BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Lug 012018
 

Al via i corsi on line del progetto “Long Life Welfare: il volontariato a supporto della tutela e dell’autotutela”, iniziativa promossa dalle associazioni Anolf Cisl e Anteas Cisl e dal Centro Studi e Ricerche Idos con il contributo della Fondazione con il Sud, per la formazione di 30 operatori sociali di prossimità. Obiettivo del progetto è creare una rete di volontari per favorire l’accesso alle prestazioni socio-assistenziali alle due fasce più in crescita della società meridionale: pensionati e immigrati residenti. In Basilicata, infatti, risiedono oltre 126 mila persone over 65 e quasi 21 mila immigrati, stabilmente integrati nel tessuto sociale e lavorativo della regione, cittadini però non sempre consapevoli dei propri diritti previdenziali. Sei le regioni coinvolte (Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna) per un totale di 500 operatori da formare. Per il segretario generale aggiunto della Cisl Basilicata, Gennarino Macchia, “si tratta di una meritevole iniziativa per diffondere informazioni corrette e rendere concretamente fruibili le prestazioni sociali offerte dallo Stato italiano attraverso una rete di operatori sociali adeguatamente addestrati. In una società sempre più anziana e multiculturale – conclude il sindacalista della Cisl – solo attraverso una corretta informazione si può concretamente realizzare la piena cittadinanza delle fasce sociali più deboli”.

Apr 262018
 

“Equipro e nuova rottamazione” e “Nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali” saranno gli argomenti del convegno e del corso organizzati dall’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Sala Consilina che si terranno il 2 maggio 2018 dalle ore 15:30 alle ore 19:00 a Teggiano presso il Convento Santissima Pietà in via Largo Santissima Pietà.

Dalle ore 15:30 alle ore 17:30 si terrà il convegno sul tema “Equipro e nuova rottamazione” organizzato in collaborazione con l’Agenzia Entrate Riscossione che avrà come relatori il dott. Emiliano Amodeo Responsabile Servizi Regionali Contribuenti Regione Campania Agenzia Entrate Riscossione ed il dott. Gianfranco Valvano dell’Agenzia Entrate Riscossione.
Durante la sessione dei lavori si affronteranno tematiche relative all’Adesione agevolata – “Rottamazione bis” regolata dal D.L. 148/2017 E 172/2017 e si illustrerà, altresì, l’utilizzo delle corrette procedure della piattaforma EQUIPRO.
Il Convegno nasce dall’esigenza di un aggiornamento professionale continuo mirato e per favorire
l’acquisizione di maggiori competenze degli Iscritti in ordine ai rapporti tra Commercialisti ed Enti
attraverso le corrette procedure di Equipro nonché l’utilizzo proficuo della Rottamazione regolata dal D.L. 148/2017 E 172/2017, in modo da contribuire ad una maggior collaborazione tra professionisti ed Enti in attuazione di una auspicabile proficua compliance tra Fisco e Contribuente.

Dalle ore 17:30 alle ore 19:00 si terrà il corso sul “Nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali” che avrà come relatore il dott. GianPaolo Di Zeo.
Evoluzione della Privacy, il GPDR, i principi generali del trattamento, i diritti dell’interessato, il principio dell’accountability, le diverse figure previste dal Regolamento e i profili di responsabilità, il registro delle attività di trattamento e la valutazione dei rischi saranno gli argomenti trattati.

Per la partecipazione a ciascun evento è previsto il riconoscimento di 2 crediti formativi.

