Flash Feed Scroll Reader
ott 282014
 

Il 28 ottobre 2014 don Franco Alagia parroco di San Giacomo ha presentato al vescovo mons. Francesco Nolè la nuova casa canonica ristrutturata con l’8 per mille. All’evento erano presenti don Francesco Gentile diacono della parrocchia, don Adelmo Iacovino viceparroco di Policoro e l’imprenditore Mario Pittella che ha spiegato i lavori effettuati. L’Amministrazione Comunale era rappresentata dagli assessori Lucia Carlomagno e Giuseppe Iannarella. Presenti le forze dell’Ordine e i Corpi dello Stato: Carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco. L’occasione è stata colta dall’Anspi parrocchiale che ha presentato il suo presidente parrocchiale Antonio Caino. Partiranno già nel fine settimana le attività dell’oratorio intitolato a San Domenico Savio di cui è stato mostrato un bel video ai tantissimi bambini intervenuti all’evento. Numerosa è stata la partecipazione e ricco il buffet.

Le interviste

Il taglio della torta e la visita agli ambienti

La presentazione

set 182014
 

Sabato 20 settembre sarà presentato al pubblico il Progetto “Parentesi aperta”, un progetto di sostegno e inclusione per i minori a rischio, finanziato dalla Fondazione con il Sud.
Il Progetto sperimenta un nuovo modello di percorso riabilitativo per minori soggetti a procedimenti penali, basato su alcune possibili forme di accoglienza, animata dal lavoro di due Centri Diurni (uno su Tortora e l’altro a Cetraro), nei quali si svolgeranno le attività principali a favore dei soggetti beneficiari, e finalizzata anche all’inserimento lavorativo degli stessi.
Nello specifico, il Progetto “Parentesi Aperta” prende in carico il minore dal momento dell’arresto, quando compare dinnanzi a un giudice minorile, e stabilisce questi possibili percorsi: la famiglia di provenienza, inserita in un sistema di rete di mutuo-aiuto supportato da un sostegno psicologico e educativo dai servizi del territorio deputati a tale compito, e sostenuto dalla rete di prossimità delle parrocchie o alla rete di volontariato afferente alle parrocchie; se il minore, invece, è un minore straniero non accompagnato con familiari, può essere affidato a una famiglia segnalata dalla rete delle famiglie individuate come disponibili all’affido di minori, la quale può essere inserita nel medesimo sistema di rete di mutuo-aiuto.
La novità del progetto è il modello di inserimento del minore, ma anche l’ampia rete di realtà territoriali che sosterrà questo percorso: Università, parrocchie, imprese, cooperative, associazioni di volontariato, enti locali.
Il contesto territoriale di riferimento è rappresentato dall’area geografica dell’Alto tirreno lucano e cosentino del tribunale di Lagonegro (PZ, in Basilicata) e nel medio tirreno cosentino del tribunale di Paola (CS, in Calabria).
Al centro di tutto ci sono i due Centri diurni che gestiranno il lavoro di rete e di inserimento.
Soggetto responsabile del progetto è il Centro Accoglienza L’Ulivo di Tortora, mentre i numerosi partner sono: L’associazione culturale di volontariato “Gianfrancesco Serio”, il Comune di Cetraro, il Comune di Tortora, la Cooperativa Sociale Esserci Tutti, Delfino Lavoro Società Cooperativa Sociale, E.D.I Cooperativa Sociale, Oltre Cooperativa Sociale Arl, la Parrocchia San Benedetto di Cetraro, la Parrocchia Santo Stefano Protomartire, Promidea Cooperativa Sociale e l’Università degli studi della Calabria.

Il Convegno di presentazione del 20 settembre prevede due sessioni: la sessione mattutina si svolgerà a Tortora, alle 10.30, presso la Sala consiliare, sul tema: Sperimentazioni di un welfare comunitario per il futuro. Dopo i saluti iniziali del sindaco di Tortora Pasquale LAMBOGLIA, di Giuseppe PERI, Presidente Centro Accoglienza L’Ulivo e Coordinatore del progetto, del sindaco di Cetraro Giuseppe AIETA, interverranno Angelo SERIO, per il progetto Parentesi Aperta, Don Antonio PAPPALARDO, Parroco di Tortora, Antonello GROSSO LA VALLE del CSV di Cosenza “Volontà solidale”, Teresa ANGONA, Referente Agesci – Riviera dei Cedri, Maria A. SPROVERA, Direttore Centro Giustizia Minorile Potenza, Don Francesco LAURIA – Vicario Episcopale per la Pastorale Giovanile Dioc. San Marco – Scalea.
Nel pomeriggio a Cetraro presso la Sala conferenze Palazzo del Trono alle ore 17.00
Interverranno: Antonio SANDONATO per Parentesi Aperta, Don Ennio STAMILE, Parroco di Cetraro, Pierangelo PAGLIARO e Margaret VOLTARELLI, Resp. Agesci – Riviera dei Cedri, Sabina LICURSI ed Emanuela PASCUZZI del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Unical, Angelo MELI, Direttore Centro Giustizia Minorile Catanzaro.
Presenta il progetto e modera le sessioni: Giovanni Serra della Coop. soc. Delfino Lavoro.

