Flash Feed Scroll Reader
gen 292016
 

“Per un territorio consapevole. Incidenza tumorale in Basilicata e nell’area del Lagonegrese”. E’ questo il titolo del seminario organizzato dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Lauria – in collaborazione con l’Irccs-Crob di Rionero, la Presidenza della Giunta e il Consiglio regionale di Basilicata – che si terrà domani, 29 gennaio 2016, alle ore 16.30, presso la Sala Atomium del centro valnocino.

L’incontro verterà sull’incidenza tumorale in Basilicata e nell’area del Lagonegrese, alla luce dei nuovi dati pubblicati dall’Irccs-Crob di Rionero, ma anche sulle scelte politiche ed amministrative legate alla prevenzione e al contrasto di tali malattie.

Dopo i saluti del padrone di casa, il sindaco di Lauria Gaetano Mitidieri e un intervento introduttivo dell’assessore comunale all’Ambiente Donato Zaccagnino, prenderanno la parola Rocco Galasso, responsabile del Registro Tumori della struttura sanitaria di Rionero, Giuseppe Cugno, direttore generale del Crob, e Paolo Galante, vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata. Le conclusioni sono affidate al Governatore lucano Marcello Pittella. L’incontro sarà coordinato dal giornalista Giuseppe Petrocelli.

“Abbiamo voluto questa iniziativa – spiega l’assessore Zaccagnino – perché un’informazione precisa e puntuale su temi delicati come questi, legati alla salute dei cittadini e alla qualità dell’ambiente, è fondamentale per una comunità. Lo facciamo con i massimi protagonisti istituzionali che sono impegnati in questo campo, con l’obiettivo di contribuire a diffondere in modo capillare il grande lavoro che si sta facendo sia dal punto di vista tecnico e che politico”.

In questi giorni, i cittadini interessati hanno già avuto la possibilità, attraverso i social network, di rivolgere i loro quesiti o le loro curiosità agli esperti, i quali risponderanno nel corso dell’incontro.

CONVEGNO TUMORI 2

ott 202015
 

Il paese delle fiabe esiste, ed è in Basilicata. Si tratta di Rapone, conosciuto anche come “Rapone Paese delle fiabe”: nel Comune raponese c’è fermento per il “Rapone Fiaba Festival”, in programma i prossimi due sabati, il 24 e il 31 ottobre. La manifestazione sarà presentata giovedì mattina, alle 10.45, presso la “Sala A” del Consiglio Regionale della Basilicata, a Potenza. Alla conferenza stampa prenderanno parte Felicetta Lorenzo (sindaco di Rapone), Gianpiero Perri (direttore generale Apt Basilicata), Enzo Vinicio Alliegro (antropologo e docente dell’Università Federico II di Napoli) e Marco Pace (direttore artistico del “Rapone Fiaba Festival”). Saranno due giornate ricche di iniziative quelle del 24 e 31 ottobre a Rapone, piccola ma viva cittadina di circa mille abitanti del Vulture-Melfese. “In maniera diretta o indiretta –rende noto l’organizzazione- la popolazione raponese è coinvolta in questa importante manifestazione”. Sarà alquanto suggestiva e spettacolare la serata di sabato 24 ottobre: in programma c’è un grande spettacolo itinerante per le vie del paese. Non sarà da meno quella di sabato 31 ottobre, con “La Notte delle Masciare” e i “Racconti d’Africa”. Tante altri le attrattività nei due giorni del “Rapone Fiaba Festival”. “Queste iniziative – fa sapere il team organizzativo- devono essere il segnale di una ripresa sociale. Perché prima di quella economica, va cercata la ripresa umana, quella delle sensibilità delle comunità; e questa può facilmente dare il là ad una ripresa pure dell’economia locale, attorno al turismo ed alla valutazione del territorio. Quando l’anima è aperta a sentire la bellezza che la circonda, è spinta pure a condividerla. Rapone ha molto da offrire. E questa manifestazione ci darà modo di mostrarne una fetta”. Tutti i dettagli nella conferenza stampa di giovedì 22 ottobre nella “Sala A” del Consiglio Regionale a Potenza.

