Flash Feed Scroll Reader
ott 272015
 

La conferenza si è svolta a Grottole, sabato 8 agosto 2015, alle 19:30 nel chiostro della suggestiva Chiesa Madre di Santa Maria Maggiore che ha stentato a contenere la gente accorsa. Oltre 250 persone hanno gremito il cinquecentesco spazio all’aperto che un tempo era Convento Domenicano. Sold out! Posti a sedere esauriti e alcuni hanno comunque seguito l’incontro in piedi. Presenza di pubblico eterogenea, dai bambini di scuola primaria, adolescenti come Maria Vezzuso (le tarantelle del suo organetto sono destinate a diffondersi nell’intero Mezzogiorno) e Samuele De Giacomo (la sua fisarmonica da ben sette anni si esibisce in diversi paesi lucani), adulti di cui alcuni emigrati al nord ma di ritorno per le vacanze nella terra di origine, e anziani.
Ad aprire i lavori è stato l’editore Timoteo Papapietro che per la Edizioni Magister ha spiegato il progetto di ricerca storica che ha visto la luce dopo diversi anni di meticoloso e attento lavoro. Un libro scritto da Paolo Frescura e impreziosito ulteriormente con illustrazioni del compianto Luigi Guerricchio e degli artisti Nisio Lopergolo e Franco Artese.
Il sindaco di Grottole e presidente della Provincia, Francesco De Giacomo, ha spiegato le motivazioni che hanno indotto l’Amministrazione a inserire questo evento nel cartello dell’estate grottolese dicendosi onorato del contributo storico che l’autore ha lasciato alla comunità per conoscere le proprie origini e servire da stimolo nel recupero delle attività artigianali smarritosi nel tempo. Ha inoltre inscritto questa ricerca in una traccia che la Regione Basilicata ha recentemente tracciato con la ferma volontà di recuperare quanto di buono vi era nell’artigianato ormai estintosi.
Particolarmente incoraggiante è stato il saluto di Francesco Carbone, “sindaco dei ragazzi” che ha voluto dare il benvenuto all’autore e al saggio.
L’intervento centrale di presentazione del libro è stato realizzato dal già Dirigente Scolastico Giacomo Amati che con chiarezza ha analizzato il saggio, fresco di stampa, pubblicato dalla materana Edizioni Magister atto a testimoniare i mestieri esistenti nel tessuto sociale di Grottole ma paritetici a tutto la provincia. In primis si mette in risalto il ruolo svolto dall’artigianato che ha rappresentato il simbolo della rinascita, non solo economica, ma anche sociale e culturale. Infatti l’artigianato era l’alternativa al faticolso lavoro bracciantile che si svolgeva nei campi; alternativa anche al lavoro della pastorizia che portava alla rinuncia della vita sociale nella comunità in cui si viveva; alternativa, per molti, all’emigrazione all’estero delineandosi sempre di più il pilastro del lavoro. Il secondo pregio del libro è assegnare all’artigiano una triplice dimensione: uomo “faber”, persona “sapiens” e di soggetto “creativo”. Ovvero, di colui che vuole essere protagonista della sua vita e artefice del suo destino. Ne esce che l’artigiano ha manualità e pensiero, ha scienza e arte, è un lavoratore formidabile, completo. Il terzo elemento distintive dell’opera va ricercato nella concezione di vita, nella visione dell’esistenza che indica al lettore: una delle ragioni d’essere della vita risiede nel lavoro, nella capacità di migliorarsi, nell’abilità di scoprire cose nuove, nel non arrendersi di fronte alle