Flash Feed Scroll Reader
gen 312014
 

“L’Associazione Pro Loco Kaleidos di Lagonegro, il 1° febbraio 2014 alle ore 17.30 presso il Centro sociale, svolge l’assemblea ordinaria dei soci per il rinnovo delle cariche sociali per il triennio 2014-2016″.

Lo rende noto la Presidente pro-tempore, Donata Martina Manzolillo.

“Nel triennio 2010-2013 – fa sapere la Manzolillo – sono state organizzate importanti manifestazioni culturali, sportive e finalizzate alla crescita sociale della comunità di Lagonegro, in collaborazione con alcuni enti pubblici territoriali, con le associazioni di volontariato locali e con la Parrocchia San Nicola di Bari”.

“La Presidente invita tutti i concittadini a partecipare all’assemblea e ribadisce, a nome del Consiglio direttivo uscente, l’impegno a valorizzare le bellezze e le tradizioni locali al fine di promuovere la comunità di Lagonegro”.

lagonegro

ago 142013
 

Il Centro Storico di Lagonegro ancora una volta rivitalizzato grazie all’ottava edizione della Festa dell’Emigrante.
Anche quest’anno si terrà la classica “due giorni al Castello” grazie ai volontari dell’Associazione Pro Loco Kaleidos e all’Associazione culturale “Per Lagonegro” che organizzano la popolare “Festa dell’Emigrante”, giunta all’ottava edizione.
L’auspicio della Pro Loco – dichiara la presidente Donata Martina Manzolillo – è quello che i tanti concittadini emigrati ritornino definitivamente nella terra natìa e per questo cerchiamo di offrire loro almeno una festosa accoglienza nei giorni della loro gradita presenza a Lagonegro.
Il 17 e 18 agosto il Centro Storico di Lagonegro sarà protagonista di un suggestivo percorso tra “saperi, musica e sapori”.
Durante la manifestazione sarà possibile partecipare alla Santa Messa (sabato 17 agosto alle ore 19.00) nella Chiesa del Castello arricchita dalla presenza della preziosa statua del Santo Patrono San Nicola di Bari.
Il percorso dei saperi, particolarmente interessante, prevede l’esibizione del tiro con l’arco, l’esposizione di disegni artistici di giovani lagonegresi, la possibilità di visitare due presepi artistici realizzati dall’artista potentino Sandrino Sergio e dall’Architetto Pietro Semeraro all’interno di antichi locali (detti trabucco o funnico), la proiezione di un dvd di interviste – appositamente realizzato per la Festa – a persone emigrate (tra cui il famoso cuoco americano Luigi Diotaiuti) che ritornano, d’estate, a Lagonegro.
Non mancherà, ovviamente, il percorso della musica: suoni e canti popolari oltre che di liscio a cura di “Francesco Falabella e la sua band” (sabato 17/08) e degli “Hobby Sound” (domenica 18/08) avranno il compito di trasformare la piazzetta di San Nicola al Castello in una vera e propria pista da ballo.
L’incantevole Borgo Antico, infine, farà da cornice al percorso dei sapori per la degustazione di piatti tradizionali e di prodotti tipici locali.

