Flash Feed Scroll Reader
gen 292016
 

Si svolge sabato, 30 gennaio, presso la sala consiliare del Comune di Tortora, alle ore 17, la presentazione del diario e del video: “Su due mari ho pagaiato e la Calabria ho gustato!”.
Un giro della Calabria in kayak, che ha visto protagonista l’avventuriero Francesco Mazzacoco, dal 15 luglio al 3 agosto 2015.
Tappa finale, il 3 agosto 2015, a Tortora presso il Lido Lampara, accolto da amici e dall’Amministrazione Comunale.
Le sue esperienze sono state annotate in una sorta di diario di bordo, raccontando le vicende che hanno caratterizzato questa avventura.
Durante la presentazione, saranno proiettate le foto e i video immortalati da Mazzacoco, nel suo tour fra le coste della splendida Calabria.
L’evento è stato organizzato dal Comune di Tortora, Assessorato allo Sport, con lo scopo di incentivare l’utilizzo del kayak su territorio tortorese.
“Ho annotato nella mente, – ha spiegato Francesco Mazzacoco – immortalato con foto e riprese, paesaggi fantastici e incontaminati. Vorrei con questo viaggio, riuscire a sensibilizzare le coscienze sulla tutela delle coste e di tutti quei valori che stiamo dimenticando: la bellezza che la nostra Calabria ha da offrirci!”.
(Valentina Bruno)

vale

gen 052016
 

L’avvocato Vincenzo Viceconte ha presentato nella sala consiliare della città di Francavilla in Sinni il doppio volume “Frammenti di memoria”. La serata è stata impreziosita oltre che dalla presenza di un folto pubblico anche dalla partecipazione di insigni uomini di cultura che hanno approfondito la storia per immagini del ’900 francavillese. I volumi contengono anche un diario di guerra e di un testo legato alla emigrazione. Il lavoro di Vincenzo Viceconte che ha tratto forza dalle fotografie di Vincenzo Di Nubila, non si rivolge solo a Francavilla ma all’intero Mezzogiorno.

La conferenza

L’intervista all’avvocato Vincenzo Viceconte

locandina avv  viceconte presentazione libro

giu 062015
 

Giovedì 4 giugno 2015
Che spettacolo vedere oggi pomeriggio il preside dell’Isis Miraglia di Lauria Natale Straface con il professore Pino Sassano (un tempo insieme manager turistici) presentare un evento che caratterizzerà il prossimo autunno culturale nell’area sud della Basilicata. L’obiettivo è di avvicinare i giovani alla lettura dei libri. Il presidente dell’iniziativa è Andrea Camilleri. Bel colpo!
P.S. Ho scoperto questo bel brano per chiudere bene la giornata.

Venerdì 5 giugno 2015
Alici a scapici. Non capita spesso che nel leggere un articolo se ne avverta anche il profumo. L’ottima signora Teresa Mandarini ha preparato per il giornale un articolo che ripercorre la fiera di San Pietro a Lauria. Una fiera di bestiame ma anche di tanti sapori. Ricordo delle grandi ciarle dove venivano poste in bella mostra i pesci, l’aceto pungeva il naso. Non poche mosche facevano capolino nei dintorni di quelle signore che preparavano quei richiestissimi panini. Erano altri tempi. Ricordo la gioia di quella giornata. Ci si accontentava di poco.

Sabato 6 giugno 2015
Vi è un luogo incantevole nel territorio di Lagonegro. Santa Maria degli Angeli. Come ogni anno accoglie un’iniziativa tesa e valorizzare una figura eccezionale: il venerabile Nicola Molinari, vescovo cappuccino. Tra gli animatori delle attività l’infaticabile Salvatore Falabella che è anche un valente musicista. Sentirlo parlare del venerabile è una gioia. Mi specchio in lui quando parlo o rifletto sul Brancati. Quando faremo in autunno il premio dedicato al cardinale il gruppo del Molinari va invitato e premiato per un impegno magnifico. Un passaggio merita anche il prof. Roberto Picardi, un grande storico ed ottimo relatore, assolutamente da continuare a valorizzare. Ha offerto tanti spunti. Uno di attualità. Si parla di accoglienza, di sfruttamento di migranti. Nell’800 ben 150 milioni di africani vennero fatti letteralmente scomparire. All’epoca gli Usa sfruttarono oltre ogni limite queste povera gente. Secondo spunto Voltaire: “campione di modernità”, definiva i neri mostri immondi dall’aspetto disumano. Definiva così anche gli ebrei…
Per concludere vi propongo un bel dialogo, registrato il 6 giugno, con Salvatore Falabella uno dei pilastri dell’associazione legata al Molinari, persona ispirata ed entusiasta del frate.

