tempone, vi è tanta curiosità intorno al matrimonio del primo cittadino di Lagonegro…

Epurando l’evento dal gossip di prammatica (vip si e vip no, prete si parroco no, invito si invito no, chiesa si chiesa no), si può senz’altro dire che la comunità attende l’evento con trepidazione, e volentieri si stringe al proprio Sindaco per esprimergli felicitazioni e voti augurali per le sue nozze. Per il primo cittadino sarà l’occasione propizia per accogliere tutto il calore di una comunità che senza retorica, superandosi come sempre sa fare, mostrerà distintamente il sentito e cordiale affetto e rispetto verso una persona (stimata anche elettoralmente con oltre il 65% del consenso) che comunque, non dimentichiamo, è al servizio della comunità e da questa comunità è stato scelto a presiederne il governo civile. Ancor più si stima nel Sindaco la sua scelta della politica come vocazione nella promozione democratica, culturale e sociale del paese e gli si riconoscono credenziali di competenza, passione e dedizione.

Non solo Lagonegro, anche il Lagonegrese sarà rappresentato dai molti sindaci tra gli invitati e partecipanti. C’è anche una nota politica in questa insolita compagine civile e istituzionale intorno a delle nozze.
Principalmente voglio pensare che il Sindaco abbia fatto la scelta sacramentale del matrimonio perché ancora di più può e potrà convincersi aforisticamente che non c’è strada, cammino infinito sulla terra al di fuori delle sponsali relazioni umane, o, più specificamente, perché è consapevole, guardandosi anche nella sua veste politica, che non ci può essere futuro lontano dall’amore. Immagino che la scelta del matrimonio lo potrà maggiormente aiutare a qualificare il suo impegno in politica, perché le ragioni di fede nella scelta sacramentale del matrimonio gli potranno offrire più vigore, sapienza del cuore e fiuto per saper scegliere ciò che fa bene alla vita e ciò che regala pace e forza ad una comunità.

Allora, da quanto detto ci sono tutte credenziali per favorire una scalata regionale del Sindaco Mitidieri…

Direi: è più che opportuna, al fine di evitare il rischio di marginalizzazione della parte sud della Basilicata, non solo la sua candidatura, perché oggi tra i politici è il più accreditato, ma ci si auspica anche che sinergicamente si faccia convergere tutte le esigenze e gli interessi del territorio sud-est della Basilicata verso una figura politica che si è fatta strada e ha saputo egregiamente tenere banco su scelte strategiche per il nostro territorio: tribunale e ospedale in primis, facendo ben sperare in economia, lavoro e futuro anche i giovani del territorio, arginando così l’esodo di molti giovani. Penso, e lo dico modestamente, che non, eventualmente, prendere almeno un seggio in regione da parte di un nostro rappresentante significherebbe perdere quella miliare rappresentatività territoriale ben difesa, affermata e riconosciuta in quest’anni a partire dal nostro Sindaco Mitidieiri, il quale egregiamente ha reso la nostra zona prevalente protagonista di risultati per l’intero circondario, così come in passato il consigliere provinciale Vito Di Lascio. Proprio per questo la compagine politica dovrà individuare appunto e fare cerchio intorno ad un politico che eventualemente potrà essere proprio il sindaco Mitidieri, che appunto ha dimostrato un’indole abnegativa molto più inclusiva del suo comune rispondendo alle ansie di un territorio come quello del Lagonegrese che nella sua vocazione politica ha preferito orgogliosamente onerarsi e onorarsi di essere artefice di promozione e non destinatario di una politica di sussistenza, perché il nostro territorio ha molto da dare in idee, progetti, patrimoni e capitale umano ad una Regione Basilicata che deve farsi più creditrice che debitrice di attenzione nazionale.
È la prima volta che ciò accade?
L’evento non è inedito, perché nel lontano 1985 un altro Sindaco, Pietro Guida, durante il suo mandato convolò a nozze con la signora Silvia Camaldo. Anche quel giorno la comunità riservò un grande tributo al suo Sindaco con una mega-festa cittadina.

don mario tempone

lug 122013
 

Nella concattedrale di Lagonegro don Carlo Cascone ha festeggiato 70 anni di sacerdozio. 93 anni portati benissimo, il monsignore lagonegrese ha ricevuto l’abbraccio ideale di tutta la comunità. A presidere la cerimonia i parroci don Mario Tempone e padre Salvatore Mancino, il cerimoniere vaticano mons. Franco Camaldo e sacerdoti, religiose e religiosi giunti da tutta la diocesi. Straordinari sono stati i motivi religiosi eseguiti dal coro parrocchiale guidato dalla ispirata direttrice Fernanda Lucibello. Presenti le autorità civili con in testa il sindaco Mitidieri che ha donato a mons. Cascone dei paramenti sacri ed un quadro della Madonna di Sirino.

La santa messa ed i discorsi ufficiali

Le interviste

apr 052013
 

La Polizia stradale potentina ha voluto dedicare ai suoi uomini e alle altre forze dell’Ordine  un momento di significativa spiritualità, nell’alveo delle cerionie pasquali, alla presenza del vescovo di Tursi-Lagonegro Mons. Francesco Nolè e dei parroci don Mario Tempone e don Pietro Greco. La dirigente Caterina Padula ha esaltato l’impegno della Polizia e la collaborazione fattiva con le altre espressioni delle istituzioni. Alla cerimonia  religiosa, erano presenti sindaci, politici regionali, rappresentanti di tutte le forze dell’Ordine, associazioni di volontariato. Il vescovo ha pregato in particolare per i familiari dei militari e dei  componenti dei corpi  dello Stato. Un pensiero è stato rivolto ai caduti delle forze dell’ordine. ispirato è stato l’intervento del procuratore Russo. Premiati infine, alla presenza del cappellano  padre Pietro,  i poliziotti in quiescenza che se pur non più operativi, come ha detto la dottoressa Padula, rimagono nella grande famiglia della Polizia stradale.