BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Gen 172018
 

La Città di Montescaglioso, con l’edizione 2018 del Cucibocca, nonostante la contemporanea presenza a Matera ed in paesi limitrofi di molti altri importanti eventi, ha fatto il pieno di visitatori e turisti. Un interesse che non viene dal caso ma da un lavoro di promozione svolto di concerto tra l’Amministrazione Comunale, la Pro Loco, l’UNPLI, la rete delle maschere antropologiche lucane ed il Centro di Educazione Ambientale. Ed è proprio dal gennaio dello scorso anno che il Cucibocca, per la prima volta, partecipando al Campanaccio di San Mauro Forte varca i confini di Montescaglioso ottenendo un grandissimo successo. Da Giugno 2017 il Cucibocca è in mostra nel padiglione Basilicata in vetrina presso il Parco della Grancia e ci resterà anche nei prossimi anni. Basti pensare che nei soli mesi estivi sono state registrate 25.000 presenze, un dato di notevole importanza.
Ad ottobre il Cucibocca, grazie al lavoro dell’UNPLI Basilicata e della Pro Loco Montescaglioso, è ospite d’onore al primo festival delle Pro Loco Venete a Piazzola sul Brenta dove si sono riunite tantissime Pro Loco italiane e tutti i comitati UNPLI D’ITALIA.
Per l’evento del 5 gennaio 2018 a Montescaglioso hanno sfilato: la Pro Loco, il Centro di Educazione Ambientale/CooperAttiva e gruppi di giovani che, per la prima volta, si sono cimentati in “proprio” nella partecipazione all’iniziativa. La Pro Loco ha organizzato la vestizione del gruppo nella Sala del Capitolo dell’Abbazia di S. Michele. Il gruppo CEA/CooperAttiva è tornato all’antica consuetudine della vestizione in una grande cantina di Porta S. Angelo, “La Tana del Cucibocca”. Vari operatori della gastronomia hanno proposto l’offerta di prodotti e degustazioni sul tema dei “Nove Bocconi”. Ritmi ancestrali e della tradizione hanno animato vicoli e piazze: zampogne, ciaramelle, tamburelli e organetti. Il risultato raggiunto è stato possibile grazie alla partecipazione ed al coinvolgimento di numerosi operatori ai quali va il grazie dell’Amministrazione Comunale: la rivista “Mathera” che ha dedicato al Cucibocca un ampio servizio, TRM che nella domenica successiva ha trasmesso un lungo approfondimento dedicato all’evento, Mauro Bubbico ha curato il manifesto/icona del Cucibocca, i fratelli Francesco e Roberto Pietrocola per la disponibilità della cantina “Tana del Cucibocca”, i Briganti Montesi e Rino Locantore che hanno animato strade e piazze con i ritmi della tradizione, Giuseppe Palazzo che ha proposto un intervento di visualart a tema, Michele Giannotta di Montescaglioso.net e gli operatori della ristorazione impegnati nella proposta dei “Nove Bocconi”. Infine, un ringraziamento speciale alla Pro Loco, al Centro di Educazione Ambientale/Cooperattiva, ai gruppi spontanei, al Vice Sindaco Rocco Oliva ed all’Assessore Francesca Fortunato che hanno dimostrato che un’ottima organizzazione in perfetta sinergia può solamente dare lustro alla Città. “La Notte dei Cucibocca”, infatti, conferma la propria capacità quale attrattore identitario tra i più importanti non solo di Montescaglioso ma dell’intera Regione che, non a caso, ha finanziato l’evento.