6x3 festa del emigrante 2013 email

mag 242013
 

Dopo quattro anni di intenso lavoro per il bene del paese e dopo quattro anni di grandi successi, primo fra tutti le organizzazioni della “Giornata tipica del mietitore – Lu Muzz’c” e della “Sacra rappresentazione della Via Crucis con personaggi viventi”, è arrivato al naturale termine di fine mandato il direttivo della Pro Loco di Filiano, guidato inizialmente dal presidente Nicola Martinelli e nell’ultimo anno dalla vice presidente Giusi Macchia.
Domenica 26 maggio 2013, dunque, i soci della Pro Loco di Filiano eleggeranno i sette membri del nuovo Consiglio Direttivo, tra i quali, in una fase successiva, saranno eletti il nuovo Presidente, il vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere. Contestualmente saranno eletti anche i tre membri del Collegio dei Revisori dei Conti.
L’assemblea si terrà alle ore 10 presso la sede sociale c/o il Centro sociale “Prof. G. Lorusso”.
All’ordine del giorno, prima del rinnovo delle cariche dell’associazione, è prevista la relazione del Presidente uscente con l’analisi ed un sunto dell’operato di questi quattro anni di vita dell’Associazione Pro Loco di Filiano, la presentazione dei candidati disponibili a far parte del nuovo Consiglio Direttivo, l’esposizione delle linee programmatiche per l’anno in corso.
Un’associazione di volontari come la Pro Loco in un piccolo paese come Filiano riveste un’importanza cruciale per la buona riuscita non solo delle varie manifestazioni che si susseguono per tutti e dodici mesi, ma anche e soprattutto per il supporto che la Pro Loco, come suo compito, concede a tutte le associazioni paesane e all’Amministrazione Comunale.
Il bilancio di questo ultimo quadriennio di vita della Pro Loco di Filiano può quindi definirsi certamente positivo.

Il Presidente f.f.
Giusi Macchia

filiano

apr 252013
 

Bere è una libera scelta individuale e familiare, ma è necessario essere consapevoli che rappresenta comunque un rischio per la propria salute e, spesso, anche per quella degli altri. È questo, in sintesi, il principale messaggio che si vuole lanciare lunedì 29 aprile 2013 a Filiano nel corso dell’incontro sul tema «Alcol… piacere di conoscerti!», organizzato dall’Associazione Pro Loco di Filiano in collaborazione con l’Istituto comprensivo Avigliano Frazioni-Filiano, e con il patrocinio del Comune di Filiano. Un argomento di strettissima attualità quello scelto, perché il consumo di alcol è sempre più in aumento, soprattutto tra i giovani che, spesso, sconoscono i rischi a cui vanno incontro. E proprio l’informazione e la prevenzione, sono i principali obiettivi che l’iniziativa si è posta.
«Vogliamo sensibilizzare i giovani a riflettere di più su ciò che comporta assumere sostanze alcoliche – spiega il curatore dell’iniziativa, Vito Sabia – perché in effetti manca un’informazione chiara sulla problematica. Mi auguro che da questa iniziativa possa avere inizio un percorso più articolato che aiuti i giovani e li responsabilizzi».
L’incontro si avvale degli interventi della sociologa Rosaria Zaccagnino e dell’educatrice Carmen Fusco, che presenteranno il progetto “Felice di non bere: La favola di Orfeo”, svolto presso l’Istituto Comprensivo di Avigliano Frazioni-Filiano e l’Istituto comprensivo di Pietragalla. Attraverso il racconto, la drammatizzazione, la destrutturazione e ricostruzione delle sequenze della storia si è inteso offrire ai giovanissimi contenuti significativi sui problemi legati all’alcol al fine di aiutarli a riflettere sul consumo di alcol.
L’incontro – a cui partecipano il sindaco di Filiano, Giuseppe Nella, e il dirigente scolastico, Giovanni Zaccagnino – è introdotto da Vito Sabia, responsabile della Biblioteca comunale di Filiano.
E’ prevista la partecipazione degli studenti della Scuola Secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo Avigliano Frazioni-Filiano, plesso di Filiano: le classi terze illustrano “La favola di Orfeo” e il cd multimediale.
Le conclusioni sono affidate allo psicologo Giovanni Razza che illustrerà gli aspetti sociali e psicologici connessi all’uso di alcol. Difatti, il problema è legato ad un cambiamento rispetto al passato dei valori d’uso dell’alcol. Oggi il fondamentale valore d’uso è quello della convivialità, di una ritualità diversa legata da una parte alla disinibizione, dall’altra ad un nuovo modo di stare insieme e che associa consumo a divertimento o a svago.
Hanno offerto il loro sostegno all’iniziativa l’AVIS Comunale di Filiano e il Comitato C.R.I. di Filiano.
L’incontro avrà luogo lunedì 29 aprile, con inizio alle ore 9.30, presso il Centro sociale “Prof. G. Lorusso” in Filiano.