Per informazioni è possibile contattare la segreteria dell’ODCEC di Sala Consilina al numero 0975521440 oppure inviando una email all’indirizzo info@odcecsalaconsilina.it

Mar 202018
 

I temi della legalità e della cittadinanza Attiva trovano una sponda importante nel Ministero dell’Istruzione, della Università e della Ricerca che stimola le scuole ad un impegno concreto e costante.
L’Istituto d’Istruzione Superiore “Carlo Pisacane” di Sapri ha promosso per il prossimo 23 marzo, a partire dalle ore 11.00 presso il Cineteatro “Ferrari”, un seminario ispirato dal Piano Nazionale sull’Educazione al Rispetto, alla Prevenzione e Contrasto del Cyberbullismo nelle scuole.
L’Istituto è da tempo impegnato in un certosino lavoro di sensibilizzazione degli studenti e delle famiglie, verso le nuove emergenze educative. Grazie alla lungimirante opera del Dirigente Scolastico professoressa Franca Principe, l’istituto del golfo di Policastro coglie ed approfondisce quotidianamente i temi stringenti che emergono da un contesto sociale in rapida trasformazione.
Il confronto vedrà la partecipazione di illustri personalità a partire da Luisa Franzese Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania; Emiliano Mistrulli Giudice del Tribunale per i minorenni di Potenza approfondirà la “Tutela dell’imputato minore”; Ciro Grimaldi Assistente Capo della Polizia Postale di Salerno illustrerà l’argomento del “Reato di Cyberbullismo”; don Tonino Palmese presidente della Fondazione ‘Polis’ esporrà invece il tema della “Rieducazione e risocializzazione nel carcere”. Le conclusioni saranno affidate a Domenico Ciruzzi avvocato penalista, presidente della fondazione ‘Premio Napoli’.
La manifestazione che vedrà l’introduzione del Dirigente Scolastico professoressa Franca Principe, ha avuto l’adesione convinta del sindaco di Sapri Antonio Gentile che parteciperà ai lavori.
Nel corso dell’intensa mattinata sono previsti anche una serie di interventi da parte degli studenti che già nella fase preparatoria della manifestazione hanno espresso particolare sensibilità al tema.

Mar 162018
 

Continuano gli incontri per sollecitare la Regione Campania affinché porti in Consiglio regionale, la delibera per indire il referendum popolare sulla Città Vallo di Diano.
Il Comitato per il Sì, dopo le tappe di Polla, Sala Consilina, Teggiano e Montesano, Sassano e Padula e Sant’Arsenio, si sposta ad Atena Lucana, con l’appuntamento di venerdì 16 Marzo alle ore 19:45 presso il Magic Hotel di Atena Lucana
Previsti gli interventi del moderatore Don Vincenzo Gallo, Colombina Marino direzione del Magic Hotel, Nicola Ammaccapane imprenditore, Vincenzo Di Stefano presidente Cooperativa Orti di Sala, Sebastiano Tanzola Consiglio Ordine Avvocati di Lagonegro, Stefano Antonello Aumenta Funzionario BCC Cilento, Sassano, Vallo di Diano e Lucania, Carmine Palladino ingegnere, Antonio Santarsiere consiglio direttivo Fondazione Luigi Curto e Carmelo Bufano firmatario del Progetto Comune Unico Vallo di Diano.