IL SINDACO
Vincenzo ZITO

cc

Lug 272016
 

“Non sapere che cosa sia accaduto nei tempi passati, sarebbe come restare per sempre un bambino. Se non si fa uso delle opere dell’età passata, il mondo rimarrà sempre nell’infanzia della conoscenza”.
Siamo all’indomani del 1861, nell’Italia post unitaria, ai tempi della cosiddetta “Questione Meridionale”; corruzione, repressione e malcontento sono i termini che compaiono maggiormente nelle pagine di storia dell’epoca. Il Sud di un’Italia ufficiosa, affetto da ingiustizia e analfabetismo, prova a scrivere la storia, la propria storia, in cui i protagonisti non vantano imprese epiche né portano stemmi lucenti sulle divise.
Si tratta del popolo, la massa di uomini e donne ignoranti abituati a dialogare solo con la terra. E fu proprio il grido della loro terra a spingerli all’insurrezione, rendendoli protagonisti di una storia che, fino a quel momento, avevano subito passivamente.
Gli esperti l’hanno definito “fenomeno politico e sociale”, ma, al di là dei luoghi comuni, in pochi sanno cosa significò il brigantaggio per il destino del Meridione. Un capitolo di storia scritto dagli sconfitti, simili a primitivi che peccarono di presunzione credendo di riuscire a sovvertire l’ordine delle cose. Eppure, i briganti avevano una grande dote, quella del coraggio.
Ed è il coraggio il filo conduttore dello spettacolo teatrale “Fuori i Borboni” giunto alla sua quarta edizione nel boschetto di Lucarelli, comune di Latronico. Non attori di mestiere, non professionisti, bensì dilettanti; gente comune, proprio come i briganti autentici.
Lo scopo è quello di raccontare un pezzo del passato che ci appartiene e riguarda da vicino, ambientato proprio nei boschi lucani. Conoscenza, dunque, ma anche intrattenimento, poiché, citando il giornalista Allen Nevins, “se la storia fosse una fotografia del passato sarebbe piatta e poco interessante. Fortunatamente, si tratta di un dipinto; e, come tutte le opere d’arte, non riesce a toccare la verità se non mescolando la fantasia e le idee ai colori”.
Scopo ulteriore della rappresentazione è quello di “esaltare lo spirito critico” degli spettatori, alimentandone la curiosità per saperne di più. Non a caso, infatti, sono stati inseriti riferimenti storici nelle note di regia, per fornire uno spaccato verista e imparziale e permettere al pubblico di sviluppare il proprio punto di vista alla luce dei fatti documentati.
In fondo, il teatro è come la vita, in cui ognuno di noi si trova continuamente in scena a recitare un ruolo e ad indossare una maschera. Consapevoli di ciò, sono ben 21 i volontari che hanno accettato di prestarsi a quest’iniziativa, diretti dal regista Aldo Fortunato:”Ho cercato di dare loro i presupposti fondamentali dell’arte drammatica e valuto positivamente il lavoro svolto”. “Il teatro” continua Fortunato “si basa sulla finzione e, siccome loro non sanno fingere, sono più autentici, più veri; ecco perché non ho voluto colleghi professionisti”.
In una delle sue battute, Serafina dirà:”Sognare non costa nulla” e, in effetti, è proprio ciò che hanno fatto i nostri attori: sognare, per una notte, di essere tornati indietro nel tempo, nell’infanzia di un’Italia che ancora oggi porta con sé retaggi di quel lontano 1861. Raccontare la storia è un’enorme responsabilità, soprattutto se si tratta di eventi molto distanti dal narratore. Servono informazioni, fonti attendibili, dettagli esplicativi.
Aiutato nell’adattamento testo da Nunzia Gioia, Fortunato spiega di aver avuto bisogno di un testo storicamente fondato e scritto da uomini di teatro: originariamente composto da tre atti, ridotto poi ad atto unico, il testo fotografa la situazione del periodo post-unitario senza fornire opinioni personali.
Tra i partecipanti, non solo adulti, ma anche giovani in grado di dimostrare serietà e voglia di fare. In una comunità, il coinvolgimento di ogni fascia d’età diventa vitale alla sopravvivenza della comunità stessa. Il teatro, dunque, funge da attività ricreativa il cui risultato finale dipende dal lavoro di squadra, un lavoro svolto con sinergia e continuità. A dispetto di ciò che si rimprovera sempre alle nuove generazioni, ovvero di mancare di impegno e costanza, i nostri giovanissimi attori hanno accettato fin da subito di dedicarsi a quest’idea.
L’evento, inoltre, si propone anche di esaltare le tradizioni e i sapori tipici delle nostre terre, motivo per cui, al termine dello spettacolo teatrale, ci sarà un momento di intrattenimento musicale a cura dei Popularia Tour durante il quale si potranno degustare pietanze e prodotti gastronomici.
Ultimo, ma non certo per importanza, la serata vedrà la presenza di Michele Placido quale testimonial d’eccezione, a conferma dell’ottima qualità del “prodotto” pubblicizzato; che dire? Provare per credere!
Antonella Gioia

