BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Apr 222018
 

Domenica 15 Aprile 2018 alle ore 20:30, al Cecilia, centro per la creatività di Tito, si è svolta la premiazione delle Compagnie che hanno partecipato al IV° Festival di Teatro Amatoriale CECCO SPERA” organizzato dall’associazione ANSPI CARITA’ di TITO.

La “Kermesse” è intitolata al regista, autore e attore Cecco Spera, venuto a mancare improvvisamente nel 2013, che con il settore teatrale dell’associazione culturale A.N.S.P.I. Carità Tito, è riuscito a rappresentare nel corso di dieci anni diversi spettacoli teatrali, accrescendo e valorizzando la tradizione del teatro amatoriale nella comunità titese.

In questa quarta edizione, durante i mesi di Febbraio, Marzo ed Aprile si sono esibite sul palco del “Cecilia” di Tito, sei compagnie amatoriali delle comunità di Bella, Tito Scalo, Picerno, Latronico, Possidente di Avigliano e Brienza.

“Anche quest’anno, abbiamo potuto apprezzare l’impegno e la bravura delle Compagnie che si sono esibite, registrando anche una presenza di pubblico in aumento rispetto alle edizioni precedenti. Il L’associazione Anspi Carità di Tito, che si occupa dell’organizzazione del Festival, trova il sostegno – sottolinea il Presidente Giuseppe Palazzo – dal patrocinio del Comune di Tito, del Consiglio della Regione Basilicata e dall’APT Basilicata, inoltre vede il sostegno degli sponsor Basilicata Energia srl, Ri.Ca. Srl e Vetreria Meliante”.

Come per le passate edizioni, l’APT di Basilicata, oltre alla sua presenza nella giuria, ha assegnato dei premi speciali, per le interpretazioni che si sono distinte maggiormente, nel recitare in dialetto galloitalico.

Durante la serata, oltre alle premiazioni delle sezioni in concorso, quali: miglior compagnia, miglior attrice, miglior attore, migliori costumi e miglior scenografia, che sono state valutate da una apposita giuria di qualità, ci sono state delle “pillole teatrali”, frutto del lavoro degli SHORT LAB – Percorsi Teatrali, divisi in tre fasce di età, dai 6 anni in poi, curati da Antonella Iallorenzi, della Compagnia teatrale Petra, con la collaborazione del Cecilia, Centro per la Creatività.

“Questa novità – prosegue il Presidente Giuseppe Palazzo – è stata fortemente voluta dal nostro responsabile del settore Teatro, Pierpaolo Spera, che parallelamente allo svolgimento del Festival, ha voluto attivare un momento di formazione, consapevoli, che con le attività teatrali, si ha la possibilità di crescere culturalmente e socialmente”.
Il PRESIDENTE
Giuseppe Palazzo
Anspi TITO