Mar 132018
 

Il 12 marzo 2018, alla fine di uno spigoloso Consiglio Comunale su materie economiche incandescenti, la sala consiliare di Lagonegro è stata la sede di un approfondito e vibrante confronto tra cittadini alla presenza degli amministratori della città.
Ha preso la parola il leader del Comitato pro-nuovo Ospedale di Lagonegro l’ing. Pietro Mango che senza giri di parole è andato subito al cuore del problema: la difesa della sanità a Lagonegro è una battaglia di civiltà. Da alcuni carteggi emerge che c’era chi già sapeva che l’Ospedale nuovo in località Cappella non si sarebbe mai costruito. Questa notizia occultata, ma presente nelle documentazioni ufficiali, è molto grave. Per Mango il sindaco Pasquale Mitidieri era a conoscenza della vicenda. L’esperto coordinatore del comitato ha utilizzato la metafora del ‘cavallo di Troia’ per spiegare al folto pubblico quello che è avvenuto a Lagonegro. “Vi è stato un vero e proprio tradimento. Ci hanno divisi, E’ stato un raggiro”. Mango ha rincarato la dose: “C’è chi ha avuto l’abilità di confondere le lingue, come in una gigantesca torre di babele”. Per l’ingegnere la cosa ancora più grave è che in un Piano Sanitario regionale confuso, ognuno sta cercando di portarsi via “una mollica”. Mango ha messo in evidenza la spoliazione della città. Anche gli uffici regionali presto verranno smantellati… e i giovani continueranno ad emigrare.
Pierino Mango ha poi salutato con soddisfazione l’inizio dei lavori legati alla ristrutturazione dell’Ospedale ma ha già ravvisato una incredibile contraddizione: si sta costruendo una paratia su una paratia preesistente, a dimostrazione di reiterate sottovalutazioni tecniche. Mango ha concluso il suo primo intervento auspicando l’unità della popolazione come unica arma per ridare a Lagonegro quello che ‘è’ di Lagonegro.
E’ intervenuto l’avvocato Raffaele Siervo che ha spiegato l’allarme degli ultimi giorni legato alla trasformazione di un servizio h24 alla “sola” reperibilità notturna. In pratica alcuni servizi tecnologici (caldaie ed impianti) avevano del personale sempre presente nell’Ospedale di Lagonegro. Ora, dalle 22 fino alla mattina successiva, le maestranze dovranno essere chiamate a casa se accadrà un’emergenza. Per Siervo, ma non solo per lui, questo è un altro segnale dell’allentamento dell’attenzione verso l’Ospedale di Lagonegro. Per l’avvocato bisogna smetterla di dividersi sulle etichette (“Io sono amico di Domenico Mitidieri e ne sono onorato, ma questo non significa nulla”) …bisogna essere uniti e compatti. Su questa impostazione Siervo ha chiesto, ed ha trovato, il massimo ascolto da parte del governo cittadino, soprattutto negli ultimi giorni. L’esperto professionista ha poi ‘toccato’ la questione del sindaco Pasquale Mitidieri che certamente con la presenza potrebbe dare maggiore autorevolezza alla battaglia (su questo aspetto, già nel corso della seduta del Consiglio Comunale, Domenico Mitidieri aveva criticato duramente e con ironia l’atteggiamento politico del dottor Mitidieri… “Si va al lavoro, si partecipa alle messe, al carnevale, alle riunioni politiche… ma poi si è impediti a partecipare ai Consigli Comunali!”) .
Siervo ha anche affrontato la questione delle Risonanza magnetica. E’ stato acquistato uno strumento per la struttura di Lauria del costo di 250 mila euro, ma oltre l’apparecchio quello che è pericoloso per Lagonegro è che si parla sempre meno della sua centralità rispetto proprio a Lauria.
La sensazione per Siervo è che alcune vicende si stanno consumando per “vendetta”. Perciò va presa una posizione forte: “Prima Lagonegro. Basta al torpore culturale nel quale siamo stati immersi! Non dobbiamo avere paura (citazione di Papa Giovanni Paolo II) , ce la possiamo fare!” ha affermato l’avvocato, riscaldando la platea.
L’altro tema evidenziato è stato l’’accorpamento’ dell’Ospedale di Lagonegro al San Carlo. Per tutti gli intervenuti è questo l’errore abissale commesso dalla classe politica e sanitaria. E’ stato davvero un frutto avvelenato. Mentre Lauria, Maratea e Chiaromonte non hanno più problemi e crescono, l’Ospedale di Lagonegro, insieme a quello di Villa d’Agri e Melfi, hanno difficoltà e ne avranno sempre di più perche verranno fagocitati, un pò per volta, dal San Carlo.
