Flash Feed Scroll Reader
nov 122015
 

Lauria aderisce all’evento “Mater@Mythos: l’arte di vivere una vita che vale”.
Dalla città del Beato Lentini partirà infatti, l’11 novembre, la prima tappa del “Cammino per una vita che vale” che arriverà il 15 novembre a Matera. L’iniziativa, promossa dall’associazione “La Compagnia del Leone”, rientra nell’ambito del Programma regionale di Turismo Emozionale (coordinato dall’architetto Tomangelo Cappelli dell’Ufficio Sistemi Culturali e Turistici della Regione Basilicata) dal titolo “Viaggio al cuore della vita”, che mira a fare della nostra Terra un luogo ideale dove trovare i valori della vita, indispensabili per “Vivere una vita che vale”.
E’ stata scelta la città di Lauria in quanto capofila dell’Unione dei Comuni del Lagonegrese e proprio per questo alla manifestazione di apertura saranno invitati i sindaci della zona. Oltre alla partecipazione istituzionale, sarà presente una rappresentanza delle scuole locali e del mondo associativo.

Questo il programma dell’evento:

Mercoledì 11 novembre
Partenza alle ore 8:00 da Lauria, Piazza San Giacomo e arrivo a CastelSaraceno
Giovedì 12 novembre
San Chirico Raparo-Aliano
Venerdì 13 novembre
Aliano-Craco Vecchia
Sabato 14 novembre
Craco Peschiera-Miglionico (Riserva di San Giuliano)
Domenica 15 novembre
San Giuliano-Matera (arrivo previsto alle 12:30)

Domenica 15 novembre, un autobus porterà amici e sostenitori da Lauria a San Giuliano, per chi vorrà percorrere l’ultima tappa a piedi fino a Matera. Nella Capitale della Cultura 2019 i camminatori saranno accolti dal sindaco De Ruggieri. Subito dopo visita ai Sassi e alle Chiese Rupestri di Matera.

Questo itinerario intende rilanciare concretamente un modello di programmazione turistica che, attraverso un viaggio emozionale ed eco-sostenibile, possa mettere in sinergia Matera Capitale con tutti i borghi lucani.

camminatori
I camminatori di Lauria fotograti da Pasquale Crecca

nov 022015
 

La Ola, Organizzazione lucana ambientalista,rende noto che l’Appenine Energy con sede legale a Matera, via XX Settembre 45, con istanza del 7 Ottobre scorso pubblicata sul BUIG dello stesso mese (Bollettino Ufficiale Idrocarburi e Geotermia) ha rinunciato all’istanza di permesso idrocarburi “Tardiano”.Essa riguardava 212,76 Kmq in gran parte situati nel parco nazionale dell’Appennino Lucano e quelli limitrofi ai parchi del Vallo di Diano e del Pollino, tra il Vallo di Diano (Campania) e la Val d’Agri (Basilicata). Un territorio che comprendeva ben 10 Comuni (2 nel Vallo di Diano: Montesano sulla Marcellana e Casalbuono; 8 in Basilicata: Grumento Nova, Lagonegro,Moliterno, Sarconi, Tramutola, Castelsaraceno, Spinoso e Lauria).

Nello stesso BUIG – informa la Ola – la società petrolifera materana ha invece acquistato le intere quote dei permessi idrocarburi “Monte Negro” provincia di Matera (Stigliano, Craco, Aliano, Tursi, San Mauro Forte, Ferrandina) e “Torrente Alvo” ( Tolve, Oppido L.,Vaglio di B. e San Chirico N.),in provincia di Potenza , in precedenza possedute dalla Società Apennine Oil & Gas S.r.l. a seguito della fusione mediante incorporazione di questa società all’Appenine Energy SpA. Nel permesso di ricerca “Torrente Alvo” Il progetto prevede l’approntamento della postazione sonda e la perforazione del pozzo esplorativo denominato “Strombone 3 Dir” situato nel comune di Tolve a poca distanza del centro abitato.

Sull’istanza”Tardiano” – fa rilevare la Ola – mentre si erano registrate le opposizioni dei comitati lucani e campani e quelle dei comuni del Vallo di Diano, non aveva ricevuto quella dei comuni lucani, rimasti in silenzio. Con la decisione assunta dalla società petrolifera materana per l’istanza idrocarburi “Tardiano”, l’interesse della stessa sembra dunque rivolgersi oggi verso altri permessi di ricerca idrocarburi di cui la società petrolifera risulta unica titolare in Basilicata.
petrolio-basilicata1

gen 062015
 

Il Costituente Comitato Lauria Ambiente Salute organizza, in giorno 7 Gennaio 2015 (dalle ore 18.00 alle ore 21, PRESSO ASSOCIAZIONE OFFICINE MECCANICHE, via Caduti VII Settembre 1943, n.31, Lauria –PZ), l’incontro informativo “L’ALTRA FACCIA DEL PETROLIO”.

Dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico (DIREZIONE GENERALE PER LE RISORSE MINERARIE ENERGETICHE) risulta che la società Apennine Energy ha difatti presentato (nel 28.02.2013) l’istanza di ricerca in terraferma denominata “TARDIANO”. Tale istanza interessa una superficie di ben 212,76 Kmq e riguarda i comuni di Grumento Nova, Lagonegro, Moliterno, Sarconi, Tramutola, Castelsaraceno, Spinoso e Lauria per la regione Basilicata, e i comuni di Casalbuono e Montesano sulla Marcellana per la regione Campania.

Al momento l’istanza di permesso è in fase istruttoria Pre-Cirm (ultimo dato visibile sul suddetto sito web risale al 4 Aprile 2014: “RICHIESTA DOCUMENTAZIONE” per Interlocutoria da Reg. Basilicata a Soc.).

Ad oggi solo il Comune di Casalbuono, il Comune di Montesano sulla Marcellana e l’Associazione No Triv hanno inviato parere contrario a tale istanza.

Dal 28 Febbraio 2013 non è stata fatta alcuna comunicazione ai cittadini. Quindi è attraverso questo incontro che noi ci auguriamo di dare una INFORMAZIONE CORRETTA a tutta la comunità del Lagonegrese, che merita di sapere quali siano le conseguenze e i rischi dovuti all’attività estrattiva.

Sono stati invitati tutti i sindaci dell’area del Lagonegrese (Lagonegro, Lauria, Maratea, Latronico, Rivello, Trecchina, Castelsaraceno, Nemoli), i sindaci di Casalbuono e Montesano sulla Marcellana e le principali testate giornalistiche della Basilicata.

A questo proposito, interverranno professionisti che hanno già divulgato questo genere di informazioni in precedenti e simili manifestazioni:

TERENZIO BOVE – Agronomo e Dott. Sulla ricerca di produttività delle piante coltivate

“Impatto delle estrazioni petrolifere sull’Agricoltura”;

ALBINA COLELLA – Professore Ordinario di Geologia presso l’Università degli Studi della Basilicata

“Impatto ambientale del petrolio in Basilicata e responsabilità”;

GIUSEPPE DI BELLO – Funzionario Commissione Bicamerale Ecomafie

“Quando le Istituzioni sono complici”;

MELE GIAMBATTISTA – Medico ISDE Basilicata

“Estrazioni petrolifere ed impatto sulla salute”;

PIERNICOLA PEDICINI (in video) – Ricercatore Esperto in Fisica medica presso il Dipartimento di Radioterapia e Medicina nucleare dell’Ospedale Oncologico Regionale di Rionero In Vulture

“Impatto economico-sanitario delle estrazioni petrolifere”.

Costituente Comitato Lauria Ambiente Salute

petrolio-basilicata1