difficoltà, nel credere in se stesso e nel sapersi relazionare all’altro. I 64 mestieri sono descritti con un piacevole ritmo incalzante che stimola nel lettore la capacità d’attenzione e gli suscita un forte coinvolgimento emotivo. Leggere questo libro è un po’ come vedere delle belle foto: ti emozioni perché, per certi aspetti, è come rivedere una parte della nostra vita. Trattasi di un inno al lavoro: celebra la meraviglia del lavoro creativo. Giacomo Amati ha concluso il proprio intervento rendendo omaggio a Paolo Frescura per aver reso immortali questi 64 mestieri con un libro bello, prezioso e coinvolgente: tra i libri più belli che siano stati scritti in cui il lettore trova anche qualcosa di sé.
Nisio Lopergolo, noto scultore formatosi nella culla italiana delle arti “Accademia delle belle arti di Firenze”, nonchè stimato docente di arte nelle scuole materane e titolare di un laboratorio di ceramiche sito nel Sasso Barisano visitato da migliaia di turisti culturali di tutto il mondo, si è detto onorato di aver illustrato graficamente con un acquerello e diverse matite, il libro oggetto di presentazione. Il tentativo è stato quello di utilizzare anche le immagini per far rivivere e far conoscere alle nuove generazioni mestieri che sono ormai lontani, in un mondo completamente tecnologico. L’autore è riuscito a raccontare con linguaggio poetico, con brillanti prose che fanno vivere al lettore emozioni attraverso un affascinante viaggio nel tempo. Nel mondo sono milioni i lavoratori cancellati dal processo produttivo a causa dell’innovazione tecnologica, questo libro ci permette di non dimenticare e di riappropriarci della nostra identità. Il lavoro tradizionale era come una preghiera, un atto religioso; il lavoro più duro, più ripugnante comportava sempre “entusiasmo”. Oggi siamo privati di quel ruolo sacro, il lavoratore è ridotto a svolgere un ruolo meccanico in un mondo laicizzato, che deve bastare a se stesso. Ha concluso ricordando una frase di Lev Tolstoj “Possiamo vivere nel mondo una vita meravigliosa se sappiamo lavorare e amare, lavorare per coloro che amiamo e amare ciò per cui lavoriamo”.
Il poeta Giacinto Ruzzi ha esortato i convenuti a leggere qualsiasi scritto dello scrittore Paolo Frescura perché sono linfa e refrigerio per una crescita culturale.
Le conclusioni affidate all’autore Paolo Frescura hanno voluto essere un ringraziamento per la testimonianza d’affetto alla numerosissima platea convenuta. Ringraziamenti all’indirizzo dei due artisti, Francesco Artese e Nisio Lopergolo, i cui lavori sono stati esposti sulla parete sinistra del chiostro per consentire al pubblico di apprezzarli direttamente. Riconoscimenti anche all’ins. Mario Ruzzi che ha affidato alla penna di Frescura i suoi personali ricordi legati all’esperienza d’insegnamento nella scuola di campagna, in contrada Matina soprana e al dott. Antonio Guerricchio per aver consentito di inserire in questa pubblicazione le opere di suo zio, il maestro Ginetto Guerricchio, e la foto dello speziale, suo bisavolo. Il libro è nato grazie al contributo di pensiero di Giacinto Ruzzi e di tanti concittadini avanti negli anni che sono stati la fonte su alcuni mestieri e hanno dissolto alcuni dubbi su quelli che l’autore aveva visto con i suoi, ma offuscati dal tempo.
Queste le parole Paolo Frescura:
<>.