Sabato 25 luglio 2015
Don Franco Alagia ha festeggiato oggi a Lauria 45 anni di sacerdozio. Fu ordinato prete dal vescovo Pezzullo proprio nel giorno del patrono del rione inferiore. Don Franco non avrebbe immaginato che dopo un pò sarebbe diventato la guida della parrocchia intitolata all’apostolo Giacomo. Segni. Nei giorni scorsi la signora Chiarelli dal Comune di lauria mi chiama e mi dice: ho trovato l’atto di nascita di Nicola Santo che cercavi, abitava in via Giovanni da Procida, al numero 34. Incredibile: di fronte alla casa della mia infanzia e della mia giovinezza. Abbiamo giocato nella stessa strada! Segni.

Mercoledì 29 luglio 2015
Pur nella tristezza di un pomeriggio rotondese nel quale ho portato il saluto a Silvestro Maradei, sincero compagno di strada dell’Eco, colpito dalla perdita della cara  mamma,  sono tornato soddisfatto di aver partecipato ad un incontro nel quale si è ricordato Rocco Mazza, politico ed imprenditore socialista. Il 1° settembre ceertamente dedicheremo una pagina a questo personaggio che mi ha stupito per la sua poleidricità: dalla vita amministrativa provinciale… ai kiwi. Molto belli sono stati gli aneddoti e i ricordi dei suoi amici e compagni: Gianni Pittella, Gabriele Di Mauro, Tonino Brando e tanti altri. E’ stata una bella serata che ha consolidato uno spunto che speriamo sarà presente in un evento politico di metà settembre al quale tengo molto.

Domenica 16 agosto 2015
E’ stata intitolata una strada a Castelluccio Superiore ad un sindaco che tanto si prodigò per la sua città. Castelluccio (sia Inferiore che Superiore) sono sempre molto ospitali. Si avverte un clima positivo ed accogliente. La storia del primo cittadino Aurelio Pennella è da approfondire, riporta all’attenzione generale uno stile che la politica come  la società hanno ormai smarrito.

Sabato 29 agosto 2015
Stiamo lavorando all’iniziativa di ottobre che vogliamo provare a consolidare….l’inaugurazione di palazzo Marangoni si sta avvicinando. L’Arcivescovo Cantisani sarà il premiato. Vi sono poi altre idee, vi è da presentare ufficialmente il libro su Nicola Santo… ne parleremo. Ieri mi stava venendo un colpo all’Eco… sento bussare ed apro: è Biagio Cantisani…ci sono buone notizie!

 

Domenica 30 agosto 2015
L’occasione di una manifestazione di atletica permette di evidenziare il radicamento a Lauria di una disciplina che ha sfornato tanti talenti. Con Raffaele Papaleo abbiamo ricordato le sfide in notturna, ìd’estate, del Club Atletico Lauria. Mi è venuta in mente la bellissima gara di Rito Lamboglia. Erano gli anni ’80,  crudo di tattica, Rito partì a razzo in una gara lunga. Scompaginò i piani degli atleti vere star di Lauria: pantaloncini alla moda, scarpette fiammanti, gel, ragazze bellisssime a fare il tifo.  Arrivò terzo con le Mecap mezze bucate… ma in fondo aveva vinto lui!

Lunedì 1° settembre 2015
Un’intervista casuale a Biagio Cantisani, autore di un fortunato libro su Lauria, sul terrazzo di Palazzo Marangoni, ci ha permesso di ricordare don Peppino Ginnari, scherzoso parroco di Lauria Inferiore per vari decenni. Ricordo la sorella anziana, donna Angelina (donn’angiulina) che abitava il palazzo antico. Il portone maestoso era la porta di calcio di interminabili partite dove si perdeva il conto dei gol. Nel quartiere di San Matteo vi era anche la figura mitica del “maggiore” una persona vulcanica che stimolava i giovani con manifestazioni di ogni tipo. Più giù, la dimora dell’ultima discendente di Amerigo Vespucci, Urania. Scorrono i fotogramminella amente di un film che sembra girato da Tornatore.

Sabato 5 settembre 2015
Rivedere dopo tanto tempo Davide Nesi, il grande esperto toscano di ferrovie e di treni. Grazie al suo lavoro realizzammo un libro “La ferrovia tradita” che ancora ci è richiesto. Abbiamo fatto una bella intervista, abbiamo annunciato importanti progetti per il 2016.
 