Il confronto si è arricchito anche della riflessione della dottoressa Leone che lavora proprio nell’Ospedale di Lagonegro. Per la professionista è difficile che si possa tornare indietro dal San Carlo, bisogna perciò difendere con i denti quello che si ha. Il reparto trasfusionale è stato al centro di alcuni passaggi preoccupati (sarà ridotto o chiuso?) nel corso del dibattito. Leone ha anche evidenziato che nella struttura lagonegrese mancano medici.
La professoressa Giuseppina Flora ha preso la parola evidenziando che la Regione deve tornare indietro; Lagonegro deve svincolarsi dall’abbraccio mortale del San Carlo. Bisogna rivedere il Piano che nel 2017 ha generato 5 milioni di euro di emigrazione sanitaria in più, dunque questa programmazione non sta dando grandi risultati.
Enrico Spera ha ribadito la debolezza nel non avere un sindaco eletto dal popolo accanto ai cittadini in un momento difficile come questo. Ha auspicato che ai documenti, che potrebbero anche non servire molto, debbano seguire azioni di lotta concrete.
Rodolfo Oranges, in modo accorato, ha spinto tutti all’impegno: Lagonegro è in crisi, vede la sanità arretrare cosi come la presenza scolastica. Per Oranges si sta cadendo in un precipizio. Bisogna dar vita ad una battaglia vera. Non va sprecato quello che è stato conquistato dalle generazioni precedenti con grandi sacrifici.
Per l’assessore Antonio Fiore non era una cattiva idea ipotizzare l’Ospedale di Lagonegro come un piccolo San Carlo, soprattutto se si pensa alla qualità. Purtroppo non è stato così. Lagonegro rischia la spoliazione. Occorre anche chiarirsi con Lauria dando vita ad un vero e proprio negoziato. Va ribadita la centralità di Lagonegro. Non si deve rimanere inermi. Per Fiore si sta facendo la politica del carciofo per Lagonegro: si toglie una foglia alla volta. Non è più possibile che ciò accada.
Domenico Mitidieri, già sindaco della città, è intervenuto evidenziando che il riordino sanitario ha creato tutta una serie di disparità. Il Distretto della Salute di Lauria doveva partire solo dopo la posa della ‘prima pietra’ del nuovo ospedale di Lagonegro. Così non è stato. Vi è stata una grande scorrettezza. La città di Lagonegro è baricentrica per natura, ora si vuole sovvertire questo principio. E’ Lagonegro che può frenare l’emigrazione sanitaria e può calamitare pazienti dalla Calabria e dalla Campania. L’avvocato Mitidieri ha ripercorso le grandi battaglie per il tribunale ed ha concluso: …“un tempo il collegio elettorale faceva riferimento a Lagonegro…ora è Lauria-Potenza. Non si può sopportare più quello che sta accadendo”.
Antonio Laino in modo chiaro ed esplicito ha evidenziato che la responsabilità di tutto è dei Pittella e della loro politica che sta mettendo in difficoltà Lagonegro. E’ ora di dire basta.
L’assessore Maria Di Lascio ha chiesto unità e l’impegno comune per la crescita ed il lavoro a Lagonegro.
L’intervento del vicesindaco Giuseppe Sabella è stato vibrante: basta alla spoliazione della città che sta andando avanti da 20 anni. Enel, Telecom, Carcere, Ufficio postale ridimensionato, Tribunale a rischio continuo che può creare problemi anche al mantenimento della Tenenza dei Carabinieri e della Polizia Stradale… non è più possibile assistere a tutto ciò. Bisogna ritrovare l’orgoglio di essere lagonegresi. Bisogna evitare i rancori e le spaccature. Nessun baratto si può fare sulla centralità della città. In tutte le altre strutture sanitarie si stanno spendendo milioni di euro. Occorre subito un Consiglio Comunale aperto. Bisogna vigilare su quello che si ha, mantenerlo e potenziarlo; al tempo stesso va continuata la battaglia per la costruzione del nuovo ospedale sul nuovo sito individuato.
L’ingegnere Mango ritorna sull’ospedale nuovo: il Comune deve velocizzare gli atti per la variante urbanistica, bisogna capire che ospedale si farà, reparto per reparto, specializzaizone per specializzazione. Cosa significa Ospedale di base? Ecco perché è importante che si ridiscuta il Piano sanitario. Sono stati ‘mossi’ sul territorio dei servizi sanitari… questi spostamenti possono creare dei nuovi equilibri tendenti ad escludere e a ridimensionare l’Ospedale di Lagonegro. Questo non dovrà avvenire, si è pronti, nell’unità, ad ogni battaglia.