Il Presidente f.f.
Giusi Macchia

mar 172013
 

La sofferenza del Cristo lungo le strade della passione altro non è se non la necessaria anticipazione di quell’immensa gioia che scaturisce dalla luce della Resurrezione. È questo lo sconvolgente messaggio di speranza intorno al quale ruotano le festività pasquali, e sul quale hanno voluto riflettere i giovani dell’Associazione Pro Loco di Filiano, attraverso la Sacra rappresentazione della “Via Crucis” con personaggi viventi, che si snoderà lungo le strade del piccolo paese venerdì santo a partire dalle 16:00, a culmine delle celebrazioni della settimana santa.

I giovani della Pro Loco di Filiano continuano dunque nella loro attività di riscoperta delle memorie e delle tradizioni della loro terra, e con l’entusiasmo che li contraddistingue hanno messo a punto – sotto la preziosa guida dell’organizzatore storico Vito Sabia - questa emozionante rievocazione della morte e resurrezione di Cristo, caratterizzata dalle suggestive ambientazioni, nell’incantevole scenario dei vicoli del centro storico.

La “Via Crucis Vivente” – giunta alla 29esima edizione - sarà rappresentata da circa sessanta figuranti in costume d’epoca, che riportano gli attenti spettatori all’epoca dei fatti, immedesimandosi nei personaggi e trasmettendo emozioni che riescono a coinvolgere il pubblico nel dramma storico della passione.

La sacra rappresentazione avrà il suo prologo in Piazza Autonomia e precisamente dal sagrato della Chiesa madre, con la rievocazione delle accuse dinanzi al Sinedrio.

Il corteo si dipanerà poi lungo un suggestivo percorso tra i vicoli, tracciando i momenti salienti della passione, scanditi dalle quattordici tradizionali stazioni del rito della “Via Crucis”: il processo dinanzi a Ponzio Pilato, le cadute lungo la salita, il commovente incontro con la Madre e con la Veronica, immagini queste in grado di creare un’atmosfera di profondo raccoglimento e riflessione, ricca di pathos e suggestioni.

Particolare rilevanza è stata data dagli organizzatori ai momenti dell’incontro di Gesù con gli altri personaggi che la tradizione evangelica colloca sulla via verso il Calvario: Simone di Cirène, l’uomo che si accollò il peso della croce per alleviare le sofferenze di Gesù, le donne del popolo, che hanno accompagnato con il loro pianto i momenti più intensi della Via Crucis.

Il rito avrà il suo culmine nei pressi della Villa Mancini, luogo della rappresentazione del Golgota, con il tragico momento della crocifissione. Qui la drammatica immagine della croce sul cruento palcoscenico del Calvario farà da sfondo ad un affresco vivente particolarmente significativo: il corpo del Cristo tra le braccia delle Madre, che la storia dell’arte ci ha fatto conoscere nelle varie rappresentazioni della Pietà, sarà riproposto come momento culminante della rievocazione del sacrificio del figlio di Dio. Il toccante epilogo della Via Crucis si avrà con la luce della resurrezione.

Numerosi sono i fedeli che con devozione e raccoglimento seguono tutto l’itinerario, è una manifestazione di fede, più che un corteo storico.

Appuntamento, oramai atteso da tutta la comunità di Filiano e dai paesi viciniori, lascia in chi lo vive una traccia indelebile in quanto si viene come presi per mano, senza finti coinvolgimenti, e calati per qualche istante nel pieno del mistero stesso.

L’evento è organizzato dall’Associazione Pro Loco di Filiano in collaborazione con la Parrocchia “Maria SS. del Rosario” e il Forum comunale “C63”, e gode del patrocinio del Comune di Filiano, dell’A.P.T. Basilicata e dell’UNPLI Basilicata.

 

via_crucis_filiano_2013_manifesto

mar 062013
 

Quest’anno l’8 marzo si celebra il centenario delle lotte femminili per la conquista di diritti e parità. Con l’obiettivo di mantenere viva la memoria storica sulle conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, la Pro Loco di Filiano organizza un incontro dal titolo “Il protagonismo delle Donne lucane, dal dopoguerra ad oggi”.