LOCANDINA EVENTO 24 e 31 OTTOBRE
Locandina dell’evento

Veduta di Rapone
Veduta di Rapone

Felicetta Lorenzo - Sindaco di Rapone
Il sindaco di Rapone Felicetta Lorenzo

lug 132015
 

Nonostante la condanna della Corte dei Conti per danno erariale comminata al dirigente del 118 Basilicata Soccorso, Libero Mileti, nonostante il nostro appello affinchè il Direttore Generale dell’ASP, Giovanni Battista Bochicchio, si attivasse per rimuovere il primo dalla direzione di un dipartimento così importante, tutto tace o quasi tutto.

Chi non tace è il MoVimento 5 Stelle che stante l’assordante silenzio del Direttore dell’ASP estende l’invito al Governatore della Regione a dire la sua sull’incresciosa questione, sperando che lo stesso non sia troppo occupato dai preparativi della manifestazione indetta a Policoro contro le trivelle

A un medico come lui dovrebbe stare a cuore ogni questione, qualunque essa sia, anche se inerente il più piccolo comparto della sanità.

E il 118 non è di certo qualcosa di piccolo, tutt’altro. Il 118 consiste in un complesso sistema di rete regionale dell’emergenza urgenza i cui operatori garantiscono il primo intervento sanitario: in pratica salvano vite.

Caro Presidente, si sentirebbe tranquillo se questo delicato quanto importantissimo servizio di integrazione funzionale tra il sistema di allarme sanitario, di soccorso sul territorio e di ospedali, fatto di elicotteri, autoambulanze, macchinari, strutture etc etc. dal valore complessivo di milioni e milioni di euro, fosse gestito da un medico che nulla ha a che fare con le emergenze, condannato dalla Magistratura Contabile, con un contratto che presenta forti dubbi di legittimità (oggetto di diverse nostre interrogazioni M5S) periodicamente al centro di continui scandali mediatici, il cui contratto presenta forti dubbi di legittimità? Secondo noi no.

Per questo, non rimanga anche lei in tale assordante silenzio, glielo chiede un suo concittadino che rappresenta migliaia di altri concittadini, le ricordo che lei è il Presidente di tutti.

Se dovessero di nuovo accadere episodi gravi come quello culminato con una sentenza di condanna della Corte dei Conti per danno erariale, di chi sarà la responsabilità politica per non essere intervenuto al momento opportuno ?

Ai posteri l’ardua sentenza.

leggeri

lug 132015
 

Franconi: oggi si deve parlare non tanto di bisogni, ma di diritti ai cittadini e quindi si rende necessaria una forte integrazione tra il sistema sanitario e il sistema sociale attraverso una programmazione costante per dare servizi sempre adeguati alle necessità di una popolazione che invecchia e dall’altra parte ad una popolazione che diventa sempre più multietnica con sempre nuove esigenze

Cambiamento nel metodo, negli obiettivi e attori, vertendo nella sussidiarietà verticale e orizzontale, nella ridefinizione della governance e dell’articolazione territoriale (gli ambiti territoriali passano da 15 a 9) nelle forme e nei contenuti del nuovo welfare territoriale della Regione. Sono queste le linee guida per la formazione dei nuovi Piani intercomunali dei Servizi sociali e sociosanitari 2016-2018, presentate oggi a Latronico presso la Terme C.da la Calda.

Con la realizzazione dei Piani intercomunali dei servizi sociali e sociosanitari, la Regione Basilicata valorizza il livello di programmazione territoriale delle politiche sociali e sociosanitarie intendendo a questo livello definire metodi, regole e contenuti della pianificazione di tali politiche, correlando tra loro i servizi e gli interventi già consolidati con la capacità di offrire risposte innovative e flessibili anche a fronte delle emergere di bisogni nuovi e migliorare i servizi esistenti.