Mar 162018
 

Dal 15 marzo 2018, nella mensa scolastica del comune di Vietri si inizierà ad utilizzare solo l’olio
extravergine di Vietri, estratto dalle olive conferite dai genitori degli alunni presso un locale frantoio, in
cambio di 4 biglietti mensa.
Un innovativo metodo, unico in Basilicata, che esprime al meglio il fondamento del KmZero: l’utilizzo di
genuini prodotti del territorio. Il valore aggiunto del progetto è rappresentato dal fatto che il prodotto è
conferito dagli stessi genitori; in cambio di un litro d’olio (o delle olive per la trasformazione dello stesso
quantitativo) i genitori hanno diritto a 4 buoni pasto da utilizzare nell’ambito del medesimo servizio mensa.
“Da oggi – spiega il Sindaco Christian Giordano – si aprono degli scenari virtuosi ed ambiziosi che non si
fermano all’olio extravergine d’oliva. Infatti grazie a questo meccanismo sarà possibile conferire anche
ulteriori prodotti primari (a kmZero) che garantiranno agli alunni una alimentazione sana. La correttezza del
nostro metodo è stato tra l’altro confermato dal Dipartimento Politiche della Persona (Igiene degli
Alimenti) della Regione Basilicata, che ringrazio per la preziosissima disponibilità, a cui a breve chiederò di
ufficializzare delle linee guida che permetteranno di replicare questo progetto in tutti i comuni della
Basilicata interessati. Sarà l’occasione anche per dare una denominazione specifica a tale metodo. Sono tra
l’altro soddisfatto perchè inizialmente erano emersi dei dubbi da parte di qualche tecnico soprattutto sulla
rintracciabilità dei prodotti e sulle certificazioni. Abbiamo dimostrato che il sistema è sicuro e la Regione
Basilicata ha concordato con noi sulla correttezza della prassi. Anzi, il Dipartimento Regionale conviene con
noi anche sull’ampliamento del progetto integrando ulteriori materie prime oltre all’olio extravergine
d’oliva. Ringrazio per il prezioso supporto il dott. Gerardo Salvatore del Dipartimento Regionale e la dott.ssa
Carla Brienza, Presidente Nazionale dei tecnologi alimntari.
Sulla rintracciabilità, senza entrare nel merito del metodo, è sufficiente dire che, mentre, per esempio, per
l’olio acquistato nei supermercati ci è dato sapere semplicemente se il prodotto è comunitario o
extracomunitario, nel nostro caso siamo nelle condizioni di riuscire ad individuare “la pianta” da cui è stato
raccolto il frutto.
Pare inutile ribadire che, a margine del processo, l’olio, dopo essere stato analizzato, viene confezionato ed
etichettato secondo le Legge.
Tantissimi colleghi sindaci mi stanno contattando per avere dei chiarimenti sul progetto per poter poi
procedere a replicarlo nel proprio comune.
Il progetto, partito solo a settembre, doveva essere solo sperimentale. Oggi a distanza di pochi mesi, dopo
essere già rientrato nella fase finale del Premio Nazionale Comuni Virtuosi, ha ricevuto la fondamentale
conferma sulla regolarità della prassi, da parte del Dipartimento Regionale competente e si prepara per
essere implementato nei prossimi mesi. Davvero una bella soddisfazione per l’intera comunità vietrese.
Iniziamo ad essere pionieri di buone pratiche.”
Ricordiamo che il progetto della mensa di Vietri a Km0 è completato dal progetto mensa a Rifiuti free
mediante il quale sono stati eliminati i piatti e i bicchieri in plastica e sostituiti con piatti in porcellana e
bicchieri in vetro infrangibile.

Feb 232018
 

Il Comitato pro- nuovo ospedale chiede più impegno da parte del governo cittadino. Proposto un incontro con il Commissario del San Carlo Maglietta. Scintille a distanza tra Domenico e Pasquale Mitidieri. Gli operatori sanitari
chiamati a scendere in piazza: “Quando si difendeva il tribunale, gli avvocati erano in prima fila!”