 

BLOG

giu 062015
 

Il blog è un diario positivo nel quale il direttore dell’Eco Mario Lamboglia appunta impressioni e spunti dettati dall’incontro con le realtà e le ‘umanità’ del territorio. Un appello ai lettori affinchè non censurino troppo gli errori nei testi, spesso scritti di getto e non sempre rivisti. Di tanto in tanto verranno riletti dall’autore, ‘aggiustati’, magari arricchiti ….ci appelliamo in ogni caso alla magnanimità dei navigatori!

BLOG

giu 292014
 

Ad un anno dalla scomparsa, il 27 giugno 2014, è stato pubblicato il diario di mons. Vincenzo Cozzi, vescovo emerito di Melfi-Rapolla-venosa. Il volume di oltre 300 pagine è stato scritto a quattro mani da mons. Antonio Cantisani vescovo emerito di Catanzaro-Squillace e don Guido Barbella parroco di Trecchina.

La conferenza

Le interviste

mar 312014
 

L’ultimo episodio incendiario avvenuto ai danni di un imprenditore locale porta nuovamente alla ribalta, nella fascia Ionica, la paura dell’estorsione e del racket.
In Basilicata – ha commentato Angelo Festa, Presidente dell’Associazione antiracket e antiusura “Famiglia&Sussidiarietà” – vi è sicuramente da escludere che vi sia, al momento, una criminalità organizzata pari alle altre regioni viciniori, ma bisogna prestare attenzione ai continui e ripetuti episodi malavitosi perché non possono essere stati messi in atto solo da piccoli delinquenti.

Famiglia e Sussidiarietà – ha continuato Festa – intende nei prossimi mesi attivare una campagna informativa, a tutela delle imprese e delle famiglie, con il coinvolgimento delle Forze dell’Ordine, delle Istituzioni, delle forze politiche e Sociali, contro il racket e l’usura affinché non si abbassi la guardia.

Con tale iniziativa intendiamo – ha concluso Festa – venire incontro a chi è in difficoltà economiche, dare informazioni sulle procedure di risoluzione da crisi da sovraindebitamento e consentire alle vittime di estorsione di accedere al Fondo nazionale di Solidarietà.

logo ass antiracket e antiusura afs

giu 032013
 

Parte da oggi una rubrica quotidiana sul nostro sito per informare su quanto si svilupperà in piazza del Popolo a Lauria nei prossimi giorni. Sul sito troveranno spazio le registrazioni di tutte le iniziative con ampie interviste. Per avere maggiori informazioni e materiale dell’iniziativa: vivilauria@tiscali.it

Pillola tg di sabato 7 giugno 2013. Intervista a padre Emil Kumcka

Pillola tg di venerdi 6 giugno 2013. Lo staff

Pillola tg di giovedì 5 giugno 2013. Le mostre dell’architetto  Giacomo Carlomagno

Pillola tg di mercoledì 5 giugno 2013. I libri del ’600 scritti dal card. Brancati in mostra nel “village” di piazza del popolo

Pillola tg di martedì 4 giugno 2013. Il convegno medico di prevenzione oncologica

Pillola tg di lunedi 3 giugno 2013. Presentazione della striscia informativa

Locandina VIVILAURIA

Pieghevole_lato_a

Pieghevole_lato_b

apr 252013
 

Il 25 aprile, in occasione della Festa della Liberazione, la Pro loco di Tortora ha organizzato il “Concerto di Primavera”. Alle ore 11, presso la Chiesa della Santissima Annunziata (Convento francescano) a Tortora centro storico, si terrà la messa solenne in memoria dei caduti in guerra. Dopo la messa sarà deposta una corona di alloro presso il Monumento ai Caduti alla presenza di cariche istituzionali, rappresentanze dell’ANPDI (Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia), Associazione Carabinieri e altre associazioni del territorio. Dopo la commemorazione seguirà un aperitivo offerto dalla Pro Loco.

Dalle ore 16, presso Piazza Stella Maris a Tortora marina, si terrà il “Concerto di Primavera”. Musica dal vivo con giovani e talentuosi artisti locali, che intratterranno il pubblico con le loro performance sonore.

Durante il concerto ci sarà anche una raccolta fondi per donare un defibrillatore alla Croce Rossa di Tortora.

Nel pomeriggio, ospite sul palco, un ex soldato sopravvissuto alla seconda guerra mondiale che offrirà la sua testimonianza attraverso la lettura di un brano del suo diario di guerra.