paolo

lug 172015
 

• 01 Luglio al 05 Luglio 2015 La Protezione Civile “Misericordia Maschito” con il patrocinio del Comune organizza un campo scuola per bambini “Anch’io sono la Protezione Civile” – Oratorio.
• 19 Luglio 2015 L’associazione Gruppo Acquisto Solidale Lucano con il patrocinio del Comune presenta la “Festa del riuso e del riciclo” – Corso Marconi dalle ore 16.00 alle 22.00.
Dal 19 Luglio al 15 Agosto Mostra fotografica Corso Marconi 43.
• Dal 20 Luglio al 24 Luglio 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau con il patrocinio del Comune organizza la I° edizione del torneo di “Pallavolo 4/4” – Villa Comunale.
• 25 Luglio 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau con il patrocinio del Comune organizza la VIII° edizione del torneo “Joga Bonito” 3/3 – Villa Comunale a partire dalle ore 19.00.
• Dal 27 Luglio al 01 Agosto 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau, con il patrocinio del Comune organizza un campo scuola per bambini “CircoLandia” – Oratorio.
• 01 e 02 Agosto 2015 Rievocazione storica in costume Arbëreshë “RETNES” a cura dell’Associazione Culturale Arbëreshë Compagnia d’Arme Lazzaro Mathes patrocinato dall’Amministrazione Comunale www.corteostorico.net;
• 1 agosto
Ore 21.00 PIAZZE E VIE DEL CENTRO ANTICO : giocolieri, mangiafuoco, danzatrici orientali e giullari; esibizione degli alunni della scuola media di Maschito vincitori della “ XXII rassegna culturale folcloristica per la valorizzazione delle minoranze etniche di origine albanese” Caraffa 2015; esibizione coreografica dei musici dell’associazione.
LARGO CAROSENO: punto ristoro con la degustazione di prodotti tipici.
• 2 agosto
Ore 20.00 VIA MARCONI: partenza della Compagnia dalla “Caserma Mathes “
Sfilata dei Majsor ( Majzor ) nel quartiere di appartenenza e bivacco in via Mazzini
Sfilata dei Cndrgnan ( Qendernjan ) nel quartiere di appartenenza e bivacco presso fontana Skanderberg
Incontro delle due fazioni per la simulazione delle battaglie presso:
Ex mulino – Municipio – Via Venosa
Dopo la battaglia finale seguirà, in via Venosa, il giuramento delle “Farre “ al comando del capitano Lazzaro Mathes.
La serata si concluderà con la degustazione di piatti arbëreshe in piazza San Francesco
• 03 Agosto 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau, organizza la serata finale di “CircoLandia”, con la partecipazione di genitori e bambini – Villa Comunale.
• 04 Agosto 2015 I ragazzi dell’oratorio con il patrocinio del Comune presentano la commedia “Miseria e nobilta’…a seguire….’Saranno famosi’! – Villa Comunale Ore 21.30.
• 05 Agosto 2015 L’associazione Gruppo Acquisto Solidale Lucano con il patrocinio del Comune presenta la “Festa del riuso e del riciclo” – Corso Marconi dalle ore 16.00 alle 22.00.
• 06 Agosto 2015 L’Associazione Auser e gli emigranti con il patrocinio del Comune presentano la “Festa dell’Emigrante” musica e intrattenimento con il gruppo musicale “I nuovi briganti” – Villa Comunale Ore 21.00.
• 07 Agosto 2015 L’Amministrazione Comunale ospita la XIV edizione Festival nazionale del Cabaret di Basilicata e Calabria. STEFANO VIGILANTE in La storia del Ka’…baret (Vari Programmi RAI, Mediaset e Comedy Central) Tra i suoi pezzi forti i numeri “Il vigile”, “Romolo e Remo”, “Il ventriloquo”, “La valigia anarchica”, Felicetto (personaggio portato a Zelig Circus) – Villa Comunale Ore 21.30.
• 08-09-10 Agosto 2015 Festa del Santo Patrono Sant’Elia Profeta
• 08 Agosto 2015 L’amministrazione comunale e i ragazzi dell’oratorio presentano “CANTA EVOLUTION” – Piazza San Francesco 21.30
• 09 Agosto 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau con il patrocinio del Comune presenta la terza edizione di “Vino è rivoluzione” con concerto degli “Scattabban” – ore 21.30 Piazza San Francesco.
• 10 Agosto 2015 L’amministrazione comunale e il comitato festa Sant’Elia presentano I QUEEN in concerto “Per sempre Freddie”. – Piazza San Francesco Ore 22.00
• 11 Agosto 2015 L’amministrazione comunale con la collaborazione degli amici di Michele, organizza una giornata nel ricordo di Michele Sciarillo;
Ore 19.00 Santa Messa in suffragio, al termine della celebrazione si esibirà Il “Duo Baldo” concerto musicale ad opera del Trio composto dal soprano Maria Luigia Borsi, dal pianista Aldo Gentileschi e dal violinista Brad Repp – Chiesa Madre;
Ore 21.30 Villa Comunale “Khifla Duo” Carlotta Vettori e Riccardo Galardini in concerto.
• 12 Agosto 2015 L’Associazione culturale Pro Loco “Frà R. Adduca” con il patrocinio del Comune presenta “Lu mbernique” degustazione di piatti tipici contadini, con la partecipazione del gruppo musicale “Emoco Band” con la voce di Roberto Spina – Piazza San Francesco ore 20.00.
• 13 Agosto 2015 L’Amministrazione Comunale organizza la giornata del “Riciclo creativo”, dove i bambini seguiti da animatori e da un esperta di riciclaggio, potranno creare simpatici accessori moda con la carta, da mostrare in passerella in serata e da portare a casa come ricordo di partecipazione – Villa Comunale ore 16.00 ritrovo dei bambini per l’inizio lavori; ore 21.30 sfilata dei bambini con gli accessori creati.
• 14 Agosto 2015 L’associazione Gruppo Acquisto Solidale Lucano con il patrocinio del Comune presenta la “Festa del riuso e del riciclo” – Corso Marconi dalle ore 16.00 alle 22.00.
• 15 Agosto 2015 L’Associazione Enal Pesca con il patrocinio del Comune organizza presso il torrente Pantano strada Pantano Quadrone la “Gara di Pesca”. Ore 09.00
• 05 Settembre 2015 L’Associazione Culturale Arbëreshë Compagnia d’Arme Lazzaro Mathes con il patrocinio del Comune organizza il convegno “I VALORI DELLA TRADIZIONE- CONOSCENZA, STORIA E PROCESSI CULTURALI DELLA GASTRONOMIA MASCHITANA ARBËRESHE” a seguire degustazione di prodotti tipici – Ore 19.30 Villa Comunale.