Dopo i saluti del sindaco di Latronico, Fausto De Maria, del direttore generale del Dipartimento Politiche per la persona della Regione Basilicata, Donato Pafundi, ha aperto i lavori l’assessore regionale alle Politiche per la Persona, nonché vice presidente della giunta regionale, Flavia Franconi.

“Oggi dobbiamo celebrare – ha esordito l’esponente della giunta Pittella – un lavoro fatto da tante persone. Le linee guida sono fatte per lavorare tutti insieme. É essenziale che dobbiamo imparare a lavorare uniti, solo così possiamo costruire un nuovo welfare in Basilicata. Oggi – ha tenuto ad evidenziare – si deve parlare non tanto di bisogni, ma di diritti ai cittadini e quindi si rende necessaria una forte integrazione tra il sistema sanitario e il sistema sociale attraverso una programmazione costante per dare servizi sempre adeguati alle necessità di una popolazione che invecchia e dall’altra parte ad una popolazione che diventa sempre più multietnica con sempre nuove esigenze. Saranno costruiti nuovi metodi per misurare l’integrazione come i livelli di assistenza sociale minimi e il fascicolo sociale. La Regione – ha continuato l’assessore – ha deciso di mettere completamente in gioco se stessa e le proprie strutture come parte integrante della rete territoriale, donandosi degli organi necessari ad essere un punto permanente di interlocuzione e di interazione con il sistema territoriale pur nel rispetto dei ruoli e dei poteri fissati dalla legge. I nuovi Piani intercomunali dei servizi sociosanitari divengono, così, lo strumento primario di programmazione di tutti gli interventi integrati sul territorio e consentiranno di sperimentare, con metodo “bottom up”, la realizzazione di sistemi integrati di servizi sociali territoriali efficienti e funzionali, ovvero – ha concluso Franconi – rispondenti alle effettive esigenze dei cittadini e delle cittadine nelle loro diverse realtà è fasi di vita e di lavoro”.

Subito dopo sono intervenuti Ugo De Ambrogio, dell’Istituto per la ricerca sociale, della cui consulenza si é avvalsa da alcuni mesi la Regione al fine di avviare un processo di riforma e Giovanni Battista Bochicchio, direttore generale Asp.

Ai lavori ha preso parte anche il presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza e il presidente della IV Commissione consiliare permanente della Regione Basilicata, “Politica sociale”, Luigi Bradascio. Al dibattito sono intervenuti anche diversi sindaci della Basilicata.

terme

lug 052015
 

Il 4 luglio 2015 si è svolta Lauria una importante iniziativa dal titolo: “Aree periferiche: quale sviluppo?” messa in campo dalla Banca del Cilento e Lucania Sud. I lavori sono stati introdotti dal giornalista Giuseppe Petrocelli e dall’assessore Lucia Carlomagno. Hanno preso la parola il presidente della Cooperativa A.R.C.O., Nicola Papaleo, e il presidente della Banca del Cilento e Lucania Sud, Francesco Castiello. La tematica si è sviluppata sotto il contesto economico-sociale delle aree periferiche di Basilicata, Campania e Calabria, è stato analizzato da Ettore Bove, del Dipartimento di Matematica, Informatica ed Economia dell’Università della Basilicata. I temi legati alle esigenze e fabbisogni finanziari delle PMI tra crisi ed ipotesi di sviluppo sono stati analizzati da Luigi Vergari, presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Potenza e Lagonegro. Il ruolo degli istituti di credito cooperativo, è stato sviluppato dal direttore generale della Banca del Cilento e Lucania Sud, dottor Ciro Solimeno. A concludere i lavori della giornata sono intervenuti (in audioconferenza) Eugenio d’Auria, ambasciatore e presidente delle Cooperativa A.R.C.O. e Marcello Pittella, Presidente della Regione Basilicata. L’evento è stato coordinato da Francesco Stoduto e Pietro Lagrotta.