La serata si svolgerà a Filiano, sabato 9 marzo 2013 alle ore 18:00, presso il Centro sociale “Prof. G. Lorusso”.

L’incontro è organizzato dall’Associazione Pro Loco di Filiano in collaborazione con la Biblioteca comunale di Filiano, e con il patrocinio del Comune di Filiano e l’UNPLI Basilicata.

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, Vito Sabia, curatore dell’iniziativa, dichiara: “L’8 marzo è – al di là della sua trasformazione in una ricorrenza dai caratteri prettamente commerciali – una opportunità per ricordare il protagonismo delle donne che hanno contribuito al progresso della nostra comunità regionale. Nella nostra comunità regionale, gran parte della crescita e delle trasformazioni sociali avvenute non sarebbero state possibili senza il contributo della partecipazione femminile. Le donne si sono distinte nella politica e nell’imprenditoria, nella cultura e nel volontariato. Un contributo che va sostenuto e alimentato, favorito e incoraggiato, per il bene comune perché ancora tanti spazi sono possibili per valorizzare il protagonismo delle donne. È sul ruolo della donna e nel reale raggiungimento di condizioni di pari opportunità che si giocano le sfide più importanti del nostro futuro.”

La manifestazione sarà aperta dall’introduzione di Vito Sabia, Responsabile della Biblioteca comunale di Filiano, a cui seguiranno i saluti di Giusi Macchia, Presidente Pro Loco di Filiano, e Giuseppe Nella, Sindaco di Filiano.

Relazionerà lo storico Michele Strazza, socio della Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea, il quale analizzerà l’importante ruolo che le donne lucane ebbero in Basilicata a partire da ventennio fascista, argomento approfondito in un suo recente lavoro.

All’incontro prenderanno parte la dott.ssa Maria Chiara Montemurro (Vice Sindaco Comune di Gallicchio) che porterà la sua personale esperienza a testimonianza del cammino che devono compiere le donne per vedere riconosciute le loro qualità e competenze negli ambienti della politica, e la prof.ssa Antonella Viceconti (Consigliera Regionale CIF Basilicata) che tratteggerà a grandi linee l’evoluzione dell’Associazionismo femminile nato per cercare un riconoscimento delle nuove capacità femminili nella sfera pubblica a loro tradizionalmente preclusa, a partire dalla nascita del Centro Femminile Italiano fino alla costituzione della Commissione Regionale Pari Opportunità.

La serata sarà allietata dagli intermezzi musicali del giovane cantautore Giuseppe Sileo, che eseguirà alcuni brani musicali sull’ “universo femminile”, spaziando da Mannoia a Zucchero.

L’appuntamento è per sabato 9 marzo 2013, alle ore 18.00 presso il Centro sociale “Prof. G. Lorusso” a Filiano.

 

festa_della_donna_2013_locandina

gen 242013
 

Mercoledì 30 gennaio 2013 alle ore 9.30 nei locali del Centro Sociale “Prof. G. Lorusso” a Filiano, si conclude il Progetto “Lacrime di storia: la Shoah e i bambini” – un percorso di formazione finalizzato alla didattica della Shoah promosso dall’Associazione Pro Loco di Filiano, in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Filiano, l’Istituto Comprensivo Avigliano Frazioni-Filiano e con il patrocinio del Comune di Filiano, della Regione Basilicata e dell’UNPLI Basilicata.

Il Progetto – ideato e curato da Vito Sabia, responsabile della Biblioteca comunale di Filiano – ha focalizzato l’attenzione sui bambini e gli adolescenti che furono vittime della Shoah, attraverso l’allestimento della mostra “Chi vuol vedere la mamma faccia un passo in avanti” e la proiezione di film sul tema rivolti ai ragazzi.

“Il Progetto – dichiara Vito Sabia – nasce con l’intento di infondere, in particolare nei ragazzi, la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e dell’Europa affinché attraverso la conoscenza di tali tragici eventi, siano evitate pericolose ricomparse di manifestazioni di violenza e intolleranza, di fanatismo religioso o politico, di attriti razziali e perché, mai più, si ripetano aberrazioni come la Shoah.”