Estate in Piazza 2015

lug 132015
 

Il tesoro di San Giacomo

Lauria, domenica 19 luglio 2015

Ritrovo: ore 8,15 in Piazza San Giacomo

Partenza: ore 8.30
Percorso: Piazza San Giacomo, Via Palestro, Porta e Cappella di San Gaetano, Via Cairoli, Via Cerruto, Cappella della Sanità, Santa Veneranda, Via Casaletto, Santa Maria dei Suffragi (Purgatorio), Piazza del Popolo, Monumento ai Caduti, Piazza dell’Ammiraglio, Piazzetta degli Operai, Cappella di San Giovanni Battista, Palazzo Sanseverino, Via del Precursore, Via San Severino, Casa del Cardinale Brancati, Chiesa e Convento dell’Immacolata,Via Fontana, Via Pietra Grossa, Chiesa Madre di San Giacomo Apostolo Maggiore.
Santa Messa delle ore 11.00. La Partecipazione libera e gratuita per tutti

I tre chilometri dell’itinerario saranno percorsi al ritmo di una passeggiata. Nei punti di particolare interesse è prevista una breve sosta. Il percorso presenta le salite e le discese tipiche dei vicoli di Lauria. I minori devono essere accompagnati da un adulto autorizzato. Si consiglia di portare uno zainetto con il necessario per una passeggiata della durata di circa 2h30’. In particolare è bene avere: un cappellino per proteggersi dal sole, scarpette da ginnastica per i più piccoli e una bottiglietta di acqua da ½ litro. Il percorso può essere fatto anche parzialmente in modo da consentire una partecipazione ampia e libera.

LAURIA è ricca di cappelle e chiese: tesoro religioso e culturale da valorizzare.
Ma il vero ‘TESORO DI SAN GIACOMO’ è rappresentato dai GIOVANISSIMI che, crescendo, si inseriscono nel tessuto sociale della comunità fino a divenirne i continuatori.
Percorrere INSIEME le strade del paese rappresenta l’occasione per collegare le generazioni e invitarle a collaborare per il BENE COMUNE. E’ compito degli adulti tramandare le tradizioni ed infondere nei giovani fiducia nel futuro. Anche così si contribuirà a diminuire la nuova ondata migratoria che porta via da Lauria tante forze giovani e preziose.