Gen 112018
 

L’11 gennaio 2018 nell’accogliente e prestigioso Cine-teatro Ferrari di Sapri si è svolto un seminario di studi dal titolo “Rete e democrazia, politica, informazione e Istruzione” organizzato dall’ISS ‘Carlo Pisacane’. All’evento ha partecipato la Dirigente Scolastica del ‘Pisacane’ Franca Principe, il Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale Campania Luisa Franzese, il Sindaco di Sapri Antonio Gentile, il Senatore Luis Alberto Orellana, la Professoressa Gina Claudia Hassan. Gli studenti si sono confrontati con gli esperti ponendo quesiti ed offrendo validi spunti di discussione.


La conferenza


Le interviste: Antonio Gentile, Luis Alberto Orellana, Claudia Hassan, Luisa Franzese, Franca Principe

fff

Set 232017
 

Nel cuore del Mezzogiorno, tra Lucania, Calabria e Campania tre parchi nazionali (Appennino, Cilento e Pollino) aprono i loro orizzonti al visitatore o al turista interessato non solo alla natura, quanto alla storia, all’archeologia, alla realtà di queste terre piene di fascino. Il 22 settembre 2017 il giornalista ha presentato il suo nuovo libro a Lauria.

Ago 302017
 

Lo scorso 4 agosto, complice la calura estiva e forse la voglia di andare presto a mettere i piedi a mollo in una rovente estate lucana, con delibera n. 876 la Giunta regionale della Basilicata ha individuato i due territori da candidare a zona economica speciale: Ferrandina e Galdo di Lauria. Questa scelta, priva di una visione strategica di sviluppo, ha incontrato da subito critiche provenienti da più parti. Sindacati, sindaci, consiglieri regionali, hanno sollevato dubbi circa il metodo utilizzato dall’esecutivo lucano per addivenire alla soluzione proposta in delibera evidenziando e denunciando la mancanza totale di confronto con i rappresentanti istituzionali dei territori e il mondo imprenditoriale.
Al netto delle polemiche relative ai due siti, restano una serie di quesiti difficili da sciogliere, il caldo si sa partorisce pensieri più vacanzieri o, a detta dei malpensanti, atti destinati a passare in sordina complici le canzoni estive, le ciabatte, la sabbia, il mare.
Innanzitutto problemi formali: perché tanta fretta nell’approvare il 4 agosto i risultati preliminari di uno studio effettuato dall’Osservatorio Banche Imprese e depositato in regione il giorno prima?
Perché affrettarsi, sempre il 4 agosto si badi bene, se il decreto sulle Zes è stato convertito in legge solo il 2 agosto e pubblicato in Gazzetta ufficiale il 12? Perché non aspettare i decreti attuativi che saranno pronti non prima di metà ottobre?
Occorre evidenziare, poi, che la legge sulle zone economiche speciali, cornice normativa per la concessione di procedure amministrative semplificate e agevolazioni fiscali alle imprese che decidono di investire e mantenere la loro attività per almeno sette anni in aree ben definite, limita tali benefici a zone che comprendano almeno un’area portuale collegata alla rete transeuropea dei trasporti o aree territoriali non direttamente adiacenti ma che abbiano comunque un nesso funzionale con i porti TEN- T. La Basilicata non avendo aree portuali di questo tipo, dunque, dovrà far perno sulle regioni limitrofe, Puglia e Campania. E’ possibile pensare di non concertare con le regioni interessate una visione comune che definisca un piano strategico condiviso?
Ad accrescere i dubbi è poi il totale silenzio in merito alla zona franca energetica. 110 delibere di altrettanti consigli comunali aspettano ancora una risposta dal governo regionale. 110 comuni che si vedono esclusi dall’opportunità fornita dalle ZES e ignorati in merito alla zona franca che avrebbe il vantaggio di rendere competitiva e attrattiva tutta la regione e non solo parti di essa.
La solitudine della delibera di agosto e delle decisioni che riguardano opportunità così importanti per la nostra regione non sembra un metodo accettabile e appare anche poco rispettoso di coloro che si spendono da anni sui temi oggetto della legge e che meritano un coinvolgimento. L’idea di sviluppo della Basilicata non può essere decisa nell’isolamento delle stanze della giunta regionale.