locandinaconvegnoparentesi aperta2

set 082014
 

Si è svolto il 7 settembre 2014 in piazza San Nicola il premio “Castelluccio porta del Pollino” a conclusione delle iniziative messe in campo dall’associazione TerrAccogliente. Nel valorizzare l’impegno profuso nel corso delle manifestazione che hanno coniugato la cultura all’aggregazione sono stati premiati don Francesco Sirufo scrittore di un libro sui prodigi di Castelluccio, Giuseppina Grisolia presidente del’associazione Maria Angelica Mastroti, Daniele Gioia brillante chimico e tecnico alimentare e Giovannino Fittipaldi ambasciatore del gelato artigianale nel mondo.

lug 042013
 

Don Cristian Costanza e don Francesco Gentile hanno organizzato, nel bellissimo centro sportivo di Castelluccio Superiore, un torneo calcistico tra le parrocchie della diocesi di Tursi-Lagonegro. Entusiasmo alle stelle tra i calciatori, premiati, in occasione delle finali, dal vescovo Nolè.

Le interviste

Alcune immagini della finale e le premiazioni

Il calciatore più simpatico del torneo

gen 252013
 

Il 25 gennaio 1992 lasciava questa terra il parroco don Gaetano Giordano di Lauria. Lasciò un’impronta indelebile nella parrocchia San Giacomo. Intere generazioni di giovani sono state legate ad un sacerdote con un forte carisma e grandi capacità organizzative. Morì dopo pochi giorni la conclusione della Visita pastorale voluta da Mons. Rocco Talucci. In quelle giornate di intenso lavoro dette il meglio di sè pur nella precarietà fisica. Quella visita del vescovo fu il suo ultimo atto.

Don Gaetano Giordano è nato a Lauria (Potenza), Diocesi di Policastro Bussentino il 28 settembre 1927 da Egidio e Margherita Mancini, fu battezzato dall’ arciprete don Giovanni Battista Rossi, nella Chiesa parrocchiale di San Nicola di Bari.
Fatte le Scuole Elementari e Medie a Lauria, entrò nel Seminario Vescovile di Policastro nell’ ottobre 1941 per terminarvi il Ginnasio lnferiore sotto la direzione del vescovo Federico Pezzullo e di altri validi educatori come Mons. Luigi Tancredi, don Francesco Alessio, don Angelo Del Duca, don Filippo Cusatis e don Antonio Spagnuolo. Passò al Pontificio Seminario regionale Pio XI di Salerno, dove compì il Liceo, la Filosofia e la Teologia dall’ ottobre 143 al giugno 1950.
Ricevette la Prima Tonsura nel 1946, gli ordini Minori nel 1947 e 1948, il suddiaconto nel 1949, il Diaconato nel 950 e il Presbiterato a Lauria Superiore il 2 luglio 1950, per le mani di Mons. Federico Pezzullo.
Ebbe vari incarichi, tra i quali la cura parrocchiale di Santa Maria del Carmine in Acquavena frazione di Roccagloriosa [Salerno) il 19 giugno 1951, dopo aver superato il concorso con risultato soddisfacente. Presone il possesso l’ 11 agosto, fu assistente della vicina parrocchia di San Nicola di Bari in Bosco di San Giovanni a Piro per qualche mese. Indi, per il suo zelo apostolico, fu premiato colla cura pastorale di due comunità estese nel Lagonegrese: San Egidio Abate in Latronico dall’8 aprile 1954 e San Giacomo Maggiore Apostolo dal 10 gennaio 1964.
Fu assistente di tutte le associazioni parrochiali, tra cui l’Azione Cattolica ed
il Catechismo. Dallo luglio 1972 fu Vicario Foraneo di Lagonegro e dintorni fino al 1976; indi, sotto il presulato di Mons. Vincenzo Franco, nella nuova diocesi di Tursi-Lagonegro, fu Presidente dell’Ufficio Catechistico Diocesano. Dotato di belle qualità umane e spirituali, diede tutto se stesso con grande zelo per l’opera della evangelizzazione. Morì a Lauria il 25 gennaio 1992.

L’intervista a don Gaetano Giordano curata da Vincenzo Policastro

Prima parte funerali don Gaetano (Le immagini sono del futuro frate Vincenzo Lattuga)

Prima parte funerali don Gaetano (Le immagini sono del futuro frate Vincenzo Lattuga)

Un pezzo di storia recente di Lauria.L’indimenticabile Gelsomina Scaldaferri intervista il vescovo Talucci e don Gaetano Giordano proprio durante la Visita pastorale

gen 012013
 

Vicinanza e preghiera, incoraggiamento e sostegno affettuoso. Il messaggio per i fedeli che S. E. Mons. Francesco Nolè , vescovo di Tursi-Lagonegro, indirizza a don Stefano Nicolao , a don Francesco Sirufo e a don Mario Radesca , rispettivamente parroci di Rotonda e di Viggianello , è un segno di attenzione e di paternità nei confronti di figli provati per i movimenti tellurici che inquietano e tormentano ancora l’area del Mercure.