Il Comitato civico pro-nuovo Ospedale di Lagonegro ha organizzato il 21 febbraio 2018 un importante incontro nella sala consiliare del Municipio. Sono stati invitati i vertici dei sindacati lucani (Lombardi, Gambardella e Summa) oltre al consigliere regionale Romaniello.
“Ospiti” ma anche “padroni di casa” gli amministratori comunali con in testa il vicesindaco Giuseppe Sabella.
Si può certamente dire che l’incontro è stato molto forte nei toni. Rigettate le accuse di aver organizzato un’iniziativa a ridosso delle votazioni, dopo l’introduzione di Giuseppe Di Novi, ha preso la parola il presidente del Comitato l’ingegnere Pierino Mango. L’esperto rappresentate ha fatto brevemente la storia della rivendicazione sanitaria che ha radici antiche; Mango ha poi criticato frontalmente la classe politica che non si è fatta carico dei tanti problemi delle comunità, in particolare quelli dell’area sud della Basilicata. Lo spopolamento continuo è frutto della mancanza di servizi e di opportunità…. “Non si può affidare il sistema sanitario agli elicotteri!”.
L’ingegnere Mango ha raccontato un episodio davvero grave riguardante un bambino con insufficienza respiratoria ricoverato a Lagonegro. In un primo momento, dopo una serie di cure, era stato dimesso dalla struttura. Il suo intervento ha fatto aprire gli occhi ai medici che, vedendosi arrivare anche i carabinieri, hanno deciso di mantenere in osservazione il ragazzo che, secondo Mango, poteva anche morire se non riceva cure continue nella struttura… “la sanità non può essere gestita in questo modo!”
Nel corso della conferenza, da più parti è stato lanciato un appello affinchè anche i medici e gli addetti ai lavori della struttura sanitaria di Lagonegro scendano in campo. Il vicesindaco Sabella si è spinto a dire che per quanto riguarda la vertenza del Tribunale, gli avvocati fecero il diavolo a quattro. Oggi si avverte un silenzio assordante dagli operatori. Gli organizzatori del confronto sul punto hanno sparato a pallettoni affermando che ormai la regola è che non bisogna disturbare il conducente (l’allusione non tanto velata è indirizzata al presidente Pittella). Per l’ingegnere Mango anche l’Amministrazione Comunale deve uscire dal guado e deve con forza chiamare a responsabilità tutti i protagonisti di una vicenda che è ormai trentennale.
Sulla tempistica è intervenuto Carmine Lombardi della Uil evidenziando che non è possibile che in Basilicata occorrano 30 anni per realizzare qualcosa.
Le lungaggini fanno parte di un sistema che induce alla rassegnazione. Il sindacalista ha fatto l’esempio della Tito-Brienza: in quel caso i cittadini sono sfiduciati e le comunità non partecipano più nemmeno alle manifestazioni. Il concetto “ma ancora credete alle favole?” è grave e va assolutamente combattuto.
Altra questione sollevata è stata la posizione dell’ospedale di Villa d’Agri che riceverebbe un finanziamanto di 200 milioni per il suo potenziamento. Questa scelta regionale, se diventerà realtà, per il Comitato è uno schiaffo alle ispirazioni di Lagonegro, il sistema è diventato ormai schizofrenico….ci sono o non ci sono i soldi?
Il sindacalista Enrico Gambardella in rappresentanza della Cisl ha affermato che è sbagliato fare una guerra tra le varie realtà. La concorrenza non serve; le strutture lucane devono essere in ‘competizione’ con gli altri ospedali delle altre regioni.
Un tema che ha arroventato la discussione ha riguardato l’ ‘annessione’ dell’Ospedale di Lagonegro a quello del San Carlo. Pur comprendendo le difficoltà di una norma superata con un riposizionamento delle strutture, l’Asp è una certezza perchè garantisce un controllo sulle prestazioni. Senza controllo finirà che gli ospedali fagociteranno tutte le risorse economiche a danno della Medicina sul territorio. Su questo passaggio chiave si è soffermato il consigliere regionale Romaniello che aupica una fase in cui si facciano scelte….”il governo regionale sembra solo impegnato a spostare in aventi le scadenze senza intervenire”.
Molto interessante è stato anche il dibattito. La professoressa Flora ha posto l’accento sulle liste d’attesa che sono ormai la piaga anche dell’Ospedale di Lagonegro: una visita urgente non può essere effettuata dopo 1 anno! Così come il rapporto con il San Carlo è rimasto solo sulla carta, non vi è stato arricchimento professionale, gli specialisti sono rimasti ben fermi a Potenza. Sul punto Angelo Summa della Cgil si è detto preoccupato di un San Carlo in caduta libera che non è più polo d’eccellenza.
Tornando all’Ospedale di Lagonegro, questi è stato paragonato ad una stalla, ai limiti della decenza.
Ha rincarato la dose Domenico Mitidieri, già sindaco della città che ha attaccato duramente il primo cittadino in carica Pasquale Mitidieri. Per Domenico, Pasquale non può continuare ad essere un non sindaco. Nel rispetto umano, la situazione va chiarita e risolta. Sabella non è legittimato dal popolo…. “Si è buoni per andare ai comizi e poi però non si partecipa ad incontri cosi importanti come quelli sulla sanità! Pasquale deve chiarire!”.
Il clima si è fatto incandescente perché Domenico ha spaziato sugli altri temi di Lagonegro evidenziando che in paese non vi è più un cantiere, l’Amministrazione Comunale è assente a partire dal Laudemio dove le certezze sono solo le promesse.
Il vicesindaco Sabella ha cercato di parare i colpi evidenziando che è l’unità l’arma vincente per avere la costruzione del nuovo ospedale. Sabella ha anche difeso l’operato della giunta e l’impegno quotidiano. Il Comitato ha evidenziato, alla fine dell’incontro, che chiederà un tavolo urgente con il Commissario del San Carlo Maglietta per capire il futuro dell’Ospedale di Lagonegro. Aver azzerato tutto, ritornare ad avviare le procedure per la costruzione del nuovo ospedale e per la ristrutturazioen del vecchio, genera due opposti sentimenti: da un lato uno scoramento, dal’altro una ferma volontà a lottare. Pierino Mango sul punto è stato chiaro: “Io sono certo che riusciremo a tagliare il nastro del nuovo ospedale, costi quel che costi, ma dovremmo essere tutti più attivi, a partire dal governo cittadino che deve uscire dal silenzio…il conducente si può e si deve disturbare!”.