Manifesto Briganti2

Set 052015
 

Dopo il rientro presso il Museo Provinciale della mostra “Forme di Briganti”, la Pro Loco di Rionero, il Comune di Rionero, il Gal Vulture Alto Bradano, la Provincia di Potenza e il Museo del Brigantaggio sono pronti ad accogliere una nuova mostra all’interno dei locali dell’Ex Carcere Borbonico. Da questo fine settimana e per quattro settimane, sarà possibile visitare la mostra del grande fotografo Franco Pinna intitolata “Con gli occhi della memoria”. La mostra costituisce uno dei più pregnanti documentari di antropologia visiva, sapientemente filtrato dall’occhio di Pinna , il quale ha dinamicamente fissato attraverso il suo obiettivo gesti, volti, atteggiamenti rituali destinati alla memoria. Il percorso espositivo, comprendente soltanto una parte della produzione dell’Artista realizzata durante le spedizioni in Lucania di Ernesto De Martino, si articola in accordo alle tematiche documentate e oggetto di studio dell’antropologo: la lamentazione funebre, la devozione religiosa popolare, l’uccisione del grano mostrando al visitatore uno scenario arcaico di riti di passaggio, di espiazione e rimorso, di rappresentazioni simboliche di rivalsa sociale e di aspirazione ad una condizione di vita più dignitosa che renda il divino più vicino e tangibile, ma anche di una rassegnata accettazione di un destino di povertà. Un viaggio, dunque, in una Basilicata arcaica e genuina che il maestro Franco Pinna ha saputo sapientemente immortalare. La mostra è stata allestita nel Museo del Brigantaggio di Largo Mazzini a Rionero ed è visitabile, insieme alla mostra “Volti di Briganti” di Antonello Di Lucchio, tutti i venerdì dalle 18 alle 20 e Sabato e Domenica dalle 11 alle 13 e dalle 18 alle 20.

1351_img

Ago 292015
 

La Pro Loco di Rionero e il Comune di Rionero in Vulture in collaborazione con Gal Vulture Alto Bradano, Regione Basilicata, Provincia di Potenza e APT Basilicata, hanno indetto il primo Concorso Nazionale intitolato: “Studi e ricerche sul Brigantaggio postunitario in Basilicata”. Al bando di gara potranno partecipare tutti gli studenti italiani e stranieri che hanno discusso una tesi di laurea (triennale o specialistica) negli a.a. dal 2010 al 2015. Gli elaborati dovranno pervenire alla sede Pro Loco di Rionero entro il 30 Settembre 2015 (farà fede il timbro postale) e, requisito indispensabile, non dovranno essere state già oggetto di pubblicazione. Il vincitore riceverà un premio in denaro di 1000 (mille) euro.

Tutte le tesi presentate, anche se non vincitrici del concorso, confluiranno nella sezione Studi e ricerche sul Brigantaggio postunitario in Basilicata del Museo del Brigantaggio di Rionero in Vulture. Il Concorso è inserito all’interno della manifestazione “Briganti o Emigranti” che si terrà nella città fortunatiana i prossimi 3 e 4 Ottobre. L’iniziativa riscoprirà in due giornate il periodo del Brigantaggio attraverso la visita ai “sentieri del Vulture” che fecero da roccaforte per i briganti, escursioni sul monte Vulture e rievocazioni storiche nei luoghi teatro del movimento brigantesco.Convegni e tavole rotonde con storici ed esperti del brigantaggio post unitario arricchiranno e completeranno l’interessante manifestazione.

Per tutte le altre informazioni vi rimandiamo al bando allegato contenente il regolamento e la domanda di partecipazione consultabile anche sui siti istituzionali : www.prolocorionero.org e www.comune.rioneroinvulture.pz.it

brganti

brganti
ConcorsoTesiBrigantaggio

Ago 272015
 

La Forgia del Sinni ha organizzato il 26 agosto 2015 uan serata dedicata al brigantaggio. In particolare è stata ripercorsa la tragica storia dei briganti francavillesi Antonio e Serafina. La serata è stata ricca di spunti ed ha visto la partecipazione di un numero nutrito di giovani. Grazie alla interpretazione di Eva Immediato sono state ricordate anche le vicende umane di altre brigantesse vissute tra violenze e soprusi.