Prima parte

Seconda parte

Le interviste: Francesco Castiello, Vito Mancusi, Nicola Papaleo

lug 012015
 

“Aree periferiche: quale sviluppo?”, questo il tema del convegno che si terrà sabato prossimo, 4 luglio, a Lauria. “Situazione economica ed ipotesi di crescita per l’Area Sud della Basilicata, il Cilento e l’Alto Tirreno Cosentino”, il sottotitolo della giornata evidenzia la trattazione di una problematica cardinale dello sviluppo economico e della crescita sociale delle aree interne del Mezzogiorno: lo spopolamento e i flussi migratori verso la fascia costiera mediterranea e i grandi agglomerati urbani. Molto spesso, negli anni scorsi, il problema dello sviluppo delle fasce collinari e montane dell’Appennino ha assunto forme di vero e proprio gap demografico: la popolazione si sposta perché mancano i servizi, ma questi ultimi non possono essere assicurati proprio per l’esiguità del tessuto demografico. I centri urbani interni del Cilento, della Lucania e della Calabria stanno diventando sempre più paesi con alta incidenza di popolazione anziana: i giovani scappano perché non c’è lavoro, non c’è futuro. Quale sviluppo e quale futuro? Questa la domanda che gli organizzatori della giornata, la Banca del Cilento e Lucania Sud e la Cooperativa A.R.C.O., col patrocinio del Comune di Lauria, si son fatta cercando attraverso gli interventi e i dibattiti di dare risposte concrete. “L’Istat negli ultimi anni ha lanciato allarmi angoscianti sullo spopolamento delle aree interne dell’Appennino” afferma il presidente della BCC, avvocato, professore Francesco Castiello “tra qualche decennio, se si continua di questo passo, i paesi dell’entroterra saranno completamente spopolati”. E’ necessario capovolgere questo andamento desolante, questa desertificazione urbanistica e culturale. Sarà questo il tema centrale della giornata: quali azioni di sviluppo sul piano sociale, politico ed economico è necessario portare avanti per arrestare questi dati tendenziali che portano al crepuscolo delle aree interne e periferiche del Mezzogiorno. Dopo i saluti del primo cittadino di Lauria, Giacomo Mitidieri, introdurranno i lavori della convention il presidente della Cooperativa A.R.C.O., Nicola Papaleo, e il presidente della Banca del Cilento e Lucania Sud, Francesco Castiello. La tematica sarà poi sviluppata sotto una triplice ottica: il contesto economico-sociale delle aree periferiche di Basilicata, Campania e Calabria, analizzato da Ettore Bove, del Dipartimento di Matematica, Informatica ed Economia dell’Università della Basilicata, le esigenze e fabbisogni finanziari delle PMI tra crisi ed ipotesi di sviluppo, tema analizzato da Luigi Vergari, presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Potenza e Lagonegro, il ruolo degli istituti di credito cooperativo, tema che sarà sviluppato dal direttore generale della Banca del Cilento e Lucania Sud, dottor Ciro Solimeno. A concludere i lavori della giornata saranno di interventi di Eugenio d’Auria, ambasciatore e presidente delle Cooperativa A.R.C.O. e di Marcello Pittella, Presidente della Regione Basilicata. La sede della convention sarà la Sala Cardinale Brancati in piazza San Severino a Lauria, l’inizio dei lavori è previsto per le 9.30.

Programma convegno Lauria

giu 212015
 

Spiegare. Divulgare. Confrontarsi. Dibattere. Divertirsi. Imparare.  Sono questi i verbi che orientano Legambiente Lauria nell’organizzazione e realizzazione della terza edizione del BlueFest, dedicata ai temi dell’Energia rinnovabile e dell’Innovazione.