A cura di

PIU’ SIAMO MEGLIO STIAMO

Info: RAFFAELE PAPALEO. Tel. 335.82.61.187
e-mail papaleolauria@libero.it

WEB Locandina Tesoro 2015

mag 032015
 

XXVII escursione del gruppo di Lauria e terza edizione del trekking-pellegrinaggio verso la Madonna del Perpetuo Soccorso di Trecchina. Nello stesso giorno la Statua della Madonna viene traslata dalla Chiesa Madre di San Michele Arcangelo al Monte del Santuario. Ritrovo alle ore 7.10 in Piazza del Popolo di Lauria borgo.

Domenica 10 maggio 2015 il gruppo ‘Più siamo meglio stiamo’ organizza le terza edizione del trekking-pellegrinaggio da Lauria al Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso di Trecchina.
La data coincide con la ricorrenza nella quale la statua della Madonna del Soccorso viene portata dalla Chiesa Madre di Trecchina, intitolata a San Michele Arcangelo, alla Cappella sul monte.
L’ escursione è impegnativa ed è adatta solo a chi ha esperienza di trekking. Tra andata e ritorno verranno percorsi oltre 26 km. Chi vuole può fare il solo percorso di andata (13 km), programmando autonomamente il rientro.
Il ritrovo è previsto alle ore 7.10 in Piazza del Popolo, presso il Monumento ai Caduti di Lauria borgo (nel piazzale antistante la scuola elementare). Il rientro a Lauria, sempre a piedi, è previsto intorno alle ore 19.30. Il Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso di Trecchina rappresenta un importante punto di riferimento della Valle del Noce. La posizione geografica e la storia del Santuario rendono interessante questa esperienza di trekking. I minori devono essere accompagnati da un adulto autorizzato. L’escursione é sconsigliata al di sotto dei 14 anni.
Ciascuno deve avere con sé : 1,5 litri di acqua ; vestiario adatto al trekking (scarpe non basse e calzini lunghi), pantaloni lunghi; cappellino ; ombrellino; un k-way; uno zainetto da portare a spalla; pranzo al sacco; telefonino, fischietto e tutto ciò che venga ritenuto utile per una escursione di circa 12 ore. Per informazioni si può contattare Raffaele Papaleo (tel. 335.82.61.187 ; mail: papaleolauria@libero.it). Quello che segue è il programma di massima che potrà subire variazioni.

PROGRAMMA

Ritrovo alle ore 7.10 in Piazza del Popolo a Lauria borgo, nei pressi del Monumento ai Caduti (Scuole Elementari) ; partenza alle ore 7.20 da Piazza del Popolo di Lauria.
Percorso di andata: Via Caduti ; Malfitano ; Fiume Noce; Pietra Morta ; Villa Marotta (foto di gruppo) ; Trecchina (sosta di 30′) ; Forraina ; Sentieri di Serra Pollino ; Santuario Madonna del Perpetuo Soccorso (m. 1089; sosta di circa 2h 00′).
Ritorno: partenza dal Santuario alle ore 15.00 ; Sentieri verso Trecchina (in parte diversi rispetto al percorso di andata) ; Castello del Duca Vitale e zona antica di Trecchina ; Trecchina centro (sosta di 15′); sentieri verso il Fondo Valle e poi Lauria (ore 19.30 circa).

Trekking Santuario Trecchina 2015 ore 7.30

apr 302015
 

Con propria delibera dello scorso 15 aprile (nr. 37), la Giunta comunale di Rivello ha approvato il Progetto esecutivo dell’evento “Tradizioni in Maschera – Restituta Libertas”, documento redatto dall’Ufficio comunale competente sulla base delle indicazioni fornite dal G.A.L.La Cittadella del Sapere – prendendo atto che lo stesso presenta un quadro di spesa complessivo di euro 13.000,00 al netto dell’IVA – finanzia il progetto con contributo pari a euro 8667,10; i restanti euro 4332,90 sono finanziati, invece, attraverso risorse umane e strumentali dell’Ente comunale, con quota IVA a carico del Bilancio comunale.