“Siamo lieti della partecipazione a quest’evento” spiega Angelo Montesano presidente Pro Loco Tortora “di tanti artisti locali. Ci teniamo a ringraziarli per la loro collaborazione ed il loro entusiasmo. Siamo orgogliosi del talento dei nostri giovani e crediamo in loro. Speriamo che anche attraverso di loro le cose possano iniziare a cambiare. Un ringraziamento particolare ad Emanuel Guaragna che si è occupato della direzione artistica in collaborazione con Vincenzo Mastrelia”.

A partire dalle ore 18 la Pro Loco di Tortora, in collaborazione con l’IPSSAR (Istituto Alberghiero) di Praia a Mare, organizzerà un Happy Hour con cocktail e degustazioni.

mar 252013
 

Venerdì 29 marzo 2013, alle ore 18.30 e alle ore 23.00, nelle antiche strade di Castronuovo Sant’Andrea, per iniziativa della Pro Loco e con la collaborazione del MIG. Museo Internazionale della Grafica – Biblioteca Comunale “Alessandro Appella”, si rinnova l’incontro arte-fede: un artista contemporaneo interpreta gli episodi della storia degli ultimi giorni di Gesù e scandisce con il suo lavoro la processione che da centinaia di anni attraversa il paese e ha il suo momento più emozionante nell’incontro del Figlio morto con la Madre rappresentati da due statue in cartapesta del XVIII secolo conservate nella Chiesa Madre. La processione notturna, invece, si caratterizza per il fatto di essere riservata solo agli uomini.
Castronuovo, entrata fin dal 1981 nel giro delle città che fissano l’appuntamento pasquale con l’arte attraverso una particolare Via Crucis, dimostra quanto sia importante confermare questa tradizione di una esperienza così esaltante come quella di porsi di fronte al mistero della Passione.
Dopo Fazzini, Strazza, Dal Molin Ferenzona, Masi, Ricci, Lorenzetti, Cerone, Santoro, Janich, Pirozzi, Scorcelletti, Pulsoni, Guida, Masini, Masi, Timossi e tanti altri, le quattordici stazioni della passione, quest’anno, sono del grande scultore FAUSTO MELOTTI ((Rovereto 1901 – Milano 1986). Dipinte su cartone tra il 1957 e il 1967, rinnovano l’incontro arte-fede e scandiscono il percorso di un grande mistero. È la seconda volta che vengono esposti in Italia.
Melotti ha raccontato da par suo gli anni del dopoguerra che segnano, con la personale alla Galleria L’Annunciata presentata da Alfonso Gatto, il suo ritorno alla pittura: “Durante una guerra lunga e crudele e un dopoguerra sconvolto e senza pace mi trovai alla deriva su strade non mie. Giustifico queste lunghe pause pensando che l’artista partecipi con lo spirito, anche e soprattutto inconsciamente, alle vicende della società in cui vive”.
“Io dipingo. In pittura forse abbiamo ancora il modo di dire qualcosa, una parola che almeno non sia stata pronunciata con quell’accento. Un modo privato, una specie di diario. In scultura più niente da fare, da dire, dopo quello che è già stato detto e fatto. È morta, per ora. Nessuno può crederci più”. “L’evento informale, sia nell’arte sia nella natura, dal vibrare del microbo alle cascate dei fiumi, dal tronco all’uragano, non riesce a catalizzarsi nella forma compiuta, espressione dell’arte. Il taglio di Fontana è l’emblematico bisogno di uscire dalla giungla informale”.
“Stupido amore della materia. L’arte non nasce plasmata o forgiata o compressa sotto vuoto. Come Minerva nasce dal cervello. Molte opere d’arte conclamate si rivelano nate da un’idea artigianale, tutta prevedibile. Un muro invalicabile, il muro della poesia, preclude la cittadella dell’arte. Lì dentro le idee passeggiano nude”.
“Il raptus drammatico della creazione artistica è simile allo stato d’animo del ragazzo che, trovandosi a camminare nella notte in una strada deserta, per farsi coraggio canta e, non ricordando più nulla, inventa la canzone”. “Eliminare il piacere, il gusto della materia. Nella scultura ciò che conta è l’occupazione armonica dello spazio, nella pittura il gioco profondo del disegno e del colore. Gli aleatori imprevisti della materia non sono il sogno. Gli stimoli non sono le sensazioni”.
Da questo momento, la pittura sarà compagna fedele di Melotti, un esercizio quotidiano compiuto nel silenzio dello studio di Via Leopardi a Milano, di Via San Sebastianello a Roma, mai dimenticando ciò che era stato ed era “il vento della guerra, delle divisioni, delle stragi” e quanto Picasso avesse segnato con Guernica la prima stazione di una lunga Via Crucis, da percorrere per ritrovare la fede smarrita.
Le quattordici stazioni di Melotti compiono questo percorso di fede modulando abilmente il linguaggio della pittura e della scultura, attraverso un accumulo pastoso di colore steso sulla carta col gesto di chi vuole riflettere su quanto quotidianamente accade intorno a noi, ridando lentamente corpo alle figure filamentose che si dispiegano intorno al Cristo crocifisso.
In occasione della Via Crucis, sarà possibile vedere, nelle sale del MIG. Museo Internazionale della Grafica, l’opera grafica di Melotti dal 1970 al 1985 e le incisioni di Alexander Calder per E. E. Cummings. Le 14 stazioni, dopo la processione, verranno allestite in una delle sale del MIG e rimarranno esposte fino all’1 giugno 2013.