Gen 172018
 

“E’ notizia di qualche ora che un detenuto italiano (G.F.) con gravi disturbi psichiatrici, durante lo svolgimento dell’udienza penale a suo carico presso il Tribunale di Lagonegro è andato in escandescenza e nonostante i tentativi di sedare la propria ira il Giudice ha dovuto interrompere l’udienza e sgomberare l’aula in attesa che venisse ripristinata la calma con l’intervento di rinforzi della Polizia Penitenziaria e di uno psichiatra”.
Questa di oggi, dichiara Saverio Brienza, Segretario regionale del S.A.P.Pe. (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria) della Basilicata, l’organismo sindacale maggiormente rappresentativo dei “Baschi Azzurri” è l’ennesima prova delle gravi condizioni di lavoro con cui la Polizia Penitenziaria ha a che fare tutti i giorni con una popolazione detenuta sempre più problematica. La Polizia Penitenziaria sta vivendo un periodo nefasto, e la riduzione scellerata delle piante organiche decretato dal Ministro Orlando con il D.M. 2 ottobre 2017, ha reso i Baschi Azzurri impossibilitati ad affrontare i drammi e le violenze dei detenuti che perpetrano ogni giorno nelle carceri italiane. In una condizione migliore, con maggiore personale di Polizia Penitenziaria presente negli organici, probabilmente la scorta che ha provveduto al trasferimento del detenuto dal Carcere di lecce al Tribunale di Lagonegro sarebbe stata maggiormente incrementata e, forse, ci sarebbe stata una migliore gestione per affrontare l’evento critico odierno, senza dover attendere i rinforzi dalla Casa Circondariale di Potenza che ha dovuto raggiungere il palazzo di Giustizia di Lagonegro non proprio immediatamente.
Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, sottolinea “una volta di più le quotidiane difficoltà operative con cui si confrontano quotidianamente le unità di Polizia Penitenziaria in servizio nei Nuclei Traduzioni e Piantonamenti dei penitenziari: agenti che sono sotto organico, non retribuiti degnamente, con poca formazione e aggiornamento professionale, impiegati in servizi quotidiani ben oltre le 9 ore di servizio, con mezzi di trasporto dei detenuti spessissimo inidonei a circolare per le strade del Paese, ma che assolvono al meglio ai difficili compiti di trasporto dei detenuti ed alla loro sorveglianza”.
Bisogna chiedersi, conclude Saverio Brienza, se in merito alle condizioni psichiatriche del detenuto si poteva eventualmente valutare una diversa collocazione nell’ambito della gestione detentiva ovvero se il carcere è effettivamente il luogo ideale per una gestione corretta di tali soggetti.

Tribunale-Lagonegro

Giu 202017
 

Nel corso dell’ultima seduta dell’Osservatorio Regionale Lavori Pubblici (ORELP), l’ANAS SpA ha reso noto che per l’intervento di realizzazione del 6° lotto della SS. n.95 Var Tito-Brienza, “Variante di Brienza” è in fase di validazione un progetto esecutivo ed ha annunciato che i lavori avranno inizio nel mese di settembre prossimo. Ne dà notizia l’assessore regionale alle Infrastrutture Nicola Benedetto che ha presieduto il tavolo tecnico.

L’opera stradale, il cui costo complessivo è di Meuro 125,70, di cui Meuro 96,00 di risorse regionali (Royalties) e Meuro 29,70 di risorse ANAS, consentirà il by-pass dell’abitato di Brienza, con conseguente riduzione dei tempi di percorrenza dell’itinerario di collegamento tra Raccordo Aut. 05 Sicignano Sc/Potenza (svincolo Tito) e l’Autostrada del Mediterraneo (ex A3 SA-RC – svincolo Atena Lucana).