L’evento storico-gastronomico-turistico, che si svolgerà nelle giornate dell’uno e del due maggio prossimi, si prefigge di rievocare una importante pagina della storia di Rivello e di riscoprire le antiche tradizioni legate alla cultura del paese: a partire dal carnevale e dai suoi riti si intende rievocare, ricostruendola, la storia rivellese, quella che testimonia il carattere, l’operosità e il coraggio dei suoi abitanti. La tempra dei rivellesi è ampiamente dimostrata e documentata soprattutto dalle vicende e dall’atto che, centrale per la due giorni rivellese, sancì il primo riscatto del borgo dal feudo dei Sanseverino (1576), ottenuto dietro pagamento di 13.000 ducati, cui seguì il secondo e definitivo riscatto, dai nobili di Ravaschiero, dietro pagamento di ben 55mila ducati.

Nell’atto notarile che dichiarò la definitiva libertà del popolo rivellese, oltre ai tempi e ai modi di pagamento dei 55mila ducati, una postilla dei nobili di Ravaschiero rende unico e particolarmente interessante il documento: la famiglia Ravaschiero, difatti, pretese che gli abitanti di Rivello, annualmente, a conferma della prelibatezza soprattutto della “soperzata” rivellese, integrassero la corresponsione con “càntare quattro di salami di ogni bontà come si fanno in detta terra di Rivello nel mese di marzo di ciascheduno anno” [càntare: unità di misura equivalente a circa 89 kg].L’Amministrazione comunale di Rivello, che ha affidato il compito di organizzare e gestire l’evento alla locale Associazione Culturale-Turistica “Antichi Borghi”, ha impartito alla stessa precise disposizioni circa lo svolgimento della due giorni. Il programma prevede per l’1 maggio un Concerto di Musica Vocale Sacra presso la Chiesa Madre di S. Nicola di Bari (ore 21.00). Più fitto il calendario della seconda giornata, quella del 2 maggio: alle ore 10.00, con partenza dalla Villa comunale, “Percorso itinerante nel caratteristico borgo di Rivello” (visita alla Mostra Archeologica e all’ex Monastero di S. Antonio; visite alla Chiesa di S. Nicola e S. Michele e passeggiata attraverso il centro storico del paese, tra il labirinto dei vicoli, gli splendidi portali e balconi in ferro battuto, i suggestivi panorami); ore 12.30, a Piazza Umberto I°, “Aperito con degustazione di prodotti tipici”; alle ore 15.45, presso la Villa Comunale, “Rappresentazione teatrale della rievocazione storica della Restituta Libertas”, accompagnata da canti e balli popolari; alle ore 17.00 sempre pressola Villa Comunale, “Sagra della soperzata” allietata da musica tradizionale; a chiudere la giornata, infine, alle ore 21.00, il “Concerto di musica di Canti popolari e Tradizionali” degli “Amarimai” (Villa Comunale).

Una due giorni ricca di avvenimenti storico-culturali e gastronomici, quindi, quella rivellese, che intende rappresentare una ideale vetrina per rilanciare il paese, soprattutto dal punto di vista turistico. Il coinvolgimento della scuola rivellese a questo evento è poi, senz’altro, un elemento importante e significativo, dal momento che saranno proprio gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Rivello, a seguito di una attività di ricerca e di studio, a presentare gli usi ei costumi tradizionali del popolo rivellese.Rievocare e presentare la storia del paese, esaltarne le sue peculiarità paesaggistiche, architettoniche, culinarie, dovrebbe rappresentare un momento di coinvolgimento di tutta la popolazione a cui proprio questa storia appartiene: tutti, insomma, dovrebbero essere coinvolti ed essere fieri protagonisti di un momento celebrativo che ricorda il coraggio, la forza, la determinatezza e l’unione di un popolo che, compatto, riuscì a ottenere la libertà e l’autonomia. Ritenendo che sarebbe stato più opportuno realizzare l’evento nei mesi estivi, quando, cioè, più massiccia sarebbe stata la presenza di turisti, ci auguriamo che l’evento “Tradizioni in Maschera – Restituta Libertas” sia vissuto a Rivello con lo spirito costruttivo e la compartecipazione necessari e che non si perda un’importante occasione per il paese, specie in termini di unità e comunanza di intenti, fondamentali prerogative di un reale sviluppo.