Movimento Basilicata Zona Franca

basilicata

Apr 152017
 

Toscana tre volte sul tetto d’Italia, un acuto del Lazio
I titoli Juniores, Giovanissimi e femminile vanno ai toscani, Giovanissimi al Lazio
Trento.Si abbassa il sipario sulla 56^ edizione del Torneo delle Regioni di calcio a undici in Trentino #tdr2017, la manifestazione che coinvolge tutti i calciatori e calciatrici dell’Italia dilettantistica dai 14 ai 23 anni. La Toscana centra uno storico tris conquistando i titoli nelle categorie Juniores, Giovanissimi e Femminile. Il Lazio si prende il titolo Allievi. Le finali Juniores e Femminile sono andate in scena nella bella cornice di pubblico presente allo Stadio Briamasco di Trento. Caloroso anche il tifo a Borgo Valsugana dopo si sono giocate le finali Giovanissimi e Allievi.

Hanno premiato le otto squadre finaliste il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia, il numero uno del CPA Trento Ettore Pellizzari, i Vice Presidente LND Area Nord e Centro Flavio Zanon e Fabio Bresci, il Consigliere Federale Karl Rungger, Il Segretario LND Massimo Ciaccolini, il Segretario Dipartimento Calcio Femminile Patrizia Cottini. Presenti il Presidente del CR Toscana e del CPA Bolzano Paolo Mangini e Paul Georg Tappeneir. A visionare i giocatori per tutto il torneo i selezionatori delle Rappresentative Nazionali Serie D, LND U17 e U18 Augusto Gentilini, Fausto Silipo e Francesco Statuto.

Cosimo Sibilia ha premiato tutte le categorie:” Con orgoglio ho vissuto il mio primo Torneo delle Regioni nella veste di Presidente di un movimento dinamico e vivace come quello della Lega Nazionale Dilettanti. Abbiamo festeggiato il futuro del calcio LND nel migliore dei modi grazie ad una macchina organizzativa che ha funzionato a pieno regime. Merito del CPA Trento e di tutte le istituzioni e persone che hanno dato il loro contributo per la buona riuscita di un evento unico in Italia”.

La Juniores Toscana conquista il titolo per la seconda volta consecutiva e ribadisce il proprio dominio nella categoria davanti a un Lazio che non ha affatto demeritato. I ragazzi di Uberto Gatti hanno vinto per 2-1 al termine di una partita ricca di emozioni. La sfida si decide fin dai primi minuti, al 9’ Trippa, fino alla finale uno dei più decisivi, si fa parare un rigore che avrebbe potuto cambiare l’inerzia della gara. Non sbaglia la Toscana con Khtella che al 40’ porta avanti i suoi. Al 18’st altro rigore per la squadra di Ippoliti, stavolta è Fontana ad andare sul dischetto e pareggia i conti. Il caldo e le sette partite in sei giorni si fanno sentire sulle gambe dei ragazzi. La partita procede a singhiozzo ed 28’st un altro episodio decide la gara. La Toscana al 28’st si procura un rigore che Khtella trasforma con freddezza. L’attaccante della Sinalunghese segna la sua quarta rete nel torneo, la più importante, quella che assegna il titolo alla Toscana.