In considerazione dell’ormai prossima apertura del cantiere per l’esecuzione dei lavori dell’intervento e del conseguente ulteriore aggravio della già critica situazione della viabilità esistente riguardante i Comuni di Brienza e di Sasso di Castalda, il Dipartimento – riferisce l’assessore – ha presentato in Giunta Regionale la proposta di utilizzo di economie di risorse regionali, già destinate all’intervento di “adeguamento e messa in sicurezza del collegamento viario tra la SS. 95 Var. Tito-Brienza e la SS. 598 di Fondovalle Agri” con la DGR. n.307/2008 (DCR n.391/2008), utilizzate solo in parte. La proposta è stata approvata dalla Giunta Regionale e l’importo delle risorse finanziarie, destinato alle amministrazioni comunali di Brienza e Sasso di Castalda, ammonta a complessivi Euro 2.294.571,00.

In particolare, per il Comune di Brienza il finanziamento di Euro 1.294.571,00 riguarda l’adeguamento e la messa in sicurezza della viabilità interna al centro abitato, con miglioramento rete viaria, finalizzata al decongestionamento del traffico da e verso l’Autostrada del Mediterraneo (ex A3 SA-RC), la SS. 598 Fondo Valle d’Agri.

Per quanto riguarda il Comune di Sasso di Castalda, con il finanziamento di Euro 1.000.000,00 sono previsti interventi di manutenzione straordinaria e di messa in sicurezza della rete viaria di collegamento tra la SS. 95 Var. (Tito-Brienza) e la SS.598 della Val d’Agri, che consentiranno il miglioramento del livello di sicurezza della percorribilità della viabilità limitrofa alla SS 95, mediante il ripristino della planarità dell’asse viario e la sistemazione di alcuni tratti caratterizzati da dissesti.

Nei prossimi giorni le due amministrazioni comunali – annuncia Benedetto – saranno convocate per concordare la tempistica di realizzazione dei relativi interventi e per la definizione delle modalità di trasferimento delle risorse finanziarie.