Lug 172015
 

• 01 Luglio al 05 Luglio 2015 La Protezione Civile “Misericordia Maschito” con il patrocinio del Comune organizza un campo scuola per bambini “Anch’io sono la Protezione Civile” – Oratorio.
• 19 Luglio 2015 L’associazione Gruppo Acquisto Solidale Lucano con il patrocinio del Comune presenta la “Festa del riuso e del riciclo” – Corso Marconi dalle ore 16.00 alle 22.00.
Dal 19 Luglio al 15 Agosto Mostra fotografica Corso Marconi 43.
• Dal 20 Luglio al 24 Luglio 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau con il patrocinio del Comune organizza la I° edizione del torneo di “Pallavolo 4/4” – Villa Comunale.
• 25 Luglio 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau con il patrocinio del Comune organizza la VIII° edizione del torneo “Joga Bonito” 3/3 – Villa Comunale a partire dalle ore 19.00.
• Dal 27 Luglio al 01 Agosto 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau, con il patrocinio del Comune organizza un campo scuola per bambini “CircoLandia” – Oratorio.
• 01 e 02 Agosto 2015 Rievocazione storica in costume Arbëreshë “RETNES” a cura dell’Associazione Culturale Arbëreshë Compagnia d’Arme Lazzaro Mathes patrocinato dall’Amministrazione Comunale www.corteostorico.net;
• 1 agosto
Ore 21.00 PIAZZE E VIE DEL CENTRO ANTICO : giocolieri, mangiafuoco, danzatrici orientali e giullari; esibizione degli alunni della scuola media di Maschito vincitori della “ XXII rassegna culturale folcloristica per la valorizzazione delle minoranze etniche di origine albanese” Caraffa 2015; esibizione coreografica dei musici dell’associazione.
LARGO CAROSENO: punto ristoro con la degustazione di prodotti tipici.
• 2 agosto
Ore 20.00 VIA MARCONI: partenza della Compagnia dalla “Caserma Mathes “
Sfilata dei Majsor ( Majzor ) nel quartiere di appartenenza e bivacco in via Mazzini
Sfilata dei Cndrgnan ( Qendernjan ) nel quartiere di appartenenza e bivacco presso fontana Skanderberg
Incontro delle due fazioni per la simulazione delle battaglie presso:
Ex mulino – Municipio – Via Venosa
Dopo la battaglia finale seguirà, in via Venosa, il giuramento delle “Farre “ al comando del capitano Lazzaro Mathes.
La serata si concluderà con la degustazione di piatti arbëreshe in piazza San Francesco
• 03 Agosto 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau, organizza la serata finale di “CircoLandia”, con la partecipazione di genitori e bambini – Villa Comunale.
• 04 Agosto 2015 I ragazzi dell’oratorio con il patrocinio del Comune presentano la commedia “Miseria e nobilta’…a seguire….’Saranno famosi’! – Villa Comunale Ore 21.30.
• 05 Agosto 2015 L’associazione Gruppo Acquisto Solidale Lucano con il patrocinio del Comune presenta la “Festa del riuso e del riciclo” – Corso Marconi dalle ore 16.00 alle 22.00.
• 06 Agosto 2015 L’Associazione Auser e gli emigranti con il patrocinio del Comune presentano la “Festa dell’Emigrante” musica e intrattenimento con il gruppo musicale “I nuovi briganti” – Villa Comunale Ore 21.00.
• 07 Agosto 2015 L’Amministrazione Comunale ospita la XIV edizione Festival nazionale del Cabaret di Basilicata e Calabria. STEFANO VIGILANTE in La storia del Ka’…baret (Vari Programmi RAI, Mediaset e Comedy Central) Tra i suoi pezzi forti i numeri “Il vigile”, “Romolo e Remo”, “Il ventriloquo”, “La valigia anarchica”, Felicetto (personaggio portato a Zelig Circus) – Villa Comunale Ore 21.30.
• 08-09-10 Agosto 2015 Festa del Santo Patrono Sant’Elia Profeta
• 08 Agosto 2015 L’amministrazione comunale e i ragazzi dell’oratorio presentano “CANTA EVOLUTION” – Piazza San Francesco 21.30
• 09 Agosto 2015 Il Centro di Aggregazione Giovanile Berimbau con il patrocinio del Comune presenta la terza edizione di “Vino è rivoluzione” con concerto degli “Scattabban” – ore 21.30 Piazza San Francesco.
• 10 Agosto 2015 L’amministrazione comunale e il comitato festa Sant’Elia presentano I QUEEN in concerto “Per sempre Freddie”. – Piazza San Francesco Ore 22.00
• 11 Agosto 2015 L’amministrazione comunale con la collaborazione degli amici di Michele, organizza una giornata nel ricordo di Michele Sciarillo;
Ore 19.00 Santa Messa in suffragio, al termine della celebrazione si esibirà Il “Duo Baldo” concerto musicale ad opera del Trio composto dal soprano Maria Luigia Borsi, dal pianista Aldo Gentileschi e dal violinista Brad Repp – Chiesa Madre;
Ore 21.30 Villa Comunale “Khifla Duo” Carlotta Vettori e Riccardo Galardini in concerto.
• 12 Agosto 2015 L’Associazione culturale Pro Loco “Frà R. Adduca” con il patrocinio del Comune presenta “Lu mbernique” degustazione di piatti tipici contadini, con la partecipazione del gruppo musicale “Emoco Band” con la voce di Roberto Spina – Piazza San Francesco ore 20.00.
• 13 Agosto 2015 L’Amministrazione Comunale organizza la giornata del “Riciclo creativo”, dove i bambini seguiti da animatori e da un esperta di riciclaggio, potranno creare simpatici accessori moda con la carta, da mostrare in passerella in serata e da portare a casa come ricordo di partecipazione – Villa Comunale ore 16.00 ritrovo dei bambini per l’inizio lavori; ore 21.30 sfilata dei bambini con gli accessori creati.
• 14 Agosto 2015 L’associazione Gruppo Acquisto Solidale Lucano con il patrocinio del Comune presenta la “Festa del riuso e del riciclo” – Corso Marconi dalle ore 16.00 alle 22.00.
• 15 Agosto 2015 L’Associazione Enal Pesca con il patrocinio del Comune organizza presso il torrente Pantano strada Pantano Quadrone la “Gara di Pesca”. Ore 09.00
• 05 Settembre 2015 L’Associazione Culturale Arbëreshë Compagnia d’Arme Lazzaro Mathes con il patrocinio del Comune organizza il convegno “I VALORI DELLA TRADIZIONE- CONOSCENZA, STORIA E PROCESSI CULTURALI DELLA GASTRONOMIA MASCHITANA ARBËRESHE” a seguire degustazione di prodotti tipici – Ore 19.30 Villa Comunale.

