BASILICATA Flash Feed Scroll Reader
CALABRIA Flash Feed Scroll Reader
CAMPANIA Flash Feed Scroll Reader
Gen 162019
 

Il 15 gennaio 2019 il Pd di Maratea ha ospitato la candidata alle Primarie nazionali del partito Maria Saladino originaria di Castrovillari. La segretaria del circolo tirrenico Elena Schettini ha fortemente voluto questo incontro per sottolineare il valore della democrazia e della pluralità all’interno della comunità democratica. L’incontro si è svolto presso il Centro Culturale “Josè Mario Cernicchiaro” Villa Tarantini in Piazza Europa.

Gen 092019
 

Ecco quanto ha dichiarato alla stampa il consigliere regionale lucano di Fratelli d’Italia Gianni Rosa: “Cinque anni fa, precisamente fine novembre inizio dicembre del 2013, un evento alluvionale eccezionale ha colpito diverse aree delle province di Potenza e Matera creando notevoli danni e disagi ai territori e alle aziende agricole. Sulla scorta di diverse segnalazioni che denunciano, a distanza di cinque anni, il mancato risarcimento dei danni subiti, abbiamo approfondito la questione e pare che, per il momento, il risarcimento è ancora lontano.

L’evento calamitoso aveva causato, al solo comparto agricolo, danni per 3 milioni di euro. In applicazione del D.Lgs. 29 marzo 2004, n. 102 furono stanziati circa 1.200.000,00 euro di fondi ministeriali che la Regione ha poi ripartito in due avvisi rivolti alle aziende agricole e ai Comuni/Enti Pubblici.

Con delibera n. 1027 del 29 settembre 2017, è stata approvata la graduatoria provvisoria degli aventi diritto ma, da allora, non si è saputo più nulla. Non è stata mai pubblicata la graduatoria definitiva, tanto meno attivata la procedura di rimborso.

Dal Dipartimento Politiche Agricole della Regione Basilicata, cui abbiamo rivolto la questione per accertarci della disponibilità dei fondi o del loro eventuale disimpegno, ci hanno risposto che non si è potuto procedere alla liquidazione perché, in osservanza di un regolamento comunitario, una volta trascorsi 4 anni dall’evento calamitoso, non si possono più erogare i rimborsi per il medesimo evento.

Non conosciamo le motivazioni di tanto ritardo, non ci sembra però giustificabile in nessun modo che, a fronte di fondi disponibili e già stanziati, lungaggini burocratiche si traducano in un danno, per il comparto agricolo, ancora più ingente dell’evento calamitoso stesso.

La politica, che, nell’imminenza del fatto, si è riempita la bocca delle solite sterili promesse, è rimasta a guardare. Ancora una volta, i cittadini e le aziende sono penalizzati da una classe dirigente che riesce a spendere in due giorni per le kermesse centinaia di migliaia di euro ma che, quando si tratta di tutelare e risarcire i Lucani, dorme.

Dagli uffici ci hanno rassicurato che i fondi non saranno disimpegnati e che sarà attivata un’altra procedura per poter far accedere i beneficiari al sospirato rimborso. Mentre l’avviso del 2014 concedeva l’aiuto sino ad un massimo di 25.000,00 euro per azienda, per questa nuova procedura di pagamento sembra ci sia un tetto di 15.000,00 euro. E comunque parliamo di una procedura che deve ancora essere istruita e di cui non si conosce la tempistica.

Noi ci auguriamo che tutto si risolva nel tempo più breve tempo possibile ma non possiamo non fare un’amara considerazione: quello che dovrebbe dare sollievo a centinaia di aziende agricole in forte difficoltà rischia di diventare l’ennesima beffa. I fondi ci sono ma sono bloccati.

Questi sono i risultati della politica regionale e dell’elefantiaca burocrazia, che uccidono l’economia lucana”.

Gen 092019
 

“Registriamo con soddisfazione la convergenza di Cgil e Uil sulla posizione espressa nei giorni scorsi dalla Cisl sulla vicenda degli interinali Arpab e confidiamo che si possa sviluppare un’incisiva azione unitaria per dare stabilità ai lavoratori e alle attività dell’agenzia”. Lo dice il segretario generale della Cisl Basilicata, Enrico Gambardella, che chiede all’Arpab “l’avvio del confronto con le organizzazioni sindacali per superare l’attuale condizione di precarietà del masterplan e impostare un percorso concorsuale per inserire, secondo criteri di trasparenza e merito, le professionalità del masterplan nella pianta organica dell’ente in ragione delle aumentate esigenze di monitoraggio ambientale dei territori interessati dalle estrazioni petrolifere. L’obiettivo strategico è rendere l’agenzia pienamente operativa dal punto di vista delle risorse umane e della dotazione tecnologica e in grado di svolgere con la necessaria autorevolezza e indipendenza la propria mission istituzionale a tutela della salute dei cittadini lucani”.

Dic 212018
 

La professoressa Ines Ferrante ed il professore Oreste Ferraro il 20 dicembre 2018, presso il Centro Sociale di Lagonegro, hanno ideato ed organizzato il primo Raduno di musica etnopopolare. L’evento coordinato dalla professoressa Belardi e’stato una sorta di di certamen – concerto sulla musica popolare calabro lucana per ricercare, recuperare e trasmettere le tradizioni e le culture popolari e che l’evento nasce non solo come progetto artistico curato dagli alunni dell’Agrario, guidato dal dirigente scolastico prof.Nicola Pongitore, ma anche e soprattutto come iniziativa storico-pedagogica attraverso la musica. Gli alunni hanno eseguito brani etno-popolari in un viaggio musicale ed emozionale tra tradizioni e contemporaneità e hanno anche danzato, rappresentato piccoli scenette teatrali in vernacolo e hanno letto poesie dialettali. Grandi ospiti i Renanera che hanno seguito l’iniziativa dando preziosi consigli ai ragazzi e improvvisando uno straordinario laboratorio musicale.

Dic 182018
 

Questo gruppo di minoranza non poteva esimersi da esprimere considerazioni in merito che in questi ultimi giorni sta interessando la lotta dei nostri precari LSU – LPU del Comune di Tortora. Non possiamo accettare che lavoratori, che hanno garantito molti servizi essenziali sia all’interno che all’esterno del nostro comune, restino senza lavoro dopo anni di
sacrifici e precariato, ed ora il grande rischio di trovarsi senza reddito ed un impiego.
Soprattutto nel nostro comune, senza questi lavoratori, abbiamo notato un forte disagio, tale da non garantire attività fondamentali per la pubblica amministrazione e servizi per i cittadini. Pertanto, chiediamo al Sindaco di attivarsi con forza, invitando anche tutti gli altri sindaci dei comuni limitrofi, affinchè siano sensibilizzate le istituzioni per dare
soluzione a questo grave problema e garantire dignità ai lavoratori coinvolti.

I consiglieri di minoranza del Gruppo Nuova Prospettiva
Toni Iorio, Anna Pia Cerbino, Dorisia Grimaldi.