viadotto_melandro_2-374x200

Apr 182017
 

SALVIAMO IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

Il settore delle costruzioni in Basilicata ha bisogno di un rilancio reale, occorre passare dalla politica degli annunci all’apertura dei cantieri ,e, per far si che ciò avvenga occorre una seria e differenziata programmazione: messa in sicurezza delle infrastrutture esistenti, nuova progettazione di una viabilità che riduca il gup infrastrutturale tra il mezzogiorno d’Italia ed il resto del paese.
Il Governo investe poco al Sud e aldilà dei proclami o dei termini più o meno nuovi i cantieri non aprono e continuiamo ad assistere al lento declino del settore delle costruzioni, agli oltre 5.000 addetti persi in Regione nel periodo pre-crisi 2008-2015 vanno aggiunti altri 1000 posti di lavoro persi nel 2016 nella sola Provincia di Potenza.
Per quanto attiene la viabilità la regione sconta da anni un’arretratezza infrastrutturale non più sostenibile dalle popolazioni, le uniche opere realizzate risalgono agli anni 70, tutte quelle programmate successivamente risultano incompiute; i nostri centri vivono un isolamento , molte volte risulta difficile se non impossibile raggiungerli , altro che crescita culturale e industriale, qualsiasi iniziativa economica passa attraverso una infrastrutturazione efficiente e sicura, un territorio scarsamente infrastrutturato non è in grado di attrarre investimenti, è noto a tutti che le infrastrutture da sole non creano sviluppo , ma sono la pre-condizione.
La scelta scellerata del Governo Renzi di andare al superamento delle Province , scongiurata dal Referendum del 04 dicembre u.s. , ha determinato un vuoto amministrativo ed oggi siamo in attesa di capire con quali risorse le Province devono assolvere a funzioni importantissime come la viabilità, tutto ciò ha ulteriormente appesantito la già grave ed insostenibile situazione dello stato di tutte le arterie Provinciali, “ viabilità minori ”; in alcuni casa basta una caduta massi, o qualche metro di fango , che scendono sulla carreggiata e molti comuni restano difficilmente raggiungibili per anni , aumentando i disagi delle popolazioni ed accentuando il problema atavico di questa regione “ lo spopolamento”!
Ancora una volta la grande opportunità data dai fondi Europei è stata un’opportunità sprecata, anziché utilizzare quelli ingenti somme di danaro per il fine con il quale venivano assegnati “ Risorse Straordinarie destinate alle area meno sviluppate “, sono state utilizzate come investimenti ordinari e quindi non in grado di ridurre il gup infrastrutturale esistente tra le diverse aree del paese.
Da anni si aspetta l’inizio dei cantieri della circumvallazione dell’abitato di Brienza per evitare che il traffico veicolare e pesante passi nell’abitato , opera programmata agli inizi degli anni 80 , per collegarsi all’innesto dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria e alla Val d’Agri , arteria finanziata che non si riesce a cantierizzare; le ultime notizie ci dicono che l’anno in corso sarà quello buono! Speriamo non sia come gli altri………….
Le grandi Stazioni Appaltanti continuano a non dedicare la dovuta attenzione al nostro territorio: non si programmano nuove opere, non si completano le incompiute, basti pensare che l’unica nuova opera che Anas realizzerà nei prossimi anni è la Galleria Acquafredda, nel comune di Maratea, sulla quale insiste già un finanziamento.
La situazione non migliora sul capitolo manutenzioni e messa in sicurezza delle arterie esistenti, pur riconoscendo il cambio di passo rispetto al 2013 ed il grande lavoro che sta svolgendo l’Osservatorio Regionale delle Opere Pubbliche; non possiamo immaginare per la nostra Regione un qualsiasi sviluppo, che possa andare dall’industria al turismo , a Matera 2019 con una viabilità così inefficiente, l’asse Basentano , ( l’arteria più utile per raggiungere la capitale della cultura Europea passando per il capoluogo di Regione, la vera porta di accesso dell’intera Regione ) è diventato meno sicuro , infatti le continue interruzione e restringimenti delle carreggiate e la restrizione all’altezza di Vietri di Potenza determinate dai cantieri aperti danno il segnale di quanto queste arterie hanno bisogno di essere rimodernate e messe in sicurezza; consegnando agli automobilisti , che la precorrono , un immagine di Regione chiusa , quasi a voler indicare un segnale di divieto di accesso alla Regione.
Anas deve rispettare il popolo lucano e per farlo dovrebbe chiedere scusa ai cittadini per quello che sta accadendo sul Raccordo Siggignano-Potenza, i lavori non possono durare un decennio e senza alcuna programmazione e rispetto per chi la percorre , così come è avvenuto nelle scorse settimane, con la chiusura dell’arteria all’altezza del bivio di Balvano : prima si è dirottato il traffico su una mulattiera piena di buche e priva di segnaletica e poi si è trovata la soluzione della Bretella lunga circa 600 m; non si poteva operare al contrario? Prima si realizzava la bretella e poi si procedeva alla chiusura del raccordo?
E’ diventato urgente oltre che improcrastinabile un piano di manutenzione straordinario che si basi essenzialmente su nuove tecnologie moderne di lavori pubblici e apre il fronte occupazionale anche a nuove figure di cui i nostri cantieri hanno assoluto bisogno, non possiamo continuare ad avere un numero elevato di lavoratori ultra 60 enni presenti nei cantieri , non in possesso più della completa idoneità fisica per svolgere un lavoro così gravoso; pensavamo che A.P.E. ( Anticipo Pensionistico ) fosse la risposta giusta al problema , ma i troppi vincoli per accedervi hanno reso vano quel provvedimento.
Occorre fare sinergia tra pubbliche amministrazioni, imprese, lavoratori , università, con l’obbiettivo di ridurre il numero delle stazioni Appaltanti e elevare la qualità delle progettazioni , non possiamo assistere che ogni lavoro che va in gara deve passare le forche caudine dei contenziosi giudiziari , ormai diventati prassi ordinaria, specie in questa regione nella quale i tempi di progettazione e realizzazione delle opere ha il triste primato della lentezza, dalla sua progettazione un’opera ha bisogna di oltre 900 giorni per andare in gara.