Anita Ferrari
Rivello_panorama

dic 042014
 

Si terrà a Viggianello nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, il secondo evento Turismo e Tempo Libero Pollino (TTLP) dedicato alla promozione turistica del Parco Nazionale del Pollino. L’appuntamento è per il 12,13 e 14 Dicembre ed è stato inteso come evento mediatico per rilanciare i paesi e le montagne del Pollino anche nella stagione invernale. La segreteria organizzativa è affidata alla Pro Loco di Viggianello, saranno coinvolti l’APT Basilicata, l’Ente Parco Nazionale del Pollino, il Gal “Cittadella del Sapere”, l’Alsia, la Regione Basilicata.
I giornalisti ospiti che giungeranno a Viggianello sperimenteranno l’esperienza di un week-end tra il borgo del Parco e le montagne innevate, svolgendo escursioni con le ciaspole in caso di innevamento e degustando i prodotti tipici che il territorio offre. In dettaglio il programma.
Il venerdi le telecamere di UNO MATTINA saranno in diretta dalla Piazza di Viggianello per riprendere il borgo e i mercatini dei prodotti tipici che saranno allestiti per l’occasione.
Il sabato mattina sarà dedicato all’alta quota: i giornalisti e le telecamere di TG2 SI VAGGIARE, TELENORBA, TGNORBA24, TG3 e TRM saranno guidati per un’escursione con le ciaspole, in caso di forte innevamento, alla scoperta dei luoghi più belli del Pollino.
In serata invece il borgo di Viggianello sarà animato con una rappresentazione teatrale della natività e con un concerto di musica sacra e tradizionale nella Chiesa Madre.
Domenica 14 invece saranno coinvolti tutti gli operatori turistici del Parco Nazionale del Pollino per partecipare ad una conferenza di lavoro sulle strategie di webmarketing al fine di promuovere la propria struttura ricettiva on-line, a cura di un’esperto dell’Apt Basilicata.
La manifestazione si chiuderà con la consegna della bandiera dei Borghi più belli d’Italia al comune di Viggianello, con la presenza delle autorità locali e regionali.
“Sarà un’iniziativa corale, voluta dagli operatori– ribadisce il sindaco di Viggianello, Corraro – e messa in piedi all’interno di una campagna di promozione che va sotto il nome di “Pollino: il paradiso delle ciaspole” e che favorirà il rilancio turistico dell’area del Pollino anche nella stagione invernale”
L’appuntamento sarà dunque fissato per il periodo 12, 13 e 14 Dicembre 2014. Tutte le info su www.fierapollino.it – www.ttlp.it

Manifesto Ufficiale TTLP

ott 302014
 

uIl cartellone “Autunno a Calvello 2014” si chiude con un fine settimana dedicato alla musica. Venerdì 31 ottobre, in Piazza Falcone dalle ore 18:00 si esibirà la Banda musicale Città di Calvello, seguita dallo spettacolo del gruppo folcloristico locale “Li Fainzar”. Sabato 1 novembre, alle ore 18:30, l’Orchestra a Plettro “Domenico Manfredi” della città di Avigliano, terrà un concerto di mandolini, mandole e chitarre nella Chiesa Madre S. Giovanni Battista.
Per tutto il fine settimana il centro storico è allestito da stand di prodotti enogastronomici e di artigianato locale, inoltre è possibile visitare le chiese e il patrimonio artistico accompagnati dalle guide dell’Associazione Promozionale Arte e Territorio.

LOCANDINA_programma AUTUNNO A CALVELLO

lug 292014
 

Grazie al Comune di Lauria, alla Proloco, alla Parrocchia di San Nicola e agli Amici del Teatro, il 28 luglio 2014 nella chiesa madre di San Nicola Pietro Sarubbi ha portato in scena un suo monologo su San Pietro dal titolo “Seguimi”. Assai preziose sono state le interpretazioni di antichi canti religiosi tradizionali da parte del coro parrocchiale di Pecorone di Lauria.

L’intervista a Pietro Sarubbi

La presentazione di mons. Iacovino, l’esibizione del coro parrocchiale di Pecorone di Lauria, brevissimo frammento del monologo su gentile concessione dell’autore, i saluti finali