Esplicitamente il presule, al contempo, loda la grande dignità e la compostezza con cui viene accettata quella che è una «grande prova», che perdura da più di due anni e che ha avuto il suo acme il 26 ottobre dello scorso anno.

«Mentre – continua il Vescovo – non è in nostro potere cambiare gli eventi della natura», occorre «fare opera di prevenzione e di sicurezza per abituarci a convivere con essi, considerandoli elementi naturali anche se straordinari e minacciosi».

Alla preghiera personale, il Vescovo Nolè aggiunge quella di «tutta la Diocesi che segue con trepidazione e attenzione l’evolversi degli eventi».

Padre e pastore, al Popolo di Dio che è in questi due centri del sud-ovest lucano, il Vescovo dice ancora: «non siete soli e non dovete sentirvi tali!»

Un grazie – infine – è rivolto «a tutti coloro che si sono impegnati per alleviare la sofferenza e il disagio provocati dal sisma: alle Istituzioni Civili e Militari e al vasto e benemerito mondo del Volontariato».

E non manca l’augurio, perché possa essere – quello che oggi incomincia – un anno sereno e ricco di Benedizioni celesti!

Monsignor Nolè conclude il suo pensiero – che verrà letto nelle due Comunità nelle celebrazioni di oggi, primo giorno del 2013, con l’invocazione del Signore Gesù che ha preso la natura umana per condividerla e ridarle dignità e speranza: Egli «è vicino a voi in maniera particolare, perché siete nella sofferenza e nel disagio».

Maria Santissima, sia conforto e ancora di salvezza.

 

nolè cantisani

dic 252012
 

Dopo la celebrazione della veglia natalizia nella chiesa di San Giacomo officiata dal parroco don Franco Alagia, moltissimi parrocchiani si sono spostati nella casa canonica in Piazza San Rocco per uno scambio di auguri e per ammirare il presepe realizzato interamente dal Gruppo Giovani Parrocchia San Giacomo coordinati da Nicola Caino, con i bambini dell’oratorio e l’aiuto del Comitato festa San Giacomo. Una fetta di panettone e una sequenza di fuochi natalizi ha valorizzato ulteriormente il momento aggregativo che è stato molto apprezzato. Le immagini qui proposte sono di Pasquale Crecca.

ott 112012
 

Il libro per ragazzi dedicato al Cardinale Lorenzo Brancati ha suscitato interesse tra i piccoli ma anche tra gli adulti che hanno potuto ulteriormente approfondire la storia di un personaggio davvero straordinario che sfiorò il soglio pontificio nel ’600.

Biagio Cantisani di Lauria – funzionario Ufficio delle Entrate di Lauria
“Nel leggerlo mi colpivano le distanze. Partire a dorso d’asino per Noepoli, poi Lecce, Bari, fino a Roma era davvero dura. Riflettevo sulle opportunità del nostro tempo rispetto al passato.”

Don Giovanni Lo Pinto di San Chirico Raparo – Vice parroco di Tursi

Irene Pivetti di Milano e Giancarlo Perazzini della Repubblica di San Marino – imprenditrice, già presidente della Camera dei Deputati,impegnata nel sociale; imprenditore e scrittore

Silvia Papaleo di Lauria – insegnante Scuola Elementare Cardinal Brancati

Rocchina Viggiano di Lauria – insegnante Scuola Elementare Cardinal Brancati

Vincenzo Cozzi di Lauria – Vescovo emerito di Melfi-Rapolla-Venosa
“Ricordo da bambino entrando nella chiesa di San Giacomo il quadro del Brancati che mi incuriosiva. Il dipinto proveniva da una chiesetta della Ravita.”

Daniele Cantisani di Lauria – alunno Scuola Elementare Cardinal Brancati

Mariantonietta Salerno di Tursi – studentessa liceale a Nova Siri
“La scena più bella è quando ritorna, nel fumetto, a Lauria ma non riesce ad entrare in casa. E’ un momento molto intenso.”

Elisa Conte di Episcopia – insegnante

Egidia Bevilacqua di Chiaromonte – giornalista

Don Guido Barbella di Trecchina – parroco di Trecchina

Marcello Pittella di Lauria – politico lucano


Don Francesco Sirufo di Castelluccio Inferiore – parroco di Viggianello

 


Benedetta Rinaldi di Roma – giornalista e conduttrice tv

 

Da sinistra: suor Giorgina Cutrario di Frosinone (adesso a Passoscuro Fiumicino) , suor Maria Giustina Guida di Roma (adesso a Monte Mario Roma) , suor Pasqualina Del Vecchio de l’Aquila (adesso a Padova)

 

Alda D’Eusanio di Tollo (Chieti) – giornalista e conduttrice tv

 

Arnaldo Colasanti di Fiuggi – giornalista e scrittore

 

Nunzio Santacroce di Lauria – vive a Tortora, pensionato ed impegnato nel sociale

 

Pietro Paolo e Maria Ginevra Gallo di Lauria – alunni Scuola Elementare Cardinal Brancati