Tutti gli indicatori ci dicono che il settore non sarà più quello pre-crisi 2008, non ci saranno più le risorse sufficienti per la realizzazione di lavori pubblici, il fabbisogno mobiliare non sarà più quello di una volta, (abbiamo costruito troppo e male ), i continui cambiamenti climatici ci impongono zero consumo del suolo e quindi recupero del patrimonio edilizio esistente , a partire dai nostri centri storici.
Senza queste politiche attive e mirate il settore delle costruzioni sarà consegnato ad un inevitabile declino, accelerando il vero cancro di questa Regione lo spopolamento.

Sciopero generale della Cgil allo svincolo di Lauria Nord

Mar 092017
 

Presso la sala ex refettorio del palazzo Comunale di Brienza è stata inaugurata l’8 marzo 2017, con un vero e proprio evento, la mostra fotografica “Scatti impuri” dell’architetto Giacomo Carlomagno. Tanti i temi trattati favoriti dagli scatti fotografici: pedofilia, femminicidio, bullisimo, razzismo, gender, omosessualità.


L’evento


Le interviste: Angela Scelzo, Antonio Sabbatella,Juan Possidente, Giacomo Carlomagno

ref

Lug 152016
 

Interessati i 35 comuni dell’area Val D’Agri – Melandro – Sauro – Camastra. Il presidente della Regione, Marcello Pittella: “Un altro progetto per non lasciare nessuno indietro”
La Giunta regionale ha approvato i tirocini per la inclusione nel mercato del lavoro delle persone con disabilità nell’ambito del programma operativo “Val D’Agri – Melandro – Sauro – Camastra”.

L’investimento complessivo è di circa 760 mila euro e prevede il coinvolgimento di 80 utenti all’interno delle quattro aree di intervento individuate: Servizi alla persona (rafforzamento delle competenze professionali per l’attivazione di servizi di care giver); Ambiente (rafforzamento delle competenze professionali per la gestione e manutenzione del verde e del paesaggio); Turismo ed accoglienza (rafforzamento delle competenze professionali per la promozione e la valorizzazione dello slow tourism); Servizi informatici e telematici (rafforzamento delle competenze professionali per l’attivazione di servizi informatici applicati ai servizi sociali, turistici, ambientali e culturali).

Per ciascuna area sono previste 900 ore totali di tirocinio e 20 utenti per una durata complessiva di 12 mesi con una possibilità di proroga sulla base della disponibilità finanziaria della Regione. Come soggetto attuatore è stata individuata la Provincia di Potenza, mentre l’area di intervento è costituita dal comprensorio, composto da 35 comuni, interessato dal programma operativo “Val D’Agri – Melandro – Sauro – Camastra”: Abriola, Aliano, Accettura, Anzi, Armento, Brienza, Brindisi di Montagna, Calvello, Castelmezzano, Castelsaraceno, Cirigliano, Corleto Perticara, Gallicchio, Gorgoglione, Grumento Nova, Guardia Perticara, Laurenzana, Marsiconuovo, Marsicovetere, Missanello, Moliterno, Montemurro, Paterno, Pietrapertosa, Roccanova, San Chirico Raparo, San martino d’Agri, Sant’Arcangelo, Sarconi, Sasso di Castalda, Satriano di Lucania, Spinoso, Stigliano, Tramutola e Viggiano.

I destinatari dell’iniziativa sono 80 persone che versano in condizioni di disabilità compresi gli utenti dell’ex programma “Match”.

“Con questo progetto – spiega il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella – vogliamo promuovere interventi di orientamento e formazione on the job o di inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro attraverso lo strumento del tirocinio. Uno degli aspetti innovativi sta nella possibilità di creare cooperative di comunità polifunzionali in grado di rispondere ai bisogni delle comunità locali attraverso un nuovo protagonismo degli stessi utenti cittadini nel rispetto dei valori, dell’identità e dei bisogni del territorio di riferimento in un’ottica di sviluppo solidale. In questa prospettiva di inclusione e di autonomia, il lavoro diviene un fattore potente di espressione della capacità progettuale delle persone, delle singole identità, della ricchezza cultuale, dell’incontro con gli altri. Ancora una volta la Regione Basilicata, nonostante la difficile congiuntura economica, mette in campo azioni innovative per non lasciare indietro nessun cittadino lucano”.