Lazio allievi campione d’Italia! Questo il verdetto espresso dal campo di Borgo Valsugana, dove la formazione di Antonio Macidonio riscatta la sconfitta dello scorso anno e conquista la coppa battendo per 2-0 la Campania. I gol arrivano uno per tempo, entrambi al primo dei minuti di recupero. A metterla dentro capitan Menniti e Russo. La Campania comunque può consolarsi con un traguardo che mancava da tanti anni. Primo tempo quasi tutto di marca laziale con diverse occasioni capitate sui piedi di Ceccarini, De Marchis e Kone (traversa colpita da quest’ultimo su calcio di punizione). Anche la Campania riesce a produrre qualche situazione pericolosa, soprattutto con Nunziante, ma è la formazione di Macidonio a trovare il meritato vantaggio al 41’pt col suo capitano Menniti. Secondo tempo che inizia sulla falsa riga del primo, con Gazzaneo che cambia qualcosa negli undici per cercare di rendere più incisiva la sua squadra. Tuttavia non è semplice superare il muro eretto dalla retroguardia laziale, sempre molto attenta nel leggere le situazioni. La Campania tenta il tutto per tutto per acciuffare l’agognato pareggio ma neanche il cuore basta per buttarla dentro. Operazione che invece riesce nuovamente agli uomini di Macidonio e ancora nei minuti di recupero, questa volta a firma Nicolò Russo che chiude definitivamente i conti.

E’ la Toscana la vincitrice del Torneo delle Regioni 2017 categoria giovanissimi. La selezione guidata da Roberto Chiti, tornata in vetta alla categoria dopo il 2003, porta a casa la coppa battendo il Lazio 2 a 1 in una finale elettrizzante che ha vissuto i suoi momenti più emozionanti negli ultimi quattro minuti: Svidercoschi illude di portare i suoi ai supplementari al 35’st ma Bonifazi sigla il gol decisivo all’ultimo dei minuti di recupero. Match che era stato sbloccato nella prima frazione di gioco col penalty trasformato da Arigò (al terzo centro nella manifestazione). Grande delusione per il Lazio che vede sfumare il titolo alla seconda finale consecutiva.

La Toscana femminile riscrive la sua storia e torna ad alzare il trofeo dopo quello del 1996. Il CPA Bolzano per il secondo anno di fila si ferma proprio sul più bello. E’ Elisa Menchetti a segnare il gol vittoria al 34’st rompendo l’equilibrio di un match tirato. La giocatrice della Pistoiese si ripete dopo la rete decisiva segnata anche in semifinale.

Un successo le dirette streaming sulla pagina Fabebook ufficiale della Lega Nazionale Dilettanti facebook.com/LegaDilettanti e sul sito ufficiale del torneo torneodelleregioni.lnd.it che hanno raggiunto per le Finali e le Semifinali più di 600.000 persone in media in ogni match. Un crescendo rossiniano se pensiamo che le gare dei gironi avevano raggiunto in media 150.000 utenti e quelle dei Quarti 300.000.

RISULTATI

14 aprile – finali

JUNIORES

Lazio-Toscana 1-2

RETI: 40′ pt e 28′ st rig. Kthella (T), 17′ st rig. Fortuna (L)

LAZIO: Scognamiglio, Bencivenga, Caccia (31′ st Morini), Cerroni, Chiti, Grizzi, Mamarang (36′ st Massaini), Paglia (6′ st Fortuna), Sganga, Trippa, Vassallo. All. Marco Ippoliti

TOSCANA: Eletti, Amerighi (26′ st Marseglia), Botrini, Innocenti (34′ st Quarta), Kthella, Lari, Magelli, Marianelli, Migliorini, Seri, Vecchi (13′ st Bellini). All. Uberto Gatti

ARBITRO: Kovacevic di Arco-Riva (Scifo F. e Mouizina di Trento)