Il nome del Festival è strettamente legato alla definizione di “Blue Economy”, un modello di business a livello globale dedicato alla creazione di un ecosistema sostenibile, basato sulla trasformazione in merce redditizia di sostanze altrimenti sprecate.A differenza della Green Economy, che prevede una riduzione delle emissioni di CO2 entro un limite accettabile, la Blue Economy punta ad eliminare del tutto tali emissioni.

L’obiettivo del BlueFest è quello di rendere consapevoli i cittadini, illustrando i piccoli gesti quotidiani che possono migliorare la qualità della loro vita e la salute del nostro pianeta.

Ecco il programma che caratterizzerà le due giornate.

<<<< Venerdì 26 Giugno #ENERGIA >>>>

Ore 10.30 – Apertura BlueFest
Convenzione dei Servizi Pubblici Digitali Comunali
Interverranno:
Gaetano Mitidieri, Sindaco di Lauria
Domenico Cipolla, Sindaco di Maratea – Pres. CSL
Nicola A. Carlomagno, Consigliere Delegato CSL
Marco De Biasi, Presidente Legambiente Basilicata
Ignazio Petrone, Presidente SEL Spa

Ore 15.30 – Seminario tecnico con CFP – Ordine Ing. PZ
“Buone pratiche nell’ambito dell’energia sostenibile”
Ing. M. Morrone
“Il legno come materiale da costruzione sostenibile”
Ing. M. Simonetti
“Interventi di risparmio energetico in Basilicata”
Ing. M. Scuderi

Ore 17.30 – Presentazione aziende e start up

Ore 18.30 – Convenzione adozione “Parco Laura Conti”
Interverranno:
Enrico Maria Di Giorgio, Presidente Legambiente Lauria
Donato Zaccagnino, Assessore all’Ambiente del Comune
di Lauria

Ore 19.00 – Workshop “Energia bene comune”
“Accesso all’energia, innovazione energetica e piattaforme
di sviluppo intelligente per i territori.”
Interverranno:
Stefano Ciafani, Vice Presidente Nazionale Legambiente
Matteo Giannì, Unità Studi e Statistiche Gestore Servizi
Energetici
Marco De Biasi, Presidente Legambiente Basilicata
Aldo Berlinguer, Assessore Ambiente e Infrastrutture
Regione Basilicata

Ore 21.00 – Torneo di calcetto – BLUEFEST CUP

<<<< Sabato 27 Giugno #INNOVAZIONE>>>>

Ore 10.00 – Blue CoderDojo
A cura di Francesco Piero Paolicelli, Digital Champion
Matera

Ore 12.00 -Laboratori didattici per ragazzi
A cura del MOV Lauria

Ore 15.30 – Seminario di Web Marketing
A cura di Nicola Lanziani, Web Master

Ore 17.00 – “Droni per l’Ambiente e per la Pace”
A cura di Pasquale Russo, Direttore Generale Link
Campus University

Ore 17.30 – Prototipazione con stampanti 3D
A cura di Pasquale Montemurro, Syskrack Lab.

Ore 18.00 – Workshop – “Innovazione: chiave del futuro”
“Applicazione dell’innovazione tecnologica e digitale per la
crescita di un territorio. Prospettive, progetti e opportunità.”
Interverranno:
Francesco Piero Paolicelli, Open Data Manager Comune di
Matera
Andrea Trevisi, Direttore di Basilicata Innovazione
Ernesto Belisario, Avvocato e Vice Presidente
Ass. Digital Champions
Raffaele Ricciuti, Amministratore Unico Sviluppo Basilicata
Marcello Pittella, Presidente Regione Basilicata