Ultima iniziativa del progetto è un incontro di cui protagonisti sono gli studenti e i loro insegnanti dell’Istituto Comprensivo Avigliano Frazioni-Filiano che hanno attuato il progetto: i ragazzi delle  classi V delle Scuola Primaria e delle Classi III della Scuola secondaria di I grado presenteranno riflessioni e pensieri legati al drammatico evento della Shoah, frutto di un lavoro serio sul tema, svolto in classe con la guida dei loro insegnanti, e che vedrà mercoledì il suo momento più incisivo. I ragazzi con i loro docenti hanno visionato e commentato film, letto e discusso libri con significativi riferimenti alle persecuzioni antiebraiche. Gli studenti hanno vissuto l’esperienza con molto interesse e grande partecipazione emotiva che hanno arricchito la comprensione degli eventi e reso più facile l’apprendimento.

Durante l’incontro, a cui partecipano Giusi Macchia (Presidente f.f. Pro Loco Filiano), Giuseppe Nella (Sindaco di Filiano), Vito Sabia (Responsabile della Biblioteca comunale di Filiano), Giovanni Zaccagnino (Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Avigliano Frazioni-Filiano) e Raffaele Pellegrino (Università di Bari), si racconta di bambini rimasti vittime non di una guerra, di povertà, di fame, di freddo, di disperazione, di ignoranza, di crudeltà, di viltà, di avidità, di indifferenza, sebbene una sola di queste piaghe sarebbe stata sufficiente per ricordarli: sono stati vittime di tutto questo per la sola ragione di essere nati. Nati ebrei. Si racconterà di bambini sempre in fuga, costretti a baratti vergognosi, chiusi dentro una vita claustrofobica, nel continuo terrore di essere scoperti. Si racconterà dell’annullamento di un milione e mezzo di desideri inespressi, di sogni spezzati, di sorrisi cancellati per sempre.

L’appuntamento è per mercoledì 30 gennaio 2013 alle ore 9.30, presso il Centro sociale di Filiano.

La mostra “Chivuol vedere la mamma faccia un passo in avanti” è visitabile con orario 9.30-12.30/16.18 dal lunedì al venerdì, il sabato dalle 9.30 alle 12.30. Domenica chiuso, fino al 2 febbraio 2013.

Il Presidente f.f.

Giusi Macchia

Shoah 2013 - locandina

dic 062012
 

In occasione della Festa patronale di San Nicola di Bari svoltasi oggi 6 dicembre 2012, a partire dalle ore 11.30, in un tradizionale “funn(i)cu” nei pressi della Piazzetta San Nicola al Castello, la presentazione del presepe della natività, ideato, nell’ambito del Progetto “Il Parco diventa Presepe”, in collaborazione con la Pro Loco di Lauria, l’Associazione di promozione culturale “Per Lagonegro” e con il contributo economico del Parco nazionale Appennino Lucano Val d’Agri-Lagonegrese.
È quanto fa sapere in una nota inviata alla stampa Donata Martina Manzolillo , presidente dell’Associazione Pro Loco Kaleidos di Lagonegro.

Il presepe è stato realizzato dall’artista potentino Santo Sergio e dall’architetto Pietro Semeraro (con la collaborazione di Pasquale Canonico, Giuseppe Carlomagno e Anna Riccio), che hanno utilizzato semplici materiali, tra i quali il polistirolo, canne di legno, filo di ferro, gesso, colla e cemento bianco, assemblati con creatività e cura dei dettagli.
Sarà possibile – conclude la nota – ammirare i particolari meccanismi che mettono in circolo l’acqua e la suggestiva Natività a grandezza d’uomo, in una grotta naturale nella quale, grazie all’effetto di mille lucine, acqua, specchi e suoni si potrà essere avvolti da un’aurea di misticismo surreale.