Estate in Piazza 2015

Apr 092015
 

Un’interessante dibattito sul protagonismo delle donne negli ultimi 154 anni, soprattutto nel Mezzogiorno d’Italia, si terrà il 12 aprile 2015 a partire dalle ore 17:30
presso il “Monna Lisa Museum” all’interno di Palazzo Corrado a Lagonegro.
A promuoverlo è il direttore del Gal “La Cittadella del Sapere”, Nicola
Timpone, coadiuvato dalla responsabile del “Monna Lisa Museum”, Donata Martina
Manzolillo.
Il tema del brigantaggio è stato sempre al centro del dibattito pubblico. E’ solo
da alcuni anni, però, che si è cominciato a parlare di “Brigantesse”, facendole
diventare, dopo tanto silenzio, protagoniste importanti del decennio post unitario.
“Per forza o per amore”, queste erano le due motivazioni ricorrenti che le
brigantesse portavano a loro discolpa durante i processi: mentre gli uomini venivano
condannati quasi sempre a morte, le donne erano costrette ai lavori forzati e, a volte,
persino assolte perché si riteneva che fossero state “obbligate ad unirsi al
brigantaggio” e, comunque, soltanto mere esecutrici di ordini maschili. Una
discriminazione che salvava loro la vita, ma che le relegava nelle seconde linee della
storia.
“L’importanza di questo atteso appuntamento culturale – riferisce Donata
Martina Manzolillo – è duplice: in primo luogo, intendiamo raccontare un aspetto
della storia d’Italia che non è ancora molto conosciuto e, in secondo luogo, vogliamo
stimolare il confronto sul tema delle “nuove brigantesse”, ossia le “donne di oggi”, le
animatrici di quelle numerose associazioni che si occupano di donne violate, in
difficoltà, le donne che lottano per la tutela della salute e la salvaguardia
dell’ambiente, che si battono per la legalità.”
“Il brigantaggio femminile è un fenomeno distinto rispetto al brigantaggio
maschile, anche se, per ovvi motivi, è intimamente ad esso connesso. Dalla rilettura
storica del fenomeno – afferma Nicola Timpone – si capisce che si tratta,
probabilmente, di una prima forma ribellione femminile. L’auspicio è che attraverso
le tante testimonianze e gli interventi al convegno si possa capire perché tanti uomini
e donne, che vivevano di normalità, si sono ritrovati ad essere Briganti.”
Palazzo Corrado,Piazza B. Picardi Lagonegro (PZ) email: monnalisa.museum@virgilio.it cell: 3314449545
Monna Lisa Museum
Programma del convegno:
Modera la giornalista Barbara Capponi
Intervengono:
• Giordano Bruno Guerri – scrittore, giornalista e storico italiano. Presidente della
Fondazione Vittoriale degli Italiani.
• Elio Coriano – poeta e operatore culturale.
• Aldo D’Antico – direttore dell’archivio storico Parabitano.
• Oreste Lo Pomo – caporedattore della Rai di Basilicata.
• Eva Immediato – attrice lucana
Con i brani di Eugenio Bennato e Carlo d’Angiò “Vulesse addiventare nu brigante” e
“Brigante se more”, Unaderosa e Erminio Truncellito de i “Renanera”, attraverso la
loro musica, “parleranno” dei Briganti.
Sarà possibile, inoltre, visitare la mostra “Coccarde Rosse:le Brigantesse, suggestive
atmosfere ed esplorazioni visionarie”, curata e progettata da Alessandro Turco, di
esposizione pittorica del Maestro Massimo Marangio e di esposizione fotografica di
Giuseppina Schifino “pensando, intrecciando ombre”.
Palazzo Corrado,Piazza B. Picardi Lagonegro (PZ) email: monnalisa.museum@virgilio.it cell: 3314449545