NOTE: spettatori 250 circa. Ammoniti Caccia (L), Trippa (L), Chiti (L), Innocenti (T), Magelli (T), Kthella (T), Marianella (T). Espulso Morini (L) al 38′ st per somma d’ammonizioni

Rigore fallito al 9’pt da Trippa (L) Angoli 3-2 Rec. 1’pt – 5’st

ALLIEVI

Lazio-Campania 2-0

RETI: Menniti 42’pt, Russo 44’st

LAZIO Calisse, Pecci, Ceccarini, Cerroni, Capogna, Angeli, De Marchis, Kone (29’st Micheli), Russo, Dioguardi (38’st Madonna), Menniti (34’st Moretti) PANCHINA Pancotto, Falanga, Follo, Mignanti, Signorello, Tesone ALLENATORE Macidonio

CAMPANIA Bisogno, Calabrese, Attanasio, Muccio, Nunziante (38’st Barricella), Ambrosio (23’st Marino), Iannuzzi, Palumbo, Esposito (1’st Filosa), Gravina, Petito (1’st Calone) PANCHINA Liguori, Russo, Tessitore, De Stefano, Domanico ALLENATORE Gazzaneo

ARBITRO Ismail di Rovereto

NOTE Ammoniti Menniti, Ceccarini Angoli 3-10 Rec. 2‘pt – 4‘st

GIOVANISSIMI

Toscana-Lazio 2-1

RETI: 13′ pt rig. Aricò (T), 37′ st Svidercoschi (L), 40′ st Bonifazi (T)

TOSCANA (3-5-2): Tortelli; Francalanci, Gabbrielli, Marconi; Carrara, Patti, Pecci (12′ st Borgognoni), Giannini, Sauro (31′ st Paolantoni); Arigò (7′ st Manfredi), Perlongo (17′ st Bonifazi). All. Roberto Chiti

LAZIO (4-3-1-2): Conte; Galardi (29′ st Bruschi), Macrì, Battistelli, Lombardo (7′ st Marino); Santi (31′ st Pansera), Canciani, Carbone (7′ st Pigliapoco); Consoli (26′ st Di Battista); Coccia (5′ st Svidercoschi), Morelli (21′ st Formiconi). All. Gianfranco Pesci

ARBITRO: Calvara di Trento (Capogrosso e Dean di Trento)

NOTE: ammonito: Galardi (L). Angoli: 3-1 per la Toscana. Recupero: 1’+7′

FEMMINILE

CPA Bolzano-Toscana 0-1

RETI: 34’ st Menchetti

CPA BOLZANO: Graus, Bielak, Gerstgrasser, Kerschdorfer (1’ st Reiner), Kiem, Kuenrath (9’ st Baldessari), Ladstätter, Maloku, Moser, Ranigler (35’ st Klotz), Schwienbacher (32’ pt Santin). All. Paola Leoni

TOSCANA: Sacchi, Aliaj, Ceccarelli, Cosi C., Gnisci (18’ st Monnecchi), Lotti, Mariani, Menchetti (38’ st Buratti), Pantani, Sidoni, Tamburini. All. Simone Maccari

Arbitro: Denise Perenzoni di Rovereto (assistenti Piras di Trento e Borz di Rovereto)

Note: spettatori 200 circa

Toscana Juniores Campione d'Italia al TDR
La Toscana squadra vincitrice

Feb 182017
 

Al Cine-Teatro Ferrari di Sapri, è stato presentato il 17 febbraio 2017, il progetto, finanziato dalla Regione Campania, “Scuola Viva”, della rete guidata dal Polo liceale ” Carlo Pisacane, diretta dalla professoressa Franca Principe. Il progetto, suddiviso in otto laboratori, alcuni dei quali gia’ avviati con successo, si caratterizza per la stretta sinergia tra scuole, universita’, associazioni culturali ed imprese.


I lavori della mattina


Le interviste: Fabrizio Sirignano, Franca Principe

scuola