Ore 20.00 – Estrazione premi lotteria

Ore 20.30 – Intrattenimento

————————–————————–——————
INFO

www.bluefest.it

legambientelauria@gmail.com

Facebook: /BlueFest

Twitter: #bluefest

0973/ 628742

 

blue

mag 262015
 

– È stata inaugurata venerdì scorso, 22 maggio 2015, dall’associazione culturale «In Arte Exhibit» la mostra «Territori Espressivi», quadripersonale di pittura degli artisti Fedele Barletta, Antonio Caramia, Daniela Grifoni, Roberto Schembri, ospitata presso la sede di Potenza della Banca Monte Pruno. Hanno preso parte al vernissage il direttore generale della Banca Monte Pruno Michele Albanese, il responsabile della comunicazione dell’istituto di credito cooperativo Antonio Mastrandrea, lo storico d’arte Cristiana Elena Iannelli, curatrice della mostra, e il presidente dell’associazione «In Arte Exhibit», nonché editore della rivista «In Arte», Angelo Telesca.
Circa 40 sono le opere che rimarranno esposte fino al 12 giugno prossimo, rappresentative dello stile personale dei quattro importanti artisti protagonisti, tutti provenienti dal di fuori dei confini lucani e per la prima volta in mostra a Potenza. Dai paesaggi surreali e fantastici del pugliese Antonio Caramia si sconfina nel territorio dell’astratto-informale modulato da Daniela Grifoni, pittrice fiorentina di nascita, ma novarese di adozione, proseguendo nella pittura gestuale e impulsiva, ma ancorata al reale di Fedele Barletta, calabrese trapiantato a Genova, per concludere con le emozioni quotidiane dipinte tra i caldi cromatismi del siciliano Roberto Schembri. Un percorso espositivo che, snodandosi in una cornice originale, perde l’aura intangibile del luogo consacrato all’opera d’arte, per lasciarsi osservare nel pieno della sua essenza.
Dopo le positive esperienze registrate nella sede amministrativa di Sant’Arsenio, la Banca Monte Pruno propone dunque la prima esposizione d’arte presso la sede distaccata di Potenza, confermando il suo impegno a favore delle iniziative culturali e proponendo nella città capoluogo di regione una inedita mostra d’arte allestita nelle sale di una banca. Lo fa dando seguito ad una collaborazione, già avviata lo scorso gennaio in occasione della mostra «Incontr’Arte» presso la Cappella dei Celestini, con l’associazione presieduta da Angelo Telesca, individuata come una delle realtà operanti sul territorio che maggiormente si prodigano per la crescita culturale e sociale. «In Arte Exhibit» promuove, infatti, continue iniziative, tra mostre personali e collettive di pittura, estemporanee, rassegne di murales, recital di poesia, finalizzate a diffondere e ampliare la conoscenza della cultura artistica in tutte le sue forme, a valorizzare la creatività e l’operato degli artisti, a promuovere il territorio attraverso l’arte.
La mostra «Territori Espressivi» è visitabile presso la Banca Monte Pruno in Corso Giuseppe Garibaldi 59/65, dal lunedì al venerdì negli orari di apertura degli uffici dalle 8.30 alle 13.15 e dalle 14.30 alle 17.00, mentre il sabato e la domenica negli orari dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00, solo per questi giorni con entrata dall’ingresso laterale.

Ufficio stampa “In Arte Multiversi”

terr_espr_vernissage_04

apr 272015
 

maglietta nomina i direttori: berardi amministrativo, picerno sanitario
Il direttore generale del San Carlo, Rocco Maglietta, avendo completato il percorso di valutazione dei curriculum dei candidati, ha provveduto a nominare i componenti della direzione strategica del San Carlo, scegliendo Maddalena Berardi per la direzione amministrativa e Antonio Picerno per la direzione sanitaria.
Maddalena Berardi, già capo del personale dell’Ap di Potenza, ha svolto l’incarico di sub commissario amministrativo del San Carlo dall’ottobre scorso, Antonio Picerno, direttore del Laboratorio di Analisi del San Carlo, ha svolto le funzioni di direttore sanitario dopo la designazione del sub commissario Giovanni Battista Bochicchio a direttore generale dell’Asp di Potenza.

foto di gruppo