MANIFESTO 6X3 convegno definiivo

Feb 162015
 

Saranno i briganti i protagonisti del carnevale a San Severino Lucano in una doppia manifestazione prevista per domani domenica 15 febbraio al centro urbano e martedì 17 a Mezzana.
Corposo il programma messo in campo dalla Pro Loco della cittadina in collaborazione con Il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR), dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Fiore e dall’Associazione culturale “Alta Valle del Frido”.
Il taglio del nastro in paese alle 15,30 (domenica) con il raduno delle maschere, inizierà poi la sfilata del carro dei briganti accompagnato da maschere e rappresentazioni carnevalesche accompagnate dal suono di zampogne organetti e cupi cupi. Alle 18,00 canti e balli in piazza e poi “bruciamo il carnevale”. Per chiudere un buffet di dolci tipici del carnevale sanseverinese. Il sipario si riaprirà nuovamente martedì nella frazione Mezzana. Martedì alle 15,30 si riuniranno nuovamente le maschere, dopo la sfilata per le vie del rione alle 17,00 al mulino Iannarelli è prevista una rappresentazione carnevalesca dei briganti, alle 18,00 si ritroveranno tutti in piazza per balli, suoni e canti in attesa della degustazione dei dolci della tradizione carnevalesca della cultura contadina.
le iniziative in programma per il carnevale vogliono essere un momento di animazione per i nostri territori, spiega il sindaco Fiore, ma sono anche un momento di rievocazione storica, i nostri ragazzi devono conoscere le loro radici, non dimenticare la cultura tradizionale.
Antonietta Zaccara

il carnevale dei briganti

Gen 042015
 

Il 3 gennaio 2015 nella palestra scolastica l’associazione Epicanto in collaborazione con l’Amministrazione Comunale ha evidenziato l’impegno profuso nel 2014 e, per l’occassione, ha organizzato la visione del lungometraggio “Briganti si diventa”, opera cinematografica di Elisa Conte e Gianfranco Di Bella che ha visto il coivolgimento di molti cittadini episcopioti. Antonio Gaudiosi, nel corso della serata, ha presentato il suo lavoro musicale. Epicanto ha donato al parroco don Serafino una particolare “strenna” preparata da Franca Iannuzzi. Alla manifestazione ha partecipato anche il sindaco Biagio Costanzo.

Dic 312014
 

Un gruppo affiatato di canoisti fluviali provenienti da tutta Italia sono stati protagonisti di un evento che ha toccato tre regioni: Campania, Basilicata e Calabria. Nonostante il gran freddo, l’entusiasmo tra i partecipanti è stato a mille. Le immagini sono riferite alla tappa lucana valnocina svoltasi il 30 dicembre 2014.


Immagini dell’arrivo dei canoisti sul Fiume Noce


Le interviste