Via_Crucis_1022 1

mar 192013
 

Il comune di Sala Consilina ha avviato alla fine dell’anno 2011 il progetto “Scia in ComUnica”, che vede coinvolti alcuni Comuni della provincia con la Camera di Commercio di Salerno e che persegue lo scopo di dare piena attuazione ai principi ispiratori della normativa relativa alla “ComUnica” e allo Sportello Unico per le Attività Produttive.

Il progetto si proponeva di favorire il sistema delle imprese e, più in generale, di tutti gli utenti, attraverso la realizzazione della semplificazione amministrativa e della standardizzazione delle procedure, con la creazione di un’unica rete telematica.

Tale progetto, che anticipava gli effetti del D.P.R. n. 160/2010, emanato per il riordino delle competenze dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP), consentiva la sperimentazione della procedura ComUnica applicata alla SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) per le attività commerciali: esso permetteva di avviare, modificare e cessare on-line le attività commerciali in una sola giornata e con un’unica procedura telematica, ossia la procedura della Comunicazione Unica, che era stata integrata tra le competenze dei Comuni.

Il Comune di Sala Consilina è divenuto in tal modo l’ulteriore destinatario delle pratiche di Comunicazione Unica, accanto al Registro Imprese, all’INPS, all’INAIL ed all’Agenzia delle Entrate, al Ministero del lavoro ed alla CPA.

Con il nuovo protocollo si estende l’attività ComUnica anche alle attività urbanistiche/edilizie, realizzando nella sua interezza lo slogan “impresa in un giorno” e consentendo alle imprese ed agli operatori un notevole risparmio di tempo e di risorse economiche ed umane, anche attraverso la riduzione della durata dei procedimenti amministrativi.

Un ulteriore beneficio è rappresentato dalla possibilità di interloquire con una pubblica amministrazione compatta, in grado di dare risposte univoche e di adottare comportamenti condivisi e, perciò, uniformi.

 

In concreto, la procedura prevede che l’impresa che deve inviare una SCIA al Comune non debba più recarsi fisicamente allo sportello, ma possa farlo telematicamente, per il tramite del Registro delle Imprese, utilizzando i modelli appositamente predisposti dal Comune, in formato PDF editabile, pubblicati sul sito istituzionale dell’ ente, e con sottoscrizione digitale.

La pratica, una volta trasferita in Camera di Commercio, viene smistata automaticamente ed in tempo reale alla casella di posta elettronica certificata del Comune, che da tale momento ha 60 giorni di tempo per effettuare i controlli.

Intanto, l’imprenditore riceve con immediatezza, all’indirizzo P.E.C. indicato nella pratica stessa, la ricevuta che costituisce titolo autorizzatorio all’esercizio dell’attività, così da poter avviare la stessa dal medesimo giorno di invio della Comunicazione Unica.

Nel caso in cui il Comune, nell’esercizio del suo controllo, riscontrasse un impedimento, lo comunica mediante PEC all’impresa e/o all’intermediario che ha inviato la pratica, nonché al Registro delle Imprese, per gli ulteriori provvedimenti.

Dunque tutte le comunicazioni di inizio, modifica e cessazione di attività commerciale di competenza del Comune, che comportano anche la relativa denuncia al Registro delle Imprese, sono trasmesse telematicamente, unitamente alla pratica di Comunicazione Unica.

Non è più consentita la presentazione in modalità cartacea presso il Comune.

salaconsilina