set 192012
 

L’Associazione Pro Loco Tramutola, per i giorni 27 e 28 di ottobre 2012, organizza la terza edizione della Sagra della Castagna “Munnaredda”. Il programma sarà il seguente: La Sagra si snoderà tra le vie del centro storico proponendo ai
visitatori la tradizionale infornata delle castagne (i Castagn’ mBurnat’) nei forni antichi, aperti al pubblico per l’occasione. Nelle cantine, nei vicoli, nelle piazzette i vari modi di preparazione del prodotto, quali: la Feliciata, i Pistiddi, i Broule, i dolci tipici della tradizione contadina e popolare (castagnaccio, bucc’nott’, pipi) e tanto altro ancora. Visite ai boschi, intrattenimenti musicali, attrazioni e giochi completeranno le giornate che saranno accompagnate anche dalla degustazione di altri prodotti tipici locali ed irrorate da buon vino lucano. L’evento sarà organizzato in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano – Val d’Agri – Lagonegrese, l’APT di Basilicata, l’Amministrazione Comunale di Tramutola, l’Alsia, il P.O. Val d’Agri ed il Gal Akiris. Tutte le informazioni sono presenti sul sito www.,prolocotramutola.it

ago 162012
 

Venerdì 17 agosto 2012, si apre a Filiano, la nona edizione dell’evento “Lu Muzz’c – Giornata tipica del mietitore”: manifestazione eno-gastronomica che da 9 anni costituisce un rendez-vous immancabile dei buongustai e degli amanti dei prodotti genuini del territorio.
Un appuntamento agostano un po’ particolare, promosso dall’Associazione Pro Loco di Filiano per tributare un omaggio alla figura del mietitore, lavoratore strenuo e instancabile.
Lungo il centro storico di Filiano saranno allestiti sette stand gastronomici per simboleggiare le fasi che scandivano l’attività dei mietitori.
Saranno preparate tutte le pietanze che componevano la varietà della tradizione agricola perché siano degustate.
La mietitura iniziava alle quattro e trenta circa, prima del sorgere del sole, con il primo pasto, lu cantariedd (pane bagnato con vino e cipolla). Secondo tradizione, verso le sette, otto del mattino vi era la colazione, la luata ‘r secch, con la ciambotta (patate, zucchine, verdure, e altro ancora); alle dieci e trenta seguiva uno spuntino, lu prime muzz’c, con un pezzo di pecorino, pane e uovo sodo. Poche ore più tardi, intorno alle dodici/tredici, era la volta del pranzo principale, lu ‘dinn, con pasta di casa con sugo di salsiccia. Alle sedici e trenta, si consumava la murenn’a (frittata), seguita, al calare della sera, verso le diciannove e trenta, da la calata ‘r lu sole (biscotto e un bicchiere di vino). Il lavoro si protraeva spesso sino a notte inoltrata e, allora, verso le ventuno, ventuno e trenta, vi era l’ultimo pasto della giornata con pane e affettati.
Una sinfonia di sapori, di colori, di folklore e di storia, per soddisfare la curiosità e la voglia di scoprire una cultura povera ma di grande suggestione.
In questo percorso saranno i prodotti e i piatti tradizionali a raccontare.
Il programma di quest’anno – ulteriormente arricchito – prevede l’allestimento di una casa contadina con l’esposizione di oggetti antichi “La mietitura in mostra”, a cura di Salvatore Mancini.
La serata sarà allietata da organettisti locali, lungo le vie del paese, da gruppi di musica liscio in Piazza SS. Rosario e Piazza Autonomia.
La manifestazione che rientra tra gli eventi del Progetto PIOT “Feudi Federiciani – Terre di Aristeo”, è patrocinata dal Comune di Filiano, dalla Regione Basilicata e dall’A.P.T. di Basilicata e sponsorizzata dall’A.I.C.-Associazione Italiana Coltivatori di Potenza.
Per informazioni: Associazione Pro Loco – Viale 1° maggio snc – 85020 Filiano (PZ) – Tel. 0971.1895337 – cell. 345.4697351 – e-mail: info@prolocofiliano.it – sito internet: www.prolocofiliano.it.
Il Presidente
Nicola Martinelli