potenza6

Giu 202016
 

In questi anni ( 2008 – 2014), in cui il settore ha perso oltre il 33% di massa salari, siamo passati dai 112.331.727,00 di euro del 2008 ai 74.851.891,00 di euro del 2014; inoltre, si è ridotto del 40% il numero dei lavoratori occupati, in quanto siamo passati da 16.339 a 9.957 unità.
E ancora, sempre per lo stesso periodo di riferimento , il numero delle imprese ha subito una contrazione pari al 24% passando dalle 2.835 del 2008 alle 2.182 del 2014.
Solo dal 2015 si è registrata un’inversione di tendenza e si è arrestata quella che è considerata da tutti una vera e propria emorragia; infatti i dati 2015 su 2014 ci consegnano un quadro diverso poiché non si è continuato ad arretrare e, contrariamente, si è registrato un lieve aumento pari al 1,5% circa .
Apprendiamo con immensa soddisfazione che i primi mesi del 2016, stante ai dati forniti dalle Casse Edili, registrano una forte crescita pari al 8,22%; questo dato seppur provvisorio ci fa capire che anche il settore delle costruzioni inizia ad invertire una tendenza .
Tuttavia, questa tendenza è ancora scarsamente percepita dai lavoratori che continuano a non trovare occupazione; il dato sulla crescita, già di per se positivo e soddisfacente, diventerebbe interessante se alcune Opere Pubbliche programmate da decenni oltre a essere considerevoli progetti diventassero cantieri ( VI° lotto Tito-Brienza, Completamento Schema Irriguo, Matera- Pollino) con concrete ricadute sui lavoratori edili che potrebbero ritenere finalmente archiviata la crisi .
La positività dei dati è segnalata anche dalle ultime rilevazioni della Banca d’Italia e dall’aumento del numero dei mutui per l’ acquisto di casa.
E’ innegabile che l’edilizia ha uno straordinario effetto moltiplicatore per tutti gli altri settori: ogni milione investito in edilizia ne genera 3,374 in più; l’edilizia è l’unico settore che acquista bene e servizi per oltre il 90% da tutti gli altri settori merceologici di cui circa l’ 80% prodotto all’interno del territorio Nazionale.

Se riparte l’edilizia riparte tutta l’economia e in primis i materiali da costruzioni, settore direttamente collegato e che più di tutti , anche della stessa edilizia, ha subito gli effetti delle crisi
Le poche e fragili realtà industriali presenti nel nostro territorio hanno tutte subito le conseguenze negative della crisi dell’edilizia, conseguenze che in alcuni casi hanno decretato la chiusura delle azienda, quali la Cementi della Lucania, in concordato preventivo in cui hanno perso il lavoro oltre 50 dipendenti e la INPES Spa di Tito Scalo in cui, a seguito dell’ammissione della società alla proceduta di concordato preventivo e la conseguente cessazione dell’attività , hanno perso lavoro oltre 150 dipendenti.
La ripresa del settore non può che avere riflessi diretti ed immediati sulle aziende chiuse poiché è accertato che se parte l’edilizia c’è bisogno dei materiali da costruzioni.
In un contesto economico che comincia a dare piccoli segnali di risveglio dopo un lungo letargo durato oltre otto anni, ha abbiano appreso la notizia, che ben si concilia con questo quadro di confortante e lieve ripresa, che sono pervenute manifestazione d’interesse per la Inpes Spa da parte di un ‘azienda dello stesso settore e della vicina Campania.
E’ di tutta evidenza, quindi, che rivolgiamo richiesta all’azienda affinché coinvolga e e assuma ex dipendenti della Inpes e quale organismo a tutela dei diritti dei lavoratori, vigileremo e faremo le nostre battaglie affinché ciò accada.
A tal fine, abbiamo indetto un’iniziata per il giorno 17 giugno alle ore 17,00 a Potenza nel salone della Cgil in Via del Gallitello, 163 rivolta ad informare tutti i lavoratori circa le novità positive nonché per tenere alta la guardia sulle assunzioni che la nuova azienda dovrà fare nei prossimi mesi , in quanto, come ampiamente detto, sono generatore della ripresa e dello sviluppo economico della nostra regione.

Enzo